GLI SFASATI PILASTRI DELLA MEDICINA SPORTIVA

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

TRENT’ANNI DI ESPERIENZA COI PESI E LA SCOPERTA DI UNO STRABILIANTE SISTEMA ALTERNATIVO

Caro Valdo, ho 49 anni e sono alto 188 cm. Mi alleno con i pesi da 30 anni.
Solo nel corso del 2010 ho capito quanto importanti siano il movimento, l’alimentazione naturale e l’attività fisica non esasperata. Cosa questa che ha stravolto tutte le mie teorie e le mie farneticazioni precedenti. Continuo ad allenarmi ma, più che pesi, sto privilegiando attività aerobiche e carichi rodotti, pari al 30-40% di quelli che usavo prima.

MENO PESO E MENO MASSA, PIÙ TONICITÀ E PIÙ ENERGIA

I risultati concreti di questi cambiamenti sono straordinari e li posso elencare in sintesi. Sono solo 9 mesi che ho fatto la svolta. Il primo effetto del cambio in vegan-crudismo è stato il calo di peso da 105 a 92 kg, guadagnando parecchio in tonicità, energia e minore massa. Minore massa certo. Ma, se teniamo conto che quella di prima era drogata da formaggi, cibi cotti, uova e altre cose (non carne, quella non la consumo ormai da una decina d’anni), direi che è più che normale un ridimensionamento muscolare.

CON PIÙ MANDORLE E PIÙ FRUTTA E VERDURA IL PESO SI RIPRENDE E I MUSCOLI SI RIFANNO AL MEGLIO

Dopo 3 mesi di peso stazionario intorno ai 91-92 kg, ho voluto fare una prova e vedere cosa succedeva aumentando la quantità di cibo ingerito. Più mandorle, più arachidi, più frutta e verdura. Insomma più di quanto mangiavo prima. Il risultato? Il peso tornava a 95,5 kg, con più massa muscolare e anche con più forza e più resistenza. Ci tengo a sottolineare che non ho fatto nessun calcolo e nessuna combinazione ottimale di cibi, che non ho variato i riposi e che non ho smesso di lavorare (anzi ho 100 giorni di ferie arretrate da sfruttare). In pratica, non ho modificato niente di niente, a parte un incremento nel volume dei vegetali assunti.

LO SBUGIARDAMENTO DELLA MEDICINA SPORTIVA E DEI DIKTAT ALIMENTARI

So che può essere banale dirlo, ma questo mio piccolo test personale sbugiarda in maniera clamorosa alcuni dei pilastri fondamentali della medicina sportiva. Di quella medicina balorda di cui sono stato ahimè seguace e vittima per troppo tempo. Questo mio test sbugiarda pure i diktat alimentari che vengono predisposti non soltanto agli atleti di tutto il mondo, ma all’umanità intera, dai più grandi ai più piccini.

QUALI SONO LE SCURRILI IMPOSIZIONI DEL SISTEMA?

  • Servono proteine per i muscoli. Più ti alleni e più ne devi prendere!
  • Non bastando le proteine, prendi pure gli integratori!
  • I cavalli e i tori hanno muscoli potenti perché sono dotati di enzimi diversi dai nostri!
  • La pasta, la pasta e la pasta. Se non ne mangi abbastanza, non hai energia e deperisci!

È DOVEROSO CHE IO METTA A DISPOSIZIONE DEL PUBBLICO I MIEI 30 ANNI DI ESPERIENZA SPORTIVA

Non voglio chiaramente fare scuola e nemmeno dettare leggi, se non a me stesso. Ho sempre provato tutto sulla mia pelle, prima di parlare di qualcosa. Mi pare però giusto farlo ora. L’esperienza di una vita avrà pure qualche valore. A 49 anni faccio cose che colleghi molto più giovani di me non fanno.

