SUCCO DI ORTICA PER L’INTESTINO GONFIO

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

PROBLEMI INTESTINALI A GETTO CONTINUO

Ciao Valdo, mi permetto di darti del tu. So che hai tante richieste e tanti messaggi da leggere, ma io provo lo stesso a scriverti, con la speranza di ricevere una tua risposta. Mi chiamo Chiara e ho 54 anni. Ti scrivo per chiederti un parere sui disturbi che accuso. Sin da piccola ho avuto problemi intestinali e intestino pigro. Più avanti con gli anni sono stata operata da una fistola anale. Insomma non è passato un solo giorno della mia vita in cui mi sia sentita veramente bene con l’intestino, tra gonfiori, nausea e altri disturbi.

GONFIORI IN ZONA DUODENALE

Ora, in questo ultimo periodo, i gonfiori sono localizzati più in alto, a livello dello stomaco e del duodeno, il primo tratto intestinale. Almeno così mi ha detto il medico. A volte mi capita di avere difficoltà a respirare, talmente sono gonfia.

VIVO COMPRESSA COME AVESSI UNA PIETRA SULLO STOMACO

Ho cambiato tipo di alimentazione. Ora sono vegana, ma qualsiasi cosa io mangi la mia pancia lievita a vista d’occhio. Faccio fatica persino a stare seduta, perché mi sento compressa ed è come se avessi una pietra addosso. Scusa il linguaggio, ma non saprei come altro esprimermi per spiegarti. Ho eliminato pane e pasta di frumento, sostituendo con polenta e riso. Se poi anche quelli dovessero gonfiarmi, non so più cosa pensare.

ASSOLUTAMENTE NIENTE FARMACI

Premetto che non prendo nessun farmaco. Anche perché ogni farmaco mi fa stare peggio e mi provoca reazione opposta a quella prevista. In ogni caso non sono dell’idea di curami con i farmaci. Mi scuso del disturbo e rimango in attesa di una risposta. Grazie di cuore.
Chiara

*****

RISPOSTA

SENZA FARMACI I TEMPI DI RECUPERO SI DIMEZZANO

Ciao Chiara. Parto proprio dalla questione farmaci. Il fatto che tu non ne prenda, e che non intendi prenderne, ha una importanza fondamentale, nel senso che dovrebbe facilitare un ripristino della funzionalità e il riequilibrio che stai cercando.

MIGLIORARE LA CONOSCENZA È D’OBBLIGO

È davvero assurdo convivere per anni con un problema del genere. Il problema sta davvero nell’incapacità di capire i meccanismi della digestione. Primo rimedio studiare di più e farsi davvero un’idea di cosa succede al cibo. Ed è per questo che ti raccomando di leggerti le tesine segnalate, oltre che quanto viene giornalmente pubblicato sul blog.

UN INTESTINO CHE NON FUNZIONA COMPROMETTE L’ESISTENZA

La via digerente, oltre che essere fonte delle sostanze vitali destinate ad alimentare ogni regione del corpo umano, è anche canale di scarico delle impurità che, attratte dal linfatico e dal sangue stesso, arrivano al colon per essere espulse.

FRUTTA DI STAGIONE MA ANCHE INTESTINO RICETTIVO

Non esiste alcun dubbio che la frutta cruda di stagione sia il miglior tonico, il migliore alimento e la migliore medicina dell’intestino. Ma occorre che l’intestino sia disinfiammato. Questo si può ottenere mediante un digiuno di almeno 3 giorni, dove ci si riposerà bevendo solo acqua, alternata a infusi di camomilla, salvia, assenzio, dagli effetti purificanti a livello intestinale. La dieta della ripresa parte con succo di limone allungato al risveglio, con mele cotogne, rinfrescanti e antiputride, con latte di mandorle e un cataplasma di fango sul ventre, per togliere surriscaldamento alla congestione intestinale.

IL FORMIDABILE RIMEDIO DEL SUCCO D’ORTICA A DIGIUNO

Un succo d’ortica preso al mattino a digiuno per tre giorni la settimana, nella dose di una tazzina diluita con acqua e miele, vince ogni affezione dell’apparato digerente! Altri amici dell’intestino si chiamano arancia, avocado, carota, carciofo, cavolo, dolcetta o valerianella, fico, mela, mirtillo, orzo, pomodoro, rapa, ribes, tarassaco, uva e zucca.

È DAL VENTRE CHE PARTONO I PROBLEMI

Questo spiega il perché il dolore di testa sparisce scaricando il ventre. Questo spiega il fatto che la febbre si abbassa ad ogni evacuazione. Questo spiega anche il perché Orazio Flacco (65 AC – 9 AC) scrisse la memorabile frase “Se stai bene di stomaco e di petto, e se non sei tormentato dalla gotta, tutte le ricchezze del Re non potrebbero aggiungere niente alla tua felicità”.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui per passare alla navigazione premium.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
8 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
8
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x