LEONARDO RUBINI, ZONATE ED ALLUCINAZIONI AGOSTANE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

(Commento di Leonardo Rubini del 21/8/12 sul mio blog)

QUESTA FRASE VIENE PRESA DA UNA MIA TESINA COME SPUNTO E PRETESTO PER INFANGARE ED INSULTARE A RUOTA LIBERA

“La stragrande maggioranza delle ricerche conferma che l’uomo è a tutti i livelli il capostipite dei primati, una categoria di esseri che si è nutrita prevalentemente, se non in modo esclusivo, di frutta, bacche, germogli, semi, fiori e radici. I maggiori studi del settore li hanno condotti dei team statunitensi guidati dal professor Eaton, una delle massime autorità del settore”.

IL LINGUAGGIO USATO DA QUESTO PERSONAGGIO, DA QUATTRO SOLDI BUCATI, SI COMMENTA DA SÈ

Caro Vaccaro, non solo sei ignorante, ma anche poco dotato di furbizia. Hai citato la persona sbagliata e ti sei dato la zappa sui piedi. S. B. Eaton ha ispirato tanto Barry Sears quanto Loren Cardain, e lui stesso segue un’alimentazione di tipo paleo, proprio in base agli studi che citavi.
Cioè il contrario esatto di ciò che affermi. L’ho conosciuto personalmente pochi giorni fa a Boston, in occasione dell’Ancestral Health Symposium, presso l’Harvard College, dove è stato anche relatore. Vuoi che ti mando la foto?
Auguri a te, ma soprattutto a chi ti segue e si affida alle tue farneticazioni medievali.
Leonardo Rubini

*****

PREMESSA ALLA RISPOSTA

CHIUNQUE PUÒ ANDARE SUL SUO BLOG E FARE LE SUE VALUTAZIONI

Non sapendo chi sia questo Rubini, vado su internet e scopro che ha a che fare coi blog di Beppe Grillo (personaggio pubblico che, pur con qualche riserva, gode del mio rispetto). Scopro, inoltre, che si fa spesso fotografare a fianco di Barry Sears, uno tra i maggiori mistificatori in campo dietologico mondiale. Apprendo pure da un suo video che soffre di rettocolite ulcerosa da diversi anni, e che sta tuttora cercando di trovare una soluzione. E di questo non gioisco, né faccio speculazioni di sorta, ma a volte i mali allo stomaco possono portare oggettivamente ad avere il sangue acido, quando non si è sorretti da una buona caratura morale e psicologica.

FORSE A RUBINO GLI RODONO LE TROPPE GUARIGIONI E LA POPOLARITÀ DEL BLOG?

Mi scrivono in centinaia su problemi gastrointestinali. Gran parte guariscono, alcuni migliorano ed altri ancora, una netta minoranza, continuano a lamentarsi, mancando loro la pazienza di rimettere le cose in ordine nel tempo, coi succhi di carota, di sedano di cavolo e di mela. Ma nessuno si sogna di insultare e di offendere. La cattiveria verbale non è dunque faccenda di stomaco, ma faccenda di pensiero marcio putrefacente, di pensiero zonista.

“MANGIATE CARNE TUTTI I GIORNI E A TUTTE LE ORE, SE CERCATE LA SALUTE”

Il primo motto di Rubini? “Siamo quello che mangiamo!”, e fin qui va bene. Il secondo motto? “Se volete vivere in salute dovete mangiare tante proteine, rigorosamente nobili!”. Ovviamente lui è quello che mangia. Ed è pure in ottima salute gastrointestinale. Da un elemento di questa stirpe, mi devo sorbire l’accusa di farneticatore medievale. Ci sarebbero gli estremi per una azione legale, non tanto per diffamazione personale, quanto per evidenti molestie verbali nei riguardi dei tanti amici che ho e dei tantissimi sofferenti di rettocolite che sono guariti grazie al sistema vegan-crudista. Ma so difendermi da solo, e lo faccio qui pubblicamente e con la massima trasparenza, perché ognuno si renda conto di come stanno le cose.

