CERVICALE, INSONNIA, HERPES LABIALE E FORUNCOLI AL MENTO

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

VICENDE DI LAVORO E DI FAMIGLIA SI RIPERCUOTONO SULLA MIA SALUTE

Buongiorno Valdo, Ho conosciuto la sua persona tramite un’amica di Ortona, la quale mi ha passato dei libri interessanti. Ultimamente la mia vita sta subendo dei cambiamenti pesanti, sia in ambito lavorativo che in famiglia. Problemi non banali ma seri, e mi accorgo che il mio corpo sta subendo.

SONO TORMENTATO DA UNA SERIE DI FASTIDIOSE PATOLOGIE

Cervicale, non dormo bene e, peggio‎ herpes labiale e continui foruncoli che non vanno via, sopratutto al mento. Mi sembra quasi di essere tornato adolescente. Se può darmi dei consigli. Grazie.
Michelangelo

*****

RISPOSTA

DEFINIZIONE DI ARTROSI CERVICALE

L’artrosi cervicale o spondilosi cervicale, o semplicemente cervicale, è una sindrome degenerativa dolorosa del rachide cervicale provocata da usura. Per rachide si intende la parte più mobile della colonna vertebrale e per certi aspetti anche la più delicata, costituita da 7 vertebre  Oltre a sostenere, stabilizzare e rendere mobile il cranio, infatti, protegge le strutture che passano attraverso di esso, come il midollo spinale,  le radici nervose e l’arteria vertebrale.

DETERIORAMENTO DEI DISCHI  INTERVERTEBRALI DI NUCA E COLLO

Il disturbo è assai comune e rappresenta spesso un vero incubo. È provocato dal deterioramento dei dischi intervertebrali della zona cervicale. In pratica i dischi delle vertebre cervicali (nuca e collo) si deteriorano anzitempo provocando una infiammazione delle articolazioni con dolori che si irradiano fino alle spalle, con irrigidimento muscolare, nausea e mal di testa. A torto si tende ad includere questa patologia tra i malanni dell’età, ma più corretto sarebbe considerarla piuttosto una conseguenza di un errato stile di vita.

SINTOMI

1) Collo rigido e dolorante, con difficoltà a ruotare la testa,

2) Nausea e giramenti di testa al risveglio,

3) Cefalea,

4) Acufeni o ronzio alle orecchie,

5) Indolenzimento delle spalle e della schiena,

6) Fatica a rimenere in piedi a lungo.

CAUSE DI SPONDILOSI CERVICALE

Le cause possono essere svariate. Si va dai difetti posturali come l’assumere sempre la stessa rigida posizione davanti alla scrivania o alla tv con schiena e collo rigidi o piegati in posizioni innaturali, agli sforzi eccessivi, ai traumi cervicali da incidente come il colpo di frusta da tamponamento, fino alle deviazioni della colonna vertebrale come la scoliosi e la cifosi (dal greco chyphos=curvatura), ovvero schiena curva in avanti.

CURE CORRETTIVE

La prima cura è modificare le cattive abitudini. Se si è costretti a rimanere a lungo in piedi o seduti, bisogna imparare a mantenere la posizione più adatta per non affaticare la zona cervicale, ma è soprattutto l’inattività fisica, unita a posture scorrette, che aggrava il problema. Con dei semplici esercizi si può mantenere irrorata di sangue la zona del collo e le articolazioni. Bastano pochi minuti di lente rotazioni del collo, da una parte e dall’altra, eseguite ogni giorno, per trarne subito benefici. Durante la fase acuta dell’artrosi, però, meglio non sollecitare la parte ma rimanere a riposo. Altri rimedi naturali efficaci sono gli impacchi di calore, i massaggi e soprattutto le manovre meccaniche di riallineamento delle vertebre di schiena e collo eseguite da un bravo osteopata.

ALTRI AIUTI ANCORA

Un valido aiuto contro i dolori cervicali è offerto dalla kinesioterapia, eseguendo sul paziente movimenti di allungamento e stretching muscolare per contrastare le contratture e le tensioni, oppure il pompage cervicale, con manovre dolci sul tratto cervicale per alleviare il dolore. Praticate yoga, pilates o il metodo Canfora, per sciogliere efficacemente tensioni muscolari e articolari e tenersi sempre in forma, adottando piccoli accorgimenti come il camminare a passo spedito piuttosto che prendere un mezzo di trasporto. Il Metodo Canfora, miscelando yoga, danza contemporanea, tecniche di respirazione e lavoro sul movimento, genera una tecnica simile al training autogeno. Qualche misura preventiva non guasta. Proteggere la zona cervicale con una sciarpa se c’è vento. Non uscire mai con i capelli bagnati dopo aver fatto la doccia. Diminuire di peso per chi ne ha di troppo.

