Imola 28 Gennaio 2018, collegamento skype con Anne Givaudan)

UN MESSAGGIO PRECEDENTE DELLA GIVAUDAN

Voi siete tutti e tutte, popolo della Terra, esseri di luce. Sappiamo che non la pensate così di fronte alle azioni violente commesse da alcuni Terrestri. Comunque la luce, anche se soffocata da tempo, vive pure in loro. Se sapeste come la vita può essere semplice entrando in contatto con la vostra vera natura, voi stessi ne sareste sorpresi. Le vostre vite vi sembrano complicate e a volte “difficili”, ma siete voi a renderle tali. Volete Fare mentre non c’è niente da Fare perché tutto è già qui. Questo non è un invito ad abbassare la guardia, a rimanere inattivi e ad aspettare. L’impegno ci sta sempre. Ma la vostra difficoltà più grande è nella mancanza di consapevolezza e di fiducia in ciò che siete, in quello che sta racchiuso nella vostra anima. Siate solo presenti a voi stessi, il resto si aggiusterà immancabilmente intorno a voi. Saprete cosa Fare quando saprete Essere. Siete dei trasmettitori, non dimenticatelo e questo avviene a tutti i livelli del vostro essere.

CHI È ANNE GIVAUDAN

Autrice ormai celebre di ricerche e di libri ricchi di fascino e di mistero, spesso realizzati in stretta collaborazione col marito Antoine Achram, medico alla ricerca di un approccio globale capace di rispettare e di rintracciare le cause profonde della malattia, riconciliando scienza e coscienza. Qui si parla di viaggi astrali, di canalizzazioni energetiche di contatti con extraterrestri, di incarnazioni e reincarnazioni, oltre che di applicazioni di Terapie Futuristiche e di Terapie Antiche come quelle Essene.

ASSORBIMENTO DELL’ENERGIA UNIVERSALE TRAMITE I CHAKRA

La scienza non sta soltanto nel fare esperimenti nel tangibile e nel visibile, ma anche nel procedere verso spazio inesplorati come quelli dei viaggi fuori dal corpo, nel procedere verso i mondi sottili ed impalpabili, verso le energie nascoste che richiedono solo di essere capite e chiarite. I Chakra non stanno nel corpo fisico ma nel doppio eterico. La loro funzione principale sta nell’assorbire l’energia universale e nel ridistribuirla nel corpo.

UN MONDO ABITUATO ALLA MEDIOCRITÀ DELLA 3°DIMENSIONE

Finora, sia le persone comuni che la massa normalizzata e quindi il mondo in generale, hanno funzionato a livello della 3° Dimensione, quella poi che corrisponde al Manipura 3° chakra dell’Ayurveda, il plesso solare di colore giallo, legato all’ego e alla percezione di noi stessi, coinvolgente stomaco, fegato, pancreas.

IMPORTANTE PASSAGGIO DAL CHAKRA DELLO STOMACO A QUELLO DEL CUORE

Noi oggi stiamo vivendo in un’era di intensa ed accelerata evoluzione, un’era di intensivo cambiamento. Il passaggio è verso il 4° chakra Anahata, il più importante di tutti, il chakra del cuore di colore verde, legato all’amore, al cuore, ai polmoni e al timo. Si tratta del chakra  della sensibilità e delle emozioni profonde, ma anche del chakra di accesso ai chakra superiori. La 4° Dimensione trasforma le nostre energie, chiarisce le nostre vite precedenti, allarga la coscienza e la percezione.

ETERIZZAZIONE DEL PIANETA TERRA

Stanno accadendo importanti fenomeni a ritmo impressionante. Ci sono voluti anni per procedere dal 1° al 2° e al 3° chakra, ci sono voluti decenni per arrivare a dei cambiamenti. Nella seconda dimensione la realtà è piatta. Oggi invece tutto succede più rapidamente. Assistiamo alla eterizzazione della Terra con spiccato impulso alle attività di chiaroveggenza, con accresciuta conoscenza del mondo astrale, con connessioni telepatiche tra gli esseri viventi. C’è un deciso aumento di sensibilità, un feeling di connessione coi mondi sottili.

DOPO ANNI DI CHIUSURA CI SI APRE FINALMENTE AL MONDO ESTERNO

Per troppo tempo non c’è stato accordo e sintonia col mondo esterno, con le persone che ci circondano. Oggi tutto è in rapida trasformazione. Io ricevo delle persone che all’improvviso si sono sensibilizzate ed entrano in contatto con delle entità, ma poi non sanno cosa fare. Ricevo persone che captano voci e messaggi. Questa eterizzazione della Terra produce cose nuove ed inaspettate. La gente dovrebbe comunque darsi una preparazione progressiva.

GLI ESSERI UMANI STANNO EMETTENDO ODORI SPIACEVOLI

Esseri invisibili che si rendono visibili, entità che cominciano a farsi vedere e sentire, e che si mettono in rapporto con la nostra energia. Esseri che esprimono opinioni, esseri che vengono infastiditi dall’odore spesso pesante e poco piacevole degli esseri umani. Odore che emana dalla nostra aura, dai nostri pensieri, da quello che fuoriesce dal nostro organismo. Troppe forme-pensiero di tipo negativo, troppa collera, troppa tristezza e troppa impotenza, troppo permanere di residui irrisolti di vite precedenti. Già gli Esseni 2000 e oltre anni fa conoscevano la tematica delle forme-pensiero che vanno sconfitte.

DEPURAZIONI KARMICHE DA ACCETTARSI IN PIENA FIDUCIA

Siamo in un’epoca dove la nostra presente incarnazione è doppiamente importante. Incarnarsi in questa epoca richiede di risolvere cose vecchie. È una responsabilità ed anche una possibilità straordinaria. In questa vita dobbiamo guarire da tutte le cose. Visto dall’alto è facile. È mai possibile che abbiamo tante cose vecchie da sistemare. Fare del vittimismo non aiuta per niente. Dire “perché ce l’hanno con me” non aiuta. Ogni difficoltà nasconde risoluzioni karmiche. Siamo di fronte a processi di depurazione karmica che avvengono su tutti i piani.

LE PREROGATIVE DELLA QUINTA DIMENSIONE

Giungendo alla 5°dimensione, al 5°chakra Vishuddha, colore blu, siamo al centro della comunicazione e della espressione creativa, qui è racchiusa la capacità di ascoltare se stessi e gli altri. La 5°Dimensione è anche quella del viaggio astrale. Ci si può spostare nel passato o in un futuro probabile, anche per rendersi conto che mentre il tempo sulla terra è una prigione, il vero tempo è di tipo circolare. Incarnarsi sulla Terra è incarnarsi con la memoria delle vite passate. Noi siamo il riassunto delle vite passate. Nella 5°Dimensione noi diventiamo creatori del mondo esterno e di quanto succede, creiamo un mondo che corrisponde ai nostri pensieri. Occorrere sconfiggere la paura. Essa ci può far ridiscendere alla 3° dimensione.

QUALI SONO LE COSE DA FARE PER RISOLVERE I NOSTRI MALI

  • Riprendere in mano il nostro potere. Smetterla cioè di pensare che siamo impotenti, che le autorità hanno il potere e noi no.
  • Recuperare tutti i nostri corpi fisici e sottili.
  • Ridiventare maestri dei nostri pensieri. Questo significa migliorare la situazione qui ma anche sugli altri pianeti. Risolviamo pertanto i pensieri negativi ed oscuri. Noi siamo macchine che creano pensieri in continuazione. Siamo potenti e capaci di creare un mondo di luce.
  • Dobbiamo essere allineati. Le nostre parole, atti, pensieri devono essere coerenti.
  • Altra tappa fondamentale è essere disposti a lasciare la preda. Dobbiamo essere attivi e non rassegnati, restare in possesso delle nostre possibilità. Ma accadrà sempre ciò che deve accadere. Accettiamo il cambiamento e manteniamo fiducia nella nostra anima senza forzare noi stessi, e vedrete che così la vita è più facile. Attirerete a voi la forza e le persone del bene. Saper lasciare la preda è importante.
  • Altro punto è l’accettazione. Accettare se stessi e accettare gli altri, accettare le situazioni per quelle che sono. Questo non significa essere passivi. Se in quel momento ci sono situazioni che si possono cambiare va benissimo. Ma se non è così liberiamocene. A volte mettersi in lotta significa dare energia alle cose contro cui lottiamo. Ci diamo da fare e lottiamo con pessimi risultati. Meglio a volte vivere con leggerezza. Diamo più fiducia alla nostra anima. Non cerchiamo di essere diversi. Siamo già arrivati alla nostra meta. Non serve troppa lotta. Liberiamoci. Togliamo i pesi. Liberiamoci delle idee ricevute, dei preconcetti, dell’idea che siamo deboli ed incapaci.

EVITIAMO DI ESPRIMERE GIUDIZI AFFRETTATI

Io sono in contatto con esseri di altre dimensioni. Tutto può cambiare. Dipende da cosa facciamo sulla Terra. Il non-giudizio è essenziale. Appena giudichiamo chiudiamo le porte, mentre occorrere invece aprirle. La gratitudine è l’elemento che ci permette di essere in fase, di essere allineati. Gratitudine e gioia sono figli dell’Amore. Il giudizio non esiste sugli altri pianeti. Sulla terra impostiamo tutto su buono e cattivo, su bene e male. Ma così creiamo dei pregiudizi. Negli altri pianeti non si giudica. Questi pregiudizi sono frutto di un’epoca e di una civiltà.

Servono semplicemente dei criteri di discernimento. Siamo invasi da un sacco di proposte anche spirituali che non sappiamo distinguere. Esistono comunque tanti pensieri diversi per arrivare in cima alla montagna sulla base delle nostre capacità personali.

*****

APPUNTI DALLA CONFERENZA DI MARIE NOELLE URECH

CHI È MARIE NOELLE URECH

Psico-oncologa e responsabile del programma anti-cancro del Centro Terapie Mente-Corpo dell’Associazione Viriditas, conduce da anni ricerche sulla salute mentale e sulla rientroduzione di filosofia, spiritualità e dimensione onirica nella medicina.

RIVALUTAZIONE DEI SOGNI

Sono qui a testimoniare il mio percorso di vita. Non esiste un percorso unico. Ognuno deve trovare quello che più si confa alle proprie esigenze e caratteristiche. Di sicuro siamo tutti molto di più di quanto pensiamo. Sognare è una chiave di accesso a noi stessi. Non si tratta di un mondo separato. Completa la vita di veglia.

RELAZIONE E SEPARAZIONE

Tutti siamo in relazione con gli altri e con l’universo. Le malattie sono l’interruzione di una relazione. Il cancro ad esempio è una malattia della separazione, è una forma di isolamento patologico e non solo sul piano fisico. Non possiamo limitarci a considerare il corpo. È il parasimpatico che gioca un ruolo prevalente e fondamentale nella nostra vita. Dobbiamo dare al corpo la possibilità di ricaricarsi e di recuperare le sue energie.

VIVIAMO SPESSO MANIPOLATI E FUORI DAL NOSTRO CONTESTO ORIGINALE

La scuola, la famiglia e le convenzioni sociali ci formano e ci programmano, ci insegnano a comportarci in società e così diventiamo un prodotto sociale omogeneo e conformato. Ecco allora che, per ritrovare noi stessi, dobbiamo spogliarci di una identità che non ci appartiene. Siamo nella pelle di qualcuno che non siamo noi medesimi. Siamo uno che segue i diktat di quelli che ci manipolano. Tutto questo comporta grossi danni e ci fa vivere male.

ELIMINARE IL SUPERFLUO

Siamo pieni di programmi da eliminare. Più mi sento libera e più ho voglia di dire quello che sento. Occorrere dire le cose, e non tenerle dentro. Tutto è soggettivo e relativo, tutto passa attraverso la nostra interpretazione. Se il nostro modo di pensare porta a buoni risultati, possiamo procedere apportando piccole modifiche, il resto è letteratura. Vado avanti per la mia strada. Noi siamo Amore. Non c’è però e non c’è ma. Amare noi stessi per poter amare gli altri.

CERCHIAMO DI NON COMPORTARCI DA PECORE

La vita è cambiamento. Ma nel cambiamento ci sono pure gli stress. Lo stress è reazione di fronte al cambiamento. Un evento che fa cambiare la nostra vita fa crollare le nostre certezze. Così optiamo per la conservazione. Ma la nostra inerzia, la nostra impotenza sono fatti gravissimi. Stanno succedendo cose inaccettabili. Soprusi, coercizioni, vaccini obbligatori. Non dovremmo accettare queste cose. Se accettiamo siamo delle pecore che seguono il branco e creiamo stagnazione. E allora ci vorrà qualche evento più grave ancora per svegliarci.

È PRIORITARIO RECUPERARE LA NOSTRA SOVRANITÀ

La malattia non è disgrazia, ma è una opportunità per riprendere una comunicazione interrotta. Le cellule cancerose non sono aggressive ma sono solo confusione, non sanno più cosa sono e si moltiplicano, non sanno tornare al foglietto embrionale della loro concezione. Il cancro è la malattia della omologazione. Le parole sono importanti e significative. La parola apporta modifiche al cervello. La parola può essere potenziante ed anche debilitante. La parola esercita una forma di coercizione. Si parla infatti del potere della semantica. Oggi viviamo in piena globalizzazione e tutti diventano branco. C’è chi dice cosa mangiare, come vivere e come morire. Tutti perdiamo così ogni sovranità. Non a caso siamo diventati emeriti consumatori di medicinali.

RECUPERIAMO LA PARTE SELVAGGIA CHE STA DENTRO DI NOI

Ci sono persone che amano le bucce di banana e vanno pure a cercarsele. Annullarsi per gli altri è azzerarsi, è fare volontariato, mentre invece dobbiamo avere tempo anche per noi stessi. Ogni individuo che funziona deve imparare a crescere. Il corpo è preciso, è un’antenna, è un misuratore. La conoscenza è molto importante, ma serve usare pure l’istinto. Le popolazioni che vivono a contatto con la natura auto-guariscono con facilità. Trattasi di gente che possiede la verità, e noi li abbiamo distrutti! Dobbiamo tutti recuperare il selvaggio che sta dentro di noi.

*****

FUORIPROGRAMMA DEL RADIESTESISTA GIANCARLO SAGRINI

VISITA CONCLUSIVA DI UN AMICO E CONTINUATORE DI PIERLUIGI IGHINA

A sorpresa, verso la fine della ricca e faticosa giornata imolese, si è materializzato un personaggio per molti aspetti unico, di nome Giancarlo Sagrini, radiestesista, geobiologo, ricercatore di acque sotterranee per la costruzione di pozzi, costruttore di campane a vento, amplificatori energetici e riarmonizzanti, pendoli ed altro ancora. Conoscitore e amico del celebre Pier Luigi Ighina.

CRESCENTE INTERESSE PER I CAMPI ENERGETICI

Sono diventato quello che sono oggi, dopo una vita da macchinista delle FFSS e dopo la pensione. Comprendo gli scettici. Sono stato anch’io freddo e indifferente a queste esperienze per lungo tempo. Ma già nel 2000 ero curioso e leggevo molto su questi argomenti. Poi, dopo una visita alcuni anni fa alla Grande Piramide di Cheope in Egitto ho potuto toccare con dito e sperimentare dal vivo cosa sono i flussi di energia, per cui mi sono appassionato e mi sono dedicato a tempo pieno alla radiestesia e a questo mondo straordinario delle energie sottili.

ARTIGIANO DELLA RADIONICA

Non ho scritto libri. Non sono un teorico, pur essendo impregnato di nozioni importanti e di conoscenze importanti. Sono un costruttore manuale e fabbrico tanti piccoli oggetti. Mi definisco sensitivo, artigiano della radionica e della radiestesia, nonché ammiratore di Nikola Tesla e di Pierluigi Ighina.

METRICHE AUREE

Nel mio piccolo opuscolo, oltre ai miei dati sagiancarlo@alice.it, elenco gli strumenti che realizzo e che sono eseguiti secondo dimensioni auree. Le metriche auree venivano usate nell’antichità per costruire luoghi sacri (piramidi egizie, templi greci e romani, cattedrali cristiane). Pure i quadri e le statue famose del Rinascimento rispettavano rapporti aurei. Il cubito era la misura di lunghezza di circa 40-44 cm, chiamata pure braccio. Le metriche auree hanno la caratteristica di far entrare in risonanza le cose costruite con le energie della natura, dando armonia all’immagine e all’ambiente, aumentando la frequenza dell’energia elettrodebole ivi presente (energia dei colori, delle forme e dei suoni). Questo porta benessere, stati mentali positivi e rilassamento alle persone che vi soggiornano, vi lavorano o che soffrono di stati mentali negativi, migliorando la salute e l’efficienza a tutti i livelli. Queste dimensioni oggi potrebbero essere usate nella progettazione di ambienti, di mobili in bio-architettura, di oggetti d’arte, di strumenti musicali, di orti e giardini. Il numero d’oro definito da Pitagora, riguarda il cubito: 1,618×1,618×2:10=0,5236, e il pi greco: 1,618×1,618×12:10=3,14.

NEUTRALIZZAZIONE DEI CAMPI MAGNETICI

Esistono simboli e codici a barre che fanno da pregione energetica limitante i collegamenti cosmo-tellurici, l’energia plus o yang e l’energia minus o yin che viene ingabbiata tra le righe bianche e nere o di altri colori. In questo modo gli oggetti hanno pochissima energia e perdono potere di interferenza nei nostri riguardi, costituendo protezione e schermatura. Per verificare questo occorre saper praticare la radioestesia con le sue scale di misurazione sulle quali è possibile misurare i valori energetici di una qualsiasi sostanza.

LIMITAZIONE DEI DANNI DA INTERFERENZA

Attraverso la radiestesia si constata il calo energetico arrecato dal codice a barre ai vari prodotti. In particolare quelli vivi e ad alta vibrazione (fiori di Bach, aromaterapia, ecc) subiscono il danno maggiore. Anche i tesserini personali con i codici impressi creano congestioni nel campo umano. Molte persone si sono accorte di questo problema e hanno escogitato varie tecniche per limitarne i danni. Il metodo più diffuso è quello dei fare un otto orizzontale (segno di infinito) sul codice, a lato o sotto di esso, riducendo così la nocività dal 40 al 70%.

LETTURA DEI VALORI ENERGETICI

Tra gli strumenti usati in radiestesia ci sono solidi platonici e derivati, solidi di Archimede, amplificatori energetici, campane a vento a 5-6-7-8-10-12 canne. Per valorizzare energicamente questi strumenti occorrere essere radiestesisti o sensitivi. Con la radiestesia si possono leggere i valori energetici nelle tavole appropriate. I sensitivi sentono gli effetti che queste energie producono grazie alle loro percezioni extra-sensoriali molto sviluppate.

50 KG PER CENTIMETRO QUADRO, NELLA DIREZIONE SUD-NORD

“Nei corsi che tengo insegno una radioestesia dove, oltre all’uso degli strumenti abituali, stimola con appropriati esercizio, il risveglio e lo sviluppo di queste percezioni”. Chi crede poco in questa materia, conclude Sagrini, sappia che esiste un flusso energetico nella direttiva Sud-Nord equivalente a 50 kg per cmq.

Valdo Vaccaro