NON MI AMMALO PIÙ DA QUANDO SONO VEGETARIANA

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

CERCAVO SPUNTI PER L’ARTRITE REUMATOIDE DI MIA MADRE

Buongiorno, anzi buon pomeriggio. Sono capitata sul Suo sito mentre mi documentavo per l’artrite reumatoide, malattia che affligge mia madre 48enne dall’età di 35 anni.

VEGETARIANA DA 4 ANNI E STO PUNTANDO AL VEGAN-CRUDISMO 50 PERCENTO

Ho 24 anni e dall’età di 20 sono vegetariana. Ora, sto lavorando e virando verso il veganismo. Sebbene all’inizio le mie fossero solo motivazioni etiche, oggi sono 50% etiche sì, ma anche di salute per il restante 50. Vorrei arrivare perlomeno ad un 50% di vegan-crudismo crudo, come primo obbiettivo. Ma non trovo altro che un pugno di ricette che non mi portano da nessuna parte, unitamente ad una grossa fetta di siti web che vendono super-cibi, ormai così di moda.

SONO LEGATA AI CEREALI  E HO DIFFICOLTÀ A GUSTARE LE VERDURE CRUDE

Per me è davvero difficile rinunciare ai cereali. Amo il pane e amo soprattutto la pizza. Da piccola, troppo schizzinosa, pur di farmi mangiare mi veniva dato più o meno qualsiasi cosa volessi. Le dico che apprezzo il minestrone ora, ma prima di diventare vegetariana lo detestavo. Le verdure crude, per me, risultano ancora perlopiù digustose.

PER ORA ME LA CAVO CON 2 MINESTRE DI VERDURE A SETTIMANA E CON MEZZO LITRO DI FRULLATO AL GIORNO

Risparmierò tutto questo ai miei figli, un giorno, svezzandoli già crudisti e portando avanti così la gravidanza, allenando loro il gusto. Per me, penso, è un po’ tardi. A volte non so come fare. Ho tentato di colpo, ma non riesco a cambiare facilmente. Allora, per adesso, mi impegno a mangiare due volte a settimana una bella minestra di verdure, nonché mezzo litro al giorno di frutta varia frullata, a stomaco vuoto.

MOLTA ACQUA E URINE MENO DENSE

Bevo prima del pasto. Mi sto impegnando a bere molto, a bere acqua naturale. Mangio anguria e melone, prima dei pasti perché sono molto acquosi. Da sempre dormo poco. Ora però ho iniziato a dover fare pipì almeno quattro volte a notte e molto spesso anche durante il giorno. Non ho più urine così dense da sembrare aceto di mele, per fortuna. Ogni volta che elimino, vado a bermi qualche sorso di acqua. Purtroppo, per ora, ho solo quella di bottiglia e non so dove reperirne di migliore.

FACCIO LA BRAVA E STO ALLA LARGA DAI MEDICINALI

Ho deciso per la pasta integrale, il riso integrale, la farina integrale mista a farina, di tipo 0 od 1 per ora. Ho deciso pure per il kefir di acqua con latte di soia. Vorrei farmi i saponi in casa e ho raccolto le radici di erba saponaria. Evito di ingozzarmi da sempre. Non tocco farmaci chimici da almeno 8 mesi, tranne lo scorso mese, per disperazione da dolori mestruali.

NON MI AMMALO PIÙ DA QUANDO SONO VEGETARIANA

Quando assumo qualcosa di sintesi, come la semplice mozzarella, mi sembra di avvelenarmi. Non mi ammalo più, da quando sono vegetariana. Qualche rado raffreddore che ho curato con aceto in risciacquo, qualche mal di stomaco curato con lo zenzero. Ciò che mi dispera è che non so come fare ad abituare il gusto e a levare la forte dipendenza dai cereali.

NIENTE PIÙ ANSIA E NIENTE PIÙ PSICOFARMACI

Ero ansiosa. Ho combattuto molto per potermi liberare dagli psicofarmaci che assumevo da un anno, in dose bassa di 8mg, benché la dose minima fosse 10mg, ed ora ce l’ho fatta. Sto bene. Medito, sto imparando, mi sento magnificamente. Mi interesso delle varie frequenze utili alla rigenerazione.

