Seleziona una pagina

SCOMPARSA NATURALE DI CICLO, DI PERDITE E DI LUBRIFICAZIONE

da 12 Giu 2015Amenorrea

LETTERA

NIENTE PIÙ CICLO E NIENTE PIÙ PERDITE

Ciao Valdo, sono vegana da 2 anni e nove mesi e, insieme ai molteplici cambiamenti favorevoli di salute che ho avuto, ce n’è uno negativo. Non ho più ciclo mestruale e non ho più perdite vaginali.

LA DOLENTE NOTA DELLE PENETRAZIONI DIFFICILI

La nota dolente è che non riesco ad avere rapporti sessuali soddisfacenti, poiché la penetrazione mi crea un dolore pazzesco. Può dipendere dalle prime due cose? Devo provvedere a lubrificarmi io, visto che la natura non lo fa più ? Da cosa altro può dipendere ? Se penso che ho avuto anche 2 figli, proprio non me lo spiego. Un saluto calorosissimo.

Emma

*****

RISPOSTA

SCARSA COMUNICAZIONE CON TE STESSA

Ciao Emma. Prendi nota intanto di un principio naturale eterno ed immutabile, in forza del quale  il corpo non va mai contro se stesso e lavora sempre in massima coerenza. Parli di molteplici effetti positivi riscontrati nei tuoi quasi 3 anni di veganismo, e ti rammarichi che esiste un punto negativo e contraddittorio come la scomparsa del ciclo mestruale e delle relative perdite vaginali. Nemmeno un secondo hai perso a pensare che quello possa essere invece uno dei punti più favorevoli del tuo cambiamento. Leggiti ad esempio la mia tesina “Il ciclo ideale senza mestruazioni” e renditi conto che la tua situazione può essere tutt’altro che patologica.

NON CONFONDIAMO LA FERTILITÀ CON L’EROS E LA LUBRIFICAZIONE VAGINALE

Il discorso delle difficoltà nei rapporti e alla penetrazione andrebbe analizzato a parte, in quanto potrebbe essere connesso o no alla amenorrea. Credo in ogni caso che ci vorrebbero molte più attenzioni preparative, sia da parte tua che da parte del tuo compagno, nel senso di promuovere una genuina voglia di farlo e nel contempo una maggiore lubrificazione in zona vaginale. Il discorso dell’aver già avuto due figli conta in realtà assai poco. Una donna può generare anche 10 volte senza che ci sia necessariamente un grande coinvolgimento erotico. Sono cose totalmente indipendenti l’una dall’altra. Strano che tu non ne sia al corrente.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER

Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni presenti su questo sito hanno solo scopo informativo, non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Scritto da Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro, classe 1943, è ricercatore indipendente, divulgatore e filosofo della salute, orgogliosamente NON-medico. Da sempre ha fatto della dieta vegeto-crudista tendenziale, dell’amore per gli animali e la natura un modo di essere e uno stile di vita, in tutta autonomia e libertà. Valdo ha tenuto centinaia di conferenze in giro per l’Italia e nel mondo trattando vari temi tra cui salute, etica, attualità e altro ancora. Al momento, oltre all’attività sul blog, è direttore scientifico e docente della HSU – Health Science University, la prima scuola di Igienismo Naturale Italiana.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Articoli Correlati

Commenti

10 Commenti

10 Commenti

  1. Francesco

    materia delicata, ovviamente, per un maschio, che non può certo parlare per esperienza diretta. So un paio di osservazioni, la prima è che la scomparsa del ciclo non significa necessariamente scomparsa dell'ovulazione, quindi non è necessariamente un evento negativo. Può succedere, e in effetti a volte succede in ambito igienista/crudista. Credo invece che la mancanza di lubrificazione sia una circostanza negativa, si tratta di capirne la ragione. Si tratta in particolare di capire se può essere una condizione transitoria o invece un dato costante. Potrebbe essere un dato costante se tu ad esempio fossi calata troppo di peso, se insomma la tua dieta attuale fosse insufficiente comportando quindi denutrizione. Se questo fosse il tuo caso, è evidente che dovrai correggere anzitutto la dieta, avendo cura che questa sia in grado di soddisfare il tuo fabbisogno calorico (se hai bisogno di qualche delucidazione in proposito non hai che da chiederlo qui sul blog). Ma potrebbe anche trattarsi di una condizione transitoria, legata forse a qualche forma di detox, condizione che il tuo corpo non mancherà di correggere certamente, purchè tu sappia imboccare la strada di un corretto stile di vita. Non esiste che la natura sia tanto cinica da negarci la soddisfazione del piacere sessuale, se succede è per qualche superabile ragione.

