LA MEDICINA INTELLIGENTE DEL DR MASSIMO CITRO

Pinterest LinkedIn Tumblr +

DURE CRITICHE ALLA MEDICINA DELLA FRETTA E ALLA MEDICINA FRAUDOLENTA

Dopo la straordinaria esposizione del dr Massimo Citro sulla emergenza Covid, mi sono incuriosito e ho voluto approfondire, scoprendo altre cose interessanti sulla sua Medicina Intelligente che si contrappone alla Medicina della Fretta e alla Medicina Fraudolenta tipica degli spot televisivi. Alcuni punti sintetici meritano davvero di essere citati.

LE INTOLLERANZE NON SONO FRUTTO DI FANTASIA

La Medicina Intelligente presuppone l’esistenza di una medicina intontita e fallimentare, di una medicina che non fa il suo dovere e che è la rovina di se stessa, una medicina asservita all’industria farmaceutica, una medicina che ha la mania del protocollo. Purtroppo le intolleranze alimentari non sono una invenzione da New Age ma esistono. Non so per quale motivo, ma ho osservato che se gli allergologhi tolgono dalla dieta latticini, formaggi, focaccia e birra i pazienti guariscono o migliorano. Punto.

NELLE INFIAMMAZIONI E NELLE INFLUENZE STAGIONALI IL FUOCO SI SPEGNE DA SOLO

Citro muove pesanti accuse a chi spinge in continuazione la gente a temere la febbre e l’influenza e il mal di gola. Febbre che non va mai soppressa nei casi ora citati, salvo che non ci sia di mezzo un’infezione da endocardite o una polmonite o situazioni di reale emergenza. Per risolvere le anomalie stagionali basta mettersi a letto, digiunare e lasciar lavorare il corpo. Non è affatto il caso di buttare sul fuoco un secchio d’acqua farmacologico che fa da anti-infiammatorio. Assai meglio sarebbe capire che tipo e che quantità di combustibile stiamo usando. Basta tirare via della legna in eccesso e il fuoco si spegne da solo, per cui non c’è bisogno di altro. Se uno cerca il vero, il vero è questo. Questo è il tipo di ricerca che si fa in Medicina Naturale.

STORICA POLEMICA TRA LOUIS PASTEUR E CLAUDE BERNARD

Le milieu intérieur est tout, affermava Claude Bernard, in aspra polemica con Louis Pasteur, per dire che il terreno corporale è tutto e il microbo niente, per cui occorre curare e depurare l’organismo anziché silenziare sintomi e sopprimere microrganismi. In effetti è proprio il terreno che c’entra con le malattie, era vero allora come lo è adesso. Pasteur era un tipo orgoglioso e mantenne le sue posizioni sbagliate per decenni. Ma alla fine, sul letto di morte ammise ai medici che lo assistevano che aveva ragione Claude Bernard. Purtroppo la medicina attuale ha sposato in pieno le teorie mediocri e superficiali di Pasteur, quelle che demonizzavano i microrganismi e che comodavano all’industria di farmaci e vaccini, tradendo l’impostazione avanzata e illuminante di Claude Bernard ed anche il ravvedimento tardivo dello stesso Pasteur.

SIAMO NOI I CREATORI DEL NOSTRO STATO DI SALUTE

Da qui nascono tutte le nostre false credenze e le nostre illusorie aspettative, la nostra carenza di responsabilità rispetto alle patologie. Non ci rendiamo conto che occorre pensare a cosa mangiamo, beviamo, respiriamo e pensiamo. Dobbiamo individuare cosa ci dice l’organismo. Se le cose non quadrano si fa sentire e si accende la spia rossa. Se abbiamo un sintomo, non è quella la malattia ma quanto sta dietro ad essa. Quanto più un organismo è intossicato e tanto più ritardata e lenta è la risposta. Si addormenta tutto, anche i sensori.

