IMBECILLITÀ VACCINATORIA SENZA LIMITI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

VACCINAZIONE GRATUITA PER I RAGAZZINI DEI TEMPI ANDATI

Ciao Valdo carissimo!!! È di questi giorni la notizia che il vaccino antinfluenzale potrebbe essere presto somministrato gratuitamente a chiunque abbia più di 50 anni e non solo agli over 65. La circolare pubblicata dal Ministero della Salute con le raccomandazioni per la stagione 2013-2014 annuncia che le istituzioni coinvolte inizieranno una discussione in questo senso.

IL COMODO ALIBI DELLE ASSENZE DAL LAVORO

Il motivo, come scrive il Messaggero, sarebbe legato soprattutto a troppe assenze al lavoro per l’influenza.” I dati riferiti all’ultima epidemia influenzale, dal 17 ottobre 2012 al 13 gennaio 2013, parlano di un costo per le imprese di circa 136 milioni di euro. L’indicazione è nella circolare della campagna annuale curata dalla Direzione generale della prevenzione sanitaria. Un cambiamento di rotta che dovrebbe essere deciso in tempi molto brevi.

ABBASSAMENTO ETÀ VACCINATORIA ANCHE IN GRAN BRETAGNA, PAESE DELLA GLAXO

L’abbassamento dell’età è già stato adottato in diversi paesi europei tra cui la Gran Bretagna. Da noi si dovrebbero aggiungere 7-8 milioni di persone ai 12 degli over 65 che già oggi sono inseriti nell’elenco di quelli che ricevono gratis la somministrazione. Una volta allargata la platea dei vaccinati un terzo della popolazione sarebbe, così, protetta dal virus.

L’ITALIA RISPARMIEREBBE DEI SOLDI

Numerosi studi farmaco-economici, è scritto nel documento del ministero, dimostrano la piena sostenibilità della vaccinazione anti-influenzale al di sopra dei 50 anni. Uno di questi riporta addirittura che per l’Italia l’estensione di indicazione genererebbe un risparmio. E proprio per risparmiare potrebbe essere presa la decisione a stretto giro.

LE PRESUNTE INSIDIE DELL’INFLUENZA

Il vento di crisi avrebbe accelerato il dibattito economico-scientifico sull’opportunità di anticipare di quasi quindici anni la vaccinazione contro l’infezione. L’influenza, dalla maggior parte delle persone, commenta Walter Ricciardi direttore del Dipartimento di sanità pubblica del Policlinico Gemelli, viene considerata come una patologia benigna. In realtà nasconde molte insidie. Non solo per i grandi anziani e per chi è colpito da malattie croniche. Anche gli adulti possono rischiare di prolungare i giorni a casa per complicanze. Che vogliono dire più assenze da lavoro, più disagi per le famiglie e per le imprese.

SPETTRI E FANTASMI VIRALI IN CIRCOLAZIONE

Abbassando la soglia si raggiunge una fetta più grande di popolazione e si limita la circolazione del virus. Una forma di protezione collettiva e individuale. Un ruolo importante per quanto riguarda la spesa. Quest’anno sono stati colpiti dall’influenza sei milioni di italiani con un calo delle vaccinazioni di circa il 20% rispetto alla stagione 2011-2013. Una condizione, spiegano all’Istituto superiore di sanità, che ha fatto aumentare la diffusione del virus. O meglio dei virus. Ne sono circolati tre e, due di questi, erano mutati. Condizione favorente per il contagio. Adesso vanno fatte nuovamente tutte le valutazioni, continua Ricciardi, ma è chiaro che una più vasta protezione abbassa il numero delle persone e anche delle ripercussioni sociali. Un abbraccio.
Elena

*****

RISPOSTA

SMETTIAMOLA DI DARE ANIMAZIONE E MOTILITÀ AI CADAVERINI CELLULARI

Ciao Elena. Ho appena pubblicato “Bocche cucite su clamoroso ritiro vaccini“. È proprio destino che in Italia si debba parlare di cose banali e prive di costrutto. I virus non circolano proprio. Non hanno gambe, non hanno ali, non hanno ruote, non hanno bussola per dirigersi contro bambini, contro i 50enni o contro gli over 65. Il servitore della gleba sanitaria dr Ricciardi nonché Walter, fa il suo lavoro a favore della gente o fa, senza nemmeno accorgersene, il promotore scientifico al servizio della GSK e di Big Pharma?

CHI GUADAGNA BENE DEVE INSEGNARE BENE

Direttore del Dipartimento di sanità pubblica al Policlinico Gemelli? Complimenti! Stipendio e pensione da favola immagino. Sono affari suoi ma anche un po’ nostri, se è vero che esiste il principio dei vasi comunicanti, per cui quello che va a te non va certo agli altri. Lo dico senza alcun spirito egualitarista. Le differenze sociali ed economiche devono esserci.

