GINECOMASTIA PUBERALE SENZA DRAMMI

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

FIGLIO DI 13 ANNI E SENO IN CRESCITA

Gentile dottor Vaccaro, ho cercato nel suo blog ma non sono riuscita a trovare indicazioni per il problema della ginecomastia puberale. Mio figlio ha quasi 13 anni e da circa un anno sotto i capezzoli si sono formate due ghiandole che li ingrossano visibilmente. Preciso che è in perfetta forma fisica perchè è alto 1,75 per 64 kg .

OPINIONI CONTRASTANTI

Ho consultato l’omeopata che lo ha in cura e mi ha detto che regrediranno con lo sviluppo, ma ho voluto consultare anche un andrologo per avere un altro parere. Quest’ultimo mi ha terrorizzata dicendo che si tratta di ginecomastia e che se non si interviene subito il ragazzo dovrà essere operato. Ha prescritto esame del sangue, ecografia ed applicazione di Andractim gel, che è un farmaco venduto all’estero e che ho scoperto essere usato dagli uomini per altri scopi.

CONFUSA E SPAVENTATA

Sono sinceramente confusa e spaventata. Conosco bene i pericoli della medicina convenzionale e per questo avrei bisogno di un suo parere. Sottolineo che ho letto con grande interesse il suo articolo sul sistema ghiandolare e che ho rivisto e corretto l’alimentazione secondo le sue indicazioni al fine di permettere il corretto funzionamento. Tenga presente comunque che il ragazzo è sempre stato alimentato con cibi biologici, non mangia carne e latte ma forse consumava troppo formaggio, cosa che abbiamo eliminato. Purtroppo però, quando è nato, ha assunto il mio latte solo per un mese a causa di una grave mastite che mi ha colpita. Grazie.
Michela

*****

RISPOSTA

VIA OGNI INUTILE ANSIA E STIAMO SERENI

Ciao Michela. Intanto non facciamo drammi eccessivi su una anomalia tutto sommato comune, innocente e destinata a risolversi da sè nel giro di un paio di anni. Sarà sufficiente che il tuo ragazzo adotti una dieta vegana e crudista tendenziale, come da Schema nutrizionale che sul blog, con tutti i ritocchi che vorrai fare per semplificare lo schema e renderlo consone a gusti ed esigenze del ragazzo. Opportuno seguire nel contempo un piano di attività fisica, preferibilmente a carattere sportivo (calcio, pallavolo, calcetto, basket). La sua normalizzazione sarà una questione di tempo.

DEFINIZIONE DI GINECOMASTIA PUBERALE

Ginecomastia deriva dal greco gene (donna) o gynec (femminile) e mastos (seno o torace). La ginecomastia è una condizione caratterizzata dallo sviluppo (anomalo) delle mammelle nell’uomo. È normale che, durante la pubertà, si assista ad uno sviluppo della ghiandola mammaria anche nell’uomo ma, dopo breve tempo, questa si riduce. Se la naturale atrofia non interviene, si ha un aumento di volume che non comporta particolari conseguenze fisiche, ma molto disagio psicologico.

REMISSIONE E NORMALIZZAZIONE SPONTANEA NEL 90% DEI CASI

La maggior parte dei ragazzi tra i 12 ed i 17 anni attraversa una fase di rapido sviluppo del tessuto mammario, denominato ginecomastia puberale. La durata di questa fase è di circa un anno per circa un terzo dei ragazzi. Nel giro di 2-3 per il 90% dei casi questa condizione è pienamente regredita. Solamente nel 5-6% dei casi la ginecomastia persiste oltre il diciassettimo anno di età, e riducendosi le possibilità di regressione spontanea, si può pensare a liposuzione o ad intervento chirurgico. Anche qui c’è da obiettare su queste statistiche. La ginecomastia persiste nel 5-6% dei casi dove non si modifica drasticamente la dieta.

GINECOMASTIA VERA E GINECOMASTIA DA OBESITA’

Se l’aumento del volume del seno nell’uomo, è provocato da un aumento della ghiandola mammaria, si parla di ginecomastia vera. Se l’aumento è provocato da un accumulo di tessuto adiposo in zona mammaria, questa condizione si definisce ginecomastia falsa o pseudo-ginecomastia. Entrambe le condizioni si possono presentare in simultanea.

FARE ATTENZIONE AGLI STEROIDI ANABOLIZZANTI

Si ha ginecomastia congenita quando i possibili fattori determinanti sono una maggiore sensibilità del tessuto mammario agli stimoli ormonali, o uno squilibrio degli ormoni circolanti, e ginecomastia indotta o acquisita per interferenze farmacologiche. I trattamenti con estrogeni o androgeni possono indurre ginecomastia . Idem i trattamenti ormonali per curare i tumori della prostata. L’elenco dei farmaci potenzialmente in grado di causare ginecomastia nell’uomo è comunque lungo, ed include ergotamina, diazepam, metotrexate, spironolattone, digitale, antiandrogeni in generale, antimicotici, e in in particolare gli steroidi anabolizzanti utilizzati dagli atleti per l’aumento della massa muscolare.

NIENTE VITAMINA-D, ALCOL E DROGHE VARIE, MA TANTI PIÙ SUCCHI

Altre sostanze sotto accusa la vitamina-D, l ‘alcol, gli oppiacei, l’eroina. Visto poi che insufficienza epatica, renale e intestinale, sono pure tra le cause di ginecomastia, è evidente la necessità di una dieta vegana e tendenziale crudista, che alleggerisca i compiti e le funzioni degli organi chiave della digestione.

MIGLIORARE LA FORMULA DEL SANGUE

L’estradiolo è l’ormone della cresca del seno. Un suo eccesso porta inevitabilmente a un incremento del tessuto mammario. Nel maschio, la maggior parte dell’estradiolo deriva dalla conversione periferica di testosterone e di estrone surrenale. Ogni deficit poi di testosterone in zona testicolare, compensato anche da modeste dosi di estrogeni, porta a prolificazione di tessuto mammario. Migliorare la formula del sangue, rendendolo fluido ai massimi livelli, è quanto di meglio si possa fare.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
1 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
1
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x