CINQUE SINTOMI DI INTOLLERANZA

Come fa l’organismo a dirci che questo cibo, questa sostanza è un veleno per noi? Non ci può certo inviare un fax o una mail, ma ci manda un sintomo. Se l’organismo è puro come nei bambini reagisce subito e c’è la crosta lattea, la febbre e la gastroenterite. Ci sono 5 sintomi che sono stati classificati come costanti nelle intolleranze e che vanno comunque testati e sono:

  1. Astenia, cioè stanchezza infinita e continuata da mattino a sera
  2. Variazioni ingiustificate di peso
  3. Gonfiori addominali, edemi, ritenzione idrica e stitichezza
  4. Tachicardia, aritmia, extrasistole non giustificate da problemi cardiaci pregressi
  5. Ipersudorazione e disidratazione.

I CASI DI ADOLF HITLER E DI ERNESTO CHE GUEVARA

Cito qui -continua Citro- due noti personaggi storici che avevano intolleranze pazzesche. Uno è Ernesto Che Guevara che soffriva d’asma. Il Che aveva forti crisi d’asma notturna a seguito dei formaggi che gli venivano offerti dai contadini locali nei suoi trasferimenti da guerrigliero nelle montagne di Cuba e dintorni. Hitler rappresenta la colite più importante della storia e fu tormentato a vita da questa condizione. Un meteorismo spaventoso e perenne che lo imbarazzava non poco, mettendo a repentaglio i suoi incontri pubblici.

UN DITTATORE TORMENTATO DIVENTA TEMIBILE

Oltre a questo c’erano i mali di testa, insonnia ed eczemi che gli impedivano persino di calzare gli stivali. Hitler cercava di fare a tratti il vegetariano, ma era ghiotto di gelati e dolci austriaci carichi di latte e non ne veniva a capo, finché un certo dr Theodor Movel gli diede dei probiotici e delle vitamine, risolvendo in parte i suoi problemi e diventando il suo medico personale fino al termine della sua vita. L’avessimo curato prima avremmo forse risparmiato milioni di morti, un olocausto e una guerra mondiale.

VISTA E UDITO PARTICOLARMENTE VULNERABILI

Le patologie correlate alle intolleranze riguardano la vista e le congiuntiviti, sotto l’egida in primis del fegato e in secundis dell’intestino. Riguardano pure l’udito, pruriti, eczemi, sordità, ronzii, vertigini, epilessia, artrite reumatoide, tiroiditi e fibromialgia, praticamente tutto.

LINFATISMO FENOMENO COMUNE FRA GLI ADOLOSCENTI

Bimbi linfatici, pieni di ghiandole infiammate, magri, astenici, soggetti a mal di gola, a stipsi, a sinusiti, ad asportazione tonsille-adenoidi, soggetti ad infezioni al cuore ai reni, al fegato e tutto quel marasma lì. Il tutto da intolleranze alimentari. Quanto dico è confermato da 30 anni di esperienze mie e di migliaia di colleghi. Sono pronto a confrontarmi con chiunque.

ESPERIENZE TRAUMATICHE DEL PASSATO

Questi bambini potrebbero essere curati subito riconoscendo le loro intolleranze. Mi ricordo il calvario che ho vissuto nell’adolescenza senza che nessuno riuscisse a capire perché avessi mal di gola, mal di testa, due interventi alle tonsille, cure di penicillina, stavo sempre male, portato da specialisti vari. Signora, il suo bimbo ha la faringite cronica, che per me suonava come se dovessi morire dopo qualche giorno. Sarebbe bastato solo fare un test accurato.

LE ALLERGIE DANNO EFFETTI ISTANTANEI

Vanno evidenziate le differenze tra allergia e intolleranza. L’allergia implica reazioni immediate che accadono immediatamente dopo l’ingestione dell’alimento critico. L’allergia viene mediata da cellule immunitarie come basofili, neutrofili ed eosinofili, oltre che da immunoglobuline, gli anticorpi che spesso agiscono in modo esasperante nei confronti di certe molecole. Tutte cose misurabili mediante test di laboratorio.

