I POTERI FORTI DIETRO LE QUINTE SPIEGATI DAL MEDICO-COLONNELLO RUSSO VLADIMIR KVACHKOV

Pinterest LinkedIn Tumblr +

INTERVISTA CON UN ESPONENTE DI SPICCO DELL’INTELLIGENCE RUSSA (VIDEO A FINE ARTICOLO)

Circola in rete grazie a Telesmunto e a Luigiman un video estremamente importante realizzato in Russia, dove un giornalista moscovita intervista una delle autorità russe più rappresentative del momento nel settore medico-strategico-militare, che risponde al nome di Vladimir Vasilievich Kvachkov.

IL COLONNELLO KVACHKOV SI DIMOSTRA INFORMATO E COMPETENTE

La rilevanza di questo documento deriva dal fatto che è inedito e che proviene da un personaggio informato dei fatti e che racchiude in sé conoscenza avanzata e approfondita dell’intera vicenda ginovirus sia dal punto di vista epidemiologico che da quello strategico. Parliamo di un militare russo, e pertanto si tratta di un punto di osservazione autonomo e assai diverso dalle usuali fonti americane ed europee, tutte filtrate e manipolate da media mainstream addomesticati, censurati, monolitici e manipolati a bacchetta dal regime.

LA RUSSIA DI OGGI È PUNTO DI EQUILIBRIO

Ognuno deve saper valutare con la propria testa quanto accade e perché accade, per cui ogni dato e ogni valutazione vanno filtrate e interpretate. Tuttavia, guardare oggi alla Russia di Putin come osservatorio politico-economico-salutistico internazionale significa trovare più agevolmente quella informazione che ci viene negata. Ci dà inoltre modo di percepire dati e umori che girano negli alti gradi dell’esercito di una grossa potenza mondiale che al momento si trova oggettivamente su posizioni di osservatrice critica ed obiettiva, oltre che temporaneamente fuori dai giochi conflittuali tra Cina e America.

ESISTE UN PALCOSCENICO VISIBILE ED ESISTE UN POTERE OCCULTO DIETRO LE QUINTE

Da rilevare che Kvachkov usa in continuazione, almeno una ventina di volte, l’espressione “behind-the-scenes” (dietro le quinte), per definire i poteri forti della finanza internazionale, ovvero i burattinai che stanno guidando e provocando l’intera pagliacciata mondiale Coronavairus. C’è dunque da una parte chi tira le fila, e dall’altra, sul palcoscenico della vita quotidiana, una massa di comparse manovrate e telecomandate. Ovvio che i termini e i toni usati da Kvachkov sono compassati e misurati, da persona militare e saggia a conoscenza dei fatti, ma le sue stesse espressioni facciali lasciano trapelare il suo pensiero fortemente critico sull’intera vicenda. La parola al colonnello Kvachkov dell’Intelligence Russa. Come mio solito ho arricchito ed esplicitato il testo senza mai modificarne il senso.

IL PROBLEMA VIRALE È LA PILLOLA IDEOLOGICA PER CHI SI ACCONTENTA DI POCO

A mio avviso il Coronavirus non va esaminato affatto dal punto di vista della salute della gente, dal punto di vista epidemiologico. Occorre invece guardare e valutare il tutto nell’ottica di un conflitto epocale tra le forze globali religiose, politiche, economiche, militari, finanziarie e nazionali. Il fenomeno come pandemia è una pura menzogna. Si tratta di una speciale operazione di strategia globale. Trattasi anche di esercizio o training preparativi di come il mondo tenderà ad essere secondo i suoi maggiori protagonisti operanti nell’ombra, motivati sempre di più al controllo politico delle masse, dell’intera umanità.

NON C’È PIÙ FEDE NÉ IN DIO NÉ IN SATANA

Questo è il reale obiettivo del Coronavirus. Fatto è che oggi crediamo poco all’esistenza di Dio, ma ancor meno crediamo all’esistenza di un Satana Nemico della Razza Umana, mentre invece non è detto che tale Nemico non esista. Ho grossi dubbi però che il nemico sia un un banalissimo frammento chiamato Virus. Questo è il mostro apparente creato a uso e consumo della popolazione plasmabile-lavorabile-imbrogliabile-impressionabile.

CENTO MILIONI DI PRIVILEGIATI PADRONCINI E UN MILIARDO DI PARIA

Pertanto, l’obiettivo evidente dei poteri finanziari e sionisti “behind-the-scenes” è la riduzione della popolazione mondiale, noto tema esplicitamente annunciato e auspicato da Kissinger 20 anni or sono e via via dalla Trilaterale, dal Bilderberg e dalla massoneria. Questa è la loro idea fissa. Per loro c’è sulla Terra troppa gente normale e ordinaria che non risponde alla loro visuale e ai loro diabolici piani. Dovrebbero esserci circa 100 milioni di persone in tutto a spartirsi le risorse del pianeta e, al massimo, un miliardo di gente obbediente e senza grilli in testa, pronta a produrre, lavorare e a servirli. Questo è il loro preciso e circostanziato disegno.

CORONAVIRUS E CRISI FINANZIARIA SONO LA STESSA MOSSA

Ecco perché il Coronavirus e la crisi finanziaria mondiale sono emersi in modo simultaneo, legati indissolubilmente l’uno all’altro. L’obiettivo chiaro e lampante è di contrastare le eccessive libertà politiche nel mondo intero. Una specie di piano per irreggimentare il pianeta. Qualcosa che non sarebbe stato possibile ottenere in termini politici sia nella libera America che nella Repubblica capital-comunista cinese. Ci sono forti diversità tra le costituzioni dei diversi paesi, tuttavia le genti del mondo si sono abituate e standardizzate a usufruire e a pretendere troppi diritti, mentre è necessario rigare dritti in regime di decrescita, di depopolamento e di controllo sociale.

IL DECRETO MONDIALE LIBERTICIDA PARTE DALLE TORRI GEMELLE

Il primo tentativo di togliere tali diritti alla gente è arrivato con la data fatidica dell’11 settembre 2001. Non molti sembrano ricordarsi che, dopo il cosiddetto attacco pianificato alle WTC Towers di New York, il Pentagono e la Casa Bianca -forti di tale alibi tanto spettacolare quanto prefabbricato- hanno dichiarato guerra globale al terrorismo. Per capire cosa sia oggi il Coronavirus occorre analizzare quello che è stata la dichiarazione di guerra all’umanità, guerra all’umanità mascherata da guerra al terrorismo. È successo 19 anni fa, sembra ieri. I poteri forti dietro le quinte hanno creato l’evento dell’11 Settembre. Sono diventate sempre più brave, intraprendenti, avventurose nel prevedere e creare in anticipo determinati eventi piuttosto che nel subirli da parte del caso o da forze incompatibili col loro volere.

PARLARE DI VIRUS È SEMPLICEMENTE FUORVIANTE

Ecco perché oggi sentivano la necessità di un’altra scusa per incrementare in modo formidabile il controllo su una umanità troppo arrembante, libertaria, fastidiosa e disobbediente, sia a ovest che a est. Tutto qui, né più né meno. Non è epidemia e non è pandemia. Ho esaminato poco fa i dati veri al di là delle cifre gonfiate ad uso e consumo del pubblico malleabile, al di là delle manipolazioni di rito. Stanno morendo per motivazioni virali 300 persone al giorno nel mondo intero. Trecento persone da salutare con pena e dispiacere, ma in termini statistici si tratta di una miseria. 300 al giorno su 7,5 miliardi di persone: una cifra insignificante e normalissima.

MANOVRE A DANNO DELLA GENTE COMUNE

Qui ci troviamo davanti a ben altro. Qui si tratta di esercizi strategici di comando personale da parte del regimi forti a danno della cittadinanza. Esercizi e manovre mirati a limitare le libertà politiche ed economiche, mirati a spaventare la gente e a renderla meno effervescente, reattiva e pretenziosa.

IL PANICO E LA CORSA AL CIBO

Mentre parliamo, il popolino sciocco e in stato di panico evidente sta assaltando letteralmente il grande supermarket a nostro fianco, allo scopo di accumulare provviste in vista del peggio. La gente sta tesorizzando miglio, grano saraceno, farine varie e persino carta igienica. Perché tutto questo? Esiste un progetto specifico mirato a spaventare la massa di tutti i paesi, a mantenerla tesa, preoccupata, sul filo del rasoio. Soprattutto la massa europea e cinese. Quella russa reagisce di conseguenza. La vera epidemia è questa, non il virus.

IDEE CHIARE E OBIETTIVI PRECISI

In sintesi l’obiettivo N. 1 è il più satanico, cioè quelle di ridurre la popolazione. L’obiettivo N. 2 è quello di impadronirsi ulteriormente del potere o di renderlo più sicuro e rafforzato mediante controllo dei singoli, delle comunità e delle nazioni. L’obiettivo N. 3 è quello riguardante il controllo di finanza, economia, sovranità monetaria e disponibilità contante. Il potere finanziario e il controllo delle banche è ovviamente di basilare importanza.

