BIDODICISMO DILAGANTE E GENITORI IN CONFUSIONE MENTALE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

FAVOLOSA BAMBINA DI 4 ANNI

Ciao Valdo, sono il papà di una bellissima bambina di 4 anni di cui io e mia moglie siamo innamorati. Mia moglie è vegetariana da ormai molti anni e insieme abbiamo deciso di crescere nostra figlia il più lontano possibile dai cibi spazzatura che conosciamo bene.

ALLATTATA AL SENO E SEGUITA DAL DR PROIETTI

Poi è stata allattata al seno fino a 3 anni e in modo esclusivo per il suo primo anno di vita. Successivamente, seguiti a distanza dal pediatra dr Luciano Proietti (noi abitiamo in provincia di Alessandria e lui lavora a Torino) ha cominciato a mangiare con gradualità tutti i cibi di cui si nutre oggi.

UOVA, FRITTATE, TOFU, SEITAN, RICOTTA, YOGURT E SPOLVERATE DI PARMIGIANO

Parliamo quindi di pasta integrale o riso, legumi, uova solo sottoforma di frittate, cavolfiori, broccoli, tofu, seitan, tempeh, patate al forno, zucca, zucchini, peperoni cotti, raramente un po’ di ricotta, qualche yogurt, piccole spolverate di parmigiano, banana tutte le mattine, mela a pranzo e cena, piccole quantità di frutta secca al seguito di succhi di arancia.

NIENTE CRUDO ALL’INFUORI DI BANANA E MELA

Come avrai notato,nell’elenco mancano tutte le verdure crude e tutta la frutta diversa da banana e mela. Non siamo mai riusciti a convincerla ad assaggiarle, pur avendo a disposizione due ottimi esempi di consumatori quali sono sua madre per la frutta e suo padre per la verdura.

NESSUNA MALATTIA FINO AI 3 ANNI

Nonostante questi errori Viola, mia figlia, fino all’età di 3 anni cresce bene, è sveglia, allegra, intelligente, curiosa e, cosa più importante di tutte, non si ammala mai.

EPISODI VIRALI RIPETUTI, INAPPETENZA, DEBOLEZZA ED ESAMI DEL SANGUE

Poi comincia a frequentare l’asilo e con esso appaiono i primi raffreddori, tosse, febbri, che si porta dietro quasi ininterrottamente fino a oggi. Stanchi e preoccupati di vedere che questi episodi virali si ripetevano, ed anche in seguito all’ultima febbre con relative inappetenza e debolezza, decidiamo di farle fare degli esami del sangue, richiedendo dietro consiglio di Proietti anche gli esami di B12, ferro e ferritina, calcio, fosforo e vitamina D.

B12, FERRITINA E VITAMINA-D TENDENTI AL BASSO

Al cospetto di un emocromocitometrico e una forma leucocitaria quasi nella norma, vi sono valori della B12 di128 pg/ml, una ferritina a 8.4 ng/ml e una vitamina-D a 7.92 ng/ml. La mia domanda è sul come ci dobbiamo comportare ora?

DOBBIAMO RACCONTARLE CHE IL MACELLO PRODUCE FIORI PROFUMATI CHIAMATI FETTINE ED HAMBURGER?

Dobbiamo disperarci perché abbiamo sbagliato tutto nel momento in cui abbiamo deciso di non darle da mangiare la carne, come ci imputerebbe la società schifosa in cui viviamo? Oppure possiamo provare a pensare che la strada è quella giusta anche se migliorabile? Penso a frutta e verdure crude come tu insegni! Ma non so per quale maledetta ragione su questi due punti mia figlia non ne vuole sapere! Grazie infinite per la tua attenzione.
Alberto

*****

RISPOSTA

NON BASTA ESSERE VEGETARIANI E NON BASTA ANDARE DA PROIETTI

Ciao Alberto. Intanto mi date l’idea di genitori bravi e volonterosi ma che si perdono in un bicchiere d’acqua. La frequentazione del dr Proietti non mi pare vi porti a buoni risultati. Non voglio montare una campagna su di lui. Devo semplicemente rilevare che non basta essere vegetariani, e a volte nemmeno vegani, per essere in linea con la salute. Serve preparazione igienistica, cosa che manca sia a voi in famiglia che al dr Proietti, noto per le sue simpatie non solo vegetariane, ma anche lattofile, macrobiootiche, ortomolecolari e bidodicistiche. Bravo e celebre sì ma non certo indenne da critiche.

NESSUNO VI HA MAI DETTO CHE STATE INTASANDO LA BAMBINA DI PROTEINE?

Da come posso intuire, la vostra piccola è impregnata di veleni. Avete mai sentito parlare di tetto proteico 24 grammi/giorno per l’adulto e 11 grammi/giorno per i bambini? Proteinomania e cottomania a tutto spiano. Mele stanche e cadaverizzate della vecchia stagione (visto che quelle valide e nuove non sono ancora sul mercato), e banane non certo al top della forma in ambiente estraneo.

SALTA AGLI OCCHI L’ASSENZA TOTALE DI FRUTTA STAGIONALE

Niente succhi, niente agrumi, niente kaki, meloni, melograni e uva nel periodo dicembre-febbraio. Niente arance, niente angurie, niente pesche, niente ciliegie, niente carote, niente radicchi. Una ubriacatura di tofu, tempeh, yogurt e altre cibarie superproteiche, e magari qualche integrazione B12, raccomandata dal magnifico pediatra Proietti. Tutte condizioni adatte a far diventare tossiemica la più sana delle bambine.

NIENTE MALATTIE ESPULSIVE NON SIGNIFICA AFFATTO PERFEZIONE INTERNA MA SOLO DEBOLEZZA IMMUNITARIA

L’idea poi che il non ammalarsi mai sia il massimo, non è affatto razionale. Trattasi di concetto valido solo nel caso che il soggetto in questione sia vicino alla perfezione in termini di formula sanguigna (sangue fluido a basso grasso e a giusta B12 che significa bassa B12 e non B12 da tabelle manipolate dalla FDA). Se uno è stracarico invece di veleni interni, l’ideale è che arrivino delle benefiche crisi influenzali capaci di spinger fuori le tossine con la regia del sistema immunitario.

I VIRUS RIPOSINO IN PACE

Anche parlare di influenze virali mi fa capire che praticate al meglio il linguaggio medico-monatto e siete alquanto a corto di verbo igienista. Una delle basi dell’igiene naturale è quella di non intasarsi e di alimentarsi al meglio massimizzando il crudo. Voi state facendo l’esatto contrario. Altro punto dell’igiene è di non dare troppa importanza alle tabelle mediche, per i dati scarsamente affidabili che esprimono.

IL BIDODICISMO CONTINUA A DISEDUCARE IL POPOLINO

La quota B12 che vi spaventa tanto a 128 pg/mL non è comunque fuori range. È fuori del manipolato range FDA, ma è al di sopra dei minimi stabiliti secondo norme WHO intorno agli 80 pg/mL.

LA BAMBINA HA URGENTE BISOGNO DI DETOSSIFICARSI

La bambina non vi segue? Ovvio. Tra casa e scuola materna le avete giorno dopo giorno pervertito i gusti. La sensibilità al cibo naturale si acquisisce giorno dopo giorno, per gradi. Latticini e cibo cotto fanno a pugni con frutta e verdura cruda, coi flavonoidi e con l’acqua biologica. È fortemente carente di vitamina-C e di vitamina-E, ma anche del gruppo B.

SE VOLEVATE DELUDERMI CI SIETE RIUSCITI

Mi chiedete se è il caso di disperarvi e di reintrodurre liberamente bistecche e prosciutto? È ovviamente una domanda che provoca e demoralizza nel contempo. Significa infatti che sto mettendo assieme un blog inascoltato o un blog letto poco, oppure letto alla svelta, con idee che entrano da un orecchio per uscire dall’altro. Mi prendo le mie responsabilità.

PARLIAMO PURE DI FERRITINA

Il test misura la concentrazione della ferritina nel sangue. La ferritina è una proteina che lega il ferro e, insieme all’emosiderina, rappresenta la principale riserva di questo elemento nell’organismo. Oltre alla ferritina sierica, cioè quella presente nel sangue, ci sono anche le ferritine tissutali, che si trovano nel fegato, nella milza e nel midollo osseo. La concentrazione della ferritina nel sangue è in rapporto ai depositi di ferro presenti nei vari tessuti ed è quindi un ottimo indicatore della quantità di ferro a disposizione di tutto il corpo.

QUANDO E PERCHÈ IL TEST È INDICATO

L’esame serve a determinare quanto ferro di riserva è a disposizione dell’organismo. Viene prescritto, insieme ai test della sideremia e della capacità ferro-legante totale (transferrina sierica), in caso di sospetto eccesso di ferro da emocromatosi,  o da eccessiva assunzione di ferro con la dieta, o da overdose accidentale di ferro, o da eccessivo accumulo di ferro (emosiderosi). Viene anche prescritto quando i valori di ematocrito ed emoglobina risultano bassi. In questi casi, e quando i globuli rossi sono più piccoli e meno rossi della norma (microcitici e ipocromici), una carenza di ferro potrebbe essere causa di un’anemia.

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI

Bassi livelli di ferritina possono essere dovuti a carenza cronica di ferro, carenza di vitamina C, malnutrizione (riduzione delle proteine corporee). Una ferritina bassa (22 ng/ml), associata a valori alterati di emoglobina ed ematocrito e in presenza di globuli rossi di piccole dimensioni e meno rossi della norma (microcitici e ipocromici), indica un’anemia sideropenica (causata da carenza di ferro). Aumenti della ferritina rispetto ai valori normali possono essere dovuti a malattie del fegato, una malattia genetica detta emocromatosi, alcuni tumori (del seno, dei polmoni, del pancreas, del colon, del rene, leucemie, neuroblastoma, malattia di Hodgkin), infezioni acute e croniche, alcune malattie autoimmunitarie (artrite reumatoide e lupus eritomatoso), eccessive trasfusioni di sangue.

DIETE VITALISTICHE ED ACQUOSE CONTRO OGNI FORMA DI ANEMIA

L’anemia si combatte con una dieta vitalistica e con la totale eliminazione del cibo cotto. Il ferro lo trovi nella crusca di grano, germe di grano, semi di sesamo e di zucca, girasole, miglio, saraceno, quinoa, mandorle, pinoli, noci, germogli, crescione, rucola, bietole, fichi, datteri, tarassaco, acetosa, cicoria, spinaci, lattuga, patate, patate dolci, zucche, carciofi (specie nello stelo), mele, kaki, arance, mirtilli, meloni, uva e melograni. Se fai dei centrifugati, aggiungici sempre 2-3 cucchiai di germe di grano.

PARLIAMO PURE DI VITAMINA-D

Il termine vitamina D si riferisce a differenti forme di questa vitamina e due di esse sono importanti nell’uomo: ergocalciferolo (vitamina D2) e colecalciferolo (vitamina D3). La vitamina D2 è sintetizzata dalle piante, la vitamina D3 è sintetizzata dall’uomo nella pelle, quando è esposta ai raggi ultravioletti B della luce solare. La principale funzione biologica della vitamina D è mantenere normali i livelli di calcio e fosforo nel sangue, contribuendo a formare e mantenere le ossa forti. Il rachitismo e l’osteomalacia sono classiche malattie da deficit di vitamina D. Il pericolo maggiore della vitamina-D non è la carenza quanto gli eccessi da vitamine sintetiche, che finiscono paradossalmente per acuire i problemi carenziali anziché risolverli.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.