UNA LETTERA DA BRIVIDO SUL GLIFOSATO

LETTERA

SMETTILA DI MENTIRE SUL GLIFOSATO, IMPLORA LA MORENTE MARION COPLEY

Ciao Valdo, ti segnalo questo articolo, estratto e tradotto da Cristina Bassi dal sito Naturalnews di Mike Adams, che contiene la lettera con cui la scienziata dell’EPA, (Ente Protezione Ambientale USA), Marion Copley, implora la talpa della Monsanto, Jess Rowland, di smettere di mentire circa i pericoli del glifosato, di fare il suo lavoro e proteggere il pubblico anzichè gli interessi della Monsanto.

SONO NELLA TOMBA MA IO ALMENO HO FATTO IL MIO DOVERE

La scienziata ora morta ammonisce e supplica Rowland: “Ho il cancro, non voglio che queste serie questioni mediche vengano disattese prima che io finisca in tomba. Ho fatto il mio dovere”. La lettera in questione è venuta ora alla luce tra i documenti non sotto sigillo della Corte.
Elena Fasulo

*****

DOCUMENTO DI CRISTINA BASSI (titolo e sottotitoli di VV)

PREMESSA DI CRISTINA BASSI SULL’ARTICOLO DI MIKE ADAMS

Traduco questo articolo e lettera da NaturalNews, che in questo momento è nella bufera con google. Questo gli ha reso inaccessibili centinaia e centinaia di pagine. A seguito di molte proteste il sito è stato ristabilito. La motivazione rientra nel calderone delle “fake news”. Mike Adams, il suo proprietario, si è schierato con Trump. Io mi limito solo a tradurre i suoi articoli e lo faccio da anni. Trovo che gli scritti di Adams siano di grande utilità e portino riflessione e conoscenza su temi e verità dove il mainstream “si distrae”.

UNA LETTERA RAGGELANTE VENUTA ALLA LUCE TRA I DOCUMENTI NON SOTTO SIGILLO

La lettera che segue, della scienziata dell’EPA Marion Copley (ora morta di cancro), è venuta alla luce tra i documenti non sotto sigillo della corte, che originariamente erano stati rivelati da Right to Know e postati per esteso qui: Glyphosate.news document page. Qui il PDF del documento: USRTK website, qui il backup archiviato su Natural News.

“PER UNA VOLTA NELLA VITA FAI LA COSA GIUSTA!”

In questa lettera la Copley implora la talpa della Monsanto Jess Rowland di fare il suo lavoro e proteggere il pubblico anzichè gli interessi della Monsanto e dice: “Per una volta nella tua vita, ascoltami e non fare i tuoi subdoli giochi in cui la scienza è a favore di quelli che hanno messo una firma. Per una volta fai la cosa giusta e non prendere decisioni basate sul vantaggio di cui potrà risentire il tuo bonus”.

CORRUZIONE ED INTRALLAZZI TRA EPA E MONSANTO

La Copley accusa Rowland ed anche un’altra scienziata, Anna Lowit (tuttora all’EPA) di fare tattiche di intimidazione scientifica, per costringere gli scienziati EPA e i burocrati a cambiare le loro conclusioni in favore della Monsanto. La Copley avverte poi che gli scienziati EPA sono probabilmente corrotti dalla Monsanto. Sapendo di essere prossima alla morte, ma volendo essere di aiuto per salvare l’umanità dall’olocausto tossico della chimica, conclude con un messaggio a dir poco drammatico: “Ho il cancro e non voglio che queste serie tematiche mediche vadano disattese prima che io finisca in tomba. Ho fatto il mio dovere”.

*****

LETTERA DI MARION COPLEY A JESS ROWLAND, 4 MARZO 2013

GLOFOSATO PROGETTATO IN ORIGINE COME AGENTE CHELANTE

Jess, Da quando ho lasciato l’Ente a causa del cancro, ho studiato ampiamente il processo del tumore ed ho dei commenti sul meccanismo, commenti che potrebbero essere molto utili per il CARC (Cancer Assessment Review Committee) e che si basano sulla mia esperienza decennale della patologia. Prenderò una sostanza chimica per dimostrare la mia visione. Il Glifosato fu originariamente progettato come agente chelante ed io credo fermamente che si tratta dell’identico processo implicato nella formazione del mio tumore, ampiamente sostenuto dalla letteratura relativa.

