VEGANA IN FORMA MA CON VISO SCARNO E OCCHI INCAVATI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

VEGANA CON PROBLEMA DI VISO SCARNO

Buongiorno. Sono la fidanzata di Jacopo il super vegano energico con livelli di B12 bassissimi!
Anch’io ho scoperto di avere un valore B12 pari a 50. Il mio enorme problema però riguarda la trasformazione del mio viso. Sono vegana da sette anni e sono felicissima di aver intrapreso questo percorso di vita. L’energia fisica è aumentata molto e non ci sono paragoni rispetto a quando seguivo una dieta onnivora. Sono migliorata tanto! L’unica cosa peggiorata è il viso.

OCCHI INFOSSATI ED INCAVATI

Questo è un problema che mi affligge tantissimo. Non ho più il grasso sulle palpebre e quindi gli occhi risultano infossati e si vede l’osso. Ho 43 anni soltanto e questo accade agli anziani, oppure alle persone malnutrite. I miei occhi risultano scavati anche sotto e le mie guance piene sono sparite. Il mio viso é scarno.

MI NUTRO BENE E CON DIETA BILANCIATA

Tutto è cominciato con la dieta vegana. Conosco molte donne e uomini che seguono questo tipo di alimentazione ma nessuno di loro ha questo problema. Le mie analisi sono perfette e mi nutro bene con cibo bio e dieta veg bilanciata. Spero che almeno lei possa darmi una risposta. Un caloroso saluto.
Deva

*****

RISPOSTA

RIFUGGIRE INNANZITUTTO DAGLI SCHEMI FISSI

Ciao Deva. Lo dico in continuazione e fino alla noia che siamo tutti diversi, che gli schemi alimentari fissi non funzionano e che serve essere aperti, flessibili, attenti ad ascoltare il proprio corpo, disposti anche a fare qualche eventuale passo avanti verso il maggior rigore vegano se questo è il problema, o anche viceversa qualche passo indietro, verso il vegetarianismo più tollerante e meno rigido, se il corpo lo esige. A volte occorre essere disposti a rinunciare alle etichette formali esterne, disposti a non chiamarsi con dei nomignoli standardizzati.

UN PO’ DI SENSO AUTOCRITICO NON GUASTA

Nel caso tuo dichiari di alimentarti bene, con cibo bio e con dieta veg bilanciata. Sei sicura di quello che affermi? Le patate e le carote che mangi sono bio? Ma sono forse anche non-irradiate? Altro punto essenziale sta nel fatto che conta l’assimilazione prima ancora che l’alimentazione in sé. L’assimilazione richiede mangiare lentamente e masticare il cibo alla perfezione, oltre che combinarlo al meglio, oltre che assumerlo nei giusti quantitativi.

SENTIRSI BENE È IMPORTANTE, MA OCCORRE ANCHE APPARIRE BENE

Nessuno meglio di te è in grado di valutare in tutta concretezza l’intera questione. Di sicuro il viso patito, scarno e sofferente ha i suoi significati. Per non dire poi degli occhi, che sono sempre importanti indicatori dello stato reale di una persona. Occhi cerchiati di nero indicano insonnia, scarsità di melatonina, o anche qualche scompenso tra sodio e potassio, o qualche problema assimilativo col ferro, o qualche problema di fegato. Occhi infossati sono segno di disidratazione e di insufficienza renale. C’è da dire che viviamo tutti in un mondo carico di tensione, di insidie, di inquinamento, per cui è facile purtroppo pagarne le conseguenze.

CONSIGLI FINALI

In linea generale suggerisco più camminate, più sole, più ginnastica facciale. Qualche alga in più, 2 cucchiaini al giorno di germe di grano. Uso regolare di farina di castagne, di patate dolci, di avocado, di germogli. Miele grezzo, semi di zucca, semini vari, rape piccanti, ravanelli, melegrane, mirtilli, vanno tutti bene contro eventuali parassiti intestinali.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.