DISORDINI ALIMENTARI, CADUTE DI VOLONTÀ E CRISI BULIMICHE

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

BINGE EATING DISORDER O BULIMIA SENZA VOMITO

Carissimo Valdo, Le scrivo per un problema che mi accompagna da più di 15 anni. Soffro di Binge Eating Disorder o volgarmente bulimia senza vomito.

SCHEMA VEGAN-CRUDISTA TENDENZIALE DA DUE MESI

Ho iniziato da un paio di mesi a seguire il suo schema vegan tendenzialmente crudista e mi sentivo bene al punto che stavo per gridare al miracolo! Ho avuto una forte crisi eliminativa da caffeina con mal di testa e dolori articolari poi ogni tanto diarrea e gonfiori addominali.

RIPRESA DELLE ABBUFFATE E DELLA VULNERABILITÀ AL PROBLEMA

Nelle ultime due settimane ho notato una ricomparsa delle abbuffate e sono molto preoccupata. Mi trovo in difficoltà perché vorrei perdere qualche chilo ma ho paura che, avendo eliminato tanti cibi sia più esposta al problema.

DIETA DEI GIORNI VIRTUOSI

Adesso a colazione alle 7,15 prendo un’arancia e due kiwi, alle 10,30 un’arancia, alle 13 verdure crude più una mela e a volte legumi. Alle 16 una o due banane e alle 19,30 verdure crude più gallette più a volte mela. Questo nei giorni virtuosi. Ci sono giorni in cui letteralmente mi abbuffo di frutta secca o cereali. Per fortuna carne uova e latticini non ne assumo da mesi. Nemmeno dolci né caffè, cole o dolcificanti.

VORREI RIPRISTINARE DIGESTIONE E BENESSERE

Sono alta 1,68 e, in seguito alle abbuffate sono arrivata a 57 kg, mentre il mio peso è sempre stato di 53/54. So benissimo che non è una dieta dimagrante quello di cui trattiamo né mi servirebbe, ma vorrei ripristinare la mia digestione e quindi ritrovare il benessere.

I DISTURBI ALIMENTARI SONO ANCHE PATOLOGIE PSICHIATRICHE

Ho anche pensato che queste abbuffate potessero essere una sorta di crisi eliminativa ma non ne sono certa. D’altra parte i disturbi alimentari sono patologia psichiatriche per la medicina e riesce difficile collegarli a un disagio organico.

MI SERVE QUALCHE PAROLA DI CONFORTO

Ho letto tante tesine in merito ma non capisco se qualcuno con il mio stesso problema sia riuscito a conciliare alimentazione vegan e guarigione. La prego mi dia una parola di conforto, sono molto abbattuta. La ringrazio con tutto il cuore.
Firmato S.

*****

RISPOSTA

LA NATURA OPERA COI SUOI TEMPI

Ciao S. I disturbi alimentari sono patologie psichiatriche? Vorresti forse dipingerti come persona alterata nella mente? Non mi pare. Hai le idee chiarissime e ti stai comportando nella norma. L’errore che stai facendo è assai comune e sta tutto nel pretendere troppo, nel pretendere risultati immediati nel giro di pochi giorni o poche settimane. Con la fretta nulla si ottiene. La natura ha i suoi tempi e non vive nella frenesia e nell’impazienza che troppo spesso ci affligge.

I PRIMI BUONI SEGNALI NON SONO MANCATI

È da due mesi soltanto che hai adottato il vegan-crudismo tendenziale e già sei stata confortata da risultati positivi. Già hai sperimentato gli effetti eliminativi dalla caffeina. Sei anche stata bravissima nel liberarti di diversi alimenti sbagliati, da cibi e bevande spazzatura.

EVITARE LE CADUTE DI TENSIONE E I CEDIMENTI DIPENDE SOLO DA TE

Il problema è che ai giorni virtuosi si alternano quelli meno virtuosi, dove fanno la comparsa le abbuffate. Ne parli quasi come si trattasse di cose strane che arrivano dallo spazio. Sai benissimo che non è così e che tutto parte deliberatamente da te, dalla tua volontà.

ALLENARE LA VOLONTÀ A NON MOLLARE LUNGO LA STRADA DELL’EQUILIBRIO

Questi sbalzi sono causati dal fatto che si vengono probabilmente a creare in te dei vuoti e delle mancanze di fermezza, abbinati a carenze di tipo energetico, a una ribellione e a una protesta incontenibile da parte dei suoi sensori di fame che provocano il tuffo notturno nella nutella, nel formaggio, nel salame o nella marmellata a seconda dei casi, in un gioco che verte tutto sulle restrizioni e sulle conseguenti compensazioni caloriche. Occorre fare in modo che questi sbalzi tra privazioni e ricompense vengano sostituiti da un andamento meno brusco e meno altalenante.
Devi allenare il tuo corpo e la tua mente a non cedere. Devi coltivare la tua volontà portandola lungo i binari dell’equilibrio. Non tenere in casa gli alimenti critici ha la sua importanza.

MIGLIORAMENTO DEL SANGUE E RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA IMMUNITARIO COME OBIETTIVI PRIORITARI

Per essere chiari, non è che il cibo vegan-crudista in sé sia dotato di poteri magici. I meriti dei vegetali esistono certamente ma si limitano a cose ben precise e ben limitate. Si limitano a realizzare un risparmio energetico nelle digestioni virtuose e questo, assieme a una migliore respirazione e a una costante traspirazione cutanea, permette sia di migliorare il sangue che di ri-direzionare l’energia verso il sistema immunitario che può così condurre in porto le sue iniziative e le sue spinte verso l’armonia funzionale.

IL VERO PROTAGONISTA DEL RIEQUILIBRIO STA DENTRO DI TE

Alla fine il cibo fa da comparsa preziosa e indispensabile, mentre il vero protagonista rimane il corpo autoguarente di cui siamo dotati. Pertanto non cercare di sottrarti alle tue responsabilità. Mettici tutta la determinazione possibile e verrai fuori agevolmente dal tuo tunnel, mettici la tua fiducia nelle forze della natura e nelle tue stesse risorse interiori, mettici tutta l’autostima possibile e ne verrai fuori.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
11 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
11
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x