ARROGANTE DIVIETO CNR AI DANNI DI ANTONIETTA GATTI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

DOCUMENTO DI ANTONIETTA GATTI

La notizia mi è arrivata in un modo che è impossibile non definire come straordinariamente fuori da ogni regola, convivenza civile inclusa, e così pure la modalità con cui la decisione è stata assunta, ma è ufficiale: il Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTEC di Faenza vieta che io faccia ricerca. Insomma, basta con la mia curiosità, peraltro ripagata da risultati non proprio di secondaria importanza, su malattie come la leucemia mieloide acuta e la sclerosi laterale amiotrofica. Perché ? Ma è ovvio: perché ho fatto, pubblicandola pure, una ricerca sui vaccini. Ebbene, è vero: mi sono permessa di dire quello che risulta lampante all’osservazione di microscopia elettronica: i vaccini contengono delle impurezze fisiche anche se i controlli di qualità affermano di non avvedersene, se mai controlli siano effettuati per davvero. Ingenuamente mi domando: con questa mia “rivelazione” ho fatto tanto male alle case farmaceutiche? A me pareva il contrario e, forse illudendomi di vivere in un altro mondo, mi sarei aspettata un grazie e, magari, la più che ovvia richiesta da parte loro e degli organi di cosiddetto controllo di vedere come faccio ad individuare quei frammenti inorganici che la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità classifica come cancerogeni certi. In fondo, sempre nella mia ingenuità, mi pareva che vendere un prodotto migliore fosse un vantaggio per tutti. E invece… Invece nei vaccini non si deve ficcare il naso e tanto basti.

Ma che cosa c’entrano i vaccini con la leucemia? E con la SLA? Niente, a meno che al CNR non abbiano scoperto qualcosa in proposito che, per qualche ragione, vogliono tenere segreto. E perché, leucemia o no, al CNR non tollerano che si analizzino i vaccini? Io non ho risposte ma, qualunque ragione stia a reggere la decisione, gli articoli 9 e 33 della nostra povera Costituzione vengono calpestati senza ritegno. Chi ne dubita, se li vada a leggere.

Per aggiungere nefandezza a nefandezza e come decisione collaterale inevitabile se nefandezza deve essere, il CNR mi vieta di lavorare su un microscopio elettronico a scansione che io avevo comprato utilizzando fondi europei che erano stati assegnati per un progetto di ricerca che io avevo ideato e condotto, avendo come partner università straniere di grande prestigio. Dei 400.000 Euro necessari, io ne avevo pagati personalmente 130.000, dato che la Comunità Europea copriva solo i due terzi del costo delle apparecchiature ed esigeva un autofinanziamento.

Ricapitolando: uno  strumento acquistato senza che il CNR sborsasse un centesimo, al CNR finito per una serie di circostanze per l’ente fortunate, viene alienato dall’uso di chi, di fatto, lo ha pagato. Non ho idea se in altri paesi al di fuori dell’Italia esistano nefandezze simili, perpetrate non solo ai danni di chi la ricerca la fa sul serio e infischiandosi perfino della Costituzione, ma a spese di chi sta male.

Per chi non lo sapesse, l’origine della leucemia è ancora tutt’altro che chiara e ogni tessera che si aggiunge al mosaico delle conoscenze può portare verso metodi di prevenzione, diagnosi precoci e terapie. La stessa cosa vale per la SLA.  E allora? E allora tutto questo perde ogni valore al cospetto degli interessi di chi macina miliardi con farmaci la cui efficacia è scritta più sulle riviste mantenute dalle case farmaceutiche di quanto non sia nella pelle dei malati. La situazione deve restare quella che è, perché così il mercato continua a fiorire e la fioritura non deve essere messa a rischio di gelate. E i vaccini? Beh, i vaccini sono il business del momento. Non un giro di denaro paragonabile a quello degli anticancro, ma un affare di gran lunga più redditizio per la differenza abissale che corre tra i costi di produzione di quei farmaci e i prezzi di vendita, tanto che da anni corrono i cosiddetti vaccine bond, fruttuosissimi strumenti d’investimento finanziario.

Insomma, come insegna il Gattopardo, si finge di lavorare per il bene comune, si finge di cambiare perché tutto resti com’è e, stando ai fatti, pare proprio che al CNR siano d’accordo che i malati si rimpinzino di farmaci e muoiano senza sapere il perché. Se sbaglio, mi correggerete. A fatti, però, perché di chiacchiere ne abbiamo tutti fin sopra i capelli.

Dunque, in una logica “moderna”, fatti alla mano, stop a qualunque ricerca che turbi la cornucopia, e questo anche a costo d’infrangere tutte le regole del cosiddetto contratto sociale e quelle etiche del Giuramento d’Ippocrate.

Ho già espresso il mio stupore, probabilmente ingenuo, per una situazione allucinante che il CNR ha semplicemente aggravato. Tanto per informazione a chi è arrivato fin qui a leggermi e solo a proposito della leucemia mieloide acuta perché con la SLA siamo più indietro, abbiamo scoperto che il sangue dei malati contiene polveri sottili e ultrasottili in concentrazioni alcuni ordini di grandezza superiori rispetto a chi malato non è. Conoscendo il dato, anche le ditte farmaceutiche potrebbero trarre beneficio rivolgendo la loro attenzione a ricerche centrate su questo. Ma, evidentemente, si preferisce non imboccare strade non solo impegnative ma che pongano dubbi su molto di quando fatto finora. E poi, davanti a crimini come l’analisi dei vaccini, il resto non conta più.

Giusto aggiunto tra parentesi, con quel microscopio in particolare io non avevo mai lavorato sui vaccini, ma questo a Faenza non lo sanno: che l’abbia fatto, che possa farlo, lo possono solo temere. Dunque, meglio starsene sicuri. Meglio poter dire con un inchino devoto “noi con quella roba non abbiamo niente a che fare.” Leucemia? SLA? Di quelle si può tranquillamente morire.

Complimenti, Italia!

FONTE

*****

COMMENTO

I MIGLIORI SCIENZIATI VENGONO REGOLARMENTE PRESI DI MIRA

La dr Gatti non è affatto una persona sguarnita e priva di referenze. Ha le carte in piena regola. Il suo curriculum vitae parla chiaro. Dottorato in Fisica Sperimentale a Bologna, Dottorato in Tecnologie Biomediche a Bologna. Esperienze di ottimo livello in Italia e all’estero. Stage alla NASA. Borse di studio in Europa e in Giappone. Esperta ufficiale in progetti CEE. Riconoscimenti e premi internazionali. Ammirazione e rispetto da parte delle massime autorità scientifiche del settore negli stessi USA. Pubblicazioni su riviste scientifiche.

UN CORDONE SANITARIO INTORNO ALLA COPPIA GATTI-MONTANARI

Eppure tutto questo non basta. Eppure tutto questo non è sufficiente a preservarla da una specie di cordone sanitario teso a circoscriverla ed isolarla, dal neutralizzarne e inibirne la pericolosità potenziale. D’accordo, si è acquisita grossi meriti negli studi più avanzati riguardanti SLA e leucemia mieloide, ma si è pure concessa lo sfizio di debordare e di uscire dal seminato. I vaccini non si toccano e non si discutono! La dr Gatti ha osato interessarsi di vaccini, contravvenendo ai Divini Comandamenti del Potere Medico Internazionale. Non a caso, è compagna di vita e di ricerche del dr Stefano Montanari, altra personalità di rilievo presa di mira dagli Astri prediletti dalle Piazze Borsistiche, dalla sanità pubblica colonizzata, dagli enti statali correlati e dal CNR.