*****

RISPOSTA

EATON NON FA PARTE DELLE MIE SPONDE IDEOLOGICHE, ED È PADRONE DI INGOIARE TUTTE LE SCHIFEZZE CHE VUOLE

Non ho il piacere di conoscerti e non mi interessa farlo.
Gli auguri te li tieni. Non mi servono le foto. Se Eaton è un provetto mangia-cadaveri al pari tuo la cosa mi lascia del tutto indifferente. Uno che, senza nemmeno dire buongiorno ti dà gratuitamente dell’ignorante, del cretino e del farneticante medievale, e soprattutto offende decine di migliaia di affezionati lettori del blog, qualche rotella fuori posto la deve per forza avere. Ti riconosco però una dose di chiarezza e di onestà.
Ti sei firmato nome e cognome, e questo è un segno positivo nonostante tutto.

NON HO ZAPPE SUI PIEDI E ANCOR MENO SCHELETRI NELL’ARMADIO, COME SEARS E COMPAGNIA BELLA

Non mi serve usare epiteti o insulti nei tuoi riguardi, non fa parte del mio stile. Il fatto di stare con Barry Sears però la dice lunga. Il fatto di invitare la gente a consumare proteine nobili, con l’accortezza che si tratti di allevamenti biologici, completa il quadro. Non servono ulteriori commenti.
Quanto alla tua argomentazione, dimostro subito che è priva di senso logico, per cui la zappa sui piedi te la stai dando tu medesimo.

DI PRITIKIN MI FIDO, POCO IMPORTA QUELLO CHE MANGIA, DI SEARS ASSOLUTAMENTE NO

Confermo intanto integralmente il mio testo tra virgolette che tu hai inteso demonizzare. Lo confermo e non ci cambio una virgola. Trascrivo invece integralmente quanto scritto dal dr Robert Pritikin, figlio di Nathan Pritikin, e titolare di due tra le maggiori cliniche anti-grasso americane (PritikinLongevity Centers), www.pritikin.com,  info@pritikin.com Robert Pritikin,  alle pagine 47-48 del suo national best-seller dal titolo “The Pritikin weigh loss breakthrough (editore www.penguinputnam.com). È esattamente da quel testo, che ho preso la citazione da te incriminata.

BURKILL E TROWELL, 25 ANNI D’AFRICA A TESTARE LE FECI FOSSILI DEI VILLAGGI PALEOLITICI

“Pioneer researchers Denit Burkitt and Hugh Trowell spent 25 years in the African wilderness, examining the healthier patterns of Africans, and unearthing evidence of our niente forebears. What they found was that the fossilized feces of humans contain exceedingly high levels of fiber, indicating a diet made up predominantly of plant food, with minimum amounts of animal foods”. (Pionieri ricercatori come Burkitt e Trowell hanno speso 25 anni della loro vita tra i villaggi dell’Africa più selvaggia, trovando che le feci dei primitive contengono altissimi livelli di fibre, a indicazione che la dieta era prevalentemente basata su cibi vegetali)

KONNER E EATON CONFERMANO QUANTO SCOPERTO DA BURKITT E TROWELL

“Other researchers, including Konner and S.B. Eaton agree with this assessment. They maintain that even among early hunter-gatherer tribes, vegetable food made up anywhere from 65 to 80% of the Paleolitic diet which would provide at least 50 to 100 grams or more of fiber per day, compared to only 10 to 15 grams of the average American consumes each day”.
(Altri ricercatori come Kenner ed Eaton concordano con tali affermazioni. Sostengono infatti che, persino tra le prime tribù cacciatrici, i vegetali costituivano dal 65 all’80% della loro dieta con 50-100 grammi di fibra al giorno, in forte contrasto con i 10 o massimo 15 grammi di fibre dell’americano medio di oggi).

ZIBILMAN E TRUSWELL SANCISCONO IL VEGANISMO UMANO COME FATTORE GENETICO-EVOLUTIVO

“Adrienne Zibilman, a professor of antropology at University of California in Santa Cruz, and professor A.S. Truswell of the Deparment of Food Science at the University of London point out that “Our dependence on fruits and vegetables ha existed for millions of years, and consequently has shaped our genetic make up”. (Zibilman e Truswel, autorità californiana e londinese del settore, concordano nel dire che la dipendenza da frutta e verdure è esistita per milioni di anni, formando in tal modo il corredo genetico vegetariano dell’uomo).