MONDO INSOSTENIBILE DA SGONFIARE

Ogni prodotto esistente sul mercato, dalla penna biro all’automobile subisce un gonfiamento di valore di almeno 20 volte rispetto ai costi di produzione, per cui tutti viviamo in una abnorme bolla finanziaria di un quadrilione e 200 trilioni di dollari. Bolla irreale e insostenibile che deve essere sgonfiata e deflazionata. In che modo si può ottenere tutto questo? Solo con una crisi mondiale artificiale prodotta a comando.

DECRESCITA OBBLIGATA PER LA MASSA

Chi ha il potere, chi ha il coltello dalla parte del manico e conosce alla perfezione i meccanismi monetari, inflattivi e deflattivi, ha pure il piede sul freno e sull’acceleratore della crescita e della decrescita, dell’impiego e della disoccupazione. Non si riesce più a sostenere i ritmi di vita e di consumo e pertanto si restringe la cintura alla massa, facendo crollare l’economia a comando.

INGEGNERIZZAZIONE DEL VIRUS SECONDO TECNICHE BEN NOTE ALLA GUERRA BATTERIOLOGICA

Ora siamo in un momento particolarmente importante e delicato. Quando in un virus vai a prendere la molecola di Rna, non di Dna ma del suo corrispondente retrovirale Rna, e trovi che una parte del genoma (totalità dei geni di una cellula) è stata chiaramente tolta e che un’altra parte estranea è stata inserita a suo posto, e trovi pure che questo è avvenuto non una volta a caso ma 2-3 o più volte, è ovvio che alla fine i ricercatori che lavorano in laboratorio scoprono il trucco. Gli scienziati cinesi di Wuhan se ne sono finalmente accorti e l’hanno capito, denunciando il tutto, e conformandosi poi alle disposizioni strategiche del politburo di Pekino.

MANOVRE E CONTRO-MANOVRE TRA CINA E AMERICA

Si è trattato di una creazione artificiale, con diffusione intenzionale avviata da Wuhan mediante 2 ceppi differenziati. Capito il gioco degli americani, i cinesi -volpi della situazione- hanno trasformato l’azione sporca degli americani in strumento utile ai loro fini di controllo politico interno verso il proprio malcontento popolare in pericolosa crescita, hanno colto cioè al volo l’occasione per soffocare ogni rivolta studentesca e popolare interna senza dover ripetere Piazza Tienamen.

PARLARE DI VIRUS SIGNIFICA CADERE NEL RIDICOLO

Che dire dell’Italia? Cosa è mai successo in quel paese? Come può essere che un ceppo diverso, più virulento e pericoloso di quello cinese, sia apparso d’improvviso in Italia? Penso che da quelle parti ci siano state alcune migliaia di colpiti e un migliaio di morti in tutto. Ma, anche in questo caso, in Italia si verificano morti 100 volte maggiori per influenza, polmonite, scrofola ed epatite. Direi che tutto sommato non serve parlare tanto di colpiti, di ammalati e di morti. Ce ne sono sempre e dovunque purtroppo. E direi che non è nemmeno il caso di parlare di virus. Sarebbe una perdita inutile di tempo.

SIAMO SOGGETTI A UNA MASSICCIA OPERA DISINFORMATIVA

Concentriamoci piuttosto sul fatto che ci viene servita e propinata quotidianamente una ondata propagandistica, una massiccia e brutale psico-informazione. Siamo di fronte a una grossa operazione di manipolazione delle masse coi mass-media globalità al servizio dei sionisti illuminati ai vertici mondiali, autori dell’attuale clima terroristico mondiale. Ora stanno verificando la geografia politica dell’assenso e del dissenso, chi sta con loro e contro di loro, una specie di conta e di verifica delle forze in campo. Stanno osservando chi obbedisce e chi no.

XI JINPING GIOCA AL GATTO E AL TOPO

È un mondo a rischio per tutti, sia per chi obbedisce che per chi si ribella. In Cina hanno introdotto misure draconiane. Ma Xi Jinping è anche andato a Wuhan, rimettendo al suo posto la fazione pro-americana responsabile della manipolazione, come a dire “Grazie, la vostra operazione per quanto turbolenta, mi risulta gradita e conveniente e mi permette di controllare meglio senza dispiegamento di forze militari le zone ribelli di Hong Kong e i movimenti indipendentisti interni alla Cina, mantenendo pure un minaccioso stato di allerta verso Taiwan.

FAZIONI INTERNE SISTEMATE PER LE FESTE GRAZIE ALLA MOSSA VINCENTE DEL PRESIDENTE

Da rilevare che in Cina non tutto fila liscio come appare. Esiste una fazione politica patriottica e socialisteggiante o filo-cinese, in qualche modo più vicina a noi e all’Europa, e che è pure preferita dal presidente. E ci sono pure nel contempo i filo-americani ex membri del Komsomol, una fazione più “money-oriented”, più focalizzata nel fare soldi sul piano speculativo. Questa fazione cerca di usare il Coronavirus per ricavarne benefici politici ed economici. Da parte sua Xi Jinping ha tacitato tutti facendosi eleggere presidente a vita.