ARGOMENTI DIMOSTRATIVI SULLA FORMAZIONE TUMORALE GRAZIE A GLIFOSATO E CHELANTI

  • I chelanti inibiscono l’apoptosi, il processo grazie al quale i nostri corpi uccidono le cellule tumorali,
  • I chelanti sono degli interferenti endocrini, implicati nella genesi dei tumori,
  • Il Glifosato induce la proliferazione dei linfociti,
  • Il Glifosato induce la formazione dei radicali liberi,
  • I chelanti inibiscono gli enzimi scavenger (spazzini) dei radicali liberi che per la loro attività richiedono Zn (zinco), Mn (manganese) o Cu (rame),
  • I chelanti legano e inibiscono lo Zinco, necessario per la funzione del sistema immunitario,
  • Il Glifosato è genotossico, una chiave per il meccanismo del cancro,
  • I chelanti inibiscono gli enzimi riparatori del DNA che richiedono co-fattori di metalli,
  • I chelanti legano Ca (calcio), Zn, Mg (magnesio), etc rendendo il cibo carente di questi nutrimenti essenziali,
  • I chelanti legano il calcio necessario per la risposta immunitaria mediata da calcineurina,
  • I chelanti danneggiano reni e pancreas, come fa il glifosato, un meccanismo che induce la formazione del cancro,
  • Un danno a reni e pancreas può portare a cambiamenti clinici nella chimica favorendo la crescita del tumore,
  • Il Glifosato uccide i batteri nell’intestino e il sistema gastrointestinale rappresenta l’80% del sistema immunitario,
  • I chelanti sopprimono il sistema immunitario rendendo il corpo suscettibile ai tumori.

GLIFOSATO PROBABILE CAUSA DI CANCRO

In precedenza il CARC era arrivato alla considerazione che il glifosato fosse “un possibile cancerogeno umano”. La patologia renale negli studi animali, porterebbe ai tumori con altri meccanismi sopraelencati. Ognuno di questi meccanismi, preso singolarmente, può causare tumori, ma il glifosato li causa tutti simultaneamente. È certo che il glifosato causi cancro. Con tutta l’evidenza sopraindicata, la categoria del CARC dovrebbe essere cambiata da possibile in “probabile cancerogeno umano”. I globuli del sangue sono assai esposti ai chelanti. Se un qualsiasi studio mostra proliferazione di linfociti, allora questo è una conferma che il glifosato è cancerogeneo.

LE CONOSCENZE SCIENTIFICHE DEL CARC SONO INDIETRO DI 10 ANNI

Jess, noi due abbiamo discusso parecchie volte sul CARC e tu hai spesso discusso di temi di cui non hai conoscenza, cosa che non è etica. Il tuo banale diploma in MS (Master of Science) del 1971 in Nebraska è assai datato, quindi la scienza del CARC è 10 anni indietro rispetto alla letteratura relativa ai meccanismi.

NON PRENDERE DECISIONI BASATE SU QUANTO TI VIENE IN TASCA

Per una volta nella tua vita ascoltami e non fare i tuoi conniventi giochini politici con la scienza in favore di chi ci mette una firma. Per una volta fai la cosa giusta e non prendere decisioni basate sul vantaggio di cui potrà risentire il tuo bonus. Tu e Anna Lowit avete fatto intimidazioni sullo staff per ciò che concerne il CARC ed avete cambiato le relazioni finali MI ARC e IIASPOC per favorire l’industria.

GREG ACKERMAN DOVREBBE CONOSCERE QUESTE COSE

I chelanti chiaramente sono interferenti nei segnali del calcio, una chiave che segnala la via in tutte le cellule e che media la progressione dei tumori. Greg Ackerman è ritenuto il nostro esperto sui meccanismi, ma non ha mai citato nessuno di questi concetti al CARC e quando ho cercato di discuterlo con lui, mi ha dissuasa.

