IMBARAZZO GASTRICO “DEMOCRATICO” E MAL DI STOMACO PANDEMISTA

da 9 Nov 2020Attualità

  • Clamorosi sviluppi in corso nelle presidenziali americane
  • La Supreme Court si accinge a rovesciare l’intero risultato dei voti, con la vittoria definitiva di Donald Trump

RIDE BENE CHI RIDE ULTIMO

Più di qualcuno si è fatto qualche risata di troppo davanti al mio articolo di 2 giorni fa, dal titolo “Donald Trump riconfermato Presidente USA”. Persino qualche amico ha preteso di consolarmi davanti al fatto compiuto, davanti alla indiscutibile vittoria della controparte Biden. Una questione di ruzzoloni e di bucce di banane. Tutto sta a capire chi è che ruzzola e chi è che rimane in piedi.

TANTI BRINDISI ANDATI PER STORTO

Si sono stappate bottiglie di champagne e di prosecco un po’ dovunque. Peccato che tutti quei brindisi stiano andando per storto, col rischio di far male veramente. Pensare di aver vinto e stravinto in tutta sicurezza e ritrovarsi invece da un istante all’altro col deretano a terra e i calici frantumati non deve essere troppo piacevole. Gioire delle disgrazie altrui non è il massimo, ma quando si tratta di gente che ne ha combinate per anni e anni di tutti i colori usando tutte le armi del potere e usufruendo pure di totale impunità, viene proprio voglia di dir loro “Vi sta bene”.

UNA LUNGA LISTA DI GENTE CHE STA PERDENDO LA SUA PARTITA

Ma chi è che sta inghiottendo rospi e fiele al posto delle piacevoli bollicine? C’è una marea di persone, un autentico fronte che ne esce fuori sfilacciato e a brandelli, incredulo e intontito. Gente sicura di sé quando invece aveva la coda di paglia. Anche gente del popolo che non aveva nulla da guadagnare da Biden, ma che era stata ipnotizzata e sviata dai media, o che magari tende a seguire le orme del vincitore, per quanto si tratti spesso di un fake winner, di un falso vincitore. Oggi sono davvero in tanti a perdere, e perde per primo il Papa, seguito a ruota dai vari palazzi del potere in Roma Caput Mundi. Perde la RAI, perde Mediaset, e quando dico perde significa che vi entra una sferzata di aria purificante che manda finalmente all’aria ogni miasma ed ogni annosa incrostazione.

C’È CHI È MESSO MALE PER COLPA SUA E C’È CHI STA PERDENDO I SUOI PRIVILEGI

Soffre le pene dell’inferno il mainstream che sta tuttora bombardando invano le sue statistiche fasulle fatte di fake-contagi, di fake-malati e di fake morti. Ovvio che c’è di mezzo anche una marea di persone che sono messe male, ma non certo per il Covid. Sono messe male perché hanno mangiato troppo o mangiato male, o perché si sono fidati ciecamente dei medici e delle loro cure improprie. Soffrono le pene dell’inferno le task force strapagate per buggerare i popoli, e tutti coloro implicati nel tentativo di distruggere il mondo e di trasformarlo in un loro giardino privato e privilegiato, emarginando in modo cinico ed inesorabile sette miliardi di persone ritenute a torto inutili ed inservibili. Soffrono perché si sta esaurendo il loro Paese dei Balocchi. Soffrono perché si sta prospettando la rimozione delle poltrone e la fine della pacchia.

SI STA ANDANDO VELOCEMENTE VERSO UNA RESA DEI CONTI

In questo lungo elenco di gente in penosa sofferenza troviamo un coacervo di interessi intrecciati. Pensiamo alla formidabile coalizione interna americana (CNN, MSNBC, Fox, Washington Post, New York Times, Obama, Hilary, George Soros, Nancy Pelosi, OMS, ONU, Bill Gates, Anthony Fauci). Per non dire della coalizione internazionale di colorazione cinese (Xi Jinping, Khomeini, ecc,) e della coalizione europea Macron-Merkel, e della coalizione italiana (Mattarella, Conte, Speranza, Monti, Grillo, Di Maio, Zingaretti, Berlusconi, Prodi, tutte le reti televisive, tutta la stampa, tutte le istituzioni). Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Europea, è stata tra le prime e le più solerti a congratularsi col nuovo supposto presidente americano.

