MIELITE, SINDROMI PARALIZZANTI E MAL BRONZINO

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

EMOCROMATOSI E SALASSI

Gentilissimo Valdo, le scrivo questa e-mail perché vorrei tanto poter aiutare il papà di una mia carissima amica affetto da Emocromatosi al quale oggi, a seguito di esami clinici, gli è stata diagnosticata la Mielite. Sino ad ora per l’Emocromatosi ha fatto dei salassi, ma essendo al momento debilito, deve interromperli.

MIELITE SENZA SPERANZA DI MIGLIORAMENTO, SECONDO I MEDICI

I medici gli hanno detto che non può fare nulla per la Mielite, che non può guarire e che deve soltanto sperare che la situazione non peggiori. Ma com’è possibile? Io sono invece convita che qualcosa si può sempre fare, ed è per questo che chiedo il suo prezioso parere al riguardo. La ringrazio infinitamente e rimango in fiduciosa attesa.
Emanuela

*****

RISPOSTA

EMOCROMATOSI O MORBO DI ADDISON, O MAL BRONZINO

Ciao Emanuela, L’emocromatosi è termine di origine greca (hàima significa sangue e chromatos significa colore), e viene definita anche come diabete bronzino o mal bronzino o morbo di Addison (dal medico inglese Thomas Addison, 1793-1860, che per primo diede una coerente descrizione della colorazione bronzea della pelle, dovuta ad anemia e ad alterazioni delle capsule surrenali). Trattasi di malattia metabolica dovuta a notevoli accumulazioni di ferro inorganico nel fegato, nel pancreas, nel cuore, nelle ghiandole endocrine e in zona cerebrale.

SINTOMI E RIMEDI

E’ una patologia caratterizzata da una pigmentazione della pelle di colore grigio-bruno, accentuata alle mani e ai piedi, con anomalie del gran simpatico (regolatore intestinale) e della corteccia midollare ispessita che produce adrenalina in eccesso, problemi renali. I sintomi sono la svogliatezza, la stanchezza fisica e psichica, i dolori muscolari, l’abbassamento di pressione, l’abbassamento della riserva alcalina (turbato rapporto sodio-potassio), disturbi alla sfera digerente, vomiti e diarrea, senso di freddo. Richiede riposo e dieta crudista, in particolare centrifugati di tutti i tuberi possibili e inclusione del sedano e del sedano rapa, oltre che cavoli e carote.

IL MEDICO CHE ALZA BANDIERA BIANCA VA RISPETTATO

Per la mielite, non mi sorprende troppo l’opinione medica del “Non può guarire e non c’è altro da fare che la speranza di non peggiorare”. Tutto sommato la trovo più innocente ed onesta di chi invece continua a somministrare corticosteroidi nell’assurda pretesa di attenuare il processo infiammatorio coinvolgente il midollo spinale, senza nemmeno conoscere poi il motivo dell’infiammazione.

MIDOLLO SPINALE E DERIVAZIONI

Il midollo spinale è un’esile struttura nervosa in cui passa una varietà di connessioni nervose, e questo fa capire l’estrema complessità del problema. Oltre alle mieliti (infiammatorie) ci sono anche le mielopatie di natura non infiammatoria, che sono anomalie metaboliche, vascolari, traumatiche, compressive, da radiazioni.

MIELITE SIGNIFICA MIDOLLO INFIAMMATO

In greco, il termine myelòs significa midollo. La mielite è un processo infiammatorio a carico del midollo spinale, e prende diversi nomi a seconda della sostanza colpita (pan-mielite se coinvolge tutto il midollo, poliomielite se riguarda la sostanza grigia, leuco-mielite se riguarda la sostanza bianca), e a seconda della estensione (mielite trasversa, con 1-3 neuromeri in verticale e quasi tutto il midollo in orizzontale, mielite diffusa, con tutto il midollo coinvolto, mielite disseminata a focolai multipli, encefalo-mielite, coinvolgente il sistema nervoso centrale e dunque il cervello o encefalo nell’assieme, e meningoencefalite, coinvolgente le meningi, neuro-mielite, a carico del midollo e del nervo ottico, capaci di portare alla cecità).

UNA VASTITÀ DI SINTOMI E DI PATOLOGIE

I sintomi sono alterazioni febbrili, formicolii, sensazioni anomale, debolezza muscolare, difficoltà di coordinazione e di equilibrio, deficit motori e sensitivi di varia natura, con emiplagie (paralisi che colpisce la metà del corpo), paraplegie (paralisi agli arti inferiori) o tetraplegie (paralisi a tutti gli arti). Parlare di mielite significa parlare inevitabilmente di paralisi, di neuroni e di sistema piramidale, di lupus, di Parkinson e di sclerosi multipla. Significa parlare di poliomielite, una parola che fa tuttora molta paura. Ho al riguardo importanti tesine che allego e ripropongo.