GREG È SOVVENZIONATO DALL’INDUSTRIA ED ANCHE ANNA LOWIT PRENDE MAZZETTE

Anche Greg sta facendo i tuoi giochini politici, è incompetente o ha in qualche modo un conflitto di interesse? Il tuo collega del Nebraska ha preso delle sovvenzioni dall’industria, chiaramente ha un conflitto di interesse. Promettimi di non autorizzare mai Anna al comitato del CARC, le sue decisioni non hanno alcun senso razionale. Se c’è qualcuno che prende mazzette nell’OPP questa è lei. Ho il cancro e non voglio che queste serie tematiche mediche vadano disattese prima che io finisca in tomba. Ho fatto il mio dovere.

Marion Copley, March 4, 2013

Traduzione e sintesi Cristina Bassi, per www.thelivingspirits.net

Fonte

*****

COMMENTO

LE MULTINAZIONALI SI PRENDONO GIOCO DEL MONDO INTERO

Gli imbrogli e gli scenari che si nascondono dietro le quinte superano di molto le peggiori ipotesi e le più orribili fantasie. Serve infatti che una persona di scienza debba crepare e che le sue confessioni post-mortem vengano recuperate in circostanze fortunate, per capire quanto realmente accade.

IGNORANZA E DISINTERESSE SULLE PORCHERIE CHIMICHE RIVERSATE SUI CAMPI E SULLE FALDE ACQUIFERE

Chiamare quanto succede intorno a noi allucinante è dire poco. Qualcuno potrebbe dire che si tratta di fatti che riguardano l’America e che non ci toccano da vicino. Il disinteresse per queste cose domina incontrastato, specie in Italia. La maggioranza della gente non sa neppure cosa siano il glifosato e il Round-Up. Non sa nemmeno che il 30% delle porcherie chimiche cosparse nei terreni agricoli d’Europa finisce proprio in Italia. Ed è proprio questa ignoranza e questo disinteresse collettivo che spianano la strada ai maxi-fabbricanti di questi micidiali veleni.

UN LASCITO MORALE DA TENERE BEN PRESENTE

La lettera di Marion Copley è una specie di lascito morale a ciascuno di noi e all’umanità intera. Facciamo in modo che la sua tragedia personale serva almeno a risvegliare le coscienze, serva almeno a far conoscere alla gente comune cosa bolle in pentola a sua insaputa.

IL GLIFOSATO CI RIGUARDA ECCOME

Il glifosato ci riguarda eccome, ci raggiunge e mette a repentaglio la nostra salute dovunque ci troviamo. Il Round-Up della Monsanto viene spruzzato e disseminato sui nostri campi e sui nostri giardini. Nelle campagne, nei parchi e nelle città. Ce lo ritroviamo nell’aria che respiriamo, nell’acqua che beviamo e nei cibi che mangiamo. Il paradosso dei paradossi è che i Consorzi Agrari e i Sindacati Agricoli si guardano bene dal costituire una barriera protettiva contro il glifosato, ma tifano per farlo entrare e per guadagnarci sopra.

CRIMINALE ATTEGGIAMENTO DELLE MAGGIORI MULTINAZIONALI NEI RIGUARDI DELLA NATURA, DELLA TERRA E DI CHI CI VIVE SOPRA

E poi non è solo una questione di glifosato. Quello che colpisce e che offende è l’atteggiamento criminalmente borioso e menefreghista nei riguardi dell’ecosistema, delle persone e degli animali che vivono sul pianeta. La Monsanto è legata alla Coca-Cola, agli zuccheri raffinati di bietola e di canna, all’aspartame, agli Ogm, a Big-Pharma, al Bilderberg, al sistema bancario e così via. Rappresenta uno dei vertici industriali, o se vogliamo la tipica multinazionale operante a livello planetario. Quando si dice che “Viviamo in un mondo infame, creato apposta per speculare ed abbindolare la gente, per farci ammalare e per renderci schiavi stabili delle cure mediche”, è proprio a questi centri di potere che ci riferiamo.

Valdo Vaccaro