INTOLLERABILI INTROMISSIONI STATALI SUI VACCINI A PADOVA

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

vaxxedLETTERA

SCANDALOSO IMPEDIMENTO ALLA PROIEZIONE DI VAXXED ANCHE IN PADOVA

Ciao Valdo, ieri ti ho scritto per segnalarti l’ennesima censura del tanto discusso documentario/film Vaxxed la cui proiezione è stata impedita dal comune di Padova
Ecco il testo del messaggio: Censurata anche a Padova la proiezione del film Vaxxed, il discusso documentario che affronta il delicato problema delle vaccinazioni e si interroga sui legami tra vaccino e autismo. Il blocco della proiezione è stato accompagnato da uno spolverone di polemiche in città, con levata di scudi dal mondo della politica e della comunità sanitaria locale.

INTERFERENZE DURE ED ODIOSE DELLA POLITICA E DELLA SANITÀ REGIONALE

In particolare dura la reazione dell’assessore regionale alla sanità, Luca Coletto, che ha invitato la popolazione a non andare a vedere la proiezione definendola “uno sfregio al buon senso e una sfida alla regione che ha avuto il coraggio di confermare il non obbligo vaccinale, sostituendolo con una seria e capillare informazione alle famiglie che sta dando risultati importanti con le adesioni al vaccino in crescita per tutte le tipologie e al 92% in crescita, per il temuto e pericoloso morbillo”. Ti segnalo l’articolo odierno di Marcello Pamio che commenta il fatto.
https://www.disinformazione.it/Vaxxed_censurato_Padova.htm
Elena

*****

INTERVENTO DI MARCELLO PAMIO SUI FATTI DI PADOVA (Sottotitoli di VV)

LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE!!!

Eccola qua la risposta del popolo libero! Alla vergognosa censura del Comune di Padova che ha impedito la proiezione del documentario Vaxxed la risposta è stata la partecipazione. La Libertà -come cantava il grande Giorgio Gaber- è partecipazione. Non una massa informe di persone dal pensiero mono-diretto, ma persone libere di pensare e libere di manifestare un senso critico.

450 PERSONE ACCORSE A RADIO GAMMA PER ASSISTERE AL DOCUMENTARIO PROIBITO

Ieri sera da tutto il Veneto sono arrivate circa 450 persone nella sede di Radio Gamma 5 per vedere lo scomodo documentario, sicuramente uno tra i più censurati al mondo. Ma quando un semplice documentario di 90 minuti diventa scomodo al Sistema a tal punto da censurarlo? Non certamente quando fornisce dati falsi (questa prerogativa la lasciamo ai media ufficiali e ai loro controllori), ma quando stimola il pensiero critico, cioè quando fa pensare autonomamente.

IL POTERE HA EVIDENTEMENTE BISOGNO DI TANTE PECORELLE OBBEDIENTI ED ALLINEATE

Qualcuno però non vuole esseri liberi ma un gregge informe di pecore allineate. Un grazie di cuore a tutti i partecipanti, compresi anche i carabinieri che sono stati sicuramente chiamati da squallidi individui che non amano la libertà. Interessanti anche gli interventi post-proiezione del dr Paolo Girotto, del prof Ivano Spano, del dr Paolo Rossaro, del dr Massimo Presacco e del Presidente del Corvelva Ferdinando Donolato.

UN GRAZIE ALL’ASSESSORE, AL DIRIGENTE MEDICO E AL MAGNIFICO RETTORE UNIVERSITÀ DI PADOVA

Infine un enorme riconoscimento va anche all’assessore alla salute pubblica del Veneto, il geometra Luca Coletto, al Dirigente medico Domenico Scibetta, al magnifico Rettore dell’università Rosario Rizzuto, perché se la serata è stata magnifica e spaventosamente partecipata è soprattutto per merito vostro! GRAZIE!

Marcello Pamio

*****

COMMENTO

INQUISIZIONE MEDIEVALE E CADUTA VERTICALE DEI VALORI

È davvero straordinario quanto sta materializzandosi sotto i nostri occhi. Dire che stiamo precipitando nelle spire della Inquisizione Medievale e dei Roghi è dire poco. Il potere sta perdendo ogni barlume di dignità e di buon senso. Parliamo di Novanta minuti di proiezione. Cosa mai ci potrà essere in un documentario per farlo diventare scomodo e vietato, nonché oggetto di minacce e di intimidazioni, prima a Roma, poi a Bruxelles, poi a Parigi, poi a Londra ed ora anche a Padova?

TROPPE VERITÀ CONCENTRATE ED EVIDENTI IN 90 MINUTI DI PELLICOLA

Non sarà forse che in quella pellicola ci sono troppe verità evidenti e documentate? Non sarà che le menti fragili, ignoranti, corrotte e colluse del potere governativo, del potere culturale universitario, del potere medico e del potere mediatico si sono accorte di vivere nella precarietà e nella menzogna, di avere le gambe corte e store come le loro fandonie? Non sarà che si stanno coalizzando contro la libertà di parola,  la libertà di espressione e di circolazione delle idee?

FACCIAMO IN MODO CHE IL DOCUMENTARIO VAXXED SIA PROIETTATO IN TUTTE LE SCUOLE E IN TUTTE LE FABBRICHE

A questo punto serve una fortissima reazione popolare contro questi tentativi liberticidi che il sistema vorrebbe rimettere in auge nella sua allucinante imbecillità e demenza mentale. Occorre fare in modo che il documentario Vaxxed venga proiettato in modo obbligatorio in tutte le scuole d’Italia, in tutti gli auditorium del paese. È venuta l’ora di ribellarsi alle arroganze, alla stoltezza estrema, alla incompetenza di chi ci mal-governa e di chi pretende di imporre con le buone e le cattive vaccinazioni sempre dannose e sempre pericolose, andando pesantemente contro i principi della stessa Costituzione.

LA POPOLAZIONE HA DIRITTO DI ESSERE LIBERAMENTE INFORMATA E DI POTER DECIDERE LIBERAMENTE

Per l’articolo 32, la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. Ovvio che nessuno può essere impedito a fruire di informazione scientifica necessaria a decidere sul da farsi. Il potere sanitario pretende dogmaticamente di imporre le sue idee distorte e demenziali su batteri, virus e vaccini, non per difendere la salute dei cittadini, ma per ignoranza manifesta e disonestà manifesta, per evidente servilismo coloniale, per acritica sudditanza alla CDC americana di Atlanta-Georgia, maggiore prostituta delle multinazionali del farmaco e del vaccino, oltre che autrice della maggiore farsa della storia e capofila del carrozzone Hiv-Aids.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.