TESINE ALLEGATE

SHELTON E LE ISTERIE COLLETTIVE PER LA POLIO

Vale la pena di sentire in sintesi il parere ultra-competente di Herbert Shelton sulla poliomielite nei bambini. Dal punto di vista anatomico parliamo di infiammazione della materia grigia nella corda spinale, con distruzione delle cellule nervose, con febbre e rapida paralisi di vari muscoli. Le epidemie di polio sono per lo più prodotto della struttura sanitaria del luogo, bravissima a creare il panico e l’isteria collettiva chiudendo parchi, piscine, scuole, e spruzzando veleno lungo le strade, lanciando campagne anti-mosca ed anti-zanzara. I medici in questo caso vengono istruiti, mobilitati e militarizzati dai rispettivi Ministeri della Salute e dalle Multinazionali del Farmaco, che non aspettano altro che queste situazioni per ampliare i loro maxi-introiti.

LE PUTREFAZIONI INTESTINALI CAUSA PRIMA DI POLIO

Parlare di responsabilità significa fare non scienza ma sciamanesimo. Parliamo piuttosto di dieta alto-proteica che ha molto più senso e serietà. Le digestioni malmesse e mal-combinate portano a putrefazioni lungo il canale intestinale. I bambini dei vegan crudisti non hanno registrato, che io sappia, un singolo caso di polio nelle varie crisi epidemiche di questo paese. La stessa cosa riguarda gli adulti.

METTI SOTTOSOPRA LO STOMACO E CREI LE BASI PER OGNI PATOLOGIA, INCLUSO LA POLIOMIELITE PER I SOGGETTI ANSIOSI

Mangiare frutta con cereali, frutta col pane, frutta con lo zucchero, panini infarciti di pollo e maiale, hamburger, patatine fritte, merendine e coca-cola è già sufficiente per mettere sottosopra qualsiasi stomaco umano. Eppure i medici pretendono di negare il fatto che la dieta abbia delle responsabilità, essendo stati ovviamente istruiti per bene dalle imprese farmaceutiche. L’aumento nel consumo di coca-cola e di bevande gassate ed imbottigliate trova strane correlazioni con l’aumento della polio.

È RISAPUTO NEL MONDO INTERO IL RUOLO MICIDIALE DELLE BEVANDE GASSATE E DOLCIFICATE CON ZUCCHERO O ASPARTAME

Non dimentichiamo che queste bibite contengono la massima aberrazione mondiale che si chiama zucchero, più cloranti artificiali, più acido fosforico, più caffeina ed altri alcaloidi. Sostanze che rubano calcio al corpo e, nella polio, c’è sempre deficienza di calcio. Non siamo in grado di provare con certezza che coca-cola, fanta, sprite, pepsi, gatorade, redbull e simili siano causa di polio, ma sappiamo che l’uso di queste bevande produce effetti deleteri sulla digestione di lungo termine e sulla nutrizione, contribuendo all’insorgenza della polio.

MALNUTRIZIONE FATTORE PREPONDERANTE NELLA POLIO E NELLE MIELITI

L’igienismo insiste nel mettere la malnutrizione ai primissimi posti tra i fattori di polio che, non dimentichiamolo, è essenzialmente una insufficienza, un blocco, un esaurimento, un fallimento del sistema nervoso. L’esperienza e le statistiche dicono con chiarezza che la polio si sviluppa sempre e solo tra i bambini malnutriti (o anche troppo nutriti, apparentemente ben messi), e tra i bambini che hanno subito insulti farmacologici e vaccinatori. La malnutrizione porta a putrefazione intestinale, e i vaccini portano a danni al sistema nervoso, per cui le malattie iatrogene o medico-causate sono tra i fattori determinanti della polio e di tutte le mieliti.

LA LEGGE DI CAUSA ED EFFETTO NON VA MAI IN VACANZA

L’immunità, intesa in senso medico, è una grande balla. Significherebbe in pratica sospensione della legge di causa ed effetto. Parlano di suscettibilità? Noi diciamo che la salute significa resistenza ed immunità, e che la salute rovinata significa suscettibilità. Se uno sta bene non è colpibile e non è suscettibile. “Diamo dunque ai bambini nutrizione migliore, case pulite, case arieggiate, sole tutti i giorni, niente farmaci e niente vaccini, e cresceranno in forma, senza bisogno di controlli medici , di analisi e di paure”, conclude il maestro americano della Natural Hygiene Society.