BIDEN È UN PERDENTE SERIALE

Biden, quasi timido e delicato, senza alcuna arroganza, stranamente incredulo e non convinto del tutto, ha predicato pazienza fino all’ultimo istante, ma alla fine si è fatto piegare dall’evidenza del conteggio e ha dato il via all’annuncio formale ed ufficiale indirizzandolo al suo paese e al mondo intero. “Grazie a voi. Sarò il presidente di tutti gli Americani, di chi mi ha votato e di chi no. Spero che l’avversario si rassegni e mi conceda la vittoria. Comprendo il suo stato d’animo: è successo anche a me di perdere per ben 2 volte”. Pare che nessuno abbia ricordato a Biden che non c’è il 2 senza il 3.

NON BASTA L’ALKA-SELTZER PER DIGERIRE UN ROSPO

Ed ora, dopo due giorni di tripudio, di girotondi, di brindisi e di sospiri di sollievo, un improvviso blocco alle coronarie per tanta gente, un rospo duro da mandare giù. L’arte della guerra di Sun Tzu, adottata da anni e rafforzata in questi ultimi mesi da Trump, ha prodotto l’ennesima deflagrazione, l’ennesimo sovvertimento dei piani della controparte. Sta letteralmente saltando in aria tutto il gigantesco imbroglio e tutta la indegna e ladronesca macchina elettorale del Partito Democratico, democratico di nome ma non di fatto. Ed ora c’è tutto un mescolarsi di pastiglie, di digestivi, di alka-setzer e di confetti anti-emicrania.

SIAMO DI FRONTE ALLA SCONFITTA DEL GLOBALISMO, DEL NEW WORLD ORDER

Trump li sta mettendo in riga uno ad uno. Il primo della lista è proprio Anthony Fauci, destinato al licenziamento in tronco. Immaginarsi poi lo scorno di Bill Gates e dei suoi scagnozzi dell’OMS, immaginarsi poi George Soros che ha cacciato invano una consistente fetta del suo capitale in nero per riappropriarsi del titolo di finanziatore vincente della parte democratica. Tutti in riga come birilli. Chi rosso paonazzo, chi tramortito e impallidito, chi con l’imbarazzo gastrico e chi col pallore del morto di paura. Si sta profilando quello che nessuno si aspettava, ovvero la sconfitta clamorosa del mondialismo socialisteggiante imparentato con le cineserie di Xi Jinping, e con essa la sconfitta della ennesima pandemia inventata, dell’ennesimo tentativo di quarantena planetaria, dei progetti di controllo della popolazione, delle imposizioni di mascherine e di tamponi.

DONALD TRUMP STIA ATTENTO AI TANTI CHE LO VOGLIONO FAR FUORI IN ALTRI MODI

È il trionfo annunciato della logica e del buon senso, la sconfessione degli Azzeccagarbugli di tutti i colori, è il ritorno graduale e deciso alla normalità, ma non senza qualche insidia. A questo punto l’opzione estrema della eliminazione fisica del presidente imbattibile ed imbattuto si sta delineando più che mai realistica. I soldi di Soros, la coalizione dei media e tutto il resto non sono bastati, e più di qualcuno sta lustrando la canna del suo fucile di precisione. Stia attento Donald Trump, e in particolare le sue guardie del corpo.

QUESTE ELEZIONI HANNO MESSO A NUDO L’IPOCRISIA E LA MEDIOCRITÀ DI CHI VUOLE VINCERE AD OGNI COSTO, SENZA MERITI E SENZA ATTRIBUTI

Gli ultimi fatti sono assai semplici da raccontare, oltre che banali. I DEM hanno scomodato invano gli obitori e i cimiteri dei vari stati, facendo votare centinaia di persone morte e decedute da tempo. Hanno fatto fluire voti illegali dovunque serviva e nelle specifiche zone di carenza voti, proprio dove stavano perdendo nettamente. La lista di irregolarità e di furbizie sta nelle mani della Corte Suprema. I DEM hanno giocato invano l’intero loro vasto e provato repertorio di trucchi e stratagemmi. Non si sono nemmeno preoccupati di lasciare le impronte, convinti com’erano di farla franca. Mala tempora currunt per la brigata Obama-Clinton-Soros-Rockefeller-Gates. Mala tempora currunt per i truffatori e i falsari più inveterati ed abili degli Stati Uniti d’America. Mala tempora currunt per i loro fedeli lustrascarpe disseminati un po’ dovunque il soldo prevale di netto sulla trasparenza e sull’amor proprio.