NON HO FATTO ALTRO CHE RIPORTARE DATI NOTI E STRANOTI NELLE UNIVERSITA’ INGLESI ED AMERICANE

Questo è quanto ho appreso e ho sostenuto. Non ho mai detto che Eaton fosse necessariamente un mangiatore di carote. Eaton era comunque a capo di un gruppo di ricercatori non certo igienisti o vegani, ma sovvenzionati nelle ricerche da determinati gruppi di potere. Eaton mangia carne al pari di Barry Sears? E allora? Non ho capito dove tu voglia arrivare, a parte l’evidente scopo di scaricare insulti e maleducazioni.

ROBERT ATKINS E IL MAIALE DELL’ARKANSAS

In America dominò per anni la dieta Atkins. Robert Atkins, prima di crepare nel 2003, usava andare in giro con le tasche piene di pastiglie. Qualcuno ne contò una sessantina. “Perché sporcarsi a bere succo d’arancia, che ti brucia la lingua e ti fa perdere tempo, quando in una pasticca ci metti tutta la vitamina-C che ti serve, e persino in megadosi?”. Questo diceva. Persino nelle interviste televisive. Bistecche a colazione, pranzo e cena, salami ed hamburger a merenda, e poi pillole a raffica. Non per niente gli stessi medici americani dissero che Atkins s’intendeva di diete non di più di quanto un maiale dell’Arkansas si intendesse di astronomia.

SOPRAVVIVE LA TRIADE ZONA-SANGUIGNI-SOUTHBEACH

Morto Atkins, è rimasta la triade D’Adamo, Agatson e Sears, tutti della medesima risma. Tutti vogliosi di riempire la propria fondazione con dollari tolti alle tasche degli allocchi. Tutti ispirati alla medesima scuola “Macello e dollari”. Chiaro che il maiale dell’Arkansas sa di diete anche più di loro. La Gruppi sanguigni fa ridere anche i sassi. Un Acquario dovrebbe mangiare verdure e un leone carne? Come mai tutti i segni dello zodiaco presentano lo stesso sangue con ph 7.30-7.50? Basta questo a mandare Peter D’Adamo a gambe all’aria. La South Beach Diet, più che scritta dal cardiologo di Miami dr Arthur Agatson, gli è stata dettata, imposta e strapagata dalla Kraft Corporation.

UNA PRESA IN GIRO PLANETARIA

La Zona poi, come presa per i fondelli di dimensioni planetarie, è davvero da applausi.
Dare retta a uno che ti dice di accompagnare immancabilmente qualsiasi frutto o qualsiasi verdura con delle proteine nobili (termine medievale, non più esistente nemmeno nel più obsoleto linguaggio sanitario), in nome di un cervellotico equilibrio ormonale e di mitici ecosanoidi ittici, richiede doti non indifferenti di credulità.

MANGIARE UN GRAPPOLONE D’UVA SAREBBE UN SUICIDIO ORMONALE

Come dire che uno non può più mangiarsi due bei trappoloni d’uva, se non rimedia all’istante con un hamburger della McDonalds, preventivamente messo in tasca per l’emergenza. Come dire che mangiarsi due fette di anguria è un suicidio. Come dire che le guarigioni gastrointestinali a succo di carota, di cavolo e di mela, sarebbero un abbaglio.

CHIMICO, PRESTIGIATORE E GRANDE IMPRENDITORE DI SE STESSO

Se c’è una cosa di cui Barry Sears non capisce davvero un cacchio sono proprio gli ormoni. Bravissimo però a tirar fuori l’equilibrio ormonale stabile nella digestione, che nel caso della Zona è in realtà uno squilibrio stabile, ed una rovina per l’intestino. Quello che invece va riconosciuto a Barry Sears è la grande intraprendenza. Meriterebbe il nobel della furbizia, su questo non ci sono dubbi. Barry Sears è diventato una corporation. Avrebbe avuto successo anche come prestigiatore.