IL COMPAGNO XI JINPING CONOSCE IL FATTO SUO

L’abile manovratore cinese Xi Jinping ha saputo per ora tenere tutti al loro posto e, conseguentemente, si è risolto il problema virale in Cina. E a quel punto l’ondata virale si è trasferita in modalità strane verso l’Italia e l’Europa, (e con le propagazioni pompate a dismisura dai media in USA, Brasile, India e Sud-Africa, NdT).

TUTTA UNA QUESTIONE DI GRANDI MANOVRE POLITICO-STRATEGICHE

Come intelligence militare, noi guardiamo con attenzione al chi e al dove. Europa e Cina sono al momento 2 realtà geopolitiche oggettivamente in conflitto con gli USA, avversarie degli USA. Ora capite spero il perché è stato inventato ed ingegnerizzato e gonfiato mondialmente questo Coronavirus.
Come accennato, si è andati per punti dalla dimensione religiosa-diabolica e distruttiva del popolo terrestre, al controllo politico sull’umanità, alla deflazione o sgonfiamento della bolla finanziaria. La quarta dimensione è la eliminazione della concorrenza geo-economica tramite un mercato mondiale unico dai costi di produzione e dai prezzi controllati. Come dicevo all’inizio, l’obiettivo dichiarato è un mondo ordinato e manovrato dai soliti sangue blu che, circondati da lobbisti e leccapiedi, controllano un miliardo di paria e di derelitti obbedienti e a libertà limitata.

SCORDATE IL VIRUS: NON C’ENTRA PER NIENTE CON L’EMERGENZA MONDIALE

Ve lo dico e ve lo rivelo in tutta chiarezza, senza secondi fini, nella mia funzione e nel mio ruolo ufficiale del Centre for Defence and Strategic Studies of the General Staff of the Russian Armed Forces (o Centro Studi Strategici delle Forze Armate Russe): il virus non è niente al di là di fare da spauracchio. Tutto va riportato sul piano dello stop totale alle normali attività umane, stop voluto, previsto e desiderato.

PRIMO SCOPO È CREARE UNA INSANABILE FRATTURA TRA CINA ED EUROPA

A questo punto l’intervistatore russo chiede quale sia la valutazione e l’impatto umano della presente epidemia. Colonnello Kvachkov, ti ringraziamo di quanto esposto in stile netto, franco e militare. Puoi darci qualche previsione e qualche consiglio per il futuro? Puoi dirci quali paesi saranno sotto pressione?

La Russia certamente dovrà soffrire in futuro. Fanno troppa gola le sue risorse energetiche e territoriali. America e Russia non sono in concorrenza attualmente. In questo momento i principali sforzi dei poteri occulti dietro le quinte americane sono di spezzare e boicottare la penetrazione cinese in Europa, e in particolare la cosiddetta Via della Seta tramite l’Italia. Anche la Russia rientra in questa ottica di ridurre la popolazione e di appropriazione del territorio.

SPOSTEREI IL DISCORSO SUI PARASSITI, CHE STANNO DEVASTANDO PIÙ CHE MAI LA SALUTE DELLA GENTE

Colonnello non ci hai detto la tua opinione sul nostro piano di azione difensiva sul piano personale. Cosa fare per proteggere noi stessi. Qualche raccomandazione per la gente spaventata e terrorizzata suo malgrado.

Oltre che militare io sono un medico parassitologo, più che epidemiologo. Sono stato prescelto per capire e dire la mia sulle strutture di potere della Russia a confronto con quelle del resto del mondo. Lo studio dei parassiti non è certo meno importante di quello dei virus, anche sul piano della guerra batteriologica. Posso però esprimermi come medico-epidemiologo-parassitologo. E lo faccio con una battuta. Fin quando non siamo in grado di sbarazzarci dei parassiti che albergano in noi, non saremo mai in grado di sbarazzarci dei parassiti che vengono da lontano.

CHIUSURA FINALE CON TANTO DI INDECIFRABILE IRONIA

Complimenti al colonnello Kvachkov, chiaro e diretto quando lo vuole essere, ma anche ironico ed enigmatico quando decide di non dire fino in fondo le sue verità e di riaffermare il suo ruolo nel settore intelligence, lasciandoci ai nostri dubbi e alle nostre incertezze, dote tipicamente e caratterialmente russa.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x