LA SALUTE UMANA NON APPORTA GUADAGNO E NON INTERESSA A NESSUNO

Quanto le multinazionali del farmaco, i ministeri della sanità e i governi sudditi di Big Pharma contino ai fini della salute, o si diano da fare a favore del reale benessere individuale e di massa, lo possiamo solo immaginare. A loro interessa di spingere al massimo sulle quote di mercato premendo a fondo l’acceleratore. A loro preme di far ingoiare ed inoculare sempre più porcherie chimiche alla cittadinanza mondiale di ogni colore e di ogni età. A loro interessa di mantenere la popolazione semplicemente malata su basi stabili e crescenti, con l’appoggio indiscriminato dell’Ordine Medico, degli Ospedali, delle Università comprate, dei Media Televisivi collusi e comprati, e di tutti i vari manager di enti, di partiti, di aziende che trovano modo di rastrellare qualche vantaggio economico e qualche briciola di potere stando sul comodo carro dei temporanei vincitori.

GLI ASTRI SPADRONEGGIANO CON LE SEGUENTI QUOTE

Gli Astri si condividono un bottino annuale di oltre 1100 miliardi di dollari, e includono nell’ordine Johnson&Johnson-USA (fatturato 2017: 74 miliardi di dollari), Roche-Svizzera (54), Pfizer-USA (52), Novartis-Svizzera (49), Bayer-Germany (47), Sanofi-France (42), Glaxo-UK (40), Merck-USA (39), Gilead-USA (27), Abbvie-USA (27), Amgen-USA (23), Teva-Israel (23), Eli Lilly-USA (22), Astra-Zeneca-UK (22), Gatti-Montanari (50 mila dollari suppongo, anche se meriterebbero 10 volte di più), Valdo Vaccaro (700 euro di pensione, più alcuni rimborsi spese, più qualche risibile diritto d’autore e qualche episodica donazione, ma indagini e sequestri e persecuzioni da parte dei procuratori della repubblica italiana). Ovvio che non facciamo parte degli Astri, ma ho solo citato il peso politico di noi microbi di fronte a loro, di fronte ai giganti che manovrano il mestolo del calderone. Come dire che i soldi non sono tutto, ma continuano a contare e a far girare il mondo, alla rovescia.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

29 commenti

  1. Piersabatino Deola on

    “A testa in giù” come disse e scrisse Eduardo Galeano. (libro assolutamente da leggere).

  2. Leopoldo Tacchini on

    Esprimo la mia più profonda ammirazione e stima per il valore scientifico, umanistico ed etico-deontologico di questa informazione di altissimo valore offerta dal Signor Valdo. (E naturalmente per la coppia Gatti-Montanari, ricercatori straordinari della vera Salute) Realizzata per far conoscere la Verità ed i valori umani più alti, in totale disprezzo dei propri interessi personali. Invito chiunque apprezzi queste info a commentare positivamente: è una tristezza vedere questo vuoto di commenti!
    Leopoldo Tacchini, psicologo specializzato nella diagnosi e trattamento dei disturbi di apprendimento e comportamento in età evolutiva.

    • Mattea Mattei on

      forse prima di commentare positivamente le informazioni vanno verificate. Il PhD e’ millantato e i 130.000 Euro “pagati personalmente” fanno pensare che li abbia tirati fuori dalle sue tasche ma cosi’ non e’ come dimostra il fatto che non hanno mai portato prove di tale pagamento “personale”. L’articolo sui vaccini e’ scientificamente deplorevole: dichiarano che tutti i vaccini per umani sono inquinati mentre l’unico pulito e’ quello per gatti. Evidentemente nessuno ha la pazienza di controllare perche’ dall’articolo stesso, tabella 3 e figura 8 questo risulta FALSO. Il totale disprezzo dei propri interessi personali stride con il fatto di essere titolari di una srl e di utilizzare per tale societa’ un microscopio, strutture e personale di un Ente Pubblico ossia l’ARPAM di Pesaro, ossia soldi nostri (vedi http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=979415). Penso sia sufficiente ma probabilmente, come la gran parte dei sostenitori della coppia di dottori Gatti-Montanari, lei trovera’ una giustificazione a tutto. Buone Feste

      • Leopoldo Tacchini on

        Gentile signor Mattei, Le rispondo per una forma di cortesia e perché tutti possano leggere, non certo perché avviare una discussione. Certo che le informazioni vanno verificate! Intanto avrei piacere di sapere che qualifiche Lei ha; come vedete io ci ho messo la faccia. Ma sopratutto: se può dimostrare le sue affermazioni, mi giri i link dove possiamo verificarla. A me risulta invece che nessuno sia riuscito a contestare i risultati di laboratorio di Gatti-Montanari, e molti medici si siano ritirati senza riuscire a rispondere. Mi giri questa tabella 3, per favore. Io NON sono sostenitore della coppia, né trovo una giustificazione a tutto. Sarei invece FELICE di sbagliarmi. Ma purtroppo, le testimonianze dei genitori di figli danneggiati da vaccini sono ormai un numero enorme. Anche se per ipotesi falsificazionista, Gatti-Montanari fossero corrotti, ci sono infinite prove e testimonianze. Basta cercarle. Cosa che evidentemente a molti di voi non fa piacere. Io non ho ALCUN interesse né pro, né contro i vaccini. Ho invece il desiderio, come ogni terapista che si rispetti, che i bambini siano più sani e più felici. Buone feste a lei, e a tutti!

        • Mattea Mattei on

          trova l’articolo a questo link https://medcraveonline.com/IJVV/IJVV-04-00072.pdf
          Dalla tabella 2 (pag 4-5) risulta che l’Allergoid (campione 1) contiene solo Alluminio dichiarato dal produttore, che il Morupar (campione 7) non contiene alcun elemento mentre il Feligen (campione 44) contiene Calcio e Silicio-Alluminio; l’Al non e’ dichiarato dal produttore.
          Tabella 3 (pag 8-9)
          L’Alluminio trovato nell’Allergoid si e’ stranamente trasformato in precipitati di Cloruro di Sodio!!! Il Morupar risulta pulito anche qui e il Feligen contiene 92 particelle, anche nano ossia minori o uguali qa 0,1 micron, 1 cluster da 12 micron e 1 aggregato da 40 particelle da 25 micron. Puo’ anche notare che molti dei vaccini per umani contengono meno particelle di quello per gatti. Questo e’ meglio visualizzabile nella figura 8 (pag 12) dove il Feligen sta al primo posto in alto. Un simile articolo, se avesse avuto un minimo di referaggio sarebbe stato bocciato. Io non sono ne’ pro ne’ contro i vaccini anche se sono perfettamente coscinte che essendo farmaci possono avere effetti collaterali. Qual’e’ il rapporto danni/benefici non lo so; per i pro-vaccini e’ basso e per i no-vaccini e’ alto. Gli Enti di controllo sono corrotti? Molto probabile! Ma che vogliamo dire degli avvocati e consulenti che lucrano su quei poveri genitori danneggiati realmente o non dai vaccini? Anche io vorrei che tutti, non solo anche se soprattutto i bambini, fossero sani e felici ma la realta’ e’ diversa dall’utopia e la disinformazione scientifica non giova a nessuno. Non serve grande competenza scientifica per verificare quanto ho detto quindi non capisco la sua richiesta di sapere chi sono; i 2 scienziati lo sanno benissimo e come vede non sono in grado di ribattere anzi il dottore mi ha tolto la possibilita’ di commentare sulla sua pagina e la dr.ssa addirittura l’accesso. Il massimo della trasparenza!!!!
          Buon Anno

