CONTRACCEZIONE MEDIANTE ANELLO VAGINALE

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

MESTRUAZIONI, ANTICONCEZIONALI E CARICHI ORMONALI

Caro Valdo, Non ti chiedo come stai perché ti immagino sempre in splendente salute! Ti scrivo per sciogliere un paio di dubbi su mestruazioni e anticoncezionali. Da pochi giorni ho cominciato ad utilizzare l’anello vaginale, con la speranza che il carico ormonale sia meno dannoso se non passa dallo stomaco, perché ho bisogno di sentirmi tranquilla durante i rapporti. Sempre da pochi giorni, ho il pianto un po’ facile ma spero si tratti solo di una banale coincidenza.

PUÒ MAI ESSERE CHE UN CICLO INDOTTO ABBIA PURE UNA VALENZA DISINTOSSICANTE?

In ogni caso, il ginecologo che mi ha prescritto l’anello mi ha spiegato che è possibile utilizzarlo senza la classica settimana di interruzione e dunque senza avere mestruazioni (irrilevanti, parole sue, proprio perchè indotte dall’interruzione). L’idea è quantomeno affascinante, ma vorrei sentire anche il tuo parere. Può un ciclo indotto avere comunque una valenza “disintossicante”? Ti ringrazio.
Fabiola


RISPOSTA

MECCANISMO CHE RILASCIA UN BASSO DOSAGGIO DI ORMONI INIBITORI

Ciao Fabiola. Intanto ti ricordo che puoi leggerti la tesina “Metodi di contraccezione alternativi alla pillola” dell’8/6/12. Rispetto alla spirale, dove è il medico che provvede all’inserimento e alla rimozione della spirale stessa nell’utero, l’anello vaginale viene inserito per 3 settimane in vagina e poi rimosso per una settimana direttamente dalla donna. Per il resto, l’anello agisce come la pillola rilasciando un bassissimo dosaggio di ormoni che impedisce l’ovulazione. Gli ormoni in questione sono una essenza di estrogeno e di progestinico, esattamente 0,015 mg di etinil-estradiolo e 0,12 mg di etonogestrel, che assicura rigorosa azione anticoncezionale senza eccesso di effetti collaterali.

LATI VANTAGGIOSI DELL’ANELLO VAGINALE

  • Altissima efficacia contraccettiva (oltre il 99%),
  • Rapido passaggio nel ciclo sanguigno degli ormoni rilasciati dall’anello contraccettivo, grazie al fatto che la mucosa del rivestimento vaginale è sottile ed anche ricca di vasi sanguigni,
  • Vantaggio rispetto alla pillola di evitare il passaggio per il tratto epatico e il tratto intestinale, mantenendo efficacia anti-concezionale anche in caso di vomito e diarrea,
  • Impercettibile durante il rapporto sia per la donna che per il partner,
  • Non provoca variazioni di peso,
  • Nessuna interferenza col ciclo mestruale,
  • Niente errori di dimenticanza, come avviene con la pillola,
  • Facile da applicare e da togliere senza l’imbarazzante intervento medico,
  • Nessun fenomeno correlato di nausea e di emicrania,
  • Bassa possibilità di spotting (macchie scure di sangue).

SVANTAGGI E LATI NEGATIVI

Non tutto è positivo chiaramente. Chi produce e commercializza gli anelli tende a sopravvalutare i vantaggi e a negare gli svantaggi che pure esistono. Fenomeni di uscita dell’anello dalla vagina, infezioni tipo la Candida albicans, dispaneurie (dolori durante il rapporto nei primi mesi), lesioni vaginali, vulvo-vaginiti e cisti, acne, cambiamenti umore, irritabilità, diminuzione libido, fastidi addominali, tensioni mammarie, leucorrea, amenorrea, percezione del dispositivo in alcuni casi, ansia, vertigini, diarrea, vomito, dolori di schiena, astenia. Questo l’elenco dei possibili svantaggi, ai quali va aggiunto quello del pianto facile che tu stessa hai citato. Quanto alla valenza disintossicante dell’anello, mi pare più una esagerazione tipica di chi fa il piazzista di un determinato prodotto, più che una reale caratteristica del dispositivo in questione.

Alle donne che fumano, a quelle che soffrono di patologie tipo il diabete mellito, la trombosi, le emorragie, i disturbi epatici, o che lamentano ipersensibilità all’anello, o che hanno delle patologie tumorali in corso, viene sconsigliato l’uso dell’anello.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x