L’ONCOLOGO DI MIO ZIO, MALATO DI CANCRO AL COLON, GLI RACCOMANDA  UNA CURA A BASE DI SALAME

Purtroppo, mia madre non cambia il suo Methotrexate. Mio zio, scoperto un cancro al colon, ha un oncologo che gli consiglia persino il salame. Dopo 60 anni, soffrendo di colite ed intolleranza al lattosio, vissuti comunque bevendo latte vaccino ogni mattina benché stesse subito male, oggi cerca il latte senza lattosio. E così, pure la mia amica.

GENTE CHE SOFFRE E CHE STA MORENDO, MENTRE INVECE POTREBBE STARE MEGLIO

Io li vedo soffrire, li vedo morire, quando invece potrebbero stare meglio. Il suo blog mi ha aperto uno spiraglio. Spero tanto che possa darmi una mano. Io non lavoro da due anni e anche un libro mi viene caro, perciò mi servono cose mirate, utili, concrete. Mi può aiutare? La ringrazio anticipatamente per l’attenzione.
Andrea

*****

RISPOSTA

ISTRUZIONI UTILI PER SFRUTTARE AL MEGLIO IL BLOG

Ciao Andrea, l’aiuto che ti posso dare è invitarti a sfruttare al meglio il blog, scaricando tutte le tesine che vuoi in modo diretto e gratuito. Volendo cercare con urgenza dei titoli specifici, puoi cercare le parole artrite reumatoide, colon, cancro, tumore, dieta, alimentazione, vegan-crudismo.

STAI DANDO UN OTTIMO ESEMPIO

Per il resto non posso che complimentarmi con te per i piani di miglioramento dietetico che stai portando avanti. Stai dando il buon esempio e i tuoi famigliari dovranno prima o poi prenderne atto.

Quanto alle tue difficoltà con le verdure crude cerca di avere un approccio progressivo utilizzando le verdure più tenere e masticandole per bene. Le crudità si accompagnano benissimo con un buon pane integrale, e quindi potrai mantenere il tuo amato pane quotidiano. Pane e pomodoro maturo al naturale è un menu semplice e sobrio, oltre che salubre e digeribilissimo. Vanno bene anche pane e melanzane affettate e leggermente fritte col pan grattato. Vanno bene le tue minestre a patto di non cuocerle oltre i 15 minuti. Non occorre estromettere i cereali e gli alimenti che ti piacciono. Niente schemi e niente proibizioni, a parte il cibo macellato, gli zuccheri, i dolciumi, le cole, i cibi e le bevande spazzatura. Siamo per un vegetarianismo tendenziale e sostenibile, piacevole e personalizzato.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

39 commenti

  1. Finora con gli Andrea avevamo avuto delle esperienze non tanto positive. Finalmente un'Andrea decente! Se giri per il blog ti consiglio di leggere anche un pò i commenti di Francesco per avere un' idea dei possibili approcci al vegan crudismo fino alla versione….diciamo….più rigorosa. Almeno per avere un quadro esaustivo della materia.

  2. E' vero, Andrea, i cereali inducono forte dipendenza, come tutte le droghe, che contengono veleni che cambiano il nostro metabolismo cellulare, che poi è difficile ripristinare nel suo corretto stato originario perchè, senza questi veleni, i vecchi recettori cellulari rimangono insoddisfatti (astinenza) e, se non siamo noi a soddisfarli propinando loro la solita dose di veleno, faranno di tutto per giungere allo stesso risultato di placare questo loro (malsano) bisogno. Quindi io i cereali, pane compreso, te li sconsiglio vivamente, se non come cibo di transizione, cui si ricorre transitoriamente mentre andiamo gradualmente a ridurli, fino alla loro completa eliminazione (salvo qualche sporadico utilizzo residuale). Questo compromesso peraltro, mentre può tornare utile nella nostra lotta contro la dipendenza da cereali, produce anche l'effetto di frenare la detox (crisi eliminative) che solitamente si scatena quando si passa al regime vegancrudista. Detox che nel tuo caso, data la giovane età, non dovrebbe avere effetti dirompenti, come sarebbe invece nel caso di tua mamma, ammesso che lei volesse intraprendere questa strada, cosa a quanto pare piuttosto improbabile.
    L'alternativa ai cereali esiste e si chiama frutta: la frutta infatti contiene carboidrati (zuccheri) semplici, immediatamente digeribili, molto più dei carboidrati complessi dei cereali (a catena lunga e più complessa che l'organismo deve prima disintegrare con un duro lavoro/spreco di energia e solo poi assimilare). Ed è lo zucchero il nostro carburante, che però va somministrato insieme ad altri ingredienti/nutrienti, anzitutto l'acqua, ma anche sali minerali/vitamine/proteine ecc., tutte cose di cui la frutta è ricchissima, che devono necessariamente accompagnare lo zucchero affinchè questo venga assimilato in modo corretto, senza picchi glicemici che farebbero impazzire il nostro povero pancreas.
    La verdura ha solo una funzione integrativa della frutta (sali minerali, vitamine, proteine): parliamo della verdura cruda non amidacea, quindi della verdura a foglia larga e tenera (lattuga e c.), dei fruttortaggi (pomodori e c.), mentre la verdura amidacea (su tutte la patata) ha effettivamente funzione sostitutiva della frutta (e dei cereali) dato il suo elevato contenuto zuccherino. Verdura amidacea che richiede la preventiva cottura, e quindi può ritornare utile nella stagione fredda, quando un bel pasto caldo (serale) di verdura cotta (al vapore, o saltata in padella a cubetti, o sotto forma di zuppa) può diventare una soluzione desiderabile senza far danni all'organismo (al limite rallenta un pò la detox ma danni non ne fa). (continua)