OGNUNO USI IL CERVELLO E TRAGGA LE SUE CONCLUSIONI

Mi alleno tutti i giorni dalle 6 di mattina per una media di 35-50 minuti, e certe volte anche di sera. Mangio solo agrumi fino alle 12. Un po’ di verdura cruda e qualcosa di cotto al vapore per pranzo, più le solite mandorle ed arachidi. La sera copio il pranzo. La pasta integrale la prendo una volta sola per settimana. Ho un lavoro fisso, una casa da mandare avanti. Non sono sposato e non ho figli. Ho però un cane che la sera vuole sempre correre, nonché 13 gatti. Sono ancora vivo e in carne!!! Ognuno tragga le conclusioni che vuole!
Un caro saluto.
Andrea


RISPOSTA

LE MIE SCUSE E IL MIO APPELLO AI LETTORI PER MESSAGGI SINTETICI E COMPATTI

Ciao Andrea, chiedo scusa per aver ritardato la pubblicazione di questa tua importante testimonianza, come chiedo scusa ad altre centinaia di lettori che mi hanno portato il loro contributo scritto, e che non hanno poi trovato riscontro in una tesina come promesso. Se non riesco a pubblicare entre le due settimane, significa che non se ne fa più niente, questa è la triste realtà. Stampo ogni messaggio interessante spendendo cifre pazzesche in carta e stampanti, per ritrovarmi poi con pile di messaggi non utilizzati. Questo mi arreca non poco disappunto. Chiedo ai lettori messaggi non frequenti, e messaggi più compatti, non superiori a mezza pagina o una pagina al massimo.

UN MOTORE TENUTO BENE OFFRE SEMPRE IL MASSIMO RENDIMENTO

È idea diffusa che un atleta abbia bisogno di chissà quali apporti proteici, di bistecche al sangue e di 20 uova al giorno, come i goffi lottatori giapponesi di sumo. La gente stenta a capire un fatto fondamentale che si chiama efficienza organica e massimo rendimento. Trattasi di concetti noti anche in campo motoristico. Se un motore è a posto, e viene alimentato con un carburante pulito, offre alto rendimento. Se invece lo stesso motore viene intasato, ha i filtri sporchi, e gli dai un carburante difettoso, tossisce, scoppietta, produce fumo e non va avanti.

RIMETTERSI IN DISCUSSIONE È SEGNO DI GRANDE MATURITÀ E DI SUPERIORE CAPACITÀ INTUITIVA

L’alto rendimento significa essenzialmente circolazione veloce, assimilazione ottimale da parte dei villi intestinali, e regolare evacuazione dei residui. In altre parole sai sfruttare al meglio il tuo campo da tennis intestinale. La regolarità con cui svolgi la tua attività ginnico-atletica e la tua elasticità mentale ti hanno permesso di ottimizzare la forma fisica e di fare persino un grande salto di qualità a livello mentale, rimettendo in discussione 30 anni di precedenti esperienze. Questo fatto ha una rilevanza davvero fuori del comune.

L’ESEMPIO INCREDIBILE DELL’ORANGO

L’orango, in campo animale, a parità di peso con l’uomo, sviluppa una forza muscolare ed una agilità tre volte superiori, e i suoi enzimi non sono affatto diversi dai nostri, visto che l’esempio dei cavalli, dei tori, dei rinoceronti e degli elefanti non viene preso nella dovuta considerazione. La gente è ipnotizzata dalla mafia internazionale del cancro e delle proteine.

QUANDO LA GENTE HA STOPPINI E PARAOCCHI NON VEDE E NON SENTE

Non le interessa di sapere che l’unica persona al mondo ad aver vinto per 6 volte l’Ironman Triathlon è il vegano Dave Scott, e che l’unico atleta al mondo ad aver stradominato i 400 ostacoli per 10 anni è il vegano Edwin Moses, e che l’unico campione di tennis capace di restare campione del mondo per 10 anni è stato Miles, e che l’unica tennista capace di vincere quasi 200 trofei internazionali a 50 anni è stata la vegana Martina Navratilova, e che i campioni di velocità e di salto in lungo sono spesso vegani, come ad esempio Carl Lewis. Non esistono scuse. Se uno è cieco e sordo, pur avendo occhi e orecchi funzionanti, non puoi farci proprio niente.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x