DERMATITE ATOPICA E STRAORDINARIA CURA DELLA NON-CURA

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA 1     (12 dicembre 2014)

Caro Valdo, dopo aver girovagato per mesi in diversi paesi del Sudest Asiatico, dove, senza consapevolemente verbalizzarlo e grazie alla presenza di ottima e succosissima frutta, ero già diventata vegana tendenzialmente crudista, una volta tornata a casa ho scoperto il tuo blog e ho continuato ad alimentarmi e comportarmi secondo i precetti igienistici. Questa volta in piena coscienza di quello che stavo facendo.

ALLE SOGLIE DEI 50 HO FINALMENTE CAPITO IL SENSO DELLA NON CURA

Grazie all’attenta lettura delle tue risposte agli innumerevoli quesiti che ti arrivano da ogni dove, ho finalmente capito il senso del non intervento e della non cura.  Tutto questo alla soglia dei 50 anni. Per la prima volta nella mia vita ho avuto l’impressione di iniziare ad agire in modo sensato e di essere finalmente attivamente partecipe alla mia guarigione. È tutta la mia vita che soffro di eczema, negli anni addietro denominato neurodermite, recentemente rinominato dermatite atopica, con fortissimi pruriti, pelle lesa e secca, e tutto l’ambaradan che ne deriva, fatto di infezioni, disagi fisici, sociali, psicologici ed estetici.

MIO PADRE MEDICO MI AVEVA PORTATA PRESSO I MAGGIORI PROFESSORONI PER IL MIO INGUARIBILE ECZEMA

Sono cresciuta in una famiglia nella quale si bevevano litri di latte, si mangiava carne praticamente a ogni pasto e nella quale le pietanze erano stracotte e completamente devitalizzate. Mia madre adorava fare torte e dolci e non mancava mai un dessert pieno di zucchero raffinato e uova dopo ogni pasto, già di per sè copioso. Per il mio eczema esteso ed estremamente violento, mio padre, medico, mi ha mostrata a tutti i professoroni in voga negli anni ’60 e ’70. Penso di aver testato ogni tipo di cortisone presente sul mercato in quell’epoca! Più in là ho pure fatto uso del famigerato Tacrolimus che mi ha resa totalmente dipendente, oltre che avermi rinsecchito e assottigliato i capelli, per mia fortuna non in maniera irreversibile.

STITICA CRONICA PER DECENNI

Inutile dire che per decenni sono stata una stitica cronica, con dolorose evacuazioni settimanali di poche e durissime feci. Insomma ho vissuto per quasi 50 anni continuando a commettere sbagli alimentari ed errori interpretativi. Molti benpensanti incontrati sul cammino mi dicevano che l’eczema ha origini psichiche e che devi lavorare di più su te stessa, altri m’indirizzavano verso omeopati, iridologi, agopuntori, maghi Magò e chi più ne ha più ne metta.

DEPURAZIONI, CURE, CREME E CONTINUA RICERCA DI UN RIMEDIO

Per decenni ho fatto depurazioni e cure naturali di varia natura, ma senza mai avere una visione dell’insieme, senza mai capire a fondo quello che stavo facendo e vivendo, ricadendo regolaremente nell’utilizzo di creme al cortisone o del Tacrolimus, quando la situazione si faceva insostenibile. Credevo che un rimedio, una cura, un guaritore mi avrebbero miracolosamente fatto sparire il fastidioso problema di pelle. Eppoi è arrivato l’anno del viaggio, nel quale l’eczema si è fatto poco vedere, e dopo di esso sei arrivato tu.

DA SETTE MESI SONO IN CURA SOTTO IL TUO PACCHETTO-SALUTE

È da sette mesi che seguo il tuo pacchetto-salute ed è da sei mesi che la pelle prude, tira e fa i capricci. Ho la faccia stanca, con delle profonde rughe sotto gli occhi, non da vecchiaia ma tipiche della dermatite atopica. Se sgarro minimamente, anche solo col cibo cotto, ne pago le conseguenze il giorno dopo, con una faccia ancora più provata. Sto vivendo un tripudio di manifestazioni cutanee, tutte concentrate sulla mia faccia e una parte del collo, il resto della pelle è morbidissimo, setoso e totalmente sano.

INCREDIBILE INCREMENTO DELLA FASE EVACUATIVA

Vado in bagno diverse volte al giorno, una come minimo, ed escono delle quantità che non capisco dove andassero a finire prima. Sono totalmente fiduciosa e, per la prima volta, non mi vergogno a mostrarmi come sono. Lo considero un passaggio vistoso verso la guarigione, lo vivo con serenità perché so dove sto andando. Sono incredibilemente leggera, paziente e piena di energie buone, mi voglio bene e ne voglio a tutti, mi sento liberata dalla negatività che per anni mi ha assillato.

CREDO IN QUELLO CHE FACCIO, HO IL MORALE ALTO E NON CORRO AI RIPARI

Insomma malgrado una situazione cutanea non ancora al top, so che sto facendo i passi necessari per arrivarci, e già questo mi mantiene il morale alto e la fiducia nella correttezza del mio cammino. Non sono più spaventata, non corro più ai ripari proposti dalla curomania. No. Mi faccio i miei succhi che bevo con infinita riconoscenza verso la natura.

HO RIPRESO POSSESSO DELLA MIA SALUTE E DELLA MIA VITA, USCENDO DAL DELIRIO COLLETTIVO

Accetto, anzi saluto con gioia, le reazioni cutanee attuali, sapendo che passeranno, faccio le mie belle passeggiate lungo il fiume Ticino. Non ascolto più alcun benpensante voglioso di riportarmi dall’estremismo alla retta via. Finalmente ho ripreso possesso della mia salute e della mia vita. Avevo bisogno di sentire un’altra voce che quella che fuoriesce dal delirio collettivo. Sei estremamente trasgressivo e controcorrente. Sono felice che esisti e che, grazie a te, si possa ascoltare un’altra musica. Te ne sono infinitamente grata Valdo.
Natascha

*****

LETTERA    2    (13 Gennaio 2015)

SITUAZIONE CAMBIATA IN MEGLIO

Caro Valdo, è passato ancora un mese e la situazione è nuovamente cambiata. In meglio! Il prurito è meno forte, gli occhi meno gonfi, il viso meno tumefatto, la pelle meno lesa. Le crisi eliminative stanno finendo, ovvero sto guarendo! L’organismo non stra-reagisce più così violentemente e sento che sono entrata in una nuova fase. Continuo a essere positiva, in forma e totalmente fiduciosa nella vita e in tutto ciò che essa mi porta.

QUESTO MIO MESSAGGIO DI FIDUCIA È INDIRIZZATO A CHI SOFFRE ED È PREDA DI DUBBI ED ESITAZIONI

Vorrei, con queste mie parole, inculcare fiducia in coloro che ancora esitano e soffrono. Vorrei che queste mie due lettere fossero una testimonianza di guarigione vissuta in diretta. Vorrei dimostrare, a tutti quelli che ancora titubano e barcollano, che è possibile uscire fuori dal ruolo di vittima e riprendersi le responsabilità della propria vita e salute. È un nostro dovere! Auguro a tutti quanti un buon cammino di guarigione e saluto con affetto te, Valdo.
Natascha di Bellinzona, canton Ticino, Svizzera

*****

RISPOSTA

DUE TESTIMONIANZE DI PARTICOLARE VALORE

Ciao Natascha. Le tue due testimonianze sarebbero belle ed importanti in ogni caso, qualunque fosse la tua personalità e la tua posizione sociale. Ma il fatto di essere figlia di medico, abitante poi di una regione svizzera particolarmente attenta e competente in fatto di salute, e di essere tu caratterizzata da un modo di esprimersi franco, chiaro e trasparente, oltre che motivato verso il prossimo, mi riempie di riconoscenza nei tuoi riguardi.

QUI SI VA AL DI LÀ DELLA SEMPLICE DERMATITE ATOPICA

Sicuramente saranno in tante le ragazze e le giovani donne che ti leggeranno e che ti saranno grate per questo importante contributo alla conoscenza. Non è soltanto una questione di dermatite atopica, patologia importante e dichiarata inguaribile come tante altre dalla medicina ufficiale. La tua testimonianza, per come hai affrontato il problema e per come ne sei rimasta coinvolta sul piano scientifico, psicologico e spirituale, va al di là dell’aspetto dermatologico e abbraccia l’intera questione della salute a 360 gradi.

UNA MADRE GUARITA DA GRAVE FORMA TUMORALE NELLA MIA PRECEDENTE ESPERIENZA IN CANTON TICINO

D’altra parte non è un secolo che mi separa dalla mia conferenza in Canton Ticino. Succedeva esattamente  il 10 gennaio 2014, un anno fa. Invitato a quella conferenza da una giovane madre svizzera, perfettamente guarita per remissione spontanea e per cura della non-cura, da una patologia tumorale grave e necessitante di urgente intervento chirurgico secondo i criteri della medicina. La Paola, questo il suo nome, volle sdebitarsi con me, organizzando l’evento in uno dei migliori teatri di Lugano.

PIÙ CHE PACCHETTO SALUTE, MATERIALE ESPLOSIVO DI STRAORDINARIA EFFICACIA GUARITIVA

Siccome hai citato ed elogiato il mio pacchetto-salute, leggo tra gli appunti del mio stesso diario, quanto segue. Uno dei tanti scritti che non ha trovato spazio tra le mie tesine. Vivaddio, smettiamola di fare i musoni, smettiamola di piagnucolare, smettiamola di pensare in negativo. Il pacchetto-salute che vi propongo in continuazione non è un pacchetto di sigarette e nemmeno un pacchetto di chewing-gum, non è materiale dannoso ed inerte. È semmai materiale esplosivo di straordinaria efficacia guaritiva.

ESPONIAMOCI AL SOLE E CATTURIAMO ENERGIA, E QUESTO È SOLO UNO DEGLI INGREDIENTI

Concediamoci poi qualche tregua e qualche credibilità. Proviamo l’enorme differenza tra pensiero positivo e pensiero negativo. Proviamo una buona volta a mandare a quel paese il medico che sparla del sole. Proviamo piuttosto ad esporci ai benefici raggi e a sperimentare la loro forza rigenerante. Sperimentiamo in diretta l’enorme differenza tra i raggi catturati in diretta e quelli deboli, ostacolati da una nuvola. L’intera nostra pelle è dotata di oltre 5 milioni di pori. Ognuno di essi fa da recettore di raggi solari e di energia elettromagnetica. Esponiamoci dunque senza paura e senza timore.

NIENTE NORME RESTRITTIVE MA SPRONE E RESPONSABILIZZAZIONE VERSO IL RSPETTO E VERSO L’AMORE

Smettiamola anche, lo dico a me medesimo, di dettare o suggerire norme restrittive che creano solo inutili e banali sensi di colpa. La libertà di scelta è una gran cosa, soprattutto se sorretta da una ferma volontà di rispettare il prossimo. Dobbiamo limitarci strettamente a quello. Dobbiamo insegnare stima e considerazione sia per noi stessi che per il prossimo. Dobbiamo ingenerare amore verso la natura, verso il terreno, verso ogni pianticella che vive e sente e respira, verso tutte le creature che si muovono sul pianeta. È un po’ quello che hai detto te, Natascha, nelle due magnifiche lettere inviatemi.

Valdo Vaccaro

*****

LETTERA 3

UN FRATELLO LUNGIMIRANTE ED UN COMPAGNO INTELLIGENTE, PER UN NETTO CAMBIAMENTO DI VITA

Caro Valdo, ho 31 anni, peso circa 54 kg per 1,70 di altezza e sono vegana da nove mesi, grazie a te, a mio fratello e alla mia voglia di migliorare. Senza il tuo blog, non avrei avuto modo di mettermi sulla via, perciò ti ringrazio dal profondo del cuore. Sono stata fortunata, ho avuto un fratello lungimirante che mi ha indirizzato e un compagno intelligente e coraggioso che mi ha seguito nel percorso. Diventare vegana mi ha cambiato la vita, tuttavia era come se aspettassi questo cambiamento da sempre.

DERMATITE ATOPICA DA 22 ANNI E INUTILI CURE CORTISONICHE

Dunque, ti racconto un po’ di me, sperando che tu possa avere il tempo di leggermi e la voglia di rispondermi. Ho quella che i medici chiamano dermatite atopica da 22 anni. Inutile dire tutto il cortisone che mi hanno fatto prendere i tanti medici che ho incontrato da nord a sud Italia. Un giorno ho incontrato un medico forse più sensibile, molto anziano, che mi ha detto di eliminare per sempre il cortisone, e di vivere la mia vita secondo un approccio olistico. E fu la prima volta che qualcuno disse a mio padre di trattarmi con delicatezza.

TRAUMI FAMILIARI ALLA BASE DEL PROBLEMA CUTANEO

Solo in questi mesi da vegana ho riflettuto sul fatto che forse i miei problemi di pelle sono cominciati anche in concomitanza con l’aver realizzato da piccola che i miei non andavano d’accordo. Stavo lì a grattarmi, col desiderio di toglier via tutto. Le liti che vivevo, il mio dolore, e forse il senso di colpa che tutti i figli sentono in queste circostanze. Questo incontro è stato molto importante per me. Tuttavia non bastava.

ELIMINAZIONE PROTEINE ANIMALI E LOGICA AVVERSIONE VERSO REPARTI CARNE E VERSO OGNI MACELLERIA

Circa tre anni fa un omeopata mi ha suggerito in maniera non molto esplicita di eliminare le proteine animali per migliorare il mio stato di salute. Lì per lì mi sembrò esagerato. Dopo qualche mese decisi di cominciare il percorso, togliendo il latte, diminuendo moltissimo i latticini e la carne. In maniera naturale io e il mio compagno non riuscivamo più ad entrare in una macelleria. Spontaneamente ci ritrovavamo a scegliere verdure e cereali per i nostri pasti. La frutta sebbene ci fosse in casa, era però molto poca. La dermatite ancora compariva.

PASSO ULTERIORE VERSO IL VEGANISMO GRAZIE AL BLOG E A 200 TUE TESINE

Nel frattempo, mio fratello che era vegetariano da due anni, decise di diventare vegano, dopo aver trovato il tuo blog. La cosa mi colpì molto. Sentivo anch’io che quella era probabilmente la strada giusta. Decisi così di indagare e approfondire. Ho letto circa 200 tue tesine, il tuo libro Alimentazione Naturale, e altri 5 libri fra cui anche The China Study. Mi sono così ritrovata immersa in un mondo meraviglioso, commossa nel più profondo di me.

ESPLOSIONE CUTANEA DI TIPO ELIMINATIVO

Da Pasqua 2014 non ho più mangiato animali o derivati. Dopo qualche giorno, ho vissuto sulle mie gambe, dalla caviglia al ginocchio, un’esplosione cutanea. Soprattutto la mia gamba sinistra, ma anche quella destra, si era riempita di macchie rosse spesse, con crosticine, e siero giallo. Un disastro! Ma questa volta mai più medicine avrei usato. Il corpo avrebbe avuto tutto il suo spazio e tempo per risolvere.

DETERMINAZIONE AD ANDARE FINO IN FONDO

Tutti i giorni tamponavo con panni umidi le gambe e facevo lavaggi quotidiani di acqua fredda. Avevo molto prurito e la notte era anche peggio. Ma non avevo nessuna intenzione di tornare indietro. Questa volta sarei andata fino in fondo. Ho cercato di fare sempre più pulizia fuori e dentro di me. Ho cominciato a mangiare molta più frutta e verdura cruda. Ho eliminato lo zucchero, tranne coi dolci vegan fatti in casa dove usiamo zucchero di canna integrale. Eliminato il lievito, diminuito il sale e cibi cotti al minimo.

MENU GIORNALIERO

Sostanzialmente la mia giornata tipo inizia a colazione, in tarda mattinata, a base di frutta. A pranzo mangio ancora frutta a sazietà, oppure verdure crude e cotte seguite da un piatto di pasta integrale con sugo cotto poco. Fra pranzo e cena assumo altra frutta fresca o secca, come capita. A cena, che è il momento in cui io e il mio compagno ci riuniamo, mangiamo sempre un po’ di crudo prima, che sia un’insalata, un avocado a testa, o carote crude o cavolo crudo o altro, e poi facciamo qualcosa di buono che ci piace, come pizza integrale sottile con patate, o vellutata di papate e zucca, o funghi, o altro.

LIBERARSI DAI VELENI INTERNI È UN FATTO ESTREMAMENTE ISTRUTTIVO

Con grande gioia posso dire che oggi sto molto meglio. La dermatite pian piano si è ritratta. Attualmente ho ancora dei residui dello sfogo, ma pochissimi rispetto a nove mesi fa, macchie un po’ rosse e qualche crosticina, che sembrano voler andar via. Spero che presto le mie gambe saranno libere del tutto. Ma è stato importante vedere tutto il dolore e tutta la tossiemia interna che avevo da buttar fuori.

MI SENTO PIÙ LUCIDA, LEGGERA E FELICE

Oltre alle questioni di pelle, non ho più i dolori di ovulazione forti che avevo in questi ultimi anni, non ho più dolori durante il ciclo, provo solo un po’ di stanchezza durante i primi due giorni, ma credo che anche questo passerà. Mi sento più lucida, leggera e felice. Concludo chiedendoti cosa posso fare ancora per migliorare la condizione delle mie gambe, e il mio stile alimentare in generale.

L’AMENORREA COME FENOMENO VIRTUOSO E NON PATOLOGICO

Vorrei inoltre approfondire la questione delle mestruazioni, ho letto alcune tue tesine, in cui emergeva il fatto che queste siano un’altra testimonianza di intossicazione alimentare, e che dunque non siano normali come ci hanno fatto credere. Potresti consigliarmi anche dei libri a riguardo? Leggo anche in inglese o tedesco o arabo. Se dovessi ritenere questa mail utile come testimonianza, ti autorizzo a pubblicarla, tenendo riservato il mio indirizzo di posta. Grazie.
Monica, da Napoli

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
5 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
5
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x