LE INTOLLERANZE VANNO RIFERITE ALLE SOSTANZE PROTEICHE

L’intolleranza è un’altra cosa. Non c’è rapporto causa-effetto immediato e pertanto non si riesce a vedere la correlazione, non è mediata da cellule immunitarie e immunoglobuline. Cos’è allora? L’intolleranza si può definire come incapacità parziale o totale di metabolizzare una determinata proteina. Le intolleranze riguardano le proteine, per cui tali sostanze vengono buttate lì, accumulate, il corpo non riesce a lavorarle e diventano materiale spazzatura, residui tossici o tossine in putrefazione. Fin che l’organismo le accumula può anche non avere alcun sintomo. C’è chi ha la capacità di accumulare per 30-40 anni, pur avendo una intolleranza ignorata fin dalla nascita. Dipende dalla costituzione del singolo e da altri fattori.

LE TOSSINE SI DEPOSITANO NEI VASI LINFATICI

Dove si accumulano le tossine? Soprattutto nei vasi linfatici. Ecco spuntare il famoso linfatismo. Le tossine ce le creiamo noi all’interno, e se ne stanno rintanate nei linfonodi ingrossati. Se poi andiamo ad intasare pure gli spazietti infinitesimali tra le varie cellule, che formano il tessuto unico e più grande che abbiamo, chiamato matrice extra-cellulare da cui arriva nutrimento e ossigeno, compromettiamo il tutto, per cui diventa difficile nutrire ed ossigenare le cellule. Se la linfa si intasa, se i mesenchimi si intasano le cellule continuano a buttar fuori robaccia e cominciano a sbuffare, non respirano più.

INSORGENZA DELLE INCAPSULAZIONI DETTE TUMORI

L’organismo dice che così non si può andare avanti. O portiamo via la spazzatura o la bruciamo. La soluzione arriva creando e sviluppando i tumori che sono vere e proprie incapsulazioni di veleni e di spazzature. Ed è qui che scatta il grande scontro tra Medicina Naturale e Medicina Convenzionale. L’organismo accende un fuoco, una infiammazione locale chiamata gastrite o colite o altro. Oppure fa un grande falò generale con un rialzo di temperatura. Tutti noi bruciamo in continuazione del carburante anche a 37°C e dintorni, è fisiologico. Ma se devo bruciare spazzatura eccedente porto la temperatura a 38-39°C e non devo esagerare col fuoco.

SPEGNERE LE INFIAMMAZIONI CON TERAPIA SHOCK O TOGLIENDO LA LEGNA DAL FUOCO?

Di fronte a un fuoco che brucia, localizzato o generale, cosa fa la Medicina? La Medicina Chimica, o la Medicina della Fretta, butta dell’acqua e spegne il tutto in 3 giorni, con qualche fumo e qualche puzza di bruciato. Paziente contento. Passato il mal di gola. Ma che bravo quel medico lì. Ma come sappiamo le cose non vanno mai lisce come sembra.

CARATTERISTICHE DELLA MEDICINA INTELLIGENTE

La Medicina Intelligente è quella che:

  1. Non si limita a curare i sintomi ma cerca piuttosto di vederci chiaro, di capire le cause e curare le cause
  2. Non ha protocolli, e pertanto cerca di curare il paziente come persona e non come malattia schematizzata
  3. Si apre alla fisica e non soltanto alla chimica
  4. Pensa in grande e sempre a favore della persona
  5. Non prende in giro la gente, inventando cause improbabili, tirando fuori alibi come il virus, non a caso invisibile, o dando colpe al paziente che è spesso suo malgrado ipocondriaco e depresso.

DISTANZE ACCORCIATE GRAZIE AL DR MASSIMO CITRO

Diciamoci la verità, le distanze tra la Scuola Igienistica e la Medicina Intelligente risultano accorciate. Ce ne fossero di medici che spiegano in dettaglio i termini che usano e i fatti storici che hanno portato la medicina a quello che essa è oggi, nel bene e nel male, soprattutto nel male, purtroppo, come lo stiamo vedendo e sperimentando tutti i giorni a nostro discapito. Non si tratta soltanto di una lotta alla Medicina della Fretta, ma anche alla Medicina degli Inganni. Esiste pure una importante tesi di laurea alla HSU-HealthScienceUniversity ad opera di Davide Ancona Prete, uno dei nostri superlativi studenti. Si tratta di un documento eccezionale dal titolo “Dalla Medicina degli Inganni alla Scienza della Salute”, ottenibile presso [email protected]

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x