MI VANTO DI COSTARE ZERO ALLO STATO ITALIANO

Per quanto mi concerne, io costo zero allo stato da quando sono nato. Mai perso un giorno di lavoro. Mai usufruito di un medico della mutua. Mai preso un assegno familiare per i miei due figli. Mai usufruito di un ospedale, e l’unica volta che l’ho fatto all’Ospedale di Tomezzo per rafforzamento all’anca incidentata, ho pagato tutto di tasca mia. Avrò il diritto di dire la mia?

STO CERCANDO DI ORIENTARE LA GENTE E NON DI CONFUSIONARLA

Anche i 700 euro di pensione che mi danno sono stati abbondantemente prepagati, e persino integrati stupidamente con dei contributi volontari. Non lo avessi mai fatto! Mi hanno pure negato la pensione Enasarco, rubandomi i versamenti di 9 anni e 9 mesi, mancandomi 3 mesi a completamento. Non per questo mi sogno di insegnare male. Ho il massimo rispetto per me stesso e dunque anche che il prossimo.

NESSUN FINE DENIGRATORIO AD PERSONAM

Non conosco Ricciardi di persona e chiedo venia per la citazione. Nessun fine denigratorio ad personam. L’Italia è piena di dirigenti superpagati. L’importante è che siano pagati senza commettere troppi danni, senza diseducare troppo la gente.

IL CONTEGGIO DEI VIRUS HA QUALCOSA DI UMORISTICO

Ammirevole il suo girovagare col pallottoliere alla conta dei virus. Ce ne sono davvero 3 in circolazione? Ma che bravo! Avesse detto 3000 sarebbe almeno andato più vicino. Il bello è che sono pure mutati. Hanno forse indossato qualche capo invernale griffato Armani? Quante belle attribuzioni a dei miserabili detriti cellulari polverizzati che non circolano e non mutano, ma che si limitano ad ostruire i canali della gente resa immuno-deficiente dai cibi carnei, dai cibi cotti, dagli integratori, dai farmaci e dai vaccini causati dalle pratiche iatrogene della sanità.

IL SEGNO PIÙ È BEN DIVERSO DAL SEGNO PER

Chi non ha il servizio nettezza urbana in ordine, all’interno del corpo, non può far fronte di certo alla moria cellulare di milardi di cellule tra i 100 trilioni del nostro intero sistema. Chiaro che la polvere cellulare chiamata virus endogeni a quel punto non trova rapidamente le vie di uscita. Chiaro che tappati i canali emuntori c’è accumulazione virale. Ho detto accumulazione e non moltiplicazione.
Ho detto ostruzione e non circolazione e tanto meno mutazione.

QUALCUNO TRA NOI GIOCA A CARTE FALSE

Qui c’è qualcuno che la racconta storta. Qualcuno che mente. Qualcuno che diseduca grandi e piccini. Non ci sono vie di mezzo. Sto forse praticando abuso di arte medica? Sto forse mancando all’obbligo di invitare i pazienti a rivolgersi al divino medico protetto dalle leggi statali e da tutto il resto? Spero che qualche denuncia seria, cioè firmata mi arrivi. Almeno mi oscureranno l’intero blog, visto che sto accusando la Sanità Italiana di non capire un acca su virus e batteri, e quindi di non essere credibile e tanto meno affidabile.

CHI FA SCIENZA E CHI FA CIARLATANISMO

Uno tra noi due deve essere per forza ciarlatano, ossia uno che fa affermazioni strampalate e prive di prova scientifica. La prova scientifica di quanto affermo l’ho citata più volte. Metti un paziente influenzato, carico di batteri e di virus a digiuno, a riposo e ad acqua, senza alcun antibiotico (verso i batteri) e senza alcun antivirale (verso i virus), se ha ragione Ricciardi e con lui gli Azzeccagarbugli della Medicina Monatta, il paziente dovrebbe morire divorato dai mostriciattoli incazzati, mutanti e circolanti, visto che per il monattismo i virus sarebbero vivi e si moltiplicherebbero!

LA MIA PROVA DEL NOVE È SEMPLICEMENTE INATTACCABILE

Succede invece che il paziente cala di qualche chilo ma guarisce e sta pure meglio, con la flora batterica in riequilibrio simbiotico e con l’ostruzione virale risolta al meglio. Provare per credere. Quindi assoluzione totale per batteri e virus. Prova del nove igienista che i teorici della peste bubbonica permanente campano sulla disinformazione, sul terrorismo, sul contagismo, su quella voracità infinita per il danaro che è tipica del mondo sanitario, come affermato intelligentemente dal ministro Brunetta nei giorni scorsi.

ATTENDO DA ANNI LE PROVE DELLA CONTROPARTE

Ho detto prova del nove. Per chi usa il pallottoliere e tende a confondere l’addizione con la moltiplicazione, questo dovrebbe bastare. Se non dovesse pensarla allo stesso modo, mi porti pure le sue prove scientifiche del contrario, e mi faccia pure le sue obiezioni. Sto chiedendo questo da anni e nessuno ha avuto il coraggio di rispondermi.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

1 commento