ANCHE SE TUTTI GLI UOMINI DI IERI SI FOSSERO COMPORTATI DA ORCHI, NON LI SEGUIREI DI CERTO

Tornando poi alla dieta paleolitica, anche se fosse vero che l’uomo paleolitico si comportava da orco, da cannibale, o da mangiatore dei propri e degli figli, non mi sognerei assolutamente di imitarlo. Quando ho fatto le mie scelte salutistiche, etiche ed estetiche in favore del vegetarianismo avevo 7 anni. Non mi importava un accidente di controllare se le feci dei primi uomini fossero di un colore anziché di un altro, di una consistenza al posto di un’altra.

SONO MOLTO CONTENTO DI ME STESSO E DELLE MIE SCELTE

Quanto avevo visto, coi miei occhi, succedere all’interno dei macelli, bastava ed avanzava per prendere una decisione incontrovertibile. Oggi non ho 7 anni ma 10 volte tanti, e sono fortemente orgoglioso di essere vero amico di tutti gli animali, e non solo del cane e del gatto. Chiaramente non è mancato il riscontro salutistico. Mai preso in vita mia una aspirina, mai preso un digestivo, mai preso una tachipirina, mai preso un integratore, mai avuto una colite, e tanto meno una rettocolite ulcerosa, o uno squilibrio ormonale.

QUANTO HAI SCRITTO TI DEQUALIFICA

Può succedere di ammalarsi, ne sai qualcosa. Personalmente non pratico arti guaritorie. Cerco di insegnare tecniche di scelta ottimale sui cibi, tecniche che risparmino la fatica digestiva e i costi assimilativi.
Tecniche basate innanzitutto sulle mie esperienze personali, tutto sommato probanti e positive, e poi anche su millenarie posizioni di gente come Ippocrate, Pitagora, Galeno, Marco Aurelio, Leonardo (non Rubino ma Da Vinci), Louis Kuhne, Max Bircher-Benner, Herbert Shelton. La preferenza che molta gente mi sta dando, arriva spontanea, non forzata e non spinta da nessuno. È per questo che quanto hai scritto è una stortura che ti dequalifica e ti copre anche di ridicolo.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

17 commenti

  1. Bravo Valdo, ottima risposta. Purtroppo oggi il buon senso è talmente raro che dovrebbe essere considerato un super-potere!

  2. Mirna Visentini on

    Ciao Valdo, son sempre pronta con la mia mega-fionda semi-pacifica ai pomodori maturi quasi marci.
    Oggi, dopo questa lettera li ho finiti!! Spero di aver centrato l'obiettivo: gente ignorante e maleducata, ma soprattutto che non ha mai provato a vivere mangiando tanta succulente e meravigliosa frutta, capirebbe la differenza.
    Capirebbe.
    Sono al tuo fianco.
    Un grande abbraccio da chi ti nomina e consiglia ogni giorno. Mirna Visentini

  3. Ignazio Podda on

    I miasmi putrefattivi sono davvero una brutta bestia….. Oltre a devastare il corpo, sono terribili per la mente e per lo spirito, e questo tizio qui ne è la prova vivente!! Io penso una cosa… davvero ma per davvero… dopo lo studio del Dottor T.Colin Campbell davvero non c'è più nessuno spazio a nessun volo pindarico, non che ci volesse Campbell perchè la verità fosse chiara come il sole, il lavoro fatto è inoppugnabile!! Svegliati tizio…… Davvero una risposta perfetta… Valdone!! Grande……..

  4. Ti sostengo in tutto e per tutto Valdo. Spesso mi ritrovo anch'io ad essere presa di mira da personaggi pieni di odio e invidia! Sì, invidia! Perché ho 49 anni e ne dimostro dieci in meno, perché da quando sono vegana, prevalentemente crudista, mi ammalo poco e per brevissimo tempo: un digiuno di un paio di giorni e torno pimpante e attiva. Al tuo denigratore rispondo che sono prontissima a presentarmi con lui ad un laboratorio di analisi, sono sicura che ne vedremmo delle belle! Sto bene e mi sento bene, grazie al tuo libro, "Alimentazione Naturale" e a tutte le tesine lette ogni giorno sul tuo bellissimo Blog.
    Non sono un'invenzione, né un ologramma del Valdo, pertanto mi firmo con nome e cognome.
    Un abbraccio a tutti i sotenitori: benché sparpagliati siamo un esercito in crescita ed una testimonianza vivente che vivere bene senza uccidere si può e si deve.
    Lucialba Vania

  5. Questo bellissimo blog è la mia scuola. Valdo ha stravolto la mia vita e non smetterò mai di dire "meno male!"
    Lucianna Di Biagio

  6. Giovanni Guarente on

    Confermo e sottoscrivo tutti gli altri commenti. Bravo Valdo !
    Giovanni Guarente

  7. E dire che riporta lui stesso, sul suo sito web, la frase: "Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità".

    Questo non dovrebbe fargli capire qualcosa?

  8. fabio fontana on

    Sinceramente c'è ben poco da dire su questo signore. Credo che la cosa migliore sarebbe stata quella di ignorarlo cestinando il post. E mi dispiace molto che il Blog di Grillo non si sia accorto di aver ospitato qualcuno che gli fa solo danno, basta guardare il Blog di Rubini e qualche suo video casalingo per rendersene conto. Una perla l'intervista telefonica su "Destabilizzatore", un dialogo penoso di 11 minuti durante i quali si parla del nulla. Si comincia con "A munnezz" si prosegue ripetendo più volte l'indirizzo web di Rubini e si conclude con la promessa di continuare a tenersi in contatto per il futuro, fine. In calce al video appare una frase: "per chi avesse problemi fisici e non, ascoltare la testimonianza di Leonardo può aiutare tutti ad avere una vita migliore.. l'alimentazione e la benzina che mettiamo nel nostro motore, dovremmo tutti informarci di più, senza aspettare di ammalarci." E li si disvelano le influenze valdiane (di cui Rubini è sicuramente avido lettore) ma riportate da un bambino di 3 anni. Nel Blog di Rubini c'è una foto con due signori e lui al centro con una veste bianca che in un primo momento mi aveva fatto pensare facesse il cuoco. Ma a che serve quella foto? Per dargli credibilità. Rubini ha bisogno di esibire gli altri, i suoi miti del momento.

    Rubini è tutto galvanizzato ma in completo stato confusionale: consiglia il medico ma ce l'ha con i medici; i medici non l'hanno mai curato ma adesso ci ha quello giusto del quale fornisce l'indirizzo solo personalmente; dichiara di essere guarito e di non prendere più medicine, senza rendersi conto che è migliorato proprio per aver sospeso i farmaci; dichiara d'essere "assolutamente contrario al fai da te", per gli altri però, avendolo – giustamente – praticato per se stesso; dichiara di aver letto degli "studi complicati" al fine di apparire più convincente; si rivolge al web dalla sua cucina con espressione estasiata come se fosse appena tornato da Fatima, parla e alla fine ne sai meno di prima, si vede che a forza di andare alla toilette anche quel poco che conosceva si è perso per strada; è contro gli integratori ma ha trovato gli omega3 speciali non quelli soliti; ha scritto una lettera al sen. Marino che gli ha risposto di fare largo uso di integratori e lo ha cortesemente congedato; afferma di non essere divulgatore e ne ha ben d'onde: gli mancano la stoffa, le basi minime, la coerenza, il cuore e l'educazione, vorrebbe chiudere in manicomio chi è in disaccordo con lui. Dichiara di mangiare le carne ma che bisogna cercarsi quella biologica perché migliore di quella da allevamento industriale. Rubini evidentemente ha letto libri talmente complicati da non aver ancora capito niente. Mi chiedo inoltre se abbia mai messo piede in un macello a meno che non creda che siano biologici pure quelli.

    Ma la cosa più sorprendente è il suo post. Neanche fosse uno a cui avessero pestato un callo per sbaglio, il Rubini ha lanciato insulti lamentando presunte incoerenze di Valdo che a suo dire non sarebbe stato abbastanza furbo (evidentemente il nostro volpone è abituato a comportarsi così), e fuochi d'artificio finali con l'accusa di "farneticazioni medievali". Tutto il livore nasce per alcune parole su Eaton (l'ha conosciuto pochi giorni fa a Boston, micacavoli) che evidentemente hanno scosso i fragili equilibri del nostro il quale si è sentito indirettamente colpito. Egli sta attraversando la fase dell'adorazione di Berry Sears, e si comporta come un bambino al quale si tocchi il super eroe preferito. Rubini che da dell'ignorante-farneticante a Vaccaro è semplicemente grottesco, visto che tra i due è un po' come paragonare il giornaletto di topolino con l'enciclopedia Britannica e la Treccani messe insieme.

    Insomma, il Rubini a dispetto del suo prezioso cognome è solo una volgare patacca. Gli consiglio di darsi una bella calmata, non vorrei gli ritornasse l'ulcera.

    Fabio Fontana

  9. Un applauso a Fabio.
    Ha dipinto un quadro meraviglioso del Rubini.
    Insomma, un Rubins. 🙂

  10. Andrea Cusati on

    Valdo, resto sempre ammirato nel leggere la tua pazienza e fermezza nel rispondere a certa gente. Il rispondere è stato meglio che ignorare poichè mi hai fornito materiale in più per i soliti scassapalle che affermano che siamo sempre stati onnivori, non considerando tra l'altro che recenti scoperte scientifiche ci dicono che si nasce o erbivori o carnivori e poi qualche animale diventa onnivoro (comunque nessuno mangia le quantità dell'altro cibo come l'essere umano). Dopo la risposta una querelina però ci stava bene. Intanto perchè guadagni qualche soldo sulla pelle di cafoni che devono imparare la cultura del rispetto e prendersi le responsabilità delle loro offese gratuite e poi perchè più cause vinci più fai risonanza e ti fai conoscere. In questo modo potrai avere più cassa di risonanza nell'esposizione delle tue teorie, sperando che sempre più gente si stacchi da un'alimentazione dannosa e suicida oltre che crudele nei confronti dei nostri fratellini e delle nostre sorelline minori che dovremmo amare e difendere.
    In ultima analisi non mi risulta che nel medioevo promuovessero il crudismo… ma dove ha studiato la storia Rubini? Guardando Attila di Abatantuono?!

  11. Andrea Cusati on

    Valdo, ho letto altri due commenti al post che citi qui.
    Addirittura si dice che la carne ha fatto aumentare il cervello all'uomo (a me risultava lo stomaco). Poi c'è una tizia che si sofferma sul dottore che hai sbugiardato dicendo che non dice di mangiare carne e poi fa copia e incolla di una frase in cui questo dottore dice di mangiare poca carne (quindi non di non mangiarne proprio).
    Oh Jesus…

  12. @Andrea Cusati.
    Ciao Andrea,
    Sono la tizia del copia incolla e voglio chiarire l'equivoco: il commento del 25 agosto 19.07 è una risposta che davo a Carla, la quale dice che Ongaro sarebbe vicino a Valdo perchè "non perde occasione per promuovere la drastica riduzione del consumo di proteine animali" e io invece le rispondo (a Carla) che non è vero perchè sul blog di ongaro egli stesso consiglia di mangiar carne ( e cito la fonte dal blog di ongaro). Quindi ongaro non è affatto come pensa Carla (commento del 23 agosto 15.51).

    Non so se mi sono spiegata…

    PS: io sono vegan crudista, una super fan di Valdo!

  13. aggiungo: se segui il blog dovresti capire da che parte sto.
    Ciao
    Lucianna Di Biagio

  14. Andrea Cusati on

    Ma infatti, Lucianna, non era riferito a te il mio "copia e incolla" ma a Carla che col suo copia incolla ha smentito ciò che stava dicendo perchè comunque questo dottore sostiene che un pò di sostanze animali bisogna mangiarle.

  15. Andrea, ti chiedo scusa per la confusione.
    Grazie per la pronta risposta.
    Ciao!

  16. no no no. Stiamo parlando di cose serie. non cimentatevi in discussioni una più feroce dell'altra. State denigrando tutto il contesto di Rubini dimostrando di non conoscerlo. Anche se ha usato toni troppo forti, non dovete denigrare completamente il suo lavoro, che ha dato benefici a molte persone.