CONSIGLI ALIMENTARI

Per l’alimentazione vale il vegan-crudismo tendenziale, con prevalenza per verdure dal gusto amaro tipo cicoria, cime di rapa, radicchio, e cibi ricchi di omega 3, come frutta secca, olio d’oliva, soia ed avocado. Un valido alleato contro la cervicale è il ribes nigrum, un vero e proprio antinfiammatorio naturale, così come la curcuma, che può essere consumata per insaporire i cibi cotti. Validi pure l’infuso di foglie di betulla, nonché le tisana di ortica, di camomilla e di tiglio. Un rimedio della nonna semplicissimo consiste nel cataplasma di foglie di cavolo da applicare sulla parte dolente. Si può anche tagliare le foglie a pezzettini e avvolgerle con una garza, per tutta la notte.

INSONNIA

È un disturbo che colpisce 12 milioni di persone in Italia. Alla lunga può provocare ipertensione, depressione e demenza precoce. A tutti può capitare di rigirarsi nel letto di notte senza riuscire a chiudere occhio. Ebbene, è quel che si definisce un episodio di insonnia. Oltre alla difficoltà ad addormentarsi, c’è difficoltà a mantenere il sonno e quindi la tendenza ad avere molti risvegli, oppure si ha la sensazione di dormire poco o male.

CONSEGUENZE DELLA MANCANZA DI SONNO

La letteratura scientifica è ricca di studi che collegano l’insonnia a un rischio maggiore di sviluppare demenza con il tempo, di avere le difese immunitarie più basse, di sviluppare disturbi alla vista, di essere in sovrappeso. La lista è davvero lunga. È per questo che le raccomandazioni sono univoche contro fumo, alcol, caffè, zucchero, cibi grassi, pesanti, stracotti e duri da digerire, specie nei pasti serali o prima di andare a letto.

RIMEDI ALL’INSONNIA

Basterebbe infatti solo non ostacolare il sonno con abitudini e comportamenti nemici del sonno. Non è necessario stravolgere i nostri gusti, ma di moderarli seguendo il buon senso. Mangiare leggero dunque, ma non digiunare a casaccio. Mangiare leggero non significa lasciare la pancia vuota. Se non si mangia, mentre dormiamo il cervello ci sveglia e fa scattare la fame che impedisce un buon sonno. Vietati ovviamente fumo, alcol, caffeina, cola, the ed energy drinks. Niente tv a letto. La luce del televisore uccide la melatonina, l’ormone amico del sonno. Vietati pure smartphones e computer portatili. Il letto serve per dormire. Fare esercizio fisico fa bene alla salute, ma non prima di mettersi a letto.

FORUNCOLI AL MENTO ED HERPES LABIALE

Per i foruncoli al mento occorre sicuramente dare una sistematica alle funzioni digestive, alla regolarità intestinale e alla funzionalità epatico-renale. Dare comunque un’occhiata alle mie tesine su pelle, dermatite, acne. Per l’herpes labiale, ho appena pubblicato la tesina “Herpes innocente e conti che non tornano“, ma ce ne sono almeno altre 20 che potrai consultare.

RISPETTARE I SINTOMI ED IN PARTICOLARE LE ERUZIONI CUTANEE

In ogni caso ricordati che la fretta di liberarsi da questi sintomi, o i tentativi di aggredirli con delle creme o dei farmaci, non risolve ma complica la situazione. Le eruzioni della pelle agiscono infatti da sfoghi liberatori e da salvavita quando i reni non riescono ad espellere i veleni accumulati. Per quanto concerne la loro durata, l’unico autorizzato ad esprimere previsioni è il tuo sistema immunitario con tutti i suoi monitor e i suoi strumenti autoguaritivi interni.

CONTRASTARE I FATTORI CAUSANTI E LE SITUAZIONI DI STRESS

Se tu adottassi uno stile di vita amico ed allineato con la Health Science, impareresti a rispettare le leggi della natura, ed in particolare la legge di causa ed effetto, la legge che nomina Madre Natura come Sovrana Mediatrice di tutti i mali, e la legge per la quale ogni malattia insorge solo quando serve e dura solo fino a che è necessaria. Ovvio che lo stress del vivere quotidiano riveste molta importanza e va necessariamente risolto. In questo ti viene d’aiuto il nostro pacchetto-salute che prevede pensiero positivo, ottimismo, esposizione al sole, camminata giornaliera con respirazione profonda, ritmata e non corta.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x