IDEOLOGIA GENDER, DISTRUZIONE DELLA FAMIGLIA E UTERI IN AFFITTO

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Ciao Valdo! Ho appena letto questo nuovo e inquietante articolo di Marcello Pamio, tratto dal suo sito disinformazione.it. Te lo segnalo nel caso tu abbia voglia e tempo di leggerlo e magari di farci sapere cosa ne pensi. Con gratitudine.
Elena

*****

COMMENTO

UN TEMA DI STRAORDINARIO INTERESSE

Ciao Elena. Hai pescato ancora bene e lo hai fatto nel magnifico sito non solo di un amico che stimo e rispetto, e che spero non me ne vorrà se ho riprodotto con qualche piccolo ritocco il suo materiale senza nemmeno chiedergliene il permesso preventivo. Questo è un tema di straordinario interesse e di grande attualità che ci tocca tutti da vicino.

COMPLIMENTI A MARCELLO PAMIO PER IL SUO SOLITO TEMPISMO E PER LA SUA COMPETENZA

Saluto anche Marcello e gli faccio i miei complimenti per aver affrontato questo argomento scottante e non privo di insidie con grande tempismo e con la solita sua competenza. Un tema molto delicato e, per certi aspetti, carico di potere esplosivo non meno di un ordigno bellico. Un tema che include anche la continuazione delle spaventevoli teorie di Henry Kissinger sulla riduzione massiccia della popolazione mondiale.

TUTTI FAVOREVOLI A UN MONDO PRIVO DI STECCATI E DI LIMITAZIONI

La festa e l’ubriacatura generale dei gay e delle lesbiche del mondo intero non è ancora terminata e noi ci permettiamo di mettere in discussione questo trionfo epocale? Il fatto è che si è diffuso intorno a noi una specie di effetto contagiante. Tutti pronti ad abbracciare in modo acritico ed incondizionato il mondo gay e gli avvenimenti registrati in America, dove per votazione con margini striminziti, determinati da qualche giudice favorevole in più, è passata questa legge che liberalizza in modo indiscriminato scelte, comportamenti, modi di impostare le nascite nel mondo di domani. Avvenimenti americani, ripeto. E l’America non è necessariamente il paese della libertà e della democrazia da cui prendere il buon esempio. Lo è a volte ma non sempre. È semmai il paese dei gay, dove i sindaci e i governatori delle maggiori città e dei vari stati si distinguono per essere noti omosessuali conclamati nel 90% dei casi.

L’ERRORE MARCHIANO DEL CDC IN OCCASIONE DELL’AIDS

Già agli esordi del carrozzone Aids il CDC, Central Disease Control, nonché inventore di tale inesistente sindrome, cadde nel madornale errore di sottovalutare l’enorme potenza degli omosessuali in USA. Dopo aver tentato la demonizzazione delle scimmie, dei portoricani e di altre etnie simili, si cercò infatti di scaricare sugli omosessuali la responsabilità della diffusione del morbo Hiv-Aids. Ma non si erano fatti i conti con l’oste. Non si erano fatti i conti con la straripante superiorità della presenza e del potere omosessuale americano nelle aree più significanti e autorevoli del paese, per cui il tentativo di far passare l’Aids come un fenomeno omosessuale, finì per ritorcersi contro la comunità normale ed eterosessuale.

CERCHIAMO DI USARE COSCIENZA, CUORE E INTELLIGENZA

Nelle recenti circostanze prese in considerazione, si è decretata non solo la libertà di scelta e di comportamento sessuale che nessuno qui intende mettere in discussione. Si è decretata pure la libertà di contrarre matrimoni gay che nessuno qui intende contestare, nella misura in cui si rispettino fortemente i diritti di chi crede tuttora nei meccanismi e nelle leggi della Natura in fatto di erotismo e di riproduzione sessuale, e nella misura in cui questi stravolgimenti non diventino un viatico verso una degenerazione simile se non peggiore a un’era stile Sodoma e Gomorra dei tempi moderni, dove avviene un fatale ed inarrestabile scivolamento verso il blasfemo, verso l’innaturale, verso l’adulterato, il turpe e l’osceno. Se la gente e la maggioranza vuole davvero questo, questo sia. Ma chi non è d’accordo verso queste avvilenti e biasimevoli tendenze ha pieno diritto e dovere di opporsi e di fare le sue responsabili obiezioni.

NON SIAMO BACCHETTONI E TANTOMENO MORALISTI

Abbiamo il buonsenso ed anche l’apertura mentale per non cadere nei pregiudizi e nei proibizionismi, per non inciampare nel bigottismo e nel moralismo sessuale. Non siamo per niente sessuofobici e, bigotti e bacchettoni. Cerchiamo soltanto di ragionare e di trovare una quadratura del cerchio per queste problematiche che diventeranno ben presto argomenti all’ordine del giorno e non più semplici manifestazioni chiassose e appariscenti di cronaca.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui per passare alla navigazione premium.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
10 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
10
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x