PERDITA CAPELLI, PILLOLA, STRESS E SBALZI ORMONALI

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Cresciuta onnivora per amore o per forza

Caro dottor Valdo, mi chiamo Valentina, ho 30 anni e sono cresciuta con una alimentazione onnivora, dettata come per la maggior parte di noi dalle abitudini alimentari presenti in famiglia e da quello che i genitori hanno sempre creduto in buona fede andasse bene, anche in base ai dogmi della medicina e dell’industria alimentare moderna.

Alle operazioni di trapianto innaturale segue la crisi di rigetto

Da sempre ho avuto una certa avversione per le medicine e, qualche mese fa, grazie a qualche lettura illuminante, ho iniziato a dubitare della correttezza del mio modo di alimentarmi.
Mi è venuta la forte sensazione di non mangiare quello che più mi piaceva realmente, ma piuttosto quello che tutti dicono di mangiare e che ti fanno trovare sugli scaffali colorati dei supermercati.
Ed è scattata in me la molla della ribellione.

Da tre mesi ho eliminato carne e latticini, scoprendo le meraviglie della frutta

Per farla breve, da circa 3 mesi non mangio più carne di nessun tipo, non bevo più latte e non consumo latticini, anche se in modo saltuario sono costretta a fare qualche trasgressione alla regola, dovendo a volte consumare dei pasti fuori casa, dove non è sempre facile trovare quello che si cerca.
Mi sono stupita io stessa di quanto mi piaccia mangiare la frutta a colazione.
Non ci penso nemmeno a sostituire la mia attuale ciotola di frutta del mattino con la brioche e il cappuccino che prendevo al bar!

Sto già conseguendo e verificando risultati sbalorditivi a livello di epidermide

E sono rimasta altrettanto sbalordita dagli effetti evidenti sul mio stato di benessere fisico.
Sono immediatamente scomparsi dal mio volto le numerose bollicine rosse che i vari ginecologi e dermatologi avevano tentato inutilmente di combattere con antibiotici, cremine e ormoni.
Sono scomparse tutte e non stanno ritornando!
Quando di mattina mi guardo allo specchio, ancora non ci credo!

Il problema precedente della perdita dei capelli

Purtroppo però, da qualche settimana, è ricomparso un problema che già avevo da prima, ed è la perdita costante e massiccia di capelli.
Lo scorso anno, dopo migliaia di analisi e controlli da cui non emergeva alcun problema particolare, l’endocrinologo mi ha consigliato una terapia a base di ormoni (Androcur) da aggiungere alla pillola anticoncezionale, e devo dire che la cosa ha inizialmente funzionato.
Ma adesso, nonostante la continuazione di tale cura, i capelli hanno preso a cadere di nuovo.

Le solite battute malevoli degli onnivori traditi

Inutile dire che sto sentendo un martellamento di frasi tipo Fatti una bella bistecca e vedrai che i capelli ricrescono più forti di prima.
Non voglio assolutamente cambiare il mio nuovo percorso.
I capelli già cadevano quando stavo con le bistecche.
L’idea poi di buttare nel mio corpo ormoni in gran quantità mi dà proprio fastidio e vorrei smettere al più presto.

Non intendo per niente rinunciare al mio nuovo virtuoso e piacevole percorso

Non so se nella sua esperienza ha mai trattato casi del genere o se ne ha già parlato nel suo blog, ma sarei felice di avere una sua opinione in merito.
Io nel frattempo continuo a mangiare la mia bella ciotola di frutta al mattino e continuerò a non mangiare carne.
I miei pranzi e le mie cene a base di verdure, cereali e legumi mi danno un gusto e un piacere che da tempo non provavo. Un caro saluto.
Valentina da Lido di Camaiore-Lucca

****

RISPOSTA

Meno pettini e meno spese dal parrucchiere

Ciao Valentina, parto dalle mie esperienze personali e ti assicuro che viaggiare frequentemente in aereo non è il massimo per il mantenimento di una forte capigliatura, a causa delle radiazioni ionizzanti che abbondano ad alta quota, e contro cui le carlinghe degli aerei nulla possono.
Fino ai 55 anni uno degli oggetti più preziosi era per me il pettine.
Oggi lo posso usare solo scherzosamente.
In compenso si spendono molti meno soldi dal parrucchiere.

La perdita dei capelli è un sintomo multifattoriale

L’alopecia, ovvero la mancanza, l’insufficienza, la diradazione o la perdita dei capelli, è un sintomo multifattoriale ed anche psicosomatico come tanti altri.
Tra le cause riconosciute le radiazioni ionizzanti, le intossicazioni da minerali, da prodotti chimici e farmaceutici, l’uso di prodotti anticoncezionali, le malattie autoimmuni provocate da vaccini e da farmaci, lo stress, l’ansietà, i cambi ormonali soprattutto dopo la menopausa, l’uso di prodotti offensivi come shampoo aggressivi e simili, l’uso di coloranti e di messe in piega.

Le cure ormonali non risolvono il problema in modo stabile, e creano effetti collaterali

Nel caso tuo ci sono ipotesi più precise e specifiche su cui indagare.
Il problema ce l’avevi prima e quindi niente si può imputare, come te stessa sottolinei, alla nuova dieta.
Possiamo invece dire con certezza che le cure ormonali non risolvono il problema stabilmente in quanto sono basate su un intervento di tipo sintomatologico. Lo sbalzo ormonale è un sintomo, una spia rossa che lampeggia per qualche altro problema tuttora irrisolto.

Naturale e innaturale non si mescolano facilmente

Sicuramente la dieta fruttariana e crudista non va d’accordo con le cure farmacologiche ed ormonali di tipo sintetico.
Naturale ed innaturale non trovano mai modo di integrarsi e modularsi a vicenda, ma sanno solo ostacolarsi, frenando, accelerando, bloccando ed inibendo le rispettive funzioni.

L’importanza della riboflavina o vitamina B2

L’igienismo insegna che non si devono mai inseguire i singoli minerali e le singole vitamine.
Questo non toglie che alcuni minerali ed alcune vitamine giochino ruoli particolari nella forza o nella caduta dei capelli.
Le vitamine specifiche da considerare sono la B2 o riboflavina (valida per vista, pelle, unghie e capelli), e che si trova nel riso nero, nel germe di grano, nelle mandorle, nei pinoli, nel sesamo bianco, nel sesamo nero, nei funghi, nei broccoli, nei cavolini di Bruxelles, nei cavolfiori, nel crescione, nell’asparago, nei vegetali verdi, nel tarassaco.

La vitamina B5 e l’inositolo

Anche l’acido pantotenico (vitamina B5), precursore della vitamina A, è importante sia per i capelli grigi, per le macchie sulla pelle e per le rughe. Si trova nel germe di grano, nelle arachidi, nei legumi, ma anche nella frutta e nella verdura cruda in genere.
Pure l’inositolo, o acido fitico, considerata da alcuni vitamina del gruppo B, è vitale per la crescita dei capelli, e si trova negli agrumi, nei meloni, nelle noci, nell’avocado e nella frutta in genere.

Occorre sempre inseguire l’equilibrio generale e non fare i tappabuchi

Quanto ai minerali, sappiamo troppo bene quale sia la loro importanza nel mantenimento degli equilibri ormonali.
I nomi che girano, a parte ferro e calcio, sono il manganese, il fosforo, lo zolfo, lo iodio, il magnesio, il potassio, il sodio, il cloro, il fluoro e il silicio.

Un mondo vegetale generosissimo in vitamine e minerali, purchè si eviti la cottura

Li troviamo in tutte le foglie verdi e in tutte le radici (incluse le foglie verdi delle rape e delle carote e delle bietole, che non dovrebbero affatto essere scartate come la gente fa).
Diciamo pure che il mondo vegetale è generosissimo in vitamine e minerali, a patto di evitare il nemico numero uno che è la cottura, distruttrice di vitamine e disorganicatrice di minerali organicati.

Le chiavi del riequilibrio corporale stanno tutte nelle mani del sistema immunitario

Se il motivo fosse l’ansia e lo stress, è lì che bisognerebbe operare.
Se il motivo fossero certi prodotti da bagno, è lì che bisognerebbe tagliare.
Se ci fosse un indebolimento generale, è lì che occorrerebbe prendere dei provvedimenti.
Tu poi sei molto giovane, per cui, rimettendo in ordine ed in equilibrio le condizioni corporali, i risultati devono per forza venire, ed anche velocemente, in forza del principio scientifico per cui il corpo non va mai contro se stesso, se lasciato lavorare in pace e se rifornito dei suoi elementi fondamentali.

Eliminare la pillola anticoncezionale

La prima cosa che farei, sarebbe quella di eliminare la pillola anticoncezionale, in vista di un riequilibrio ormonale su basi del tutto naturali e prive di interferenze col sistema immunitario.
Gli anticoncezionali fanno notoriamente crescere la peluria impropria e fanno cadere i capelli.
Ti consiglio intanto di mantenere il tuo nuovo regime alimentare che ti fa soltanto bene.
Chiaro che lo devi completare ed arricchire.
Spero che la lettura del mio testo Alimentazione Naturale e delle tesine che trovi sul blog possano servire in tale direzione.

Estrogeno e testosterone

Le iniezioni a base di ormoni ovarici hanno sempre prodotto risultati sorprendenti, ma sempre nel breve periodo.
Gli ormoni ovarici contengono dei principi attivi che vengono secreti da quelle due ghiandole a secrezione interna che rappresentano poi le caratteristiche della femminilità.
L’ormone ovarico (o estrogeno) è quello che risveglia, eccita, favorisce la crescita dei capelli, ostacolando nel contempo lo sviluppo della peluria e dei peli in altre parti del corpo, mentre l’ormone testicolare maschile (o testosterone), fa esattamente l’opposto.

Le sette ragazze di Yul Brynner

L’eccessiva mascolinità porta dritto alla calvizie.
Forse per questo il famoso attore calvo Yul Brynner, me l’hanno raccontato ad personam delle ragazze a Makati, quartiere di Manila-Filippine, aveva una preferenza ed una fissazione per il numero 7.
In ogni suo soggiorno all’Intercontinental Hotel di Manila, si prendeva in contemporanea non 6 e nemmeno 8, ma soltanto 7 belle figliole, contentissime di servirlo e di ricevere le sue laute mance.
Cosa facesse all’interno della sua suite non ci è dato di sapere, però le intenzioni erano sicuramente ambiziose.

Assicurati un buon equilibrio vitaminico-minerale inserendo nella tua dieta quanto segue:

1) Centrifugati di carote bianche e rosse, topinambur, sedano, rape, ravanelli, zenzero, bietole, patate,
patate dolci (non più di 3 diverse radici per volta), più ananas o mela per eventualmente addolcire
(ananas e mela hanno enzimi antifermentanti e si accoppiano bene con tutto il resto).
2) Germogli di alfa-alfa, di soia e di altre piantine eduli (non certo i germogli di patate, dove il tubero è
fantastico, mentre i germogli esposti al sole sviluppano la velenosa solanina).
3) Avocado.
4) Mandorle, pinoli, noci, noccioline, noci brasiliane, pistacchi, carrube
5) Semini pestellati di lino, sesamo, papavero, girasole, zucca, eccetera.
6) Cereali integrali tipo riso nero, grano saraceno, miglio, mais (pop-corn non salato o zuccherato)

Respirazione, movimento, lavaggio capelli senza l’uso di sostanze aggressive

Lavare preferibilmente i capelli con tanta aqua, e massaggiare vigorosamente lo scalpo con succo di crescione, di ortica, di zenzero, di rucola e di ravanello.
La respirazione ritmata e approfondita, le passeggiate rilassanti e le corse in relax abbinate a tale respirazione, e tutti i comportamenti e i cibi che migliorano la circolazione del sangue, non possono che essere di aiuto a un ripristino delle condizioni ideali perché tutto funzioni al meglio, incluso i capelli.

Una cura specifica e formidabile per i capelli

Lascio per ultimo una cura specifica e formidabile che è un mix di suggerimenti cinesi e occidentali, raccomandati anche dal celebre erborista francese Maurice Mességué.
Preparati un buon succo forte di crescione d’acqua (e di terra), con aggiunta eventuale di succo di ravanello, di succo di ortica, di succo di zenzero, e lo bevi a digiuno, un bicchierino per volta a piccoli sorsi, aiutandoti magari con un bicchiere d’acqua.
Col residuo macerato della centrifuga, ti farai delle applicazioni e dei massaggi vigorosi al cuoio capelluto.

Dovrò farlo anch’io, se le condizioni ambientali me lo concedono

Non l’ho mai fatto, più che altro per mancanza di tempo, ma intendo sperimentarlo direttamente alla prima occasione. Se a farmi il trattamento ci fossero delle belle manine femminili, unghie incluse, il tempo e il modo li troverei sicuramente. Anche perché, il fattore biochimico non va mai disgiunto da quello telepatico, ormonale e psicosomatico.
Mi venisse a fare l’applicazione un maschiaccio, anche bravissimo, adoperando magari la sostanza più efficace del mondo, mi farebbe cadere anche quei quattro spelocchi che ancora mi rimangono.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x