          • Leopoldo Tacchini on

            Buonasera signor Mattei,
            intanto la ringrazio per la risposta rigorosa, apprezzabile rispetto a tante polemiche che ho ricevuto in questi mesi, non scientificamente fondate. Essa mi ha permesso di esaminare un lavoro che non conoscevo. Le osservazioni da lei portate sono ovviamente corrette, e LIMITATAMENTE ad esse, non ho niente da obiettare. Sono inoltre sorpreso che sia stato bannato, anche se bisognerebbe vedere cosa ha scritto. MA resta il fatto che si vede chiaramente dalle tabelle che la maggioranza dei vaccini sia carico di particelle estranee, molto pericolose se riescono a superare la barriera emato-encefalica. E’ drammatico vedere che alcuni dei vaccini più carichi di particelle sono proprio quelli risultati più pericolosi dalle testimonianze e dalle cause in corso: Cervarix, un tipo di Infarix, Meningitec, Gardasil. Per dirne solo una, i danni avuti per la vaccinazione per il tumore del collo dell’utero (mi sembra proprio Gardasil) è cosa ampiamente accertata. Per concludere, se Lei veramente è libero da interessi e ritiene che Gatti-Montanari non siano attendibili, perché non ascolta Miedico, Gava, il Comilva e altri che ci hanno solo rimesso da questa storia? Certo, la corruzione esiste anche nei no-vax…Per quanto mi riguarda le testimonianze dei genitori dei pochi casi di autismo e di problemi di linguaggio che ho visto sono più che sufficienti, e contano più di qualunque lavoro, che può essere sempre contraffatto. Le segnalo infine, anzi segnalo a tutti, che risultati molto migliori nella cura dell’autismo da quanto si ottiene, o meglio, non si ottiene affatto in Italia (risultati non vuol dire guarigione, salvo in alcuni casi) sono stati raggiunti dall’Associazione STELIOR di Ginevra, oltretutto a costi ben minori e con una dedizione unica, a quanto mi hanno riferito già due famiglie che ho inviato. Inutile dire che loro, e sono un gruppo, hanno ben sottolineato la responsabilità dei vaccini nell’insorgenza dell’ autismo. Con stima
            LT

          • Mattea Mattei on

            grazie per aver controllato le mie affermazioni; la maggior parte dei sostenitori dei coniugi Gatti-Montanari non lo fa e ricorre ad insulti, esattamente come fa il dottor Montanari quando per caso risponde. I commenti bannati sono esattamente dello stesso tipo di quelli che posto qui e, non credo ci sia altra possibilita’, sono bannata perche’ quanto affermo e’ incontestabile come ha avuto modo di appurare alche lei. Basarsi su un articolo di deprecabile qualita’ scientifica per credere che i vaccini siano inquinati non e’ una buona idea. I coniugi trovano particelle ovunque: nelle merendine ed alimenti in genere, nei tessuti tumorali, nelle padelle antiaderenti, nei filtri antiparticolato …. Non voglio stupirla ma le assicuro che io mi meraviglierei di trovare qualcosa privo di particelle; ne ho trovate anche nell’acqua ultrapura!!! Ribadisco che non ho alcuna competenza per affermare che la vaccinazione porta piu’ danni che vantaggi o viceversa ma sono stata spesso invitata a leggere articoli o statistiche sull’argomento ed ho sempre trovato cattive interpretazioni scientifiche da parte di chi me li proponevai, spesso dicevano esattamente l’opposto di quanto interpretato. Sono fortunata perche’ in famiglia non ho casi di danni, veri o presunti, da vaccino e nella cerchia delle amicizie solo 1 caso. L’unica affermazione che mi sento di fare con quasi certezza e’ che se i vaccini fanno male la colpa non e’ delle nanoparticelle (che nella maggior parte dei casi non sono nanoparticelle) che trovano i coniugi. Non dubito affatto della buona fede di molti medici e associazioni e tantomeno di quella di genitori di bambini sfortunati, alla sfortuna a volte si aggiunge la beffa perche’ in molte vicende giudiziarie gli unici che guadagnano di sicuro sono gli avvocati e i consulenti. Sono una signora; cordiali saluti
            MPS

          • Leopoldo Tacchini on

            Gentilissima, grazie a Lei!
            Allora sento l’esigenza di replicare. Mi lascia veramente basito che Montanari risponda con degli insulti. L’ho ascoltato per ore e non mi sembra proprio da lui. Tutto può essere, non mi permetto di dubitare a quello che Lei dice, ma mi piacerebbe leggere lo scambio. Inoltre non credo che sia così sprovveduto da lasciarsi sfuggire errori scientifici del genere negli articoli. A prescindere da tutto questo, il problema che riguarda i vaccini, comunque, è ben più grande di un semplice inquinamento.
            Le nanoparticelle ci sono dappertutto, questo M. l’ha sempre detto. Basta la semplice combustione dei motori a scoppio. Ma nei vaccini possono raggiungere facilmente il sistema nervoso perché iniettate, quindi sono molto più pericolose.
            Ma c’è molto di più. E’ la sommatoria tra gli inquinanti ed il materiale biologico a determinare, in ALCUNI soggetti e non su tutti, reazioni immunitarie estremamente devastanti e perverse.
            Il risultato che ne consegue, una forma di encefalite, PUO’ portare all’autismo e ad altre condizioni molto gravi nel tempo.
            Sarebbe enormemente semplicistico affermare che le vaccinazioni portano più danni che benefici.
            E’ l’interazione tra UN certo tipo di vaccino e UN certo organismo a POTER essere negativa. In una piccola percentuale (fosse anche uno su 1000 o 10000 pensate a quanti sono i bambini Italiani!) l’effetto può essere devastante.
            Ci sono due dati oggettivi inconfutabili: i Paesi con il più alto numero di vaccinazioni obbligatorie (es. America: 72 richiami fino a 18 anni) sono anche quelli con la più alta incidenza di autismo (siamo passati da 1:5000 e meno di 50 anni fa a 1:80)!! mentre quei gruppi religiosi come gli Amish che rifiutano le vaccinazioni hanno l’autismo vicino a zero!! (C’è qualche rara forma dovuta a difetti metabolici e genetici).
            Sono invece TOTALMENTE D’ACCORDO sulla speculazione perpetrata da avvocati e consulenti, ma anche, disgraziatamente, da medici e terapeuti. Per questo io rinuncio a trattare l’autismo se non ho miglioramenti in pochi mesi, e preferisco in ogni caso inviare in Svizzera per le cure mediche, che come ho detto, sono di altissimo livello e a costi veramente più che onesti. Per concludere: probabilmente il problema delle particelle non è neanche il principale. Le questioni sono invece: i vaccini vengono fatti TROPPO PRESTO, TROPPI IN UNA VOLTA, DI QUALITA’ SCADENTE, e senza un attento esame medico e anamnestico. D’altro canto Montanari ha sempre detto che non cura nessuno, non essendo medico. Con stima.
            LT

          • Leopoldo Tacchini on

            Buongiorno signora Mattei, non so perché la mia risposta è scomparsa. Forse perché c’è un limite di numero? Comunque, guarda caso l’avevo salvata sul PC. Provo a rimetterla:
            “Gentilissima, grazie a Lei!
            Allora sento l’esigenza di replicare. Mi lascia veramente basito che Montanari risponda con degli insulti. L’ho ascoltato per ore e non mi sembra proprio da lui. Tutto può essere, non mi permetto di dubitare a quello che Lei dice, ma mi piacerebbe leggere lo scambio. Inoltre non credo che sia così sprovveduto da lasciarsi sfuggire errori scientifici del genere negli articoli. A prescindere da tutto questo, il problema che riguarda i vaccini, comunque, è ben più grande di un semplice inquinamento.
            Le nanoparticelle ci sono dappertutto, questo M. l’ha sempre detto. Basta la semplice combustione dei motori a scoppio. Ma nei vaccini possono raggiungere facilmente il sistema nervoso perché iniettate, quindi sono molto più pericolose.
            Ma c’è molto di più. E’ la sommatoria tra gli inquinanti ed il materiale biologico a determinare, in ALCUNI soggetti e non su tutti, reazioni immunitarie estremamente devastanti e perverse.
            Il risultato che ne consegue, una forma di encefalite, PUO’ portare all’autismo e ad altre condizioni molto gravi nel tempo.
            Sarebbe enormemente semplicistico affermare che le vaccinazioni portano più danni che benefici.
            E’ l’interazione tra UN certo tipo di vaccino e UN certo organismo a POTER essere negativa. In una piccola percentuale (fosse anche uno su 1000 o 10000 pensate a quanti sono i bambini Italiani!) l’effetto può essere devastante.
            Ci sono due dati oggettivi inconfutabili: i Paesi con il più alto numero di vaccinazioni obbligatorie (es. America: 72 richiami fino a 18 anni) sono anche quelli con la più alta incidenza di autismo (siamo passati da 1:5000 e meno di 50 anni fa a 1:80)!! mentre quei gruppi religiosi come gli Amish che rifiutano le vaccinazioni hanno l’autismo vicino a zero!! (C’è qualche rara forma dovuta a difetti metabolici e genetici).
            Sono invece TOTALMENTE D’ACCORDO sulla speculazione perpetrata da avvocati e consulenti, ma anche, disgraziatamente, da medici e terapeuti. Per questo io rinuncio a trattare l’autismo se non ho miglioramenti in pochi mesi, e preferisco in ogni caso inviare in Svizzera presso l’Associazione STELIOR per le cure mediche, che come ho detto, sono di altissimo livello e a costi veramente più che onesti. Per concludere: forse il problema delle particelle è solo uno di tre o quattro. Le questioni sono: i vaccini vengono fatti TROPPO PRESTO, TROPPI IN UNA VOLTA, DI QUALITA’ SCADENTE, e SENZA un attento esame medico anamnestico. D’altro canto Montanari ha sempre detto che non cura nessuno, non essendo medico. Con stima.
            LT

