PROGRESSI FERRITINA, TIROIDE E PRESSIONE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

ALL’INIZIO AVEVO QUALCHE RISERVA MENTALE

Caro Valdo, ti avevo scritto nel mese di novembre 2010 in merito al mio ipotiroidismo autoimmune e ai danni che mi provocava l’Eutirox alla pressione sanguigna. Avevo già deciso di diventare vegano per motivi etici quando decisi di scriverti e premetto subito che ho applicato solo in parte i tuoi consigli, un po’ per pigrizia, e un po’ perché forse non ci credevo veramente.

POI HO TRASGREDITO SEMPRE DI MENO, CON NOTEVOLI VANTAGGI PER LA TIROIDITE E LA PRESSIONE

Sono comunque arrivato ad assumere circa il 50% di cibi crudi al giorno e ho aumentato notevolmente il consumo di frutta stagionale. Faccio pure lunghe passeggiate giornaliere.
Quindi, alla fine, non ho trasgredito troppo. E sto pure ottenendo ottimi risultati, tanto che ho portato il dosaggio Eutirox da 200 a 150 mcg/giorno e le analisi sono risultate ottimali.
Come ottimale risulta adesso la pressione, essendo la massima calata da 150 a 125/130.

OTTIMI RISULTATI ANCHE CON LA FERRITINA. RESTA IL CRUCCIO DELL’ALOPECIA.

Ottimo anche il valore del ferro. Soffrivo di una lieve forma di anemia e non avevo mai avuto il valore della ferritina al di sopra dei parametri minimi di riferimento.
L’unico cruccio che ancora persiste è questa maledetta alopecia aerata che mi ha colpito la barba e che non va più via.

MI SDEBITO DIFFONDENDO UN LIBRO DI VALORE

Ma il motivo principale della mail odierna è quello di comunicarti gli importanti risultati raggiunti grazie ai consigli che ho raccolto sul tuo libro Alimentazione Naturale. Lo sto infatti consigliando e regalando a tutti gli amici interessati all’argomento, avendo provato su me stesso il valore dei concetti ivi espressi.
Dovrei anzi chiederti scusa per non aver creduto da subito nelle tue basilari lezioni di vita.

DETERMINAZIONE A MIGLIORARE ULTERIORMENTE

A questo punto credo di poter migliorare ancora le mie condizioni di salute.
Ho tutte le intenzioni, vista anche l’estate in arrivo, di abbandonare del tutto il quotidiano piatto di pasta, in favore di una incrementata alimentazione cruda e di una maggiore quota di frutta.
Ti ringrazio per le tue dritte e faccio i miei più sinceri auguri a te e a voi tutti dell’AVA per le attività che state portando avanti.
Giovanni

*****

RISPOSTA

CONTINUARE SU QUESTO PASSO ED ELIMINARE L’EUTIROX

Ciao Giovanni, mi pare che quanto stai facendo non abbia bisogno di troppe migliorie. Continua pure su quella strada. Un minimo di compromesso con la pasta te lo puoi sicuramente concedere. Anche perché ad essere troppo puristi, nel presente contesto sociale, si può anche finire in difficoltà.
Per l’Eutirox passo pure a te la notizia importante che ti puoi liberare del tutto da tale dipendenza ricorrendo ai preparati naturali e non-dopanti della dottoressa Laura Cappelli da Firenze.
Per maggiori informazioni rivolgiti pure a eleonora.mometti@gmail.com.

AZIONI SPECIFICHE PER L’ALOPECIA

Per quanto riguarda l’alopecia, essa è sicuramente collegata con l’anemia, con lo stress e con qualche altro tipo di intossicazione interna che indebolisce i bulbi piliferi.
Promuovo a pieni voti la dieta che hai adottato e ti invito solo a prestare maggiore attenzione al gruppo vitaminico naturale B, in particolare alla niacina B3, alla adenina B4, all’acido pantotenico B5, alla piridossina B6 e alla biotina B8 (chiamata anche vitamina H).
Tali citate vitamine le trovi tutte nel germe di grano, nella frutta da guscio, nei cereali integrali inteneriti nell’acqua e cotti al minimo (miglio, saraceno, quinoa, orzo, farro, riso scuro), nei semini (lino, sesamo, chia, girasole, papavero, canapa, zucca), nei cavoli e nel crescione.
A livello cutaneo esterno puoi sempre fare delle frizioni con ortiche, crescione, cipolla, zenzero e foglie pestellate di rosmarino.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.