Valdo Vaccaro

In questi tempi di censura, inganni e mistificazioni, il tuo supporto è più importante che mai.

Aiutami a continuare il mio lavoro con una donazione libera.

 

Scritto da Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro, classe 1943, è ricercatore indipendente, divulgatore e filosofo della salute. Da sempre ha fatto della dieta vegeto-crudista tendenziale, dell’amore per gli animali e la natura un modo di essere e uno stile di vita, in tutta autonomia e libertà. Valdo ha tenuto centinaia di conferenze in giro per l’Italia e nel mondo trattando vari temi tra cui salute, etica, attualità e altro ancora. Al momento, oltre all’attività sul blog, è direttore scientifico e docente della HSU – Health Science University, la prima scuola di Igienismo Naturale Italiana.

DISCLAIMER
Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni presenti su questo sito hanno solo scopo informativo, non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Articoli Correlati

Commenti

31 Commenti

  1. Francesco

    Non capisco perché i brogli li possa aver fatti solo Biden?
    Trump è quella persona corretta che mai farebbe un broglio, dimentichiamo le votazione contro la Clinton?

    Rispondi
    • Sergio Cipollaro

      Caro Francesco, i brogli in America li fanno sia democratici e repubblicani. Però ora quelli contro Trump sono vergognosamente straripanti, come vietare l’accesso ai seggi agli osservatori repubblicani. Noi ce ne interessiamo non tanto perché riteniamo Trump un libertador o un San Francesco, ma perché al momento è l’unica forte opposizione alla Globalizzazione che sta privando i popoli occidentali di quel minimo di diritti che avevamo conquistato a caro prezzo, guidandoci verso una distopia huxleyana (Il Nuovo Mondo). 

      Rispondi
  2. Sergio Cipollaro

    Quindi tu ritieni ancora valide le dichiarazioni di Steve Pieczenik (pronuncia inglese Pisìnec)?

    Pieczenik è un consulente di intelligence inossidabile. Noi lo conoscemmo nel ’78. Fu inviato da Kissinger affinché Moro non sopravvivesse. Mr. Kiss lo aveva condannato a morte per la sua apertura al compromnesso storico. Per gli States era inaccettabile avere i comunicati al governo. Già allora l’Italia era piena di atomiche tattiche che avrebbero contrastato un’invasione di carri armati di cui l’URSS allora aveva la supremazia. I comunisti al governo non garantivano agli Americani che i segreti militari non fossero spifferati al nemico e che non insorgessero resistenze al contrattacco. Pieczenik oltre ad essere uno 007 è anche psichiatra. Egli non si limitò ad attendere i comunicati dei brigatisti (ormai completamente infiltrati) ma ne invento uno suo, il 7, e se la memoria mi ausilia (ma potrei sbagliare) depistò le ricerche di Moro su un lago ghiacciato.

    Ma non voglio parlare del sequestro Moro. Quando hai inviato il primo annuncio riguardo Pieczenik, “I Democratici sono stati colti sulle mani nel sacco”, sono andato a vedermi il video. Egli dice che i primi arresti ci sarebbero stati in serata, cioè due giorni fa. Ma non si è saputo di nessun arresto. Allora, dato che lui è un manipolatore, ho pensato che avesse rilasciato quelle dichiarazioni per spaventare qualche manovale sprovveduto dell’indubbia frode elettorale affinché parlasse.

