LA NOSTRA IGIENE NATURALE IN TV STASERA CON LE IENE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

MESSAGGIO DA CRISTIAN PARASKEVAS CON RIPORTO SU FACEBOOK

Ciao Valdo, ho appena ricevuto il messaggio di Cristian Paraskevas autore storico del programma Le Iene di
Mediaset Italia 1 che recita così: “Il servizio sulla storia di Antonio Diaco andrà in onda stasera 5 marzo alle 21,45”. Io, da parte mia, sulla pagina personale facebook ho postato questo messaggio:

LA NOSTRA ARTE AUTO-GUARITIVA STASERA SULLO SCHERMO TIVU

Questa sera sul programma “Le Iene” si parlerà di autoguarigione mediante una corretta
Alimentazione Naturale, secondo i programmi della Scienza Igienista di antica matrice, da Pitagora a Ippocrate, da Parmenide a Galeno, da Marco Aurelio alla Scuola Salernitana, fino ad arrivare ai giorni nostri con Shelton, Tilden, Ehret e Valdo Vaccaro.

CURIOSITÀ GENUINA DEGLI AUTORI

Nessuno di loro sarà naturalmente menzionato, ma nel nostro cuore sta scolpito il messaggio che abbiamo lanciato alcuni mesi fa, quando la nostra iniziativa ha innescato la curiosità degli autori. Autori motivati non solo da rissosi spettacoli e da provocazioni televisive, ma anche da interesse genuino per verità scomode e nascoste. Ce lo hanno dimostrato visitando la nostra sede.

CHI È TRASPARENTE E VERITIERO NON TEME CONFRONTI

Un saluto a te Valdo. Questa sera guarderemo e domani saremo pronti, nel caso, a rispondere a chiunque volesse sapere di più sull’Alimentazione Naturale ed il suo grande potere di riequilibrio e di auto-guarigione.

Lucio Landolfi

http://www.iene.mediaset.it/video/273/trincia-alimentazione-e-malattie_443273.shtml

Condividi con i tuoi amici.

12 commenti

  1. sto guardando il servizio ora..
    bellissima testimonianza, per chi guarda il programma e non ne sa nulla può essere un incentivo!!!!
    Bravissimo il figlio..averne di figli così!!!
    la De Petris è fantastica, ha dato un parere autorevole e "credibile".
    Grazie per la segnalazione, questi non sono miracoli!!!

  2. Ho appena visto il servizio delle Iene, ne sono rimasto entusiasta, il programma è molto seguito, specialmente dai giovani.
    Molte persone quando sentiranno "vegano?", ci guarderanno con altri occhi, grande la De Petris, ce ne fossero tanti come lei!
    Grazie a Lucio,se non fosse stato per lui, avremmo perso la trasmissione

  3. Roberto Cinelli on

    Si ma l altro servizio quello con la Visita all'Ava e intervista a Valdo?

  4. stamattina sono stato contattato da 4 colleghi qui in ufficio … ''ieri la tv ha detto le cose che fai e dici tu,, … hanno voluto tutti qualcosa da leggere sull'argomento,tutte persone con stomaci disastrati, borse peine di momendol e antidolorifici vari, intestini problematici .. sono mesi, anni che gli dico sempre le stesse cose e ieri sera si sono svegliati tutti .. incredibile il potere della televisione … temo pero' sara' uno sparo nel buio … vedremo .
    Lucio, sabato vado a provare il ristorante vegan che mi hai indicato … ti faro' sapere , saro' spietato .. ^_^
    a presto
    andrea

  5. zdenek zeman on

    ragazzi io ci andrei piano con questo entusismo, le Iene non è un programma cosi "limpido"come sembra tagliano e cucino i servizi a loro piacimento e poi dopo il servizio hanno mandato il commento dell'oncologa nutrizionista che metteva in guardia i telespettatori che solo l'alimentazione in alcuni casi non basta,non tutti i casi sono uguali,etc etc,le solite balle.A me questo sembra un bel cavallo di troia.OCCHIO VALDO

  6. Manuela Gatti on

    … soprattutto la Dr.ssa De Pretis durante l'intervista ha affermato che bisogna andarci piano e che bisogna sempre rivolgersi al medico per intraprendere un percorso di cura basato sull'alimentazione vegetale … ma poco prima aveva affermato che i medici non hanno alcuna formazione relativamente all'alimentazione in relazione alle patologie e che non sono aggiornati sugli studi recenti! ad ogni buon conto, forse qualcosa comincia a muoversi!

  7. Salve a tutti.
    Ho visto anch'io il servizio e confermo che in merito al programma bisogna essere molto cauti. Posso dire inoltre di aver assistito all'ultima conferenza del Dott. Vaccaro a Roma e Paolo Trincia, intervenuto alla fine della conferenza stessa, sembrava più in vena di scherzo goliardico che in cerca di conoscenza. Il rischio è che l'assoluta sincerità del protagonista del servizio di ieri e dei suoi familiari, possa essere scambiato per credulità popolare. E noi sappiamo che nessuno di coloro che hanno fatto la nostra scelta ha aderito all'igienismo naturale per semplice credulità. La scienza ufficiale non può prescindere dalla statistica e il Sig. Antonio purtroppo non fa eccezione. Di positivo c'è che il messaggio comincia a trasferirsi e la televisione nel bene e nel male costituisce un medium formidabile ai fini della sua diffusione e propagazione. Speriamo che di tentativo in tentativo si superi il tipping point oltre il quale il meccanismo virale della comunicazione massmediatica favorisca la penetrazione della verità in ogni famiglia.

  8. Alla dottoressa (anzi ad entrambe) consiglierei la riflessione di Upton Sinclair: È difficile far capire qualcosa ad una persona, quando il suo stipendio dipende dal fatto di non capirla.
    Comunque, che società del caspita … solo la tivvù ha il potere di referenziare qualcosa. Che mondo idiota abbiamo costruito.

  9. Io ormai ho contratto il triste vizio di non guardarla, se non raramente. Ma Mediaset non me la filo da più di 20 anni per scelta. La tv è alcalina in partenza, ma le sue ceneri finali sono acide….addirittura ustionanti…..specie se gli dai fuoco.

  10. mark wind's on

    Nota per la stampa su servizio “Le Iene” – 5 marzo
    "Milano, 06 marzo 2014 –" L’IRCCS Ospedale San Raffaele, in riferimento al servizio "“Alimentazione e malattie. La storia del tumore guarito di Antonio”", in onda durante la trasmissione Le Iene (Italia 1, mercoledì 5 marzo), dichiara che nessuno studio in tal senso è in corso presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele e osserva che ad oggi non esiste alcuna dimostrazione del valore della dieta come terapia oncologica. Alcune attenzioni dietetiche possono avere ruolo e spazio nell’inquadramento generale di una terapia oncologica come di terapie per altre malattie, ma nella pratica clinica nessuna dieta può sostituirsi alla chirurgia, alla radioterapia e ai farmaci nel curare i tumori.
    L’IRCCS Ospedale San Raffaele precisa inoltre che la dr.ssa Michela De Petris è consulente dell’Ospedale dove svolge attività ambulatoriale in ambito nutrizionistico. La dottoressa, nell’intervista, ha tuttavia espresso opinioni personali. L’Ospedale puntualizza che il caso clinico oggetto del servizio si riferisce ad una persona che non è stata seguita dalla dr.ssa De Petris presso il San Raffaele, ma in altre strutture sanitarie.
    La Direzione Sanitaria
    IRCCS Ospedale San Raffaele

  11. mark wind's on

    Mercoledì 5 marzo a "Le Iene" su Italia1, è andato in onda un interessante servizio tutto documentato su come un signore malato di tumore sia riuscito a bloccare la malattia grazie anche all'introduzione di una alimentazione vegana, prevalentemente crudista.

    Qui il servizio:
    http://www.iene.mediaset.it/puntate/2014/03/05/trincia-alimentazione-e-malattie_8380.shtml

    Intervento di Angelo Bavaro:
    "Michela, dott.ssa sia privata ma anche specialista al San Raffaele di Milano, ha dato la sua disponibilità a spiegare alle telecamere in che modo tutti i suoi pazienti siano riusciti a trarne tanto beneficio. Consiglio di vedere il servizio. 
    Il giorno dopo ha iniziato a ricevere migliaia di chiamate da tutta Italia a cui lei sta cercando di dare risposte, perché è una persona eticamente corretta.

    L'ho incontrata oggi e mi ha detto che ieri il suo primario del S.Raffaele l'ha chiamata e l'ha licenziata in tronco.

    Lei mi ha spiegato che il suo ospedale prende molti soldi dalle cure farmacologiche che danno ai pazienti malati di tumore e quindi , per interessi prettamente economici, il suo intervento ha danneggiato la struttura.

    Ebbene, Michela, che è una grande professionista, guardandomi negli occhi mi ha detto che lo rifarebbe altre cento volte, perché è molto più importante informare le persone piuttosto che lasciarle all'oscuro di certe cose così importanti solo per interessi economici.

    Queste sono esattamente le parole di Michela, quindi non è una mia interpretazione. Lei stessa mi ha chiesto di aiutarla a diffondere la verità al fine di aiutarci.

    Grande stima da parte mia, cara Mic."

    Con questa petizione dichiariamo assoluto sostegno per la Dottoressa e Nutrizionista Michela De Petris, licenziata ingiustamente, cercando di diffondere il più possibile questo fatto ignobile.

    http://firmiamo.it/sostegno-alla-dott-ssa-depetris–licenziata-ingiustamente