    Rispondi
  2. Valerio

    Prima del rapporto devi spennelarti con dell'olio di oliva, ma che sia spremuto ed estratto a freddo, biologico o meglio ancora biodinamico. Dopo il rapporto lavati con acqua alcalina, ionizzata e dinamizzata e indossa mutande di cotone bio o di canapa. Bene anche una tazza di tisana di malva, cicoria e dente di leone, un afrodisiaco naturale che riaccende libido ed isitnto riproduttivo, da prendersi almeno un paio d'ore prima della copula.

    Rispondi
  3. Francesco

    Credo che il nodo da sciogliere sia quello dell’ovulazione: se questa è cessata (ma non per menopausa, che è un’ipotesi che non considero neppure: certo se Emma avesse 50 anni la menopausa sarebbe l’ipotesi più ovvia, ma in tal caso Emma ne avrebbe semplicemente già preso atto da sè, senza bisogno di scrivere a Vaccaro. Suppongo piuttosto che Emma sia ancora giovane per la menopausa, diciamo che potrebbe avere circa 40 anni), se l’ovulazione è cessata, dicevo, allora c’è un problema da sanare, e potrebbe essere lo stesso problema che determina anche la mancanza di lubrificazione. La scomparsa del ciclo a seguito di assenza di ovulazione è infatti una condizione ben diversa da quella di scomparsa del mestruo ma in presenza di ovulazione. Quest’ultima condizione è effettivamente prevista in ambito igienista e non ha davvero nulla di patologico, ma è al contrario indice di salute di grado molto elevato: in questo caso infatti il corpo della donna è già talmente pulito e depurato (grazie allo stile di vita igienista) da non dover ricorrere ad alcuna crisi eliminativa, neppure quella particolare crisi eliminativa che è il mestruo, che madre natura ha specificamente previsto per la femmina a protezione della maternità (questo tra l’altro spiega perché molte donne in età fertile non si ammalano praticamente mai, perché con il mestruo mensile, che è esso stesso una forma di malattia, possono beneficiare di un’importante strumento di depurazione e guarigione che fa da scudo anche per altre malattie). Ma dubito che Emma possa ricadere in questa categoria di soggetti (sparizione virtuosa del ciclo), per via della sua mancanza di lubrificazione, che infatti lascia pensare ad una condizione patologica nella quale la sparizione dell’ovulazione, e dunque la temporanea incapacità di generare, potrebbe aver implicato un rifiuto della penetrazione che a sua volta si manifesta con l’assenza della lubrificazione interna. Per cui in conclusione il fatto che vi sia o meno ovulazione diventa veramente cruciale ed è quindi da accertare attraverso gli opportuni dosaggi ormonali. Se questi confermano la sparizione dell’ovulazione, allora bisognerà cercare di risalire alla causa. Ora una possibile causa, peraltro non così insolita in ambito igienista, risale ad una condizione di denutrizione con calo eccessivo di peso. In tale situazione infatti l’organismo è talmente debilitato da non offrire le garanzie minime necessarie per poter generare, condizione di cui il corpo prende atto semplicemente sospendendo l’ovulazione, donde la scomparsa del ciclo e tutto il resto. Si tratta, anche qui, di una condizione facilmente verificabile da parte di Emma (controllo del peso e della dieta).
    Del tutto diversa è invece l’ipotesi che l’ovulazione sia ancora presente. In tal caso non vi sarebbe di che preoccuparsi per la sparizione del ciclo (uno strumento di guarigione di cui il corpo non si avvale perché in questo caso non c’è nulla da cui guarire); e per quel che riguarda l’assenza di lubrificazione questa potrebbe essere riconducibile ad un semplice problema locale, destinato a risolversi più o meno spontaneamente o mediante l’applicazione di qualche trattamento locale.
    Quanto sopra, ribadisco, lo dico con tutte le riserve del caso, visto che non ho ovviamente alcuna esperienza diretta in materia, di cui cerco solo di ragionare sulla base di quanto ho potuto leggere o “sentito dire” in ambito igienista.