          • Mattea Mattei on

            avevo letto un suo nuovo commento che non mi compare piu’. Mi chiedeva di portare qualcosa a dimostrazione degli insulti del dr Montanari ed altro.
            http://www.vitalmicroscopio.net/2017/07/13/censurato-larticolo-sui-vaccini/
            Legga la risposta alla domanda: “Io ero presente e ho dovuto assistere ad un’azione di disturbo. Se l’aspettava?” La signora che ha disturbato sono io e l’azione di disturbo aver osato chiedere alla dr.ssa gatti perche’ quanto affermava sui vaccini non trovava riscontro nel loro articolo. Come vede, al contrario di quanto ha fatto lei molti dei ioro sostenitori non vogliono controllare, la semplice regola e’ “basta la loro parola”. la dr.ssa Gatti ha risposto con insulsi insulti ed e’ stata difesa dall’ineffabile senatore Pepe che le ha consentito di non rispondere o meglio ha accettato gli insulti come risposta piu’ che esauriente. Puo’ notare anche gli insulti al dr Marco Bella et al. Tutti psicopatici, ncompetent e corrotti!!!
            Se ben ricordo diceva che le nanoparticelle iniettate sono piu’ pericolose perche’ vanno direttamente in circolo. Come dicono anche i coniugi, (a volte citando correttamente chi ha fatto la ricerca ed altre facendo credere che sia loro o in collaborazione) le nanoparticelle inalate passano gli alveoli polmonari ed in 60 secondi raggiungono tutti gli organi. Non ricordo di cosa altro parlava

          • Leopoldo Tacchini on

            Niente, ho postato due volte e non compare il messaggio. Provo quest’ultima volta

          • Mattea Mattei on

            Il suo commento e’ ricomparso, non so se si riferisce ad uno piu’ recente. Non capisco la sua affermazione “Inoltre non credo che sia così sprovveduto da lasciarsi sfuggire errori scientifici del genere negli articoli.” Mi sembra che gli errori nell’articolo siano stati riconosciuti tali anche da lei. Comunque se vuole togliersi ogni dubbio puo’ scrivere al dr Montanari , sul suo blog, sulla pagina facebook (mi pare pero’ che lei non stia su facebook) o privatamente e chiedere spiegazioni sulle discrepanze tra cio’ che afferma e quanto riportato nell’articolo. Sono pienamente d’accordo con lei che i vaccini, in quanto farmaci, dovrebbero essere somministrati con grande attenzione ma non credo che manchino i controlli sul prodotto o, come piu’ o meno apertamente afferma il dr Montanari che vengano inquinati coscientemente per creare malati cronici che poi devono ricorrere ai farmaci ingrassando le industrie farmaceutiche. L’inquinamento che ci sommerge, incluse le polveri ultrafine, e’ piu’ che sufficiente. Buon Anno

          • Leopoldo Tacchini on

            Buon Anno a lei! Certo che l’inquinamento è più che sufficiente. Però non causa autismo. Infatti non esiste alcun caso di un adulto che sia diventato autistico a causa dell’inquinamento. Ciò succede invece nei bambini molto piccoli perché il sistema immunitario è immaturo e reagisce molto male a tossine che la natura non ha previsto, e che superano la barriera emato-encefalica a seguito della vaccinazione. Oppure l’infiammazione si genera nell’intestino, sempre a causa di virus vaccinali, e da lì giunge al sistema nervoso. Con il dovuto rispetto, come io non so quasi niente, mettiamo, di filosofia, mi sembra che Lei critichi Montanari- a prescindere se a torto o ragione- ma trascuri alcuni concetti basilari. Ad esempio: certamente i controlli sul prodotto ci sono, ma questo non toglie che alcune impurità siano difficilmente eliminabili dal processo di lavorazione. Ad esempio una minima quantità di sali di mercurio è tollerata perché impedisce la proliferazione batterica, però in certi casi può portare distruzione del sistema nervoso, quando riesca a giungere all’interno del tessuto nervoso stesso. Inoltre se, come dice giustamente, i vaccini vanno somministrati con grande attenzione, non si capisce come mai dobbiamo essere l’unico Paese al mondo ad imporre 12 richiami in tenerissima età. Non esiste alcuno studio sulla sicurezza di tale pratica, proprio perché finora non è stata messa in atto in alcun Paese. Non mi interessa più di tanto stabilire se Montanari sia caduto in errore, perché la sua linea di pensiero generale è seguita non solo da medici serissimi quali Gava, Serravalle, Miedico e altri, ma anche dal Comilva. Non è mai bene fare eccessivo affidamento su un solo studioso. Anche il doppio premio Nobel Linus Pauling (chimica e pace) figura straordinaria di uomo e scienziato, é caduto in eccessi nell’uso della vitamina C come cura per gravi malattie. Questo non toglie che resti probabilmente il più grande Chimico del ‘900, nonché l’unico uomo insignito del Nobel sia come scienziato che come filantropo. D’altro canto, la fonte più super partes in Italia potrebbe essere proprio il Comilva.

          • Mattea Mattei on

            “…. il sistema immunitario è immaturo e reagisce molto male a tossine che la natura non ha
            previsto, e che superano la barriera emato-encefalica a seguito della vaccinazione.
            Oppure l’infiammazione si genera nell’intestino, sempre a causa di virus
            vaccinali,”

            Non sono un medico, come suppongo sia lei, ma se non erro tossine e
            virus non hanno niente a che fare con i metalli pesanti.

            Il mercurio non e’ stato rilevato dal dr Montanari nei vaccini; puo’ controllare nell’articolo
            mentre e’ stato rilevato in quantita’ “non quantificabile” (tranne 3 casi in
            cui e’ comunque molto basso) ossia sotto il limite di linearita’ del metodo, da
            un laboratorio tedesco in grado di rilevare metalli in tracce.
            https://autismovaccini.org/wp-content/uploads/2017/02/analisi-vaccini-00.pdf
            L’unico metallo pesante rilevato in quantita’ relativamente elevate e’ l’Alluminio, il valore
            piu’ alto e’ stato rilevato nel Synflorix (1007956 microgrammi/L) che in 0,5 mL
            di vaccino corrisponde a circa 500 microgrammi, esattamente quanto dichiarato
            daL produttore. Non sono in grado di capire se tale quantita’ e’ pericolosa o no.
            Ho trovato questa intervista al dr Girolamo Giannotta
            https://www.freedompress.cc/alluminio-nei-vaccini-e-nellalimentazione-facciamo-chiarezza-sulla-sua-azione/
            ovviamente afferma che gli effetti dell’Al per ingestione sono diversi da quelli per
            iniezione e che la quantita’ assimilata nel primo anno di vita con i vaccini e’
            40 volte superiore a quella assimilata con l’alimentazione. Non mi risultano
            chiarissimi i passaggi ma pare che il 2% dell’Al che arriva nel sangue finisca
            nel cervello e che il cervello e’ in grado di accumulare senza danni 8
            microgrammi/anno di Al. Con un calcolo semplicistico, e non so quanto corretto, dal Synflorix arriverebbero al cervello 10 microgrammi; non capisco come mai ne permettano la vendita e somministrazione visto che, come su detto, quel contenuto e’ dichiarato.

            Ribadisco che non sono in grado di stabilire se i vantaggi della vaccinazione superino gli svantaggi o viceversa; purtroppo le statistiche si fanno sui grandi numeri senza tenere conto che anche 1
            sull’intera popolazione mondiale crea dolore ad una famiglia. A mio parere una
            percentuale di danneggiati e’ inevitabile ma si deve fare il possibile ed anche
            di piu’ per diminuirne il numero con esami prevaccinali; purtroppo ci sono dei
            costi da sostenere e poiche’ il dio denaro spesso passa avanti a tutto non so
            se cio’ sara’ fatto ma e’ proprio su questo che si deve lottare ma evitando
            disinformazione scientifica che nuoce a tutti.

            Ho dato uno sguardo al sito del Comilva ma lo trovo troppo di parte, perche’ dovremmo credere a loro e non ad esempio all’Ist. Superiore di Sanita’ che e’ di parte opposta? La storia che
            tutti gli Enti Pubblici siano in mano esclusivamente a corrotti non mi piace. Ovviamente
            la mia e’ pura provocazione, non ho alcun elemento ed intenzione di giudicare
            ma se ho ben capito il Comilva e’ una Onlus che comunque viene finanziata,
            suppongo, da no-vax, che assicura servizi legali ma da anche sostegno ai piu’
            bisognosi; saranno piu’ i pro o i contro?

          • Leopoldo Tacchini on

            Salve signora Mattei, le rispondo ora perché ero influenzato. Ripeto che rispondo più per cortesia di replica e per stimolare una riflessione…e non già per affermare le mie modeste idee.
            Vado per importanza crescente: ho detto all’inizio che sono uno psicologo specializzato in disturbi di apprendimento (età evolutiva) e naturopatia, che studio da 25 anni, non già un medico. Però passo ore nel tempo libero a studiare per cercare la verità su questioni importanti della nostra salute. Come ho detto, la Sua capacità di analisi è più che apprezzabile, ma il punto è quali fonti consideriamo attendibili. Perdoni la stringatezza, parto dall’inizio.
            a) Sono due meccanismi diversi. I metalli pesanti, una volta che disgraziatamente sono giunti nel tessuto nervoso, provocano una vera e propria bruciatura irreversibile, sopratutto il mercurio. D’altro canto, i virus A VOLTE avviano una encefalite che A VOLTE si autoalimenta, dunque è anch’essa spesso irreversibile.
            b) Finché discutiamo su quanti microgrammi di un metallo ci siano nella fiala, quanti arrivino al cervello, quanti l’anno, quanti possano avviare un processo di tossicità, quanti eventualmente causano l’autismo, ed in che percentuale…..bé, non arriviamo da nessuna parte! Lei pensi quanti anni ha impiegato la comunità scientifica mondiale per stabilire in modo inequivocabile che il fumo è cancerogeno, e quanti anni siano ulteriormente passati per avere una legge adeguata: 50? 100? Mentre è solo da quest’anno che si sono imposti 10 vaccini in un colpo solo…
            c) Consultando le ricerche epidemiologiche (occorre tempo e pazienza, per ME una fonte attendibile è il dottor Miedico) possiamo stabilire due cose: L’incidenza dell’autismo in una popolazione è direttamente proporzionale al numero di richiami vaccinali (non solo autismo, ma, in misura ben maggiore, cancro ed altre malattie degenerative) gli Amish non si vaccinano e l’autismo è quasi zero; alcuni vaccini sono quasi totalmente inutili nel prevenire una malattia (es. influenza) mentre altri hanno dimostrato una certa utilità; in ogni caso ben più importanti per una popolazione sana si sono dimostrate le misure basilari di igiene.
            d) Lei scrive: “Ho dato uno sguardo al sito del Comilva ma lo trovo troppo di parte, perche’ dovremmo credere a loro e non ad esempio all’Ist. Superiore di Sanita’ che e’ di parte opposta? La storia che
            tutti gli Enti Pubblici siano in mano esclusivamente a corrotti non mi piace.” Vede signora, la verità difficilmente ci piace. io ho dovuto superare i 50 anni (25 di studi e riflessioni) per prendere coscienza del livello di corruzione al quale siamo arrivati, non solo noi ma tutti i Paesi moderni a livello di istituzioni. So cose che non posso scrivere, ma un esempio lo farò. Nessuno sostiene che gli Enti Pubblici siano in mano solo a corrotti, ma neanche solo in mano a savi. Nessuna Associazione può prescindere totalmente da denaro, ma se poniamo x il giro di soldi poniamo del Comilva, se ci spostiamo all’ Ist. di Sanità parliamo di cifre moltiplicate di quanto? Un milione? Lei chiede perché non dovremmo credere all’ ISS. Ma è lapalissiano. Ma ha un’idea di quale sia il giro d’affari anche di una sola fiala in più di vaccino moltiplicata per tutta la popolazione italiana in età di vaccinazione? Sa che le forniture vaccinali sono state richieste a due Industrie che da tempo sono al centro di pesantissimi contenziosi con la giustizia? Sa che medici stimatissimi dai loro pazienti, che tenevano Corsi di aggiornamento apprezzati in tutta Italia, sono stati radiati semplicemente perché hanno invitato alla cautela, ed alla riflessione seria, nei confronti dei nuovi programmi vaccinali? Sa che persino noi miseri psicologi siamo oggetto di una martellante pubblicità a seguire corsi di formazioni per dare una “corretta” informazione sulle questioni vaccinali? Sa che ogni medico pediatra riceve un ricco emolumento ogni tot bambini vaccinati? Per non parlare di viaggi e convegni in località di sogno promossi dall’industria ai “migliori” medici prescrittori. Ma spostiamoci su un campo completamente diverso. Ho saputo che il Sistema sanitario Canadese ha reso obbligatorio il controllo di routine dei livelli di vitamina D su tutta la popolazione, perché questa semplice ed economica misura (pochi euro pro capite) potrebbe diminuire di molto l’incidenza di tumori nella popolazione generale. Una semplice integrazione vitaminica. Lei pensa che da noi si faccia altrettanto? Quando una mia amica ha chiesto al medico di famiglia un esame in tal senso, si è sentita rispondere che era totalmente inutile.
            Sono decine d’anni che l’AIRC raccoglie soldi per la “ricerca sul cancro” spendendo in ricercatori, nuovi padiglioni ospedalieri, macchinari all’avanguardia. Lei pensa che negli ultimi trent’anni la mortalità per cancro sia diminuita? No, è rimasta assolutamente allo stesso livello, in tutto il mondo. Non sono certo dati miei. E Lei ha ancora dubbi sulla corruzione che alligna nelle nostre istituzioni? Non solo nostre, ma in tutto il mondo. Concludo.
            Se vuole (volete) davvero arrivare alla verità, lasciate perdere un poveraccio come me. Non mi ascoltate. Ascoltate invece chi ha dedicato tutta la sua attività per un mondo migliore. Queste persone raramente parlano in TV, ma Youtube offre una possibilità d’espressione mai possibile finora. Per cominciare da un esempio, Ieri sono rimasto molto colpito da un video di Padre Alex Zanotelli, Missionario Comboniano.Ci danno un’idea di quale punto di degrado abbia raggiunto il nostro mondo civile. Ecco il link: https://www.youtube.com/watch?v=e653nZ1J8Mc&index=2&list=LLFPF6SnU3q03H8i6uxAIc5A
            Avrò piacere se mi dirà cosa ne pensa. Le auguro tutto il meglio, e la ringrazio molto perché le sue repliche hanno stimolato in me un’ampia riflessione e approfondimento. LT

