CURIOSITÀ SU SINDROME DI DOWN E AUTISMO

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

HO UN BAMBINO REGOLARE E IN PIENA FORMA

Ciao Valdo, Già ti ho scritto pochi mesi fa chiedendoti un’opinione sull’acido folico che non ho preso. Ora sono alla 28 settimana e dall’ecografia il mio bambino risulta con tutte le misure standard, per cui sembrerebbe scongiurato il pericolo spina bifida.

UN ARGOMENTO NON TROVATO SUL BLOG

Ho un altro quesito da porti unicamente perché, usando la modalità di ricerca sul tuo blog non ho trovato nulla in merito. Ma, se mi è sfuggito ti prego semplicemente di indicarmi l’eventuale tesina senza perder tempo a rispondermi, non voglio tediarti.

HO EVITATO OGNI TEST IN GRAVIDANZA

Allora, ho compiuto 35 anni da poco e siccome mi sento forte e in salute e non ho casi di malattie in famiglia (ammesso che sia rilevante). Non mi sono voluta sottoporre a controlli per verificare eventuali malformazioni al feto, quali bitest o tritest, perché si tratta solo di statistiche, e l’idea di sottopormi a Villocentiesi/Amniocentesi mi sembrava troppo invasiva.

CURIOSITÀ SULLA SINDROME DI DOWN

Però, per essere eventualmente pronta al peggio, mi sono informata in particolar modo sulla sindrome Down. E il responso è stato che non c’è una causa. L’origine è genetica e questo significa che la sindrome di Down insorge al momento del concepimento. Ho letto svariati articoli e molti sono concordi col definire la causa genetica, tipo cromosoma impazzito.

LA NATURA NON FA LE COSE A CASO

Ora io sono sempre stata propensa a pensare che la natura non fa le cose a caso e il corpo non va contro sé stesso. Sarà che madre natura vuole che davvero esistano bimbi diversi dagli altri per insegnarci qualcosa? Non ancora trovo una risposta. Volevo una tua opinione semmai ti fossi interrogato anche tu su tale quesito. Grazie per tutto il tuo stupendo lavoro. Sto salvando man mano tutte le tue tesine e spero di poter venire ad una delle tue conferenze un giorno per incontrarti di persona.
Maria

*****

RISPOSTA

È DI FONDAMENTALE IMPORTANZA IL PENSARE IN POSITIVO

Ciao Maria. Fai certamente bene a pensare in positivo e a dire che la natura non fa le cose a caso. Gli scenari propostici dalla medicina in continuazione sono tutti improntati a batteri dispettosi e maleducati, pronti a iper-moltiplicarsi e a sommergerci, a virus metallici e spaventosi resuscitati da morte certa per succhiarci il sangue, a epidemie pronte a contagiarci, a malattie genetiche e cariche di predestinazione, a patologie dello sviluppo affibbiateci da un creatore dispettoso e indisponente, a malattie rare provocate da cromosomi ubriachi che sbagliano collocazione, a cancri arrivati per oscure trame degli spiriti maligni, a malattie rare causate dalla schizofrenia immunitaria. Niente di tutto questo, pur non mancando del tutto nella vita il fattore fortuna e il fattore fatalità.

TESINE DA LEGGERE

COS’È LA SINDROME DI DOWN

Trattasi della più comune anomalia cromosomica dell’uomo, causata dalla presenza cromosomica di cromosomi 21 al posto di 2. La sindrome è associata a un ritardo nella capacità cognitiva e nella crescita fisica, a una vulnerabilità nei riguardi della leucemia, oltre che a un insieme di caratteristiche del viso (viso mongoloide, con cranio piccolo e base cranica appiattita, naso piccolo e narici allargate).

QUOZIENTE INTELLETTIVO DIMEZZATO

Il QI, o quoziente intellettivo medio, nei soggetti con Sindrome di Down è di circa 50, rispetto ai bambini normali quotati su livello 100, mentre il grado di disabilità varia di molto tra un soggetto e l’altro. Prende il nome da John Langdon Down, medico inglese che descrisse la condizione nel 1866. La frequenza in USA è di un bambino ogni 691.

PIANO CON LA GENETICA E L’EREDITARIETÀ

Parlare però di malattie genetiche come fa tuttora la medicina, mentre tutte le regole e i dogmi della genetica sono crollati uno ad uno, in attesa di ripartire daccapo, e mentre il dogma della eternità e della immutabilità dei geni e dei cromosomi se ne è andato a farsi friggere, è privo di ogni senso. Comincino le donne a non fumare, a non prendere caffè, cioccolato e zucchero, a non prendere farmaci e anti-depressivi in periodo di gravidanza, e le condizioni personali subiranno grossi cambiamenti, trascinando con sé geni e cromosomi, niente affatto insensibili alle condizioni ambientali.

COS’È L’AUTISMO

L’autismo, o sindrome di Kanner, rientra invece nei disturbi pervasivi dello sviluppo. Trattasi di un disturbo che interessa la funzione cerebrale, con marcato disinteresse verso le cose esterne e verso le persone. Autismo deriva infatti dalla parola greca autos (se stesso), in quanto il bambino si rinchiude in se stesso e nel suo mondo, ignorando madre, papà e chiunque altro, comportandosi come se gli altri non esistessero.

DETERMINANTE RUOLO DEI CIBI SPAZZATURA

Il mondo della scienza è tuttora diviso nel classificare l’autismo come attacco globale alla propria personalità e ai rapporti col mondo (e quindi causa di tipo psichiatrico), o come disturbo che colpisce il normale sviluppo del bimbo (e quindi causa di tipo metabolico e biologico). Anche qui, si è capito che tutto dipende dai cibi spazzatura o virtuosi che il bambino riceve, come evidenziato in dettaglio dalla tesina sull’autismo citata nell’elenco.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.