FIBROMA, OVAIO POLICISTICO E CONGESTIONE PELVICA

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA     1

HO BISOGNO DEL TUO AIUTO

Buongiorno Valdo, sono venuta a conoscenza del suo blog circa 1 anno fa. Ero diventata vegetariana e cercavo dei consigli, ho letto le sue tesine, ma non mi sentivo di affrontare tutto e subito dato che avevo già intrapreso un primo cambiamento. Adesso ho deciso di contattarti perché è nuovamente tornato alla ribalta tra tutte le cose che ho letto e leggo ancora. Però, oltre alla curiosità per le cose che scrivi e mia profonda ammirazione per il tempo che dedichi a tutte le persone, ti scrivo perché ho bisogno di aiuto.

RACCOLTA DI SANGUE ALL’UTERO

Ho 33 anni, e dopo una visita ginecologica mi è stata riscontrata una raccolta di sangue nell’utero. La ginecologa ha iniziato a prospettarmi miomi, polipi e quant’altro. L’unico sintomo che ho avuto è stato dello spotting (perdite uterine, false mestruazini) prima del ciclo, a volte di un giorno, altre volte di 2/3 giorni fino ad arrivare a 10 giorni. Questo problema è presente da 2 anni ma essendo che avevo visto che per qualche mese era molto leggero pensavo che si stesse risolvendo da sé, invece non è così!

DIGIUNO IMPOSSIBILE

Ho letto le tue tesine e ho preso la mia decisione, però vorrei un tuo parere in merito. Chiaramente devo sapere ancora da cosa deriva questo problema perchè devo fare ecografia pelvica e altri esami. Sono impossibilitata a fare un digiuno, lavoro dal lunedì al sabato, ho una mia attività senza dipendenti, quindi dipende tutto da me, ho optato per dieta fruttariana tipo 6-per-day.

VEGANA CON QUALCHE OCCASIONALE PIZZA

Sono Vegan anche se spesso ricado in errori alimentari tipo la pizza. Mi alzo tra le 5.30 e le 6.00 la mattina inizia con bicchiere di acqua tiepida con mezzo limone spremutodopo un po’ bevo una spremuta di 2/3 arance. La colazione avviene tra le 7.00 e le 8.00 con un mix di frutta (1 mela, 1 pera, 1 banana, poche mandorle e un po’ di uva passa). Per pranzo insalata e pasta integrale. Merenda 1 frutto, al momento le banane. Cena insalata e qualcos’altro cercando di stare sul vegan il più possibile.

VOGLIA DI PULIZIA INTERNA

Vorrei ripulire il mio corpo cercando di risolvere questo problema che mi preoccupa, soprattutto adesso che insieme a mio marito abbiamo deciso di provare ad avere un figlio.
Secondo un Suo parere potrei intraprendere subito una dieta fruttariana 6 per day? 6 pasti fruttariani equivalgono anche ad inserire frutta secca? Per spuntino va bene anche 1 solo kiwi o 1 banana? Spero di ricevere una risposta.Grazie mille per il tempo dedicatomi.
Maria

*****

LETTERA   2

FIBROMA DI PICCOLISSIME DIMENSIONI E OVAIE POLICISTICHE

Buonasera Valdo, Torno a scrivere perché non ho avuto risposta nella precedente email, sicuramente dovuto alle troppe persone che hanno bisogno! Oggi ho fatto un ecografia pelvica interna e mi è stato riscontrato un fibroma di piccolissime dimensioni. Il medico ha detto di tenerlo sotto controllo, e non ha parlato di asportarlo. Ha trovato però che le mie ovaie sono policistiche e che non funzionano al meglio! Farei dunque bene a prendere la pillola anticoncezionale per risolvere questo problema.

ANALISI DEL SANGUE CON PARAMETRI SCARSI SU FERRO E B12

Per quanto riguarda l’alimentazione ho introdotto più vegetali crudi e più centrifughe, alla mattina arance spremute. Sicuramente mangio molta più frutta rispetto a prima e sto imparando la cottura conservativa. Ho fatto anche le analisi del sangue, il livello di B12 è sotto il parametro e anche il ferro.

È POSSIBILE FAR REGREDIRE IL FIBROMA CON SOLO CIBO, CON LA SOLA FRUTTA O LE SOLE CENTRIFUGHE?

Quello che vorrei chiederLe è se, con solo alimentazione, posso far riassorbire il fibroma oppure è necessario il digiuno che al momento è incompatibile con il mio lavoro. Nel caso bastasse il cibo, faccio dei giorni di sola frutta? Solo centrifughe?

TOLTO IL CAFFÈ SENZA PROBLEMI , E SINTOMI DI SETE INTENSIFICATA

Al momento nessuna crisi eliminativa, nonostante abbia tolto il caffè da quasi 2 mesi, senza sentirne più nemmeno il bisogno. L’unica cosa è che mi sembra di avere più sete, per cui sorseggio sempre acqua. A breve ci sarà la conferenza di Besozzo-Varese e spero di poterti conoscere di presenza. Cordiali saluti. Con stima.
Maria

*****

RISPOSTA

SONO MESSO IN CROCE DALLE MAIL MA ORMAI È LA NOMALITÀ

Ciao Maria. Purtroppo nonostante mi stia dedicando in modo pazzesco alle risposte, sono in debito per migliaia mail accumulate su libero e 200 su me.com, pertanto lascio a te immaginare.
Chiunque non stia ricevendo risposta, per problemi seri soltanto, mi ricontatti nuovamente su me.com, sperando di poter fare meglio da parte mia.

COSA SONO I FIBROMI

Parliamo di fibromi. Sono la più comune forma di patologia benigna del tratto genitale femminile. Colpiscono il 25-30% della popolazione in età fertile e il 40-50% delle donne 40-50enni e delle donne di colore. Tumore benigno, non pericoloso e in genere asintomatico, che si origina dal muscolo uterino e può essere intramurale (nello spessore della parete uterina) o sotto-sieroso (vicino alla parete esterna dell’utero). In entrambi i casi il fibroma, crescendo, comporta un rischio di compressione degli organi prossimali (vescica, intestino ed uretere). I fibromi possono causare cospicui flussi mestruali o anche cicli più frequenti.

LA REGRESSIONE SPONTANEA E NATURALE DOVREBBE FAR RIFLETTERE

Lo sviluppo dei fibromi risente dell’influsso degli ormoni estrogeni. È da qui o che si spiega la loro presenza in età fertile e la loro scomparsa in menopausa, dove si assiste a una loro progressiva regressione spontanea. Questo fatto della regressione spontanea deve far riflettere le troppe donne e i troppi medici che dimostrano riserve e perplessità sull’ideologia igienista della regressione tumorale mediante digiuno o semidigiuno o dieta intensamente fruttariana.

COSA SONO LE OVAIE POLICISTICHE

Quanto alle ovaie policistiche o PCOS (Polycystic ovary syndrome), parliamo di affezioni endocrine e metaboliche che colpiscono il 5-10% delle donne. Pertanto trattasi del disordine ginecologico più comune tra le donne in età riproduttiva. Quali i sintomi? Alterazione ciclo, dismenorrea (cicli di durata superiore a 28 giorni), amenorrea patologica (assenza di amenorrea, non da perfezione sangue come può accadere nelle donne vegane ultra-pulite internamente), infertilità da cronica non-ovulazione, cefalea, acne, pelle unita e seborroica, acanthotis nigricans (macchie scure), gonfiore addominale, sbalzi di umore, dolori alla zona pelvica, mal di schiena, iper-androgenismo (eccesso di ormoni maschili testosterone-androstenedione-DHES causanti irsutismo e mascolizzazione), obesità, insulinemia.

RISCHI ALL’ENDOMETRIO

I rischi che le ovaie policistiche comportano sono l’ipertrofia all’endometrio, per iper-stimolazione prolungata delle cellule endometriali da parte degli estrogeni in eccesso e per carenza di progesterone, ormone che normalmente controbilancia tale azione estrogeno-proliferativa. Si può pertanto creare una situazione di ispessimento del rivestimento uterino. E gli ispessimenti sfociano spesso nelle neoplasie. Altre conseguenze sono il diabete mellito causato da iper-insulinemia, la dislipidemia (disturbi del metabolismo lipidico) e l’ipertensione con disturbi cardiovascolari annessi.

FATTORI CAUSANTI DI TIPO ENDOCRINO-ORMONALE

Guardando all’eziologia e ai fattori causanti ci sono alterazione evidenti nelle secrezioni ormonali di FSH (ormone follicolo-stimolante), una glicoproteina fondamentale per l’utilizzo degli alimenti, e di LH (luteina, od ormone luteinizzante), una glicoproteina che èla responsabile principale del corpo luteo (formazione endocrina che si produce ciclicamente nell’ovaio durante l’età feconda per secernere progesterone, diventando corpo luteo gravidico in caso di fecondazione o struttura fibrosa e corpo albicante in eliminazione in caso contrario). In pratica la responsabile delle ovaie policistiche è la iperattività ipofisaria, con eccesso produttivo di estrogeni ed androgeni da parte delle ovaie, con eccessi di luteina e di prolattina.

SINDROME DA CONGESTIONE PELVICA

Per le congestioni sanguigne si parla di A) Ematocolpo, nel caso di iperforazione dell’imene, con raccolta di sangue in vagina, B) Ematocolpometra. con raccolta di sangue in vagina e utero, C) Ematometra (raccolta di sangue nell’utero). Si parla anche di congestione pelvica, implicante una lunga lista di disturbi quali dismenorrea, mestruo doloroso, endometriosi, dispaneuria (rapporti dolorosi), PID (malattie infiammatorie pelviche, tipo endometrite e peritonite), cisti ovariche, fibromi, intestino irritato e Crohn, diverticolite, sindrome uretrale, calcolosi renale, cistite interstiziale. L’inserimento di tarassaco, malva, ortiche, aloe nella dieta, e il cataplasma di fango sul basso ventre, sono i rimedi più importanti.

TESINE DA LEGGERE

LIBERARSI DALLO STRESS

I consigli che ti posso dare è di rasserenarti e di continuare col tuo lavoro in pieno relax. Non servono digiuni in questo periodo di freddo intenso. On ogni caso c’è il semidigiuno a centrifugati o anche a centrifugati e mantenimento della cena, o anche il solito schema nutrizionale vegancrudista personalizzabile. Va bene anche il 6-per-day inclusivo di frutta secca. La maggior sete che stai sperimentando può essere sintomo eliminativo di tossine in uscita. Non devi fare altro che bere più’ acqua o assumere più acqua biologica. Quanto ai valori bassi di ferro si raggiustano da soli col crudismo. Non servono assolutamente farmaci o integratori di alcun tipo. Concediti piuttosto qualche break per rilassamento, respirazione ed assorbimento solare.

L’ULTIMA COSA A CUI PENSARE È PROPRIO LA B12, CHE SI TROVA IN ECCESSO DOVUNQUE, ANCHE SE NON SI VEDE E NON SI PESA

Per la B12 non sei tu sotto i minimi, ma sono le tabelle che portano valori manipolati. In ogni caso la cobalamina la trovi nascosta sempre nel gruppo B, con:

  • Vitamina B1 o Tiammina (agrumi, spinaci, patate, carote, cavoli, germogli, germe di grano, girasole, pinoli, tarassaco, avocado, cavolfiore, piselli, lupini, legumi, cereali integrali, e rovinata da alcol-zucchero-fumo-caffeina-stress).
  • Vitamina B2 o Riboflavina (peperoncino, germe di grano, mandorla, riso nero, funghi, tarassaco, sesamo, mandorla, pinoli, broccoli, asparagi, crescione, Bruxelles, vegetali verdi.
  • Vitamina B3 o Niacina (peperoncini rossi, arachidi, germe di grano, riso nero, sesamo, mandorle, datteri).
  • Vitamina B4 o Adenina (come la B3).
  • Vitamina B5 o Acido Pantotenico (arachidi, germe di grano, legumi, verdura, frutta).
  • Vitamina B6 o Piridossina (semi oleoginosi, grani integrali, bietole, arance, limoni, cavoli).
  • Vitamina B7 o Inositolo e Colina (spinaci, frutta, cavoli, germe di grano, agrumi, meloni, noci).
  • Vitamina B9 o Acido Folico (patate, carote, fagiolini, aspargi, spinaci, foglie verdi, arance, cicorie, funghi, mandorle, arachidi, mentre nemici sono alcol, fumo, stress, contraccettivi, pillola).

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.