GLI AVVOLTOI DELL’INTERFERONE E DELLA DEPRESSIONE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

IL PASSO DECISIVO

Caro Valdo, sono da poco diventato vegano! La mia alimentazione tende ad essere vegana, integrale e crudista. Devo ammettere che sono state le tue tesine e i tuoi video pubblicati su youtube a farmi fare il passo decisivo. Voglio raccontarti la storia che mi ha portato a questa decisione, magari può essere utile ad altri!

SCLEROSI MULTIPLA MA NIENTE AFFATTO INVALIDO

Andiamo per gradi. Sono malato di sclerosi multipla ma non disabile. Nonostante questa malattia sono riuscito a laurearmi con il massimo dei voti in ingegneria meccanica, ma dopo nessuno mi ha dato un lavoro. I disabili qua in italia (minuscolo voluto) sono considerati dal sistema politico e lavorativo come lo sterco, anzi peggio. Ho cercato di fuggire all’estero per ben 4 volte e una volta ci sono anche riuscito, ma la malattia mi ha sempre riportato a casa.

INGEGNERE MECCANICO DISOCCUPATO, DEPRESSO E SENZA PROSPETTIVE

Perciò sono malato, disoccupato e senza nessuna prospettiva. È arrivata ben presto la depressione più nera. Giovane, laureato, malato, disabile, disoccupato, senza soldi, costretto a ritornare a vivere con i suoi genitori. Ho perso l’indipendenza, perciò nel 2009 è arrivato il primo tentativo di suicidio al quale hanno fatto seguito numerosi altri. Ora ti posso scrivere proprio perché quei tentativi, per il momento, sono falliti. Questa malattia mi ha rubato la vita!

CURE CON L’INTERFERONE, PRINCIPE DEI DEPRESSIVI

Inizialmente la mia SM veniva curata con l’interferone. Un vero disastro su tutta la linea! Fin dalle più piccole dosi il mio corpo rifiutava quel veleno. Ho smesso di prenderlo e sono venuto a conoscenza solo dopo che tra gli effetti collaterali vi erano anche un aumento della depressione e il tentativo di suicidio, tutto dichiarato disinvoltamente nel foglietto! Sono rimasto diverso tempo senza prendere nulla, a parte il cortisone annientatore nelle ricadute.

DAGLI PSICOFARMACI AL TYSABRI

Con la depressione e i tentativi di suicidio sono arrivati gli psicofarmaci. Dopo un’azione di convincimento senza precedenti, la mia neurologa mi ha fatto prendere il Tysabri. Ecco come si finisce nella tela del ragno! Se solo avessi saputo quello che so ora! Se solo avessi preso tanti anni fa la decisione di smettere coi veleni e cambiare radicalmente il mio stile di vita!

NESSUNO AL MONDO USI PIÙ L’INTERFERONE

Ragazzi svegliatevi! Non esiste nessuna cura per la SM! Una ricerca, quasi decennale, del sistema pubblico inglese, e quindi non un paese del terzo mondo, è giunta alle conclusioni che l’interferone è fallito su tutti i fronti. Non c’è stato beneficio né per la diminuzione delle ricadute, né per la remissione della malattia, né per migliorare lo stato di salute o la pesante astenia fisica e mentale!
Ora c’è il Tysabri che può essere utilizzato solo per pochi anni per il rischio di contrarre la Leucoencefalopatia multifocale progressiva (PML), mortale in moltissimi casi! E poi dopo questi anni che farai? Ovvio, c’è pronta un’altra medicina che non ti cura, e così andrai avanti a forza di veleni, ed entrerai nella tela mortale chiamata Big Pharma!

GLI AVVOLTOI NON CI PERDONO DI VISTA

Noi per le multinazionali farmaceutiche non siamo pazienti, siamo clienti! Ci augurano lunga vita. Vivete pure fino a 100 anni, ma malati e in cura con le nostre medicine! È una catena logica e perfettamente funzionante. Le industrie alimentari ci vendono escrementi. Noi del resto abbiamo una cultura alimentare vergognosa e mangiamo irresponsabilmente. Quando poi ci ammaliamo entrano in gioco le industrie farmaceutiche, pronte ad avvelenarci ulteriormente con le loro medicine, per curare i sintomi e mai le cause.

STOP TOTALE ALLE MEDICINE

La soluzione finale esiste. Visto che il sistema sanitario pubblico non ce la fa più, allora affidiamo la sanità ai privati. Se non hai l’assicurazione o i soldi, semplicemente crepi! Ho fatto perciò la mia scelta, definitiva e non negoziabile. Basta con le medicine! Basta con i Tysabri! Basta con gli psicofarmaci! Basta con le risonanze magnetiche che ti buttano in endovena veleni chiamati mezzi di contrasto! Ora si cambia tutto! Voglio cambiare la mia vita non solo per la mia salute, ma anche per una scelta etica, consapevole dei danni nefasti che porta la disinformazione alimentare sulle persone, sulla società e sull’ambiente.

DESOLANTE PANORAMA ALIMENTARE

Per chi vuole mangiare vegano, integrale e crudista, secondo me, la strada è difficile e tortuosa, anche per colpa delle multinazionali alimentari che hanno reso veramente desolante il panorama alimentare italiano, sia nelle città e ancor di più nei piccoli paesi dove vivo. Pane integrale quasi inesistente, cereali integrali carissimi e solo su internet, pane e paste integrali false per colpa di una vergognosa legge fatta ad hoc per le lobby, dove il grano integrale viene fatto con farine raffinate aggiungendo solo dopo crusca e venduto come integrale, con doppio inganno per il consumatore! Per il momento penso sia un sogno, ma voglio entrare in un supermercato normale dove trovo a prezzi umani, vero pane e pasta integrali, cereali in chicchi integrali o al max decorticati, e prodotti rigorosamente in versione No Ogm!

SIAMO PREDA DELLE LOBBY E DELLA CORRUZIONE DILAGANTE

La madre degli ignoranti è una prostituta perennemente incinta! Io ho fatto la mia personale scelta e credo nei miei ideali e nei miei valori e li difendo e cerco nel mio piccolo di informare visto che viviamo in un regime politico e mediatico controllato dalle lobby, dalle multinazionali alimentari e farmaceutiche, regime sostenuto dalla corruzione, dai conflitti d’interesse e dalla disinformazione.

Grazie Valdo per l’attenzione prestatami.
Pasquale

*****

RISPOSTA

DIAMO UNA BUONA VOLTA LA DIMOSTRAZIONE DI ESSERE UN PAESE VERO

Ciao Pasquale. Il capo dello stato, era oggi in visita alla mia regione. Se i giovani non trovano lavoro l’Italia è finita, ha detto. Parole giuste e scontate, ma prive di mordente e di significato nella misura in cui non ci dice il come, quando e perché della situazione, il come quando e perché ne possiamo saltare fuori. Un paese che non offre posti nel settore pubblico e nel settore privato, e che nel contempo perseguita e soffoca chiunque abbia lo spirito di mettersi in proprio e fare impresa, anziché facilitarlo, supportarlo, incoraggiarlo e sovvenzionarlo, non è un paese ma un casino, una palude, un deserto, un luogo inospitale da cui svignarsela al più presto.

LE LACRIME DI COCCODRILLO NON COMMUOVONO NESSUNO

È venuto il momento per i dirigenti di questo stato di prendersi le proprie responsabilità, e di smetterla con le lacrime di coccodrillo. Tagliare le tasse non vuol dire decurtarle del 5 o del 7% ma abbatterle del 50 e del 70. Creare lavoro significa ridare aspetti positivi alle nostre terre, significa rendere il paese ospitale e ricettivo per chi ci vive, per chi ci visita da turista, per chi ha dei soldi da spendere e da investire.

INSIDIOSE SPINTE  VERSO IL CONSUMISMO

Come non bastasse, sui giovani depressi, disoccupati, privi di contanti e di prospettive, viene esercitata una indecente pressione verso il consumismo, verso vetture e moto dalle prestazioni eccezionali e dai prezzi proibitivi, verso nuovi modelli di telefonini, di computer e di strumentazioni elettroniche, verso capi di vestiario griffati. Una autentica presa per i fondelli. Il discorso vale per chi è sano e a maggior ragione per chi ha qualche problema fisico da risolvere.

CENTRATE E PERSUASIVE VALUTAZIONI SULL’INTERFERONE

Nel caso tuo, stai dando la dimostrazione di cosa significa essere tosti e determinati. Un fulgido esempio di autostima e di voglia di uscirne a testa alta. Il tuo messaggio non mancherà di avere il giusto impatto sui lettori. Particolarmente incisive e toccanti le tue valutazioni sull’interferone, tutte condivise senza riserve.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

5 commenti

  1. Pasquale può trovare i prodotti integrali che cerca semplicemente cercando "un Punto" macrobiotico nella sua zona. Grani antichi e chimica ridotta ai minimi termini. Questo non vuol affatto dire che si debbano poi seguire gli errori che comporta l'orientamento macrobiotico, ma solo che li ci sono molti prodotti interessanti. Quanto al ragionamento generale riportato nella mail, sono daccordo su tutto. La tragica e inaspettata fine di Faletti non fa che mostrare ancora una volta come la via convenzionale medica sia completamente sbagliata quando ci si trova di fronte alle malattie gravi. Il povero Faletti se n'era andato perfino in America per trovare soluzione al suo male, confidando nelle possibilità offerte dalla medicina di avanguardia. Ma gli è servito a poco. La via della guarigione difficilmente passa per quei luoghi e di storie come la sua se ne sono sentite tante. Bravo Pasquale a non farsi fregare dalla paura e a seguire con fiducia la via dell'autoguarigione igenista. I risultati non si faranno attendere troppo. Auguri comunque.

  2. Grazie per la risposta Valdo!
    grazie arvo per gli auguri, spero ora di acquisire sempre più conoscenza degli alimenti buoni e positivi per trovare un'equilibrio che ancora mi manca nella dieta e nelle vita………..

  3. Ciao pasquale, la tua testimonianza mi ha colpita molto. Vorrei segnalarti, se ancora non lo conosci, il blog di una persona che ha la tua stessa patologia e che come te ha deciso di non affidarsi più' alle inutili cure convenzionali: http://sclerosette.blogspot.de
    Spero che la lettura delle sue esperienze, e la consapevolezza di non essere solo a combattere con le difficoltà' che la vita ci presenta, possa aiutarti a superare ogni crisi. Grazie per la tua testimonianza, sei una bella persona.

  4. N.B. Valdo è stato correttissimo!!
    Ha pubblicato integralmente la mia lettera senza tralasciare nulla!…ha giustamente sostituito alcune mie volgarità, e ha omesso, per non creare polemiche devianti dal discorso, i responsabili di quella legge a favore delle lobby che ha permesso di introdurre nel mercato farine, pane e paste integrali false: io li ho chiamati i soliti vermi: pd-berlusconi.