Seleziona una pagina

SOCIETÀ PARALLELA | COME CREARE UN MONDO LIBERO

da 10 Mar 2022Attualità, Etica, Consapevolezza e Spiritualità

TRADUZIONE DEL VIDEO DI ACADEMY OF IDEAS

“La vera domanda è se il ‘futuro più luminoso’ è sempre così lontano. E se fosse già qui da molto tempo – e solo la nostra cecità e debolezza ci avessero impedito di vederlo intorno a noi e dentro di noi, e ci avessero impedito di svilupparlo”.

Vaclav Havel, The Power of the Powerless

In tutto il mondo una confluenza di fattori sta destabilizzando il tessuto della società. Molte istituzioni governative sono corrotte fino al midollo. Molti politici sono così distaccati dalla realtà che vedono coloro che vogliono la libertà come nemici. I media mainstream si sono trasformati nel braccio propagandistico del governo il cui obiettivo principale è aumentare il potere statale. A peggiorare le cose, le economie globali sono state devastate da politiche governative distruttive e mentre la stampa di denaro dilagante ha creato un miraggio di stabilità economica, questo miraggio sta rapidamente cedendo il passo a una brutta realtà.

I politici ci dicono che se non siamo soddisfatti del modo in cui siamo governati, possiamo esprimere il nostro dispiacere alle urne, o addirittura candidarci alle elezioni. Ma questo significa presumere che l’ideale democratico sia il modo migliore per restituire la libertà a un mondo non libero. Questo è per trascurare l’influenza corruttrice del potere statale. Questo è per dimenticare che la massiccia classe burocratica che aziona molte delle leve di governo non si sostituisce attraverso le elezioni. E, infine, questo significa presumere che il potere statale sia la soluzione a ciò che affligge la società. Quando forse è proprio il potere statale il veleno che la sta distruggendo.

Una soluzione più pratica a ciò che affligge il mondo moderno potrebbe essere quella di permettere al peso morto dello stato di crollare su se stesso, come inevitabilmente accadrà, e di attenuare il colpo di questo crollo attraverso la creazione di una società parallela. In questo video esploreremo cos’è una società parallela, come ha giocato un ruolo fondamentale nella caduta del comunismo nell’Europa orientale e come la creazione di una società parallela può essere la nostra migliore occasione per restituire la libertà a un mondo folle e autoritario.

“Se risulta impossibile costringere legalmente il potere dominante a cambiare il modo in cui ci governa, e se per vari motivi coloro che rifiutano questo potere non possono o non vogliono rovesciarlo con la forza, allora la creazione di una società indipendente o alternativa o parallela è l’unica soluzione dignitosa…”

Ivan Jirous, Parallel Polis: An Inquiry

Le basi per la società parallela sono nate nella mente di Ivan Jirous, poeta ceco e direttore artistico del gruppo rock Plastic People of the Universe. Dopo che i membri di questa band sono stati arrestati nel 1976 per essersi rifiutati di seguire la linea del governo, Jirous ha invitato la comunità di artisti cechi a creare etichette musicali, case editrici, sale da concerto, mostre d’arte e altre infrastrutture simili, che esistessero indipendentemente dalla società dominante e fuori dalla portata dello Stato comunista. Jirous aveva ipotizzato che se fossero state create abbastanza infrastrutture, si sarebbe formata una “società indipendente” in modo spontaneo, che avrebbe funzionato come una sacca di libertà creativa in una società altamente oppressa. Jirous ha definito la società indipendente come “una società non dipendente dai canali di comunicazione ufficiali o dalla gerarchia dei valori dell’establishment”.

“…la “società indipendente” non compete per il potere. Il suo scopo non è sostituire i poteri esistenti con un potere di altro tipo, ma piuttosto sotto questo potere – o accanto ad esso – creare strutture che rispettino altre leggi e in cui la voce del potere dominante sia ascoltata solo come un’eco insignificante da un mondo che è organizzato in un modo completamente diverso”.

Ivan Jirous, Parallel Polis: An Inquiry

L’idea di Jirous attirò l’attenzione del filosofo e matematico cattolico ceco Vaclav Benda. Benda vide in questa idea il seme di una soluzione non violenta alla distruttività del comunismo. Tuttavia, affinché la società indipendente avesse un impatto sociale e politico nel mondo reale, doveva essere estesa oltre il campo della musica e delle arti, visto che la burocrazia e la mano pesante del governo comunista stavano soffocando tutti gli ambiti della vita. E così Benda ha coniato l’espressione “società parallela” per riferirsi a tutte le strutture sociali, culturali ed economiche che esistevano non vincolate dallo Stato. Chiamò tali strutture “strutture parallele” e, al culmine dell’oppressione politica nei primi anni ’70, Benda esortò i cittadini cechi a iniziare a creare “forme parallele di istruzione”, “strutture politiche parallele”, una “rete di informazioni parallele ”, e mercati paralleli liberi che formano una “economia parallela”. E come spiega H Gordon Skilling:

“Delineando le strutture parallele che erano nate o potrebbero nascere in futuro, Benda ha affermato che queste potrebbero gradualmente soppiantare o almeno umanizzare le strutture ufficiali esistenti”.

H. Gordon Skilling, Civic Freedom in Central Europe

La logica alla base della creazione di strutture parallele e della società parallela era semplice: poiché il governo comunista aveva il monopolio della forza ed era troppo potente per sfidarlo in modo diretto, era meglio allontanarsi da esso e sfidarlo ignorandolo quanto possibile. Piuttosto che cercare di eliminare le strutture statali oppressive, era meglio costruirne di migliori che potessero fungere da alternative o rimpiazzi al sistema dell’establishment che stava morendo. Un noto dissidente comunista, Jacek Kuron, ha colto questa logica nel 1980 quando ha risposto all’incendio di un quartier generale comunista affermando: “smettiamo di bruciare i comitati, costruiamo il nostro”. O come ha spiegato Ivan Jirous:

“La società parallela è iniziata con atti spontanei di reciproca autodifesa in diverse parti della società. I partecipanti sono persone attive che non sopportano più di guardare passivamente al degrado generale… rigidità, burocrazia e soffocamento di ogni idea vivente o segno di movimento nell’ambito ufficiale. E poiché queste persone prima o poi hanno riconosciuto che gli sforzi per apportare i minimi miglioramenti nella sfera ufficiale erano esercizi di futilità, era solo questione di tempo prima che dicessero: Perché non investire i nostri talenti, capacità, buona volontà ed entusiasmo in qualcosa che nessuno potrà corrompere, che alla fine potremo decidere di noi stessi”.

Ivan Jirous, Parallel Polis: An Inquiry

La società parallela forniva agli individui i mezzi per esprimersi liberamente senza temere la censura e per raggiungere i propri scopi senza confrontarsi con la soffocante burocrazia dello stato. Inoltre, rivolgendosi a strutture parallele e allontanandosi dalle strutture che fungevano da veicoli dello Stato, gli individui sentivano che stavano influenzando la società in meglio. La società parallela servì quindi come una fonte di speranza tanto necessaria in una società che aveva ceduto all’apatia a causa di decenni di governo comunista. E nella seconda metà degli anni ’70 e per tutti gli anni ’80, questa speranza ha ispirato innumerevoli persone in tutta l’Europa orientale e la società parallela si è infiltrata in molte aree della cultura e dell’economia.

“… anche le mie aspettative più audaci sono state notevolmente superate… Non è più necessario dimostrare che la società parallela è possibile”.

Vaclav Benda, Parallel Polis: An Inquiry

Alla fine degli anni ’80, la società parallela nell’Europa orientale era diventata così forte, decentralizzata e disaccoppiata dallo Stato, che le autorità comuniste persero la presa sul potere:

“La rivoluzione che ha travolto l’Europa orientale negli ultimi mesi del 1989 è stata un prodotto spontaneo del grande malcontento e del desiderio di libertà dei popoli di quei paesi. È stato anche il culmine delle attività indipendenti di molti cittadini che hanno cercato di difendere i propri diritti contro il sistema partito-stato e di creare una società parallela o indipendente come sfida e alternativa ad esso”.

H. Gordon Skilling, Civic Freedom in Central Europe

Uno degli esempi più famosi di una struttura parallela è stata l’industria cinematografica clandestina in Romania. Il dittatore comunista Nicholae Ceausescu aveva messo fuori legge il possesso e la distribuzione di film occidentali. L’imprenditore Teodor Zamfir ha quindi creato un vasto mercato sotterraneo contrabbandando film occidentali nel paese e poi traducendoli e doppiandoli in rumeno. La richiesta per i film è cresciuta rapidamente esponendo il popolo rumeno alla cultura occidentale, che ha così aperto gli occhi e si è reso conto dell’oppressione che stava subendo. Come ha affermato un dissidente rumeno: “I semi di libertà che sono stati piantati dai film, sono cresciuti”. Zamfir ha fatto fortuna grazie al mercato parallelo da lui creato ed è diventato uno degli uomini più potenti della Romania. E in un’intervista per un documentario del 2015 Zamfir ha spiegato:

“Durante la rivoluzione del 1989 tutti erano nelle strade perché sapevano che c’era una vita migliore là fuori. Come? Dai film”.

Teodor Zamfir, Chuck Norris vsCommunism

Dati i progressi tecnologici e la capacità di diffondere informazioni, beni e servizi in tutto il mondo, il potenziale per creare un’ampia varietà di strutture parallele sia a livello locale che globale è oggi significativamente maggiore di quanto non fosse nell’Europa orientale comunista. E così, piuttosto che aspettare passivamente che un salvatore politico ci porti la libertà e ci salvi dal collasso della società, una strategia più realistica è quella di partecipare attivamente alla costruzione di una società parallela.

“…[dobbiamo creare] tutti i tipi di strutture parallele indipendenti, cioè strutture non manipolate dal potere totalitario…”

Martin Palous

Contribuire alla creazione di una società parallela potrebbe equivalere, tra le molte possibilità, a seguire media indipendenti invece dei media classici, utilizzare mezzi di scambio alternativi anziché valute legali sostenute dal governo, utilizzare piattaforme di social media e infrastrutture digitali decentralizzate che promuovono la libertà di espressione, o sostenere le imprese locali piuttosto che le multinazionali che promuovono l’agenda dell’establishment politico. Potrebbe equivalere a creare comunità autosufficienti, condurre indagini scientifiche o borse di studio libere da pressioni istituzionali, o consumare e creare risorse educative, arte, musica o letteratura che non prestano attenzione allo status quo dell’establishment. Qualsiasi azione o impresa che espanda il regno della libertà eludendo in modo creativo la censura e il controllo autoritario o totalitario è un bene per la società parallela. Perché come ha spiegato Egon Bundy, una delle figure di spicco dell’underground ceco:

“Quando l’attività di coloro che si oppongono all’establishment si articola, sarà in forme, metodi e idee totalmente sconosciuti, incomprensibili e inaccettabili per i membri dell’establishment – ed è così che dovrebbe essere”.

Egon Bundy, Civic Freedom in Central Europe

Una volta che una società parallela si è sufficientemente costituita, una società non corre più lo stesso grave pericolo di quando fa affidamento esclusivamente sulle strutture e sulle istituzioni che sono appendici dello Stato tirannico. Perché se queste strutture istituzionali crollano, le strutture parallele attutiranno il colpo di un crollo economico o sociale. Inoltre, le strutture parallele soddisfano i bisogni e i desideri autentici delle persone piuttosto che della classe politica, e quindi tendono a promuovere maggiormente la vita rispetto alle strutture istituzionali. Man mano che le strutture parallele si sviluppano e si solidificano, sempre più persone si rivolgeranno istintivamente verso di esse e man mano che la società parallela si espande, con essa cresce anche la sfera della libertà culturale, economica e politica.

“… una vera società parallela penetrerebbe, attraverso un processo di metastasi, tutte le importanti strutture sociali”.

Milan Šimečka, Parallel Polis: An Inquiry

E come spiega Vaclav Havel:

“La fase finale di questo processo è la situazione in cui le strutture ufficiali iniziano semplicemente ad appassire e a crollare, per essere sostituite da nuove strutture che si sono evolute da ‘sotto’ e sono assemblate in un modo fondamentalmente diverso”.

Vaclav Havel, The Power of the Powerless

Nel 1988, un anno prima del crollo del comunismo nell’Europa orientale, Ivan Jirous rifletteva sulla crescita della società parallela e sui drammatici cambiamenti sociali che ne seguivano.

“La società parallela ha dimostrato il suo valore, ed è l’unica struttura significativa che le persone possono creare se non desiderano rimanere semplici appendici delle strutture politiche e sociali create dal potere dominante”.

Ivan Jirous, Parallel Polis: An Inquiry

DISCLAIMER

Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni presenti su questo sito hanno solo scopo informativo, non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Scritto da Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro, classe 1943, è ricercatore indipendente, divulgatore e filosofo della salute, orgogliosamente NON-medico. Da sempre ha fatto della dieta vegeto-crudista tendenziale, dell’amore per gli animali e la natura un modo di essere e uno stile di vita, in tutta autonomia e libertà. Valdo ha tenuto centinaia di conferenze in giro per l’Italia e nel mondo trattando vari temi tra cui salute, etica, attualità e altro ancora. Al momento, oltre all’attività sul blog, è direttore scientifico e docente della HSU – Health Science University, la prima scuola di Igienismo Naturale Italiana.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Articoli Correlati

Commenti

2 Commenti

2 Commenti

  1. nuccioviglietti

    Consiglio no richiesto… leggetevi Qohelet (possibilmente in traduzione di Guido Ceronetti)… magari smetterete di farneticare di futuri luminosi ed altre simili amenità…!!

    Rispondi
    • Andrea

      Purtroppo la Niuèig ha fatto danni irreparabili…

      Rispondi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: