CORONAVIRUS O GATES VIRUS? A VOI LA SCELTA

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Per quanto i mercati del pesce fresco tagliato vivo a pezzi e del pesce marcio, i mercati dei granchi e dei crostacei, degli scorpioni e dei pipistrelli, dei rospi e dei serpenti, tipici di alcune località e di alcune inveterate usanze cinesi e di Wuhan in particolare, possano generare cattivi odori e voltastomaco, pare che la provenienza di virus e di epidemie non c’entrino affatto con tutto questo.

Tanto più che accanto a tali brutture, nella Cina di oggi convivono aree di alimentazione e di pulizia non certo inferiori per qualità a quelle di cui ci vantiamo nel nostro Occidente.

ALLEVAMENTI INTENSIVI E MACELLI AL CENTRO DELLE PEGGIORI PATOLOGIE, SIA IN CINA CHE IN OCCIDENTE

Le peggiori malattie possibili ed immaginabili scaturiscono sempre e comunque intorno agli allevamenti intensivi e intorno ai macelli, questo sì, e la cosa vale per qualunque regione del globo terrestre, si tratti di Francoforte, Londra, Parigi, Roma o New York.

Vero è che la Cina ultimamente si è messa ancora di più sul binario sbagliato, sul binario delle proteine animali ad ogni costo. Colpita nel recente passato da diverse morie di polli e di maiali, si è ritrovata a dover affrontare delle emergenze alimentari.

IL COMPITO EPOCALE DI RIEMPIRE 400 MILIONI DI STOMACI

Il suo leader Xi Jinping, intervistato sui gravi disordini di Hong Kong, ha ammesso candidamente che le libertà individuali e i valori di democrazia invocati dai giovani sono comprensibili ma utopistici. Sono un lusso insostenibile per il suo paese dove 400 milioni di persone vivono sotto il livello calorico di sopravvivenza.

Il suo compito principale e urgente è di riempire prima 400 milioni di stomaci, di vestire e dare una casa decente a ognuno di questi cinesi avulsi e dimenticati dai vantaggi e dai guadagni economico-sociali derivati dal grande balzo in avanti della Cina.

BENVENUTO DELLA CINA AI MACELLAI DEL MONDO INTERO

Tutto giusto e tutto comprensibile nella visuale del Politburo di Pekino. E Xi Jinping non ha esitato a passare dalle parole ai fatti, aprendo la Cina a una importazione intensa di carni da ogni regione del mondo, con grande sollievo dei macellai nei vari paesi.

Al leader cinese, e a chi gli ruota intorno, è sfuggito un dettaglio fondamentale, ovvero che la salute del suo popolo viene ancora prima del riempimento indiscriminato del suo ventre tramite salme di animali torturati e uccisi che affaticano, prolungano la digestione e raddoppiano il tempo di transito intestinale oltre le 30 ore canoniche.

TANTI ERRORI DEL PASSATO E NESSUN APPRENDIMENTO

Solo chi si alimenta con diete vegeto-crudiste e a base di riso integrale raggiunge tale obiettivo e si mantiene in forma, e non cade vittima delle varie pestilenze correlate alla alimentazione carnea. È ormai da decenni che in Cina arriva l’aviaria e ci si sposta sul maiale, arriva la peste del suino e ci si sposta sui bovini, arriva la mucca pazza e ci si sposta sulle anatre.

Mai nessuno che impari la lezione e che cambi radicalmente registro. Le aperture agli allevatori australiani e neozelandesi, le aperture ai MacDonalds e ai Burger King, l’invasione di latte e latticini mai prima usati in Cina, ha reso ancora più drammatica la situazione.

LA PROVENIENZA REALE DI OGNI PESTE BUBBONICA STA NELL’IGNORANZA DEI POPOLI E DI CHI LI MANIPOLA E LI MALGOVERNA

Ecco allora che ci avviciniamo alla comprensione del problema virale, alla reale provenienza dei problemi. Sono le degenerazioni e le scelleratezze umane che portano ai problemi. È l’ignoranza e la malvagità degli uomini la prima responsabile. È la voracità umana per il danaro e per il potere politico che distorce la comprensione e l’intelligenza degli uomini.

Nella circostanza si parla di un virus proveniente dalla Cina. Quando mai si parla di un virus proveniente da Saint Tropez, o da Hollywood o da Abbiategrasso?

Questa volta tutto parte da Wuhan, o così almeno sembra e viene fatto sembrare dallo stesso governo cinese, vittima e protagonista nel contempo di questa gigantesca montatura mondiale.

Per qualche strana coincidenza, gli interessi di dominio e manipolazione e controllo-riduzione della popolazione mondiale da parte del Regime Sanitario, saldamente in mano al magnate Bill Gates, coincidono con le necessità di tenere i cinesi sotto controllo da parte de PCC, partito comunista cinese, in curiosa e paradossale Santa Alleanza con i peggiori truffatori del pianeta.

DESCRIZIONE UFFICIALE DEL CEPPO IN QUESTIONE

Il Coronavirus non è un nuovo virus. È in giro da almeno due decenni. Sarebbe trasmesso da animali all’uomo, e poi dall’uomo all’uomo. Originato dal mangiare gatti, pipistrelli e cammelli, a seconda dei ceppi registrati. Sembra che il nuovo ceppo 2019-nCoV sia emerso a metà dicembre 2019 da un grosso mercato ittico cinese, Wuhan per l’appunto.

LA REALE STORIA DEL CORONAVIRUS RIVELA ASPETTI SCONCERTANTI

Veniamo però alla storia nascosta del Coronavirus. Nel 2004 il CDC-CentralDiseaseControl registrò il brevetto di un nuovo Coronavirus virus isolato col nome di SARS. La data di scadenza brevetto? Il 24 gennaio 2020! Ma guarda un po’ quale casuale coincidenza!

Nel 2015, il Pirbright Institute inglese registrò il brevetto di un Coronavirus vivo e attenuato da potersi usare nell’industria dei vaccini. Il Pirbright Institute è sovvenzionato in modo massiccio dalla Fondazione Bill&Melinda Gates, tanto che le sue casse sono state rimpinguate ultimamente dalla misera somma di 5.5 milioni di US$.

Tale istituto è stato “casualmente” scelto per creare il vaccino della corrente epidemia. Il Pirbright agirà in associazione con la Inovio Pharmaceuticals Inc, pure sovvenzionata dalla Bill and Melinda Gates Foundation. Inovio protagonista della epidemia da zanzara Zika e della preparazione del vaccino quackxine nel tempo record di 7 mesi.

La Inovio si assocerà con la Wistar, finanziata pure essa dalla Bill and Melinda Foundation. La Wistar produttrice delle cellule WI-38 da feti abortiti iniettati ai bambini americani.

Nell’ottobre 2018 poi, la Johns Hopkins Bloomberg School of Health organizzò Event 201, simulando lo scoppio di un teorico Coronavirus che ironicamente ha gli stessi aspetti di quello attuale. Provate a pensare chi sono i finanziatori di questa ennesima bischerata. Chi altri se non Bill and Melinda Gates Foundation? Su questo non puoi sbagliarti!

Valdo Vaccaro

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.