  3. (segue) Quindi un esempio di menù sostenibile potrebbe essere il seguente: colazione frutta acquosa (anguria/melone in estate, agrumi e kiwi in inverno), pranzo frullato verde (banane 7 etti e lattuga 2 etti), cena frullato verde a base di frutta varia di stagione addolcita con qualche dattero più la solita lattuga (o spinacino). Questa è la base, quindi parliamo di due o tre chili di frutta e di mezzo chilo circa di verdura a foglia verde e tenera. Base che si può integrare e arricchire, secondo la fame e la voglia, con qualche spuntino di frutta o di verdura (anche sotto forma di succo) nonchè, quando fa freddo, con un piatto di verdura cotta (carciofi e patate, broccoli e crocifere in genere, zuppe in genere ecc. ecc.).
    Con un menù simile l'organismo viene posto nelle condizioni ideali per guarire da ogni vecchia magagna, sempre che non si tratti di danni irreparabili (purtroppo a volte ci sono anche questi): ma tutto quel che può essere guarito e ripristinato nel suo felice stato originario, il corpo lo guarisce effettivamente, grazie al suo famoso medico interno (sistema immunitario ecc.). Per questo non occorre ricorrere ai farmaci, perchè il corpo è perfettamente in grado di curare se stesso; anzi i farmaci sono dannosi, perchè combattono il sintomo (e non la causa) avvelenando il corpo, con l'effetto di spostare il problema nel tempo e su un'altra zona del corpo.
    La cosa curiosa è che questa guarigione effettuata dal corpo non avviene istantaneamente in modo quasi miracoloso, ma attraverso un processo di disintossicazione/riparazione (detox) più o meno lungo nel corso del quale il corpo si ammala (febbre, disturbi respiratori, gastrointestinali, sfoghi cutanei, infiammazioni varie anche dolorose, stanchezza e persino depressione): sì hai capito bene, il corpo ci guarisce facendoci ammalare. Nel tuo caso, ripeto, in modo leggero, perchè presumibilmente non ci sono grosse magagne da riparare, come invece succede più in là negli anni, specie in presenza di stili di vita disordinati consolidati nel tempo. Quindi quando si passa al regime vegancrudista non ci si deve spaventare se si viene colti da qualche malattia, anzi, perchè la malattia è proprio il passaggio obbligato per guadagnare la salute.
    In bocca al lupo.

  4. Questo, Andrea, per avere un'idea di quell'approccio più rigoroso di cui parlava Arvo passandomi la palla. La versione vegancrudista di Valdo Vaccaro è più semplice e, come lui ricorda, più facilmente sostenibile perchè, mantenendo i cereali, non affronta il problema della liberazione dalla dipendenza da essi. Questo vantaggio ha però anche qualche risvolto negativo, com'è facilmente intuibile. Il mio consiglio è il seguente: se i cereali sono ben tollerati, si possono mantenere nella dieta in modica quantità, ma se qualche intolleranza metabolica nei loro confronti, meglio liberarsene del tutto. A complicare le cose ci sta il fatto che spesso queste forme di intolleranza non sono appariscenti e facilmente individuabili, ma sono subdole e tanto più insidiose, manifestandosi ad esempio con ricorrenti affezioni alle vie respiratorie (di cui si incolpa il freddo o altre cose) nonchè con problemi di vario ordine all'intestino. In questi casi non resta che provare ad eliminare i cereali, e vedere se nel tempo (anche non breve) questi problemi tendono a risolversi in modo convincente e soddisfacente.