          • Gianluigi Bombatomica on

            Ciao!
            Quella degliamish é una balla grossa come quella degli hunza. Sarei ben felice di leggere una ricerca che riguarda di come il cancro aia collegato al vaccino.
            Parlare di quantità per quanto riguarda tossici e metalli pesanti é alla base della tossicologia…non è la sostanza ma é la dose a decretarne la tossicità. Il mercurio, tra l’altro, non è nei vaccini da anni e quello che c’era non era quello dei termometri.
            Prima di parlare di corruzione io mi chiederei quale sia il giro di affari dei novax tra convegni, libri e consulti personali…
            Sulle ricerche della coppia delle nanoparticelle ci hanno discusso abbondantemente nel mondo scientifico, basterebbe fare una ricerca ben fatta.
            Secondo me dovrebbe essere abbondantemente arrivato il momento di finirla di prendere in giro il prossimo.
            Attendo la bibliografia.
            Ciao

          • Leopoldo Tacchini on

            Guardi signor Gianluigi, ho già detto che non mi interessa discutere, nè tanto meno prendere in giro il prossimo. Se Lei è felice credendo che la storia degli Hunza e degli Amish siano balle grosse, continui così. Mi piacerebbe sapere quali ricerche le danno questa certezze. Ci sono però due dati inequivocabili: l’autismo è in aumento vertiginoso, ed è tanto più elevato in quei Paesi dove più alti sono i richiami vaccinali. Inoltre, prima di parlare, bisognerebbe essersi confrontati con le famiglie con figli danneggiati da vaccino. Perché esistono, ed una parte di loro, una su 10 circa, comincia finalmente ad essere riconosciuta con sentenze di tribunali di tutta Italia, anche se si preferisce non parlarne a livello di media ufficiali. Dunque se Lei nega l’evidenza, non ho interesse a continuare la discussione. Cordialmente LT

          • Gianluigi Bombatomica on

            Basta fare una semplice ricerca. C’è poco da discutere perchè sono dei falsi.
            Non nego l’evidenza perchè per negarla bisognerebbe almeno vederla e lei, purtroppo, ha tirato fuori un atteggiamento difensivo ma nessuno studio come richiesto. E’ più semplice far passare me come “chi non ha interesse dei figli danneggiati” (come se le sentenze di tribunale avessero valore scientifico o come se qualunque altro farmaco non avesse effetti collaterali) piuttosto che dare dati oggettivi.
            Buona serata.
            Cordialmente GB

          • Leopoldo Tacchini on

            La ringrazio della risposta. Se dunque Lei ha fatto questa semplice ricerca, perché non ce ne mostra i risultati? Mi sembra che ha cominciato Lei ad affermare che sono “balle grosse” senza darcene dimostrazione. Non tocca a me cercare dimostrazione alle Sue affermazioni. Per quanto mi riguarda, i dati epidemiologici e quelli del COMILVA sono più che sufficienti. Se non le bastano, per me non c’è problema. Certo che tutti i farmaci hanno effetti collaterali. Un conto però è avere un po’ di bruciore di stomaco, altro conto se delle famiglie hanno la vita rovinata per sempre perché i loro bambini hanno smesso di parlare o di camminare. Siccome si è sempre saputo nel mondo medico che in rari casi (quanto rari è tutto da vedere) i vaccini possono dare encefalite, e che l’encefalite può portare alla perdita irreversibile del linguaggio o della deambulazione, per me questo è argomento sufficiente per farne un uso ben diverso da quanto si cerca di fare oggi con il loro obbligo. Infine le sentenze potrebbero non avere valore scientifico, ma certamente sono frutto di un giudizio collegiale e certamente ben più disinteressato rispetto a che vorrebbe proporre un uso scriteriato dei vaccini stessi. Stiamo parlando di effettuare esami sul sistema immunitario prima di vaccinare, di usare un vaccino alla volta e di non avere fretta di vaccinare e di abolire i vaccini INUTILI, come quello per l’influenza che è dimostratissimo non proteggere un accidente, o come quello per l’epatite da contatto sessuale, impossibile per un neonato – NON di abolirli. Tutte pratiche scomode e costose, ma che renderebbero le operazioni molto più sicure. Saluti

          • Mattea Mattei on

            Io sono invece un “chimico analitico” (dicono che non si puo’ usare il femminile) ed ovviamente vedo tutto dal punto di vista del rigore scientifico, inclusa la statistica, di chi porta avanti l’una o l’altra teoria.

            Lei afferma “I metalli pesanti, una volta che disgraziatamente sono giunti nel tessuto
            nervoso, provocano una vera e propria bruciatura irreversibile, sopratutto il
            mercurio”.
            Il nostro corpo e’ il piu’ complesso e meraviglioso laboratorio
            esistente! Nel nostro corpo esistono tutti gli elementi della Tavola Periodica
            ed ognuno ha una sua corretta funzione se presente nella concentrazione giusta;
            in pratica ogni elemento o composto deve agevolare determinate reazioni che
            altrimenti andrebbero avanti troppo lentamente ed inibire invece quelle che
            andrebbero troppo velocemente. Nessun chimico riuscirebbe a fare quello che
            riesce a fare il nostro corpo. I metalli pesanti funzionano da cofattori
            enzimatici, ossia aumentano la velocita’ di alcune reazioni che necessitano di
            enzimi (catalizzatori) o le inibiscono ovvero la diminuiscono. Su tali basi mi
            sembra ovvio dire che chi afferma che la dose non e’ importante e che ne
            basta una per provocare guai incorre in un grossolano errore perche’ se
            quell’una non ci fosse potrebbe invece squilibrare a catena piu’ di una
            reazione che avviene nel nostro corpo.

            Sulle statistiche presumibilmente taroccate ovviamente non posso pronunciarmi ma una signora no-vax una volta mi invito’ a vedere un video di un certo Minniti, che purtroppo non ritrovo; ovviamente l’ho guardato perche’ se seguo una discussione devo farlo seriamente. Il risultato
            era un’accozzaglia di dati mescolati presi da siti diversi, non dichiarati, di cui si prendeva
            solo la parte che conveniva per portare avanti la sua ipotesi. Ad esempio ho
            verificato, cercando su Internet, che riportava il grafico in figura 1 del rapporto dell’ISS https://www.iss.it/site/rmi/morbillo/pdf/WEB_MR_R&M_News.pdf. Tale rapporto
            riportava i casi di morbillo in Italia (taroccati?) ed il Minniti li confrontava con un
            grafico di origine ignota (non sono riuscita a trovarlo) che riportava la
            copertura vaccinale ignorando invece completamente i dati su tale copertura riportati
            nello stesso rapporto ISS; quindi i dati sul numero di casi di rosolia secondo
            il Minniti non era taroccato mentre lo era quello sulle coperture vaccinali?

            Altro fatto che mi rende critica verso alcuni no-vax. In questo documento del Senato https://www.senato.it/documenti/repository/commissioni/uranio/riunione_vaccinazioni.pdf
            la dr.ssa Gatti afferma (pag. 10-11) “L’ipotesi vaccini non è stata scartata neanche dalla Commissione della Camera dei Lords, anche perché in Inghilterra ci sono delle associazioni di familiari molto forti,
            politicamente forti, le quali non permettono agli ospedali di far vaccinare i propri figli, perché dicono che questi possono avere dei problemi di salute, un’evenienza che in effetti è stata riscontrata. Questo
            però sta portando all’effetto contrario per cui, per esempio, si sono visti dei casi di poliomielite nei bambini, una malattia che da noi è scomparsa; dunque, la materia è ancora
            controversa.” Sempre a pag. 10 la dr.ssa dichiara qualcosa che a me fa venire
            il voltastomaco; parla dell’analisi di una biopsia di un militare morto e di 2
            vaccini somministrati al figlio che secondo la madre potevano essere la causa
            di morte. La dr.ssa afferma “Ho avuto la possibilità di analizzare due vaccini
            attualmente in commercio, il Vivotif e il Typhim, che sono però quelli attuali,
            non si tratta dello stesso prodotto col quale il figlio è stato vaccinato,
            quindi sono due cose diverse, credo.” Ma non lo sapeva anche prima di
            analizzarli a pagamento che i vaccini erano diversi da quelli iniettati al
            militare?

            Io rimango critica nei confronti delle vaccinazioni e ritengo che si possano e devono migliorare i controlli sulla salute del singolo bambino prima della vaccinazione (in pratica le stesse cose
            che se ho ben letto afferma il dr Medico) ma quando i no-vax mi portano esempi
            di persone come quelle su dette penso che purtroppo siano vittime di persone
            che divulgano fatti di dubbia scientificita’.

            Sul video, che ovviamente ho guardato, ci sarebbe da aprire un lungo discorso; sicuramente dice delle cose che per una persona di buonsenso sono scontate (ad esempio io bevo acqua di
            rubinetto) ma, sempre come esempio e per darle nuovi spunti, la invito ad approfondire l’argomento “celle solari” come alternativa green; smaltimento difficile e costoso! Purtroppo ad oggi, e penso che mai si trovera’, esiste una fonte di energia green; bisogna sicuramente limitare i consumi con sacrifici
            che spesso sono minimi per allungare il tempo di vita del nostro Globo che come
            tutto non puo’ essere eterno.

          • Mattea Mattei on

            avevo risposto ma il mio commento non e’ comparso; ci riprovo

            “…. il sistema immunitario è immaturo e reagisce molto male a tossine che la natura non ha
            previsto, e che superano la barriera emato-encefalica a seguito della vaccinazione.
            Oppure l’infiammazione si genera nell’intestino, sempre a causa di virus
            vaccinali,” Non sono un medico, come suppongo sia lei, ma se non erro tossine e
            virus non hanno niente a che fare con i metalli pesanti.

            Il mercurio non e’ stato rilevato dal dr Montanari nei vaccini; puo’ controllare nell’articolo
            mentre e’ stato rilevato in quantita’ “non quantificabile” (tranne 3 casi in
            cui e’ comunque molto basso) ossia sotto il limite di linearita’ del metodo, da
            un laboratorio tedesco che rileva metalli in tracce.
            https://autismovaccini.org/wp-content/uploads/2017/02/analisi-vaccini-00.pdf

            L’unico metallo pesante rilevato in quantita’ relativamente elevate e’ l’Alluminio, il valore
            piu’ alto e’ stato rilevato nel Synflorix (1007956 microgrammi/L) che in 0,5 mL
            di vaccino corrisponde a circa 500 microgrammi, esattamente quanto dichiarato
            daL produttore. Non sono in grado di capire se tale quantita’ e’ pericolosa o no.
            Ho trovato questa intervista al dr Girolamo Giannotta
            https://www.freedompress.cc/alluminio-nei-vaccini-e-nellalimentazione-facciamo-chiarezza-sulla-sua-azione/
            ovviamente afferma che gli effetti dell’Al per ingestione sono diversi da quelli per
            iniezione e che la quantita’ assimilata nel primo anno di vita con i vaccini e’
            40 volte superiore a quella assimilata con l’alimentazione. Non mi risultano
            chiarissimi i passaggi ma pare che il 2% dell’Al che arriva nel sangue finisca
            nel cervello e che il cervello e’ in grado di accumulare senza danni 8
            microgrammi/anno di Al. Con un calcolo semplicistico, e non so quanto corretto, dal Synflorix arriverebbero al cervello 10 microgrammi; non capisco come mai ne permettano la vendita e somministrazione visto che, come su detto, quel contenuto e’ dichiarato.

            Ribadisco che non sono in grado di stabilire sei vantaggi della vaccinazione superno gli svantaggi o viceversa; purtroppo le statistiche si fanno sui grandi numeri senza tenere conto che anche 1
            sull’intera popolazione mondiale crea dolore ad una famiglia. A mio parere una
            percentuale di danneggiati e’ inevitabile ma si deve fare il possibile ed anche
            di piu’ per diminuirne il numero con esami prevaccinali; purtroppo ci sono dei
            costi da sostenere e poiche’ il dio denaro spesso passa avanti a tutto non so
            se cio’ sara’ fatto ma e’ proprio su questo che si deve lottare ma evitando
            disinformazione scientifica che nuoce a tutti. Ho dato uno sguardo al sito del
            Comilva ma lo trovo troppo di parte, perche’ dovremmo credere a loro e non ad
            esempio all’Ist. Superiore di Sanita’ che e’ di parte opposta? La storia che
            tutti gli Enti Pubblici siano in mano esclusivamente a corrotti non mi piace.
            Ovviamente la mia e’ pura provocazione, non ho alcun elemento ed intenzione di
            giudicare ma se ho ben capito il Comilva e’ una Onlus che comunque viene
            finanziata, suppongo, da no-vax, che assicura servizi legali ma da anche
            sostegno ai piu’ bisognosi; saranno piu’ i pro o i contro?

  3. Vero è che gli introiti delle aziende farmaceutiche prosperano perché esiste una domanda di mercato crescente e consistente, resa possibile soprattutto grazie alla crassa (e volontaria) ignoranza della stragrande maggioranza della popolazione, che continua beatamente a fregarsene di cultura salutistica, che per molti si limita alla conoscenza di banalità, come la conoscenza del motto (un po’ farlocco) “bevi il succo d’arancia che ha la vitamina c”. Si preferisce insomma vivacchiare e imitare quello che fanno gli altri, che in ambito salutistico si traduce nel continuare a seminare e coltivare le condizioni ideali per lo sviluppo e la manifestazione delle più svariate patologie, per poi cercare in modo esilarante di smorzarne gli effetti mediante medicinali allopatici, che vengono commercializzati con tanto di bugiardino, la cui lettura dovrebbe presumibilmente indurre chiunque possegga ancora un minimo di lucidità mentale a chiedersi se non sarebbe il caso di disfarsene celermente e rimboccarsi le maniche per crearsi una cultura salutistica che si fondi su basi solide e veritiere.
    Invece non è così. Siamo sotto i bagordi natalizi. La tradizione impone ai suoi sudditi di strafogarsi con zamponi, cotechini, formaggi, panettoni al mascarpone, spumanti e compagnia cantando. Miscugli terrificanti e improponibili li definirebbe Ehret, terreno fertile per creare le lucrose epidemie influenzali dei prossimi mesi. Quindi considerando com’è l’andazzo generale, ci si potrebbe chiedere, in modo forse un po’ ardito, se non sarà mica che il sistema sanitario attuale che può apparire molto spesso come losco, truffaldino e dittatoriale non è in realtà la materializzazione funesta della proiezione del sogno collettivo della maggioranza della popolazione, a cui tutto sommato “va bene così”?.

  4. Daniela Brigato on

    Buona sera e tanta ammirazione per il sig. Valdo. Sono una mamma di una ragazza sorda (vaccinata di trivalente a 3 mesi, 29 anni fa e con dubbio su danni da quel vaccino) il compagno di mia figlia sordo anche lui dall’età di 4 anni è un danneggiato da vaccino con conseguente meningite che lo rese sordo) Sono anche nonna, ed il mio nipotino di 9 anni non è stato vaccinato (tranne la antitetanica a 6 anni) ed è sempre stato bene ed in salute, ma ora il prossimo mese siamo chiamati a colloquio alla ASL per fare le vaccinazioni ed io andrò con la volontà assoluta di dire no e con quanto più materiale riesco a raccogliere e controbattere… ma sarà un braccio di ferro per la scuola e per la tutela genitoriale…abitiamo a Genova. E poi leggo di casi come questo e di medici, ricercatori e studiosi di ogni genere che vengono radiati e bloccati nelle loro attività, perchè in qualche modo intralciano questo schifoso macchinario di morte. Ho lavorato per 30 anni in asilo nido e cercavo di dissuadere le mamme alle vaccinazioni, ed ho visto molti bimbi con reazioni avverse dopo giorni o dopo mesi… Come possiamo fare per salvarci da questa sporca dittatura delle case farmaceutiche e di tutti quelli che mangiano le fette di questa putrida torta?

    • Buongiorno sig.ra Brigato,
      mi dispiace per la situazione di sua figlia.
      Visto che le vaccinazioni sono entro il primo anno e un richiamo a 6 anni, direi che non c’è alcun nesso temporale tra la vaccinazione e la sordità (congenita?) di sua figlia e a 4 anni del suo compagno. Cosa le fa supporre che ci sia un nesso causale?

      Mi inquieta pensare ad una dipendente di un asilo nido che fa terrorismo psicologico nei confronti dei genitori degli altri bambini per cercare di dissuaderli dalle vaccinazioni. Se quelle che lei definisce reazioni avverse si presentavano mesi dopo le vaccinazioni, non le viene il dubbio che le cause potessero essere diverse?

    • Il suo comportamento, egregia signora, è criminale.
      Lavorando a contatto con le famiglie dei bambini avrebbe dovuta essere licenziata in tronco al primo manifestarsi dei suoi malefici consigli.
      Mi dispiace per sua figlia, ma avere una madre come lei sicuramente le ha causato più danni dei vaccini.
      Credere alle balle dei ciarlatani dell’acqua diluita è concesso, sostituire i loro consigli a quelli, sicuramente diversi, dei pediatri di famiglia, è criminale.

  5. La dimensione delle particelle che trova la dott.ssa Gatti è inversamente proporzionale al suo ego.

    Stando a quello che scrive sembra che sia l’unica scienziata in grado di salvare il mondo e che sia osteggiata da un complotto delle malvagie case farmaceutiche.
    Questo è un atteggiamento che si addice più ad un ciarlatano che ad uno scienziato serio.
    Se lei e suo marito continueranno a sostenere di trovare “ferraglia” nei vaccini, che vengono appositamente abortiti e smembrati feti per realizzarli, che causano autismo perché lo dice Wakefield etc. difficilmente verranno presi sul serio dalla comunità scientifica.

    Certo che se l’obbiettivo è quello di vendere libri complottisti e fare quattrini con conferenze a cui uno scienziato non parteciperebbe mai è la strategia giusta.

    “il Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTEC di Faenza vieta che io faccia ricerca.”
    Il CNR Istec le ha solo tolto l’associatura non essendoci alcuna collaborazione in atto.

    “con questa mia “rivelazione” ho fatto tanto male alle case farmaceutiche?”
    No, nonostante le opinioni della dott.ssa Gatti, le vendite dei vaccini (meno dell’1% del fatturato dell’industria farmaceutica) non hanno subito cali di vendite e nessuna è fallita per la pubblicazione fatta su una rivista di basso livello.

    “A me pareva il contrario e, forse illudendomi di vivere in un altro mondo, mi sarei aspettata un grazie”
    Intende ringraziata per la campagna contro i vaccini portata avanti da lei e suo marito?

    “…a meno che al CNR non abbiano scoperto qualcosa in proposito che, per qualche ragione, vogliono tenere segreto.”
    Qui siamo al complottismo, non mi sembra che si addica ad uno scienziato.
    Al CNR hanno scoperto che la dott.ssa Gatti non ha pubblicato alcuna ricerca con la loro collaborazione. Oltretutto sono almeno due anni che non si fa vedere.

    “Dei 400.000 Euro necessari, io ne avevo pagati personalmente 130.000, dato che la Comunità Europea copriva solo i due terzi del costo delle apparecchiature ed esigeva un autofinanziamento.”
    Strano che non riesca a dimostrare di averlo pagato.
    Curioso anche che la coppia stesse raccogliendo fondi per acquistare un microscopio nuovo prima di scoprire di non poter utilizzare quello del CNR.

    “tanto che da anni corrono i cosiddetti vaccine bond, fruttuosissimi strumenti d’investimento finanziario.”
    I vaccine bonds sono usati da vari Stati per finanziare piani di vaccinazione nei Paesi più poveri.
    Non sono particolarmente fruttuosi, ma hanno un ottimo rating.

    “pare proprio che al CNR siano d’accordo che i malati si rimpinzino di farmaci e muoiano senza sapere il perché.”
    Diffamazione gratuita. Di pessimo gusto.

    “abbiamo scoperto che il sangue dei malati contiene polveri sottili e ultrasottili in concentrazioni alcuni ordini di grandezza superiori rispetto a chi malato non è.”
    Purtroppo visti i pochi casi analizzati e non avendo normalizzato i dati con i fattori di rischio già conosciuti non sappiamo neppure se la presenza di polveri sia una coincidenza o un probabile fattore di rischio.

    “Giusto aggiunto tra parentesi, con quel microscopio in particolare io non avevo mai lavorato sui vaccini, ma questo a Faenza non lo sanno”
    Veramente stando al comunicato stampa del CNR lo sanno benissimo.

  6. Mattea Mattei on

    la dr.ssa Gatti non ha alcun PhD, e’ una sua personalissima trasformazione da “specializzazione” in Tecnologie Biomediche,a PhD.

  7. Daniela Brigato on

    Gent.le sig. adK…..,
    non capisco perchè non usa nome e cognome…io non temo di farlo. Forse non mi sono spiegata bene, mia figlia prima del terzo mese e delle vaccinazioni non mi aveva dato da pensare che fosse sorda, e a quell’epoca non si faceva ancora lo screening audiologico neonatale, di routine… E’ anche vero che se non siamo sensibilizzati a farlo, è difficile percepire una sordità nei primissimi mesi di vita, comunque mi sembrava che ascoltasse il carillon che già usavo quando era ancora nella mia pancia, per addormentarsi tranquilla. Dopo il vaccino invece ho cominciato a dubitare del suo udito. Il suo compagno invece, ha avuto la meningite a 4 anni proprio subito dopo la vaccinazione antivaricella, e dopo ha perso l’udito. Da educatrice asilo nido, non è esatto dire che cercavo di dissuadere le mamme…forse quelle più amiche…per tutte le altre consigliavo solo di informarsi bene, leggere i bugiardini delle confezioni o chiedere pareri di sicurezza ai pediatri. Ciò non toglie che ho conosciuto veramente molti danneggiati da vaccino, è questa è sicuramente la ragione di fondo che mi ha sempre spinto a cercare informazioni, verifiche, controlli ed ogni notizia che mi aiutasse a comprendere il perchè di questo “massacro”

  8. Mattea Mattei on

    Gent.mo Valdo Vaccaro,

    considerato che porta avanti teorie, a mio parere complottistiche, della dr.ssa Gatti dovrebbe sentirsi in dovere di chiederle spiegazioni e/o smentite DOCUMENTATE, ai miei commenti.

    In particolare
    – perche’ millanta un PhD
    – perche’ fa credere di aver pagato di tasca sua 130.000 Euro per il microscopio attualmente in dotazion al CNR di Faenza
    – magari potrebbe anche spiegare come ha fatto a suo tempo a portare nella sua srl lo strumento che ovviamente e’ ed era proprieta’ di Ente Pubblico
    – perche’ quanto afferma sui vaccini non corrisponde ai dati riportati nell’articolo pubblicato insieme al consorte

    Grazie, Buon Anno