LA PRESENZA DI LINFOCITI GIUDICATA ANOMALIA E CAUSA IMMUNITARIA, ANZICHÉ LOGICA E GIUSTA CONSEGUENZA DI ERRORI A MONTE

Altri pareri, come quello di Ross Horne, concordano con la visuale sheltoniana. Le guaine mieliniche vengono sempre danneggiate in determinati punti. Si tratta dei punti dove la circolazione è mal-funzionante, ovvero dove le sottilissime venule linfatiche del cervello e della corda spinale ricevono il sangue dai capillari, nella sua via di ritorno verso il cuore. Dove il danno mielinico si produce crescono delle sottili placchette e, intorno ad esse, si osservano dei linfociti, per cui i ricercatori medici, quelli che vedono le cose non oltre il naso, accusano i linfociti dei guasti, parlando di malattia auto-immune.

IMMUNO-INCOMPETENZA O, PIUTTOSTO, MEDICO-INCOMPETENZA?

Si ripete la stessa storia dei batteri e dei virus, che, trovati in abbondanza in caso di crisi influenzali o di altre infiammazioni, vengono accusati di esserne la causa, mentre sono solo la conseguenza. Anche qui avviene la stessa brodaglia mentale. Verificata una intensa attività linfocitaria, si accusa il sistema immunitario di incompetenza, mentre tutta l’incompetenza sta nella medicina che pretende di sapere tutto, e sa forse il 2% o nemmeno della verità totale.

MISERO FALLIMENTO CONTINUATO DI TUTTE LE CURE MEDICHE

Tutte le cure mediche a base di cortisonici, di antinfiammatori, di antivirali e di antibatterici sono miseramente fallite. Tutte le vaccinazioni hanno prodotto grossi disastri, visto che batteri e virus sono totalmente estranei a queste malattie, al contrario di quanto continua a supporre con testardaggine e abulica intelligenza la scuola medica mondiale. I migliori medici in questo caso sono proprio quelli che, in tutta umiltà, accettano la sconfitta e umilmente non vanno a fare altri danni. “Stare tranquilli e non pensare a malattie incurabili”. “Stare rilassati e sperare che il corpo si riprenda”.

CAPITALE MONDIALE DELLE SINDROMI NERVOSE È LA SCOZIA, ED IN PARTICOLARE LE ISOLE SHETLAND

Fatto sta che la gente che vive con diete prive di cibi-spazzatura, di cibi grassi e di zucchero commerciale, e che vive in situazioni rilassate, prive di stress, non sanno cosa sia la sclerosi multipla e le varie forme di mieliti e di paralisi. La più alta percentuale di malattie nervose, mieliniche, paralitiche, sclerotiche, si ha nella Isole Shetland nella Scozia Settentrionale, con percentuale tripla rispetto a New York, nonostante l’ara buona della Scozia. Caso strano? Niente affatto. In Scozia si consumano diete particolarmente grasse, accompagnate da whiskey e da altri alcolici. L’alcol produce nell’organismo disturbi ormonali e aumento dello stress, immobilizzando nel contempo diverse azioni enzimatiche.

SANGUE FLUIDO E CLINICHE PRITIKIN

Sia la sclerosi multipla che le mieliti hanno molto a che fare con una cronica deficienza di ossigeno, causata dal sangue denso, dalla lipotossiemia e dalla viscosità. Nelle cliniche di Robert Pritikin a Miami e Santa Monica conoscono queste cose a memoria, e non è strano vedere gente che vi entra in carrozzella e ne esce a ritmo di jogging, sulle proprie scarpette di ginnastica. Nelle lesioni midollari risulta anche compromessa la facilità di minzione, per cui il sistema renale è pure indebolito.

DIETA VITALE, PENSIERI POSITIVI E STILI DI VITA VIRTUOSI

Tutto porta dunque a suggerire una dieta vitale, con tanta frutta la prima settimana, con frutta e verdura la seconda, con verdura e semi e cereali dalla terza in poi, mantenendo il sistema vegano tendenziale crudista a vita, se ci teniamo a mantenerci in forma e a non ricadere nei disastri mielinici. Oltre alla dieta ci vorrà movimento e ginnastica, con energici massaggi, con fregagioni di panno intriso di acqua fredda dall’alto in basso e dall’interno verso l’esterno, con esposizione al sole, e con un rasserenato modo di vedere le cose.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

1 commento

  1. Io sto male ,la diagnosi non è chiara, é sospetta Mielite..cosa devo fare per sapere con sicurezza di che male sono affetta?Grazie