    • Scusa Francesco, il modello che segui permette anche un incremento ponderale? Vorrei mettere su un paio di kg ma senza cereali la vedo durissima.. Grazie

  5. Ancora una cosa: il corpo ci guarisce facendoci ammalare, ok, poi però, una volta guariti, non ci si ammala più e si vive felici e contenti. Il fatto che tu ti ammali meno di un tempo, potrebbe quindi significare che il tuo organismo ha già raggiunto un buon livello di pulizia interna. Anche se non è tuttavia da escludersi qualche ulteriore crisi eliminativa, che potrebbe insorgere qualora tu adottassi uno stile di vita più "virtuoso" e rigoroso di quello attuale, nel qual caso il tuo corpo verrebbe messo nelle condizioni di compiere un passo ulteriore verso un livello di salute superiore, previo però pagamento di un prezzo in termini di detox.

  6. Francesco se.fossi esistito 2000 anni fa avresti prevenuto lo " spezzare il pane per darlo ai suoi discepoli" che si sarebbe trasformato in :" tagliò la frutta per darla ai suoi discepoli". Ma ormai è andata così! In compenso Cristo usò spesso il simbolo dell' albero di fichi. Non ignorava la frutta.

  7. sì, solo prevenuto, senza però prender posto io stesso all'"ultima cena".

  8. Elisabetta on

    😀 Francesco, mitico!
    Anche Arvo/Roberto, perrò! Che ormai considero un amico:)

  9. Elisabetta, Totò diceva che è sempre meglio abbondare.
    Comunque,più seriamente, nel simbolismo biblico era un giardino con la frutta a farsi simbolo del Paradiso Terrestre che poi divenne inaccessibile dopo la caduta. Vi è in tutto ciò un' indicazione significativa che richiama alla condizione primeva del genere umano. I simboli adottati nei Vangeli si riferiscono evidentemente a realtà successive. E si parla appunto di pane e di vino.

  10. Elisabetta on

    La vita non si lascia decifrare così facilmente…
    Pensa al caso di Eleonora Brigliadori, autoguaritasi da cancro al fegato. Seguendo le indicazioni del dott. Hammer ma anche una dieta vegana che includeva meloni e pasta integrale di un tipo che ora non ricordo ma che tu senz' altro conosci.
    Ci sono persone che hanno adottato lo schema di Valdo e hanno portato testimonianze positive di guarigioni, senza arrivare nemmeno al vegan crudismo completo. Lo dico da persona che mira al frugivorismo (ancora cedo ai cereali integrali anche se più raramente di prima) e che ci crede tanto. Per togliersi una dipendenza (tale nel mio caso la considero) occore sì volontà, ma anche una certa serenità. Non bisogna forzarsi troppo o si producono risultati contrari. Nel mio caso però, per motivi che mi riservo di raccontare più avanti, penso i cereali non siano adatti. Ormai conosco abbastanza bene il mio corpo, e sono in grado di capirlo.

  11. Io ero partito senza avere problemi di salute rilevanti e nonostante fossi salutista e attento a tutte le questioni ad essa collegate, quando ho iniziato con lo schema Valdo, ho subito avuto benefici notevoli . Dunque i cereali per me non sono stati un ostacolo grande. E per forza devono essersi generate detox anche se io non le ho rilevate. Detto ciò ho ritenuto di doverli limitare drasticamente e da qui non credo mi muovero' più. Ritengo di avere altre strade da percorrere per mantenere la salute, se il caso lo richiede.

  12. Elisabetta, mi limito a ricordare cose abbastanza scontate che tutti più o meno conoscono, solo che finiamo volentieri per dimenticarcene, salvo poi fare "ah già" quando qualcuno ce le squaderna davanti.