    Rispondi
  4. Antonio Armando

    Sono appena rientrato da una magnifica corsetta da 11 km per 52 min scarsi. In mezzo al silenzio ed alla pace della natura. Sono 55 km anche questa settimana. Da aggiungere ai 100 km settimanali in bici per andare in ufficio. Mai stato meglio in vita mia.
    Questo il mio credo ed i miei fiori Bach.
    Chissà se la signora necessitasse della tua arguzia per prendere in considerazione l'ipotesi di andare dal ginecologo.
    Piuttosto, bisognerebbe domandarsi come mai la menzionata ha pensato di rivolgersi a quell'invasato di Valdo…

    Rispondi
  5. EMANUELA BELLIS

    Ciao, vi ringrazio per le Vs. risposte, mi sono servite molto. Il mio problema non è la mancanza del ciclo e delle perdite che ritengo positiva perchè con queste mi è sparito anche il dolore tremendo che provavo ogni mese; avevo già letto che era normale per una donna vegana non averle; il mio problema è esclusivamente il rapporto sessuale doloroso, l'impossibilità di penetrazione. Andrea mi sa che devi fare i conti con un'altra eccezione. Sono diventata vegana il 6.9.2012 a 49 anni avevo ciclo e ovulazione normali; a maggio 2013 ho avuto l'ultima mestruazione ma continuavo a sentire quei dolorini tipici dell'ovulazione che ho tuttora nonostante la tenera età di 52 anni. Sicuramente si può avere l'ovulazione senza ciclo mestruale ! Andrò sicuramente a fare gli esami per verificare se sono in menopausa perchè questo spiegherebbe molte cose soprattutto il calo di libido. Interessante la considerazione di Francesco sul peso, infatti sono dimagrita 22 chili e sono sottopeso, ma se mangio di più sto male perciò preferisco rimanere sottopeso. Mi ispirano molto i metodi naturali di Valerio, l'unico peraltro che mi ha dato una "cura" e mi ha confermato l'uso dell'olio d'oliva al quale avevo già pensato. Certo lungi da me pensare di andare dal ginecologo e prendere pillole, cerotti e qualsiasi altra porcheria chimica. Grazie ancora a tutti voi maschietti visto che nessuna donna mi ha risposto. ciao ciao Emma

    Rispondi
  6. EMANUELA BELLIS

    Caro Andrea, ti elenco le patologie che ho guarito diventando vegana:
    Pelle secca
    prurito
    mastopatia fibrocistica
    fibroma uterino
    dismenorrea
    endometriosi secondaria
    intestino irritabile
    colite cronica
    aerofagia
    ernia iatale
    emorroidi
    malattia di Meniere
    vertigini
    mal d'auto
    periartrite spalla destra
    dolori alle ginocchia
    capelli bianchi (crescita capelli neri)
    mal di schiena
    sanguinamento gengivale
    perdite vaginali
    mestruazioni sparite.
    L'unica che ancora non ho debellato del tutto è la malattia di Meniere.
    ALTRO CHE MEDICINE !!! LA MEDICINA IN 52 ANNI NON MI HA MAI CURATO ! ciao ciao Emma

    Rispondi
  7. arvo

    @ Emma, auguri. Ricorda sempre che il pessimismo nuoce più dell'ottimismo.
    @Enzo Spataro. Ti ritrovo in forma dopo aver passato la burrasca della guerra informatica. Se ti va avrei delle domande da farti e le sposterò sull'ultima tesina. Ovviamente devo avvertirti che in caso di mancata partecipazione dovremo avvisare la gendarmeria Isis che manderà al tuo posto un tizio incapucciato che risponderà spontaneamente sotto la minaccia delle delle armi (armi americane naturalmente…..). Ciao

    Rispondi
  8. EMANUELA BELLIS

    grazie arvo, concordo pienamente ciao ciao

    Rispondi
  9. Antonio Armando

    Io andrei anche oltre. Proverei a chiedere a qualche benemerita casa farmaceutica di finanziare una ricerca sulla questione.
    Peccato che le esigue prospettive di guadagno relative all'eventuale immissione in commercio dell'ultimo ritrovato farmacologico, farebbero desistire le "onlus" in parola.
    Comunque, mi pare che la sig.ra Emanuela abbia chiarito i dettagli della grave disfunzione che le sta rovinando l'esistenza e indicato la via che intende percorrere per arrivare alla soluzione del problema.
    E se sta bene a lei, noi non possiamo che fornirle tutto il nostro supporto morale.

    Rispondi
  10. EMANUELA BELLIS

    Grazie Antonio per il sostegno; direi che l'esistenza la sto rovinando più che a me a mio marito … visto che la mia libido è molto bassa e sinceramente, ora come ora, ho solo tanta voglia di coccole. Comunque vi saprò dire se sono o no in menopausa (Andrea farò i test sull'ovulazione) e se riuscirò a risolvere il problema, in modo igienistico ovviamente. ciao ciao a tutti.

    Rispondi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: