DOMANDE VARIE DAL PARAGUAY

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Caro Valdo come va? Dopo un silenzio di mesi, rieccomi con domande nuove di zecca.

1) Sono vegano da 9 mesi, ma ho delle notevoli eruzioni cutanee nel didietro e nelle cosce ai lati dei testicoli. Si tratta di espulsione di veleni? Non le tratto con niente, mi gratto e basta.

2) Nello spirito di capire bene il messaggio igienista, ti faccio una domanda sui virus. Quando per esempio uno ha l’epatite B, in ogni millimetro cubo di sangue si evidenzia qualche milione di virus dell’epatite B, è così? I quali non sono la causa ma il prodotto della malattia. Quindi, suppongo, quando uno ha la cirrosi epatica, si ritrovano nel sangue dei virus prodotti da questa malattia? Se sì, per caso è mai capitato che qualche medico ha cercato di dire che quelli sono la causa della cirrosi epatica? E i virus in generale, sono solo pezzi di materiale nucleico di cellule morte o anche composti da qualcos’altro? Penetrano nella cellula viva perché questa se li mangia?

3) I miei genitori prendono, da alcuni anni, una sorta di vaccino orale per contrastare delle fastidiose espulsioni di muco verdastro dal naso e dalla gola. Sono molto contenti e dicono che grazie al vaccino adesso va tutto bene. Sospetto che il lavoro di quel vaccino, che non ricordo come si chiama e che da una mia precedente investigazione su internet risultava “naturale”, consiste nell’evitare l’espulsione di quel muco, che così rimane dentro, in agguato a creare problemi futuri.

4) Ho elaborato una sorta di rozza teoria circa il consumo di carne e latte, vorrei sapere cosa ne pensi. Dunque, la mia teoria dice che un conto è cominciare a mangiare carne e latte quando si hanno 50 anni d’età, un’altro è partire dall’infanzia. C’è oggi gente che arriva a 90 anni e oltre, e che mangia carne, uova e latticini, e sono presi come esempio dagli onnivori che si può morire di vecchiaia anche con una dieta iperproteica. Il punto è che in Italia molta gente si è iniziata al carnelattismo a partire dagli anni ’60 del secolo scorso, e dunque questi 90enni hanno cominciato a mangiare carne e latticini dopo i 40 anni d’età, oltre al fatto di non essere stati pompati di vaccini nell’infanzia. Poi la mia teoria (che si basa sulle cose che spieghi sul tuo blog) dice che l’acidificazione portata dai suddetti non-alimenti deruba le ossa e i denti di risorse, finché un bel giorno queste finiscono, e quindi può svilupparsi qualche tumore. Pertanto, quando uno entra nel quinto decennio di iperproteismo, se è ancora vivo, corre il serio pericolo di ammalarsi o di prendersi un tumore. Se uno entra nel sesto decennio, invece, va in zona pericolo estremo di tumore, diabete o ictus. Perciò uno che è nato negli anni ’60 ed è onnivoro e vaccinato sta per entrare in area di grosse grane, se non le ha già. Che ne pensi?

5) Le uova sono più dannose della carne? Nella hit parade carne / insaccati / pesce / uova / formaggio / etc., cosa è peggio di tutti? Ho sentito un’intervista di Bill Clinton alla CNN, il quale dice: “my alimentation is entirely plant based, although sometimes I can eat fish”, ma poi enfatizza “…but not so much”. Suppongo che così sia stato consigliato dal dott. Campbell. Si può dedurre che almeno sotto qualche aspetto il pesce sia un po’ meglio della carne, se proprio uno fosse costretto a mangiare uno dei due?

6) Ancora ci sono alcune cose che sfuggono alla mia comprensione, e che sono avvolte da nubi più o meno oscure. Se il ns. corpo, se il ns. sistema immunitario fa sempre i ns. interessi, come mai ci sono malattie che possono uccidere, come ad esempio la meningite? Qual’è il ragionamento che fa il ns. sistema immunitario in casi del genere? Non cerca di espellere veleni? Quali sono le cause di meningite, polio, sla, etc? Perché a tutto c’è una causa, credo. La mia sinusite cronica ipertrofica che avevo da almeno 35 anni, giudicata inguaribile dai medici, i quali mi hanno prescritto i cortisonici a vita (che non ho mai preso nonostante le insistenze di alcuni familiari, sopravvivevo ai dolori grazie a un metodo strano per far uscire tonnellate di muco dal naso che spontaneamente non sarebbe mai uscito), si è dissolta da quando, a inizio 2011, ho smesso di mangiare latticini e formaggi. Quindi, direi, quella era la causa diretta del mio malessere. Poi avevo la periartrite calcifica alle spalle, avevo sempre dolori alle braccia, talvolta dovevo ricorrere alle punture di voltaren. Anche quella credo andasse imputata ai formaggi, di cui ero ghiotto. E poi da circa 11 anni soffro di gotta, che dal piede sinistro si è estesa alle giunture delle ossa delle cosce, alle mani, ai polsi, collo, etc. Quella è solo migliorata, non sparita. Penso che ci voglia tempo per sloggiare i cristalli di acido urico dalle non irrorate cartilagini, è così? Oppure avrò sempre dolori?

7) Ho visto che la causa del dengue, dice wikipedia, è un virus. Siccome sappiamo che i virus non causano un accidente, ne sai niente circa le cause di questa malattia? Sarà un parassita della zanzara?

8) Leggo su alcuni siti alternativi che la gliadina che sta nel frumento non fa bene, e che anzi il frumento stesso oggi sia diverso da com’era mezzo secolo fa, e che non dovremmo mai mangiarlo, e quindi non dovremmo mai mangiare pane e simili. Ne sai niente?

9) Un’ultima cosettina te la racconto così per informazione: ora vivo in Paraguay, qui è arrivato il vaccino contro il cancro per il collo dell’utero, quindi le TV nazionali ne hanno fatto una gran pubblicità. Ho visto dai TG che 3 scuole private avevano dei dubbi motivati dal fatto che i genitori dovevano esprimere il loro accordo, e sono state visitate dal ministro, il quale ha rassicurato che il vaccino è sicuro e che non c’era bisogno del consenso dei genitori. Quindi ho visto le file di ragazzine intrepide e sorridenti che si sottoponevano fiduciose a questa vaccinazione. E ho saputo che il governo ha speso una cifra fantastica, se non erro di 80 milioni di dollari. La figlia della sorella di mia moglie ha rifiutato il vaccino (grazie alla mia propaganda anti vaccini), non gliel’hanno fatto, ma ora stanno rompendo le scatole a sua madre per firmare un documento di assunzione di responsabilità. Da una mia ricerca risulta che il vaccino contiene un sospetto agente sterilizzante, e mi puzza che, come accade ovunque, i ministri sono corrotti dalla farmaceutica, non so se sono coscienti di rovinare la salute a milioni di persone, sebbene Mike Adams la pensi proprio così, che i vaccini sono proposti o forzati col proposito di rovinare la salute alla gente, soprattutto bebé, militari e ragazzine. Rispondi se hai tempo, se no ti mando un caro saluto, e complimenti per l’eccellente lavoro, personalmente l’apprezzo tantissimo.
Augusto

*****

RISPOSTA

PUNTO 1. Trattasi in effetti di crisi eliminativa. Fare dei regolari semicupi rinfrescanti.

PUNTO 2. Non è come tu dici. Tutti i virus di cui si parla non sono altro che cellule morte fisiologicamente, da normale metabolismo cellulare. Abbiamo 100 trilioni di cellule e diversi miliardi al giorno di esse muoiono e vengono ricambiate. In questo tutto è regolare. Le cellule morte sono detriti cellulari chiamati impropriamente virus o veleni (virus endogeni perché di provenienza interna, al contrario dei virus esogeni provenienti dall’esterno). Trattasi di polvere cellulare morta che si produce tutti i giorni in continuazione. Se il corpo funziona normalmente, vale a dire se uno mangia, digerisce veloce, evacua, ha sangue fluido, ha metabolismo rapido e regolare, il materiale virale trova le vie di uscita senza problemi per cui tutto è in regola. Se invece uno si ammala e si intossica per 100 diversi motivi (le digestioni difficili e le indigestioni portano a debilitazioni, infiammazioni, irritazioni, ecc), la funzione immunitaria (preposta alla pulizia interna) risulta indebolita ed inefficiente, per cui non riesce ad espellere tutto il materiale virale morto. Ecco che allora si crea uno stock interno virale. Niente moltiplicazione dei virus che essendo morti non possono moltiplicarsi, ma solo accumulazione o sommatoria, perché arrivano altre cellule morte nella misura di miliardi al giorno. Le cellule sono tutte diverse e quindi danno luogo a mille famiglie differenziate di cadaverico cellulari che hanno diverse forme a seconda dalle diverse cellule di provenienza. Questi virus sono innocenti se vengono espulsi. Se rimangono all’interno rappresentano fattore di intasamento e niente altro che quello. Ti consiglio di rileggere i miei articoli sui virus e sull’Aids, mediante i motori di ricerca. I virus non penetrano nelle cellule vive. La cellula viva è viva. Quando muore essa diventa polvere cellulare, cioè virus. I virus esogeni dall’esterno vengono contrastati senza problemi dal nostro sistema immunitario. Ma quando si mangiano carne e pesce, si offre accesso ai virus (alle cellule morte di altri animali) e quindi ci possono essere dei problemi come nel caso di mucca pazza. Quindi niente moltiplicazione e niente contagio, ma solo accumulazione e intasamento. I medici vedono invece tale innocente polvere come tanti diversi mostri pronti a divorarci. Non è poi che i veleni non causino danni. Un intasamento virale addensa il sangue e impigrisce il sistema linfatico. Guai se non ci fosse la nostra preziosa flora batterica pronta a saltare addosso ai virus e farsi delle ottime scorpacciate.

PUNTO 3. I tuoi genitori sbagliano grosso. Il muco in eccesso va mandato fuori e non trattenuto. I vaccini indeboliscono e menomano i meccanismi ripulitivi immunitari e si danno la zappa sui piedi.

PUNTO 4. Un po’ cervellotica la tua teoria. I rischi che si hanno mangiando carne dipendono da quanta ne mangiamo, da che tipo di carne mangiamo, da quanto ci muoviamo, e così via. Poi ogni individuo ha la sua scorza e i suoi margini di tolleranza ai veleni.

PUNTO 5. Le proteine animali sono tutte acidificanti e vanno bocciate. I formaggi di malga prodotti a crudo fanno meno male degli altri se presi in quantità casuali (non regolari). L’ovetto viene da tanti tollerato. Anche qui il discorso sta nella casualità e nella non sistematicità della eventuale trasgressione. Fare una classifica di quale proteina è peggiore non è facile.

PUNTO 6. A ogni patologia ci sono spiegazioni logiche. Per la polio ti consiglio di leggere la mia tesina “Il caso Sandlers e i conigli polio-resistenti“, del 29/9/11. Perché il sistema immunitario funzioni occorre non mettergli bastoni tra le ruote. Del resto la tua esperienza personale con la sinusite è un buon esempio. Per la gotta condivido in pieno. Sloggiare i cristalli di acido urico non è cosa da nlente.

PUNTO 7. Il virus in questo caso è di tipo esogeno (esterno) e deriva dal morso di certe zanzare. I veleni esterni possono causare dei problemi.

PUNTO 8. Diversi cibi anche vegetali possono contenere delle sostanze negative. Se non siamo già impregnati di veleni e abbiamo un ragionevole margine di tolleranza ai veleni stessi, nulla accade. In caso contrario il nostro vaso è pieno e basta ogni nova goccia per farlo traboccare.

PUNTO 9. Per quanto concerne i vaccini, infine, condivido quanto sostiene Mike Adams.

Valdo Vaccaro

Condividi con i tuoi amici.

2 commenti

  1. Adalberto Caccia on

    Mi permetto di integrare la risposta di Valdo a proposito della gliadina e del grano:
    8) Probabilmente si parla del grano duro "Creso", ottenuto artificialmente mediante bombardamento a raggi X negli anni '60; la pagina di wikipedia [http://it.wikipedia.org/wiki/Creso_(agronomia)] dice che, comunque, il Creso rappresenta solo il 10% del grano duro italiano, e sembra di capire che non lo si possa ritrovare nei prodotti "Bio" perché trattasi di una sorta di OGM (ma qui ulteriori verifiche sarebbero d'uopo).

  2. Conosco una ragazza che è gravemente intollerante al frumento. Ebbene visto che pane e pasta li vuol mangiare a tutti i costi, su mio consiglio ha provato quelli usati nella macrobiotica pianesiana; i quali sono prodotti con grani antichi (per es. varietà sen. Cappelli e simili). Risultato: nessuna intolleranza. Questo fatto la dice lunga su ciò che si mangia realmente al giorno d'oggi.