  13. Elisabetta on

    Francesco, non direi che sono scontate, nemmeno in questo "piccolo mondo" che l' igienismo rappresenta. Se poi guardiamo al mondo in generale, meglio non parlarne. Ragazzini con la redbull in mano alle due di pomeriggio, e avresti solo voglia di gridare..
    Roberto, siamo più o meno allo stesso punto, ma io desidero nel tempo arrivare alla dieta di Francesco, con sgarri molto saltuari. Questo il mio desiderio. Credo che in caso di malanni le tecniche energetiche che anche tu conosci (e meglio di me) possano davvero fare la differenza. Io credo in queste "altre strade" cui credo tu ti riferisca, e credo anche che le crisi eliminative stesse si possano attenuare o forse anche azzerare con tali tecniche. Sento il frugivorismo come un' esigenza mia, che il mio corpo pare indicare chiaramente. Il discorso è lungo e ora non è il caso.
    Ti riferirò più in là di altri risultati e ti ringrazio anche qui pubblicamente per tutto il tuo preziosissimo aiuto.

  14. Si Elisabetta, credo che certe pratiche rendano la propria compagine psicofisica più elastica e meno propensa a resistere ai cambiamenti in atto. Aggiungerei i bagni derivativi e certe asanas yoghiche.

    • Scusa Arvo, come posso approfondire l'argomento tecniche energetiche che ogni tanto richiami nel blog? Grazie mille

  15. Elisabetta on

    E la meditazione, che felicemente la ragazza di questa mail pratica, e che spero di riprendere al più presto. In altri termini, spero di risolvere al più presto con le tecniche energetiche i problemi che mi avevano costretta a sospendere questa pratica dopo mesi di giovamento indiscutibile. Ciao!

  16. "spero di risolvere al più presto con le tecniche energetiche i problemi che mi avevano costretta a sospendere questa pratica dopo mesi di giovamento indiscutibile"
    Un po' comefosseantani?

  17. Elisabetta on

    Continuare a molestare la gente mostrando ignoranza maleducazione e aggressività, senza nemmeno la dignità di andarsene dove nessuno ti dà retta se non per compatimento, dovrebbe essere considerata una malattia mentale.
    Piantala di perseguitarmi su questo blog, sei un patetico incivile che va mendicando attenzione e più sfotti e dai fastidio più fai la figura dell' imbecille. Sei talmente solo e insopportabile che non hai nessuno che ti ferma dal fare queste figure di merda, come quei vecchietti che si abbassano i pantaloni davanti a tutti.
    Vai a farti curare, cretino.

  18. Antonio Armando on

    Non te la prendere Elisabetta, l'uomo (si fa per dire), è seriamente disturbato.
    Dobbiamo solo che ignorarlo.

  19. Elisabetta on

    Hai ragione Antonio, ma non è che si riesca sempre a resistere. Io l' altra volta sono dovuta sparire dal blog per un po' per essere lasciata in pace, lui è disturbato, ma diventano molestie persecutorie e io non sono tenuta a sopportarle.
    Comunque grazie, davvero. Sei persona molto sensibile, come già si evinceva da altri commenti. Che non ho commentato perché, come te, stavo male anche io.
    Un abbraccio:)

  20. Sicuramente ti perseguito, in effetti tispondo proprio solo a te. Io e il mio disturbo non ti perseguitiamo più, sentiti pure libera di scrivere quello che ti pare.
    Ciao!

  21. Antonio Armando on

    Nooo, prima chiediamo il tuo permesso!!!
    Sei proprio un personaggio. Guasto, ma pur sempre un personaggio.
    Ciao.

  22. Elisabetta non prendere sempre tutto come un attacco personale, non so quanti msg ho scritto e sarà la seconda volta che ho a che fare con te…vedi tu quanto possa veramente perseguitarti.
    Ps. Sarebbe lo stesso se fossi una donna?
    Pps. Nel msg precedente scherzavo…hai fatto confusione e ci ho scherzato su. Vi siete sbrodolati a vicenda sul post della risata e ora t arrabbia così? Eh dai…da quando prendo la vita con "filosofia" vivo decisamente meglio!

  23. Antonio Armando on

    No Elisabetta, non sono io ad essere elemento sensibile; è Andrea che è "stupefacente"!
    Grazie del complimento.
    Buona serata.

  24. Elisabetta on

    Non ci casco con quelli come te, Andrea. Non c'è niente di ilare o scherzoso in te. Sei malato e voglio essere lasciata in pace da te. Hai fatto quanto bastava perché io fossi costretta ad abbandonare il campo e sei stato cafone con Marianna come con nessun altro. Il problema è tuo con le donne, come è evidente. Elo dimostra il fatto che nei fai una questione sessista che io non ho sollevato. Il solito arrogante che poi fa la vittima. Un misogino idiota e prepotente. Consapevole e contento di "innervosire" una donna. Sei talmente psicopatico che c'è poco da scherzare.Stammi alla larga come ho fatto io con te, evitando di intervenire ogni volta che sputavi qui i tuoi delirii. Tutto contento di aver provocato per l' ennesima volta. Non sei uno da prendere alla leggera, sei un mentecatto che viene a spargere la sua miseria umana senza vergogna.
    Sei un poveraccio, ma di quelli che non mi fanno nessuna pena. Evita commenti su di me quando scrivo, o mi rivolgo all' amministrazione del blog, e non solo se sarà il caso.

  25. in effetti il ragazzo è piuttosto molesto, finchè non sarà bannato continuerà a disturbare, questo è poco ma sicuro (questa è solo l'ennesima zuffa che provoca, e non sarà l'ultima).

  26. Ne ho fatto un "problema sessista" perché così è e si evince da altre cavolate che ho letto.
    Ho trattato Marianna come qualsiasi altra persona, il resto é fuffa.
    Io sono malato…io…
    Ciao Elisabetta

  27. Elisabetta on

    Come previsto, lo psicotico non aveva niente di ilare… Psicotico e misognino, che naturalmente fa la vittima.Perché quello che lo mette di fronte alla realtà lo disturba e quindi deve rifiutarlo. Andrea, lasciami in pace! Quello che un idiota misogino come te legge in quello che scrivo rispecchia solo il suo proprio sessismo, e nient' altro. Se non ti vogliono bannare e continuerai a molestarmi (e non è colpa mia se sei un maschietto e donne qui non lo hanno fatto) andrò ben oltre il webmaster. Non commentarmi oltre. Sei avvisato. Fine delle comunicazioni.

  28. Antonio Armando on

    Andrea, falla finita. Cambia atteggiamento o cambia blog. Fai tu. 'Notte.

  29. (moderatore) @Elisabetta e @Antonio Armando: come già detto in passato, se continuate a chiamare in causa Andrea, non potete aspettarvi che poi non risponda.

    O lo ignorate quando scrive un commento che non vi interessa oppure, se proprio volete chiacchierare con lui su faccende che esulano questo post, provate a fare cosi':
    1) andate sulla pagina facebook di Valdo che richiama questo post

    2) usate la funzione "commenti" e continuate pure a parlare via chat
    Cosa ne dite?

  30. Antonio Armando on

    Hai perfettamente ragione.
    D'ora in poi silenzio radio assoluto col soggettone.
    Chiedo scusa a tutti.

  31. Antonio stiamo già allestendo una forca in piazza. Ma non ti preoccupare avrai prima un giusto processo. Chi preferisci tra il giudice Roy Bean e il giudice Carnevale? Quale sarà il tuo ultimo desiderio? Ah! Ho capito…lo immaginavo. Ma costerebbe 50 euro. Non ne avresti un altro?

  32. Antonio Armando on

    Se parli già di ultimo desiderio, mi sa che la sentenza è già scritta. Altro che giusto processo!!
    E prevista la possibilità di autofonanziarsi l'ultimo "desiderio"??!! 🙂

  33. Ci sarebbe un mutuo a fondo perduto il cui costo passerebbe poi ai familiari. Non è il massimo. Ma se tutto va bene riusciremo ad avere Carnevale l'ammazza sentenze. Pensa che se non sbaglio ha annullato oltre 900 (!!!!!) processi per soli vizi di forma. Ha dichiarato e poi ribadito che Falcone e Borsellino erano degli incapaci ed ora, assolto dall'accusa di concorso in associazione mafiosa, gli stiamo pagando con soldi da contributi, una pensione profumata rendendogli rilassante la vita. Una delle massime vergogne che si possano immaginare. Scusa l'off topic ma ogni occasione è buona per ricordare in che schifo di mondo viviamo. Quanto a Roy Bean era famoso nel vecchio West perché impiccava tutti senza distinzioni. Ma erano altri tempi! Ciao, scusa ancora la digressione.