LE TIROIDITI E IL FARMACO DELLA SERENITÀ

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Futura mamma, amante della natura e degli esseri viventi

Buonasera V, le scrivo per chiedere il suo consulto, dopo aver letto di lei su internet.
Sono rimasta molto colpita da alcune tesine lette, ed ho trovato molta affinità di pensiero.
Da anni non prendo medicinali.
Sono amante della natura e degli esseri viventi.
Mi chiamo Sonia, ho 36 anni e sono al quinto mese di una meravigliosa gravidanza.

Ribellione alla dipendenza farmacologica

Mai una nausea e mai un disturbo.
La morfologica fatta l’altro ieri dice che il bambino è sano, cioè nella norma.
Fin dall’inizio i valori del sangue erano a posto, tranne quelli della tiroide che sono stati un po’ ballerini.
Il responso della endocrinologa e della ginecologa è stato logicamente Eutirox.
Io ho deciso di non prenderlo, tenendo sotto controllo i valori ogni mese.

I valori tiroidei registrati a più riprese

Al 13/3/10 TSH (ormone tireostimolante) 4.99 (valori rif. 0.27 – 4.20)

Al 19/3/10 FT3 3.09 2.00 – 4.40
FT4 1.10 0.93 – 1.70
TSH 3.40 0.27 – 4.20

Al 23/4/10 FT3 2.85 2.00 – 4.40
FT4 0.89 0.93 – 1.70
TSH 3.79 0.27 – 4.20

Al 5/6/10 FT3 2.75 2.00 – 4.40
FT4 0.80 0.93 – 1.70
TSH 3.86 0.27 – 4.20

L’inconcepibile terrorismo della ginecologa

Oggi, la ginecologa, visti i valori e saputo che non avevo preso l’Eutirox, mi dice che non va bene e che ci sono probabilità che il funzionamento cerebrale del mio bambino ne risenta, che dalle ecografie non si vede se il cervello ne risente, e bla-bla-bla.
Il suo intento era mettermi un sacco di paura perché io non mi sono fidata scioccamente degli specialisti, mentre non è niente prendere il farmaco, e altre amenità del genere.

Infastidita giustamente dal ricatto psicologico della medicina

Tengo a precisare che il mio bambino sta bene ed è forte, sano e intelligente. Ne sono semplicemente sicura.
Come mamma alla prima esperienza sono rimasta infastidita da tali posizioni, e cerco persone esperte che mi aiutino a capire.
La stessa endocrinologa ha ammesso che i miei valori non sono affatto sballati.
Eppure ti spaventano ugualmente dicendoti che, se stai senza farmaci, le conseguenze possono essere gravi.

Mia situazione alimentare

La mia alimentazione è varia. Non sono vegetariana, ma mangio poca carne e poco pesce, verdura cotta e cruda, dolci ogni tanto e bevo tanta acqua.
Le chiedo gentilmente un parere in merito, e anche quanto possano incidere i miei valori sulla salute del mio bambino.
Cordiali saluti.
Sonia

*****

RISPOSTA

Viviamo in un mondo di dogmi e di imbrogli, di mediocrità e corruzione

Gira per il mondo il dogma che senza Viagra non si riesca più a copulare.
Gira per il mondo il dogma che senza caffè, senza aspirine, senza B12, senza integratori, senza cloruro di magnesio, senza Omega-3 da pesce, senza cola e senza hamburger, la terra sprofondi.
Gira per il mondo il dogma che senza Eutirox le donne è meglio che cambino sesso e rinuncino per sempre alla loro femminilità, fatta anche di alti e bassi e di piccoli cambi di umore.

Prima cosa da fare? Cambiare ginecologa.

Ti consiglio per prima cosa di cambiare ginecologa perché, Eutirox o non Eutirox, è un reato gravissimo spaventare la gente, soprattutto una mamma in gravidanza, con ipotesi inquietanti e tutte da dimostrare.
Purtroppo quel bruttissimo e inguaribile vizio di terrorizzare le persone è insito nella medicina, per cui non è facile nemmeno trovare altri specialisti che ne siano immuni.

Terrorizzare la gente, e soprattutto una mamma in attesa, è odioso reato da codice penale

Terrorizzare significa già far sballare i valori, fare del male alle mamme e al bambino che portano in grembo. Quella dottoressa farebbe bene a chiederti scusa e a riconoscere il suo grave errore.
Altrimenti può sempre trovare una buona sistemazione presso il consorzio produzione patate.
Ricordiamoci che l’Eutirox non è un cibo o una sostanza benefica, ma un veleno autentico, come del resto tutti i farmaci dal primo all’ultimo.
Ricordiamoci che oltre ai danni di breve e lungo periodo, mai abbastanza chiariti ed evidenziati, esso crea dipendenza.

Ti serve il farmaco della serenità

Non pretendere da me esperienze cliniche specifiche coi farmaci, in quanto non sono medico ma igienista, e quindi anti-farmaco per principio.
Ti posso però dire che non sei la prima a rifiutare l’Eutirox e a trovarsi bene.
Non esiste che una persona debba per forza ricorrere a quella soluzione.
Questo è assurdo e ridicolo. Tu già sbagli a fare tutti quei controlli. Meno ti controlli e meglio è.
Il vero farmaco di cui hai bisogno è il farmaco della serenità, che le tue dottoresse non sanno nemmeno cosa sia.

La serenità deriva dalla coscienza di comportarsi al meglio e secondo natura, non certo dalla falsa sicumera derivante dall’assunzione di un veleno chiamato farmaco

Serenità non vuol dire autosuggestione e dire Non ho niente! Sono d’acciaio! Sono perfetta!
Serenità è il sentimento che pervade una persona quando sa che sta facendo tutto il possibile per mantenere responsabilmente il suo stato di armonia e di benessere.
Regolare i valori con un farmaco è già una scelta assurda. È già un clamoroso errore medico.
I valori esistono e variano in base a degli input esterni ed interni, in base alla dieta, alle condizioni climatiche, ai bioritmi, a meccanismi controllati dal sistema immunitario.
L’idea di guidare i valori farmacologicamente fa parte della solita arroganza medica.
La Natura è sovrana medicatrice (e regolatrice) dei mali, ci ricorda il grande Ippocrate, tradito in continuazione dai suoi allievi medici.

Occorre fare delle scelte di campo

Dirò di più, nella vita occorre fare delle scelte coerenti e decise. Prendere o lasciare. Stare con la medicina e col farmaco, e continuare ad alimentarci male, o stare con la natura e con l’igienismo, affinando la propria alimentazione e i propri stili di vita.
Nel caso tuo prospetterei un immediato cambio di dieta, con crescente intensificazione della frutta e delle verdure crude, inserendo germogli, avocado, mandorle e pinoli, crema di avena coi semini, miglio, grano saraceno, pop-corn, tanti fichi ora che stanno per arrivare, tirando via le grandi bevute d’acqua e sostituendole con tanti meloni gialli e tanta anguria, e così via.

La compresenza di due anime

Da quanto scrivi, c’è in te un’anima igienistico-naturale, ed è quella che ti ha mantenuta finora lontana dai farmaci, e che ti porta ad amare gli animali, o anche a ribellarti ai diktat assurdi delle specialità mediche.
Ma c’è pure l’anima distratta e accomodante, ovvero l’anima medicalizzata, quella che ti ha fatto adottare acriticamente una dieta non vegetariana, quella dell’un po’ di tutto e tanta acqua, così cara al mediocre ed incompetente nutrizionismo medico.

Abbraccia pure con serenità la dieta impeccabile del veganismo tendenzialmente crudista

Perché mai poca carne e poco pesce, se credi nella carne e nel pesce?
Forse per le balle sulla B12 e gli Omega-3?
Se credi nella carne e nel pesce devi mangiarne in quantità, perché sarebbe assurdo privarti di sufficiente apporto calorico.
Se non ci credi, devi eliminarli del tutto, e partire con una dieta vegana tendenzialmente crudista, l’unica al mondo in grado di darti impeccabiolmente tutto, in perfetto equilibrio.

Sarai costretta a fare un salto di qualità

E a quel punto diventa pure vietatissimo assumere dei farmaci.
Sia in fase di digiuno che in fase di dieta perfetta che ti fluidifica e ti purifica il sangue, prendere dei farmaci o anche delle bevande nervine o anche degli integratori, significa arrecare doppia e tripla offesa al tuo sistema immunitario diventato nel frattempo più sano e reattivo.
Ecco che a quel punto sarai per forza costretta a un salto di qualità verso un livello più virtuoso e ricco di prospettive salutistiche.

Una scelta di campo è d’obbligo

Occorre dunque fare una decisa scelta di campo.
Occorre darsi una impostazione culturale avanzata, rinnovata rispetto alle obsolete e fallimentari scelte della maggioranza, dominata dal regime del grana e dei biscotti, delle cole e della mortadella, dell’Eurirox e delle statine.
Leggiti pure la mia tesina Niente ormoni ma cibo vero, eros e spiritualità, del 12/6.
Anche il mio testo sull’alimentazione ti darebbe una mano a cambiare marcia coi cibi, in vista dei problemi alimentari e delle vaccinazioni, su cui sarai chiamata, una volta di più, a stare con la medicina oppure con l’igienismo, e a non perderti disorientata in mezzo al guado.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
1 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
1
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x