ARTROPIA DEGENERATIVA, ATTRITO E SCLEROSI ROTULEA

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

IPOTESI DI TERAPIA MENSILE

Ciao Valdo, come ti raccontavo nella mail precedente, ho fatto un’altra visita da un chirurgo/ortopedico il quale mi ha dato una cura di un mese così descritta: 1) Magnetoterapia a permanenza, 3 ore e mezza al giorno, 2) Acido clodronico, una iniezione al giorno per 20 giorni, poi una ogni 10 giorni per 3 mesi, 3) Crioterapia, 2 volte al giorno per 40 minuti, 4) Camera iperbarica, 5) Ginocchiera con foro rotuleo, 6) RMN tra 30 giorni.

REFERTO DELLA RISONANZA MAGNETICA

Si rileva reperto di bipartitismo rotuleo con sovrapposti fenomeni di artropatia degenerativa, con edema da attrito della spongiosa rotulea e sclerosi dell’elemento rotuleo accessorio laterale (ostenonecrosi del frammento bipartito della rotula?)

AMMONIMENTI DEL MEDICO-CHIRURGO

Durante la visita ho raccontato che oramai da un anno (da quando ti ho conosciuto) sono vegano e non assumo più alcun farmaco. Il medico mi risponde che se intento guarire devo fare tutta la terapia e forse dovremo fare lo stesso l’intervento chirurgico (asportare l’elemento staccato). In ogni caso va fatta la terapia e ripetuta la risonanza magnetica (e siamo a tre risonanze) e non comportarsi come una setta o i testimoni di Geova che rifiutano le trasfusioni.

LE DOMANDE CHE TI PONGO

Posso assumere questo farmaco per tre mesi? L’acido clodronico lo trovo in natura? La camera iperbarica ha controindicazioni? Cosa rischio nel ripetere la risonanza magnetica per la terza volta?
Molti dubbi mi affliggono, da una parte la qualità della mia vita è scemata, da ottimo atleta a pantofolaio.

PER IL RESTO STO MOLTO MEGLIO E RESPIRO A PIENI POLMONI

Dall’altra parte da quando sono diventato vegano mi sento molto meglio, respiro a pieni polmoni, prima avevo sempre il naso tappato, mal di gola, dolori cervicali e molto altro. Caro Valdo, scusami se sono stato lungo e scusami se continuo a scriverti pur sapendo delle numerose mail che ricevi e il poco tempo che hai libero, ma nelle infinite tue tesine non ho trovato nulla che mi possa aiutare. Io ci ho provato, se riesci a rispondermi bene altrimenti ti vorrò bene lo stesso.
Santo Alongi dalla Calabria

*****

RISPOSTA

I DUBBI AMLETICI

Ciao Santo. Rispondo innanzitutto alle domande. 1) Puoi assumere il farmaco? Certo che puoi, sopportando comunque gli inevitabili effetti collaterali. In queste cose occorre fare un raffronto tra benefici e danni. I danni causati da quel farmaco riguardano sicuramente il sistema renale e il sistema gastrointestinale. 2) L’acido clodronico è un sale di sintesi e non penso si possa trovare in natura. 3) La camera iperbolica non pare presentare controindicazioni particolari. 4) La RMN ripetuta pare ugualmente innocente. 5) La crioterapia qualche disturbo da ipersensibilità lo può dare.

VA SICURAMENTE SCELTO IL METODO MENO INVASIVO POSSIBILE

Tu mi hai interpellato probabilmente per avere qualche certezza in più. E va magari a finire che ti rendo ancora più titubante. La diagnosi non è per niente rassicurante e pare che la tua rotula sia messa piuttosto male. Ma alcuni dubbi sussistono sulla osteonecrosi del frammento bipartito della rotula stessa, visto che è stato posto un punto di domanda. Anche la sclerosi dell’elemento rotuleo laterale appare più ipotetica che certa al 100%.

NON BASTA ESSERE BRAVI, CI VUOLE PIÙ APERTURA MENTALE E PIÙ UMILTÀ

Quanto al tuo medico, probabilmente è bravo e magari il suo metodo è uno dei più avanzati. Comprendo anche il suo pretendere rispetto per l’intera sua terapia. È scontato che, se vai da uno specialista, devi essere disposto ad accettare i suoi metodi. Quanto al suo atteggiamento e ai suoi commenti in questa circostanza, lo trovo in linea con i soliti difetti dei medici. Dogmatismo ed arroganza non mancano affatto.

FARMACOMANIA E CUROMANIA SONO SEGNI DI ARRETRATEZZA E NON DI PROGRESSO SCIENTIFICO

Parlarti di sette, di santoni e di testimoni di Geova, per il solo fatto che gli hai evidenziato il tuo veganismo e il tuo distacco dai farmaci, la dice lunga. Per lui il paziente modello è quello che si inginocchia di fronte all’autorità medica e ingoia qualsiasi pozione gli venga propinata, senza obiettare e senza fiatare.

NON ESISTE GRUPPO PIÙ SETTARIO AL MONDO DELL’ORDINE MEDICO

Quel commento, del tutto gratuito e fuori luogo, faceva meglio a tenerselo per sé. Potrei anch’io collocarlo tra le sette degli pseudo-guaritori e dei millantatori. Se la cura, qualunque essa sia, porterà al ripristino funzionale come caldamente mi auguro, il merito sarà primariamente del sistema immunitario e non certo sua.

LE CURE TERMALI SULLE FERITE OSSEE POSSONO RISULTARE DECISIVE

Dirò di più. Non è affatto detto che un programma di applicazioni di fango termale di qualità, abbinato a relax al sole e a un programma di esercizi addolciti e mirati, e alla solita dieta vivificante, non possano rappresentare una soluzione alternativa di prim’ordine. A tal proposito ti invito a leggere la mia tesina “Frattura orizzontale composta della rotula“.

CONCEDITI UNA PAUSA DI RIFLESSIONE

Pubblicando questa tesina ci potranno essere commenti assai più qualificati del mio, sul da farsi. Pertanto puoi anche permetterti di prendere più tempo e di farti una riflessione. La fretta in questi casi può essere cattiva consigliera. Un atleta del tuo livello non merita affatto di diventare un pantofolaio. Ha diritto alla migliore soluzione possibile.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.