    I ‘ballots’, le schede elettorali, vengono stampate dal Department of Homeland Security (Dipartimento della Sicurezza della Patria), istituito dopo l’11 Settembre, che è a Washington D.C. e che è controllato dal repubblicani. Quindi ci sta che possano aver messo quelle filigrane. Meno convincente è il fatto che 20.000 unità della Guardia Civile siano stati inviati negli stati sospetti senza che nessuno dicesse niente. Lui ringrazia i mass media per il riserbo, ma i mass media sono contro Trump; e anche quando non sono contro hanno una tale avidità di scoop che mi sembra improbabile che la notizia non sia trapelata. Altra cosa che non convince è il perché sia stata anticipata la notizia delle filigrane autenticative e in maniera così minimalista.

    Spero vivamente che quelle prove siano reali e che la vile frode sia smascherata.

    Un caro abbraccio.

    Sergio Cipollaro

    Rispondi
  3. Marina

    Ottimo pezzo e verità sacrosanta…..proprio in questi gg mi tornava alla mente il proverbio: “ride bene chi ride ultimo” aspetto di pubblicarlo con tanto di risata

    Rispondi
  4. Sergio Cipollaro

    Anche la portavoce di Trump non menziona le rivelazioni di Pieczenik. Quello che appare dalle dichiarazioni ufficiali dell’entourage di Trump è una lunga battaglia legale, che durerà una 40ina di giorni, come dice George Lombardi, dall’esito, purtroppo, assai incerto.

    https://www.youtube.com/watch?v=eijpkuLi45o&ab_channel=Lafinanzasulweb

    Sergio Cipollaro

    Rispondi
    • Andrea

      L’ottimismo di Valdo mi sembra fuori luogo. Anch’io, dopo aver letto il pezzo di ieri, mi sono andato a guardare il video su Pieczenik, traendone un’impressione di totale inaffidabilità. Non si può prendere per oro colato ciò che dice un doppio-triplogiochista depistatore come quello. A onor del vero oggi anche Mike Pompeo, il Segretario di Stato USA, ha dichiarato che si avrà una “tranquilla transizione” a un secondo mandato Trump, ma la cosa pare tutt’altro che scontata. In ogni caso, quello che stiamo vivendo è un momento nevralgico nella storia dell’umanità intera, esiste un’agenda che il globalismo apolide ha ben chiara, e non è affatto detto che Trump ne sia totalmente estraneo, non sono di pochi giorni fa le sue dichiarazioni su un vaccino che sarebbe stato fornito gratuitamente a tutta la popolazione? Quale disinteressata munificenza… chiunque vinca, i popoli dovranno svegliarsi da sé, non ci saranno “salvatori” a liberarli.

      Rispondi
      • Sergio Cipollaro

        Carissimo, sono d’accordo per la prima parte del tuo messaggio. Meno sul fatto che i popoli debbano svegliarsi da sé. Certamente la coscienza accumulata di un popolo è importante e dev’essere mantenuta accesa come un fuoco sotto le ceneri, ma se non vi sono dei fattori catalizzatori non diventa forza operativa. Indipendentemente dalla persona Trump, egli di fatto ha rappresento l’unica opposizione di rilievo ai pieni delle ristrette elite globali (quarto rivoluzione industriale ecc.). La perdita di Trump alla Casa Bianca è di fatto una perdita per tutti coloro che si oppongono ai loro distopici pieni. Non si tratta di vuoti slogan ideologici. Un solo esempio? Nel secondo mandato Trump avrebbe frenato lo strapotere sei social parificandoli ad editori, così che le loro azioni di censura possano esser perseguite legalmente. Ma ve ne sono tanti altri. In tal senso, sua sconfitta non sarà una perdita indifferente.

        Rispondi
        • Andrea

          Salve, la ringrazio per l’attenzione al commento. Naturalmente tra Trump e Biden anch’io preferisco il primo, solo che non mi faccio illusioni neanche su di lui. Essi appartengono a due fazioni opposte, per nessuna delle quali, però, il benessere dei popoli è la priorità. La gente deve imparare a non delegare la propria intelligenza a chi governa, finché non lo farà verrà vessata; che sia da questo o da quello poco importa, se in ogni caso rinuncerà alla libertà per una manciata di (false) certezze.

          Rispondi
  5. Rossella

    Caro signor Vaccaro,
    probabilmente lei non conosce bene il sistema elettorale americano. A proposito dei “morti” che avrebbero votato sappia che negli Stati Uniti si vota per posta sin dal mese di ottobre, e, anche se qualche elettore da ottobre al 3 novembre nel frattempo potrebbe essere morto, rimane il fatto che al momento del voto era vivo, di conseguenza il voto è valido.

    Tutta la vicenda al momento non è affatto alla Corte Suprema, si tratta solo di una delle tante “promesse” (o minacce?) di quel bugiardo seriale che è Mr. Trump.

    L’unica novità è che il ministro della Giustizia William Barr, nominato da Trump e suo fedelissimo, ha autorizzato tutti i procuratori generali di avviare indagini sulle presunte frodi, ma già in 45 Stati è stata esclusa l’esistenza di frodi o irregolarità.

    E adesso Trump se la sta prendendo con i sondaggisti che appena prima delle elezioni avrebbero “influenzato” il voto.

    In quanto alle schede elettorali segnate, o filigranate che sia, le ripeto che anche questa è un’ennesima balla che configurerebbe un reato gravissimo punibile con il carcere a vita.

    Stendo un velo pietoso su tutto il resto e mi astengo da altre considerazioni, altrimenti Sig. Vaccaro, da buon “democratico” lei mi banna un’altra volta. 😁

    Rispondi
    • Francesco

      Cara Rossella sono pienamente d’accordo con te.

      Non riesco a vedere nulla di positivo in Trump.

      Negare riscaldamento globale? Bisognerebbe falsificare il rivelamento di temperature minimo degli ultimi 50 anni.

      Ripeto che ancora non capisco bene perché se ci siano stati dei brogli questi sarebbero stati solo da parte di Biden. Come mai Trump conosce bene come le tecniche dei brogli? Per lo stesso motivo per cui dice che Huawei spia, dato che loro da una vita spiano tutti e conoscono bene le tecniche di spionaggio!

      Anche la battaglia contro TikTok è dovuta dal fatto che questo social sta prendendo molto spazio di mercato. Tutti i social ci spiano, vedete “The Social Dilemma” su Netflix.
      Servizio delle Ienesu Tiktok prima che ne parlasse Trump.
       https://www.superguidatv.it/le-iene-e-il-fenomeno-tik-tok-cosa-ce-dietro-lapp-video-mediaset/

      In Trump non vedo un grande anti global ma un grande opportunista.

      Questa è una risposta da tecnico non da filosofo, per un tecnico 2+2 fa sempre 4 ed un tecnico non potrà mai credere che la terra è piatta.

      Rispondi
      • Rossella

        Caro Francesco,
        glielo spieghi tu al signor Cipollaro che Scorecard e Hammer sono solo due software di gestione aziendale? Scorecard è in vendita anche in Italia a 250 euro e Hammer è un software gratuito di Microsoft, OMG! Il nemico! 😃
        E che uno dei due signori che hanno “svelato” l’imbroglio ha pure sostenuto che i Democratici hanno usato lo stesso sistema per far fuori Bernie Sanders alle Primarie, quando invece, è questa ormai è storia e non elucubrazione, Sanders dalle Primarie si è ritirato?

        Io penso che le accuse abbiano necessità delle prove, e per ora le loro prove ancora non le abbiamo viste, in compenso siamo sommersi da valanghe di chiacchiere.
        Ancora un po’ di pazienza e… chi vivrà, vedrà 😉

        Rispondi
      • Andrea

        >Negare riscaldamento globale? Bisognerebbe falsificare il rivelamento di temperature minimo degli ultimi 50 anni.

        Lo dica agli oltre 31.000 scienziati firmatari della petizione contro l’accordo di Kyoto, sempre tanto strombazzato dalla propaganda mediatica globalistica:

        http://www.petitionproject.org/

        Rispondi
        • Francesco

          Quando ero bambino il 1° novembre visitavo i morti sempre usando il cappotto. Oggi se primo novembre posso visitare i morti in maniche corte certamente non sarà una petizione a farmi mettere il cappotto.
          Il caldo e freddo non è un’opinione, potrebbe essere una sensazione ma c’è sempre il termometro come giudice.
          Se cerchiamo su Google “bufala petizione clima” i risultati traboccano sul nostro schermo.

          Tra cui troviamo:

          Gli oltre 30000 scienziati e tecnici che hanno firmato la petizione della OISM rappresentano solo una piccola parte (0.3%) di tutti i laureati scientifici USA. Ancor più significativo il fatto che solamente 39 sono gli scienziati che hanno una specializzazione in scienze del Clima.
          …….
          “Il risultato è che alla petizione dell’OISM è stata attribuita una credibilità che è assolutamente opinabile.”
          …….
          Sicuramente la petizione OISM continuerà a ripetere la sua storia consunta sino a che la sua artificiosa credibilità sarà completamente azzerata. I conservatori ed i libertari, ognuno con la propria motivazione ideologica a favore della petizione OISM, sono stati molto efficienti nel far circolare il ritornello dei “30mila scienziati che rigettano il riscaldamento per polli costruito dall’IPCC” facendolo passare nei media più conservatori, anche se i media focalizzati sugli effetti dello sconvolgimento climatico hanno cercato di limitare i danni prodotti dalla petizione OISM. Comunque, siccome la scienza che appoggia la teoria che la causa antropogenica sia la dominante nella alterazione del Clima, è solo questione di tempo e la petizione della OISM appassirà nel caldo che verrà.”

          Il pensiero è ibero!! Noi possiamo sempre pensare che 2+2 sia uguale a 20 e possiamo e che la terra sia piatta ma la scienza che non è un’opinione ,sempre ci dimostrerà matematicamente che 2+2 è uguale a 4 e che la terra non è piatta.

          Alcuni link…
          https://skepticalscience.com//translation.php?a=265&l=17
          https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/07/30/il-giornale-il-prof-zichichi-e-le-bufale-del-clima-nella-falsa-petizione/3765122/

          Rispondi
          • Andrea

            Ma che belli i suoi eufemismi “scientisticamente” corretti! Adesso i media asserviti al Pensiero Unico Globalizzato diventano quelli “focalizzati sugli effetti dello sconvolgimento climatico”. Ha studiato “teoria e pratica del bipensiero” all’università orwelliana? Ma lei non ha sufficiente spirito di osservazione per constatare che da un giorno all’altro il clima cambia radicalmente? Non ha occhi per vedere le irrorazioni atmosferiche di nanoparticolato metallico con le quali viene creata una cappa che riflette i raggi solari e non lascia disperdere il calore? Quello è l’unico effetto serra che meriti di essere chiamato così, ed è volutamente indotto da una ben precisa “attività antropica”, che però non è affatto imputabile alle emissioni di CO2, come favoleggiano i media di ammasso dei cervelli.

            Per favore, si risparmi quei patetici link “normalizzatori” che possono far presa solo su chi ancora si ostina a tenere occhi e testa ben blindati come fa lei.

            Che il clima sia pesantemente manipolato non è più un segreto che cerchino di nascondere nemmeno all’Air Force USA:

            http://weatherwarfare.worldatwar.info/docs/owningin2025.pdf

          • Francesco

            Mi ripeto, il pensiero è libero.

          • Andrea

            Questa è una sua illusione. Il suo è con ogni evidenza mediaticamente eteroindotto, ma per potersene accorgere dovrebbe cessare di esserlo. Il cane che si morde la coda.

      • Niko

        LA TERRA NON E’ SICURAMENTE QUELLA BALLA CHE GIRA A 1700 KILOMETRI ORARI.

        Rispondi
      • Rossella

        Gentile Signor Cipollaro,
        Lei sa meglio di me che Scorecard e Hammer non sono altro che due software di gestione aziendale. Anzi, Scorecard è in vendita anche in Italia per 250 euro, ed Hammer è un software gratuito di Microsoft (OMG, il nemico!) 😃
        In quanto ai signori Powell e Wiebe e a Fox News (unico network che, anche se ormai debolmente, ancora in qualche modo sostiene la causa di Trump), ci si arrampica come sempre sugli specchi. Tra l’altro, uno dei due, mi perdoni, non ricordo quale, sostiene che grazie a dei brogli Bernie Sanders è stato estromesso dalle Primarie. Falso, e questa ormai è storia e non elucubrazione, Sanders si è ritirato dal contest, NON sconfitto da Biden!

        Poiché io non credo ne’ alle fate ne’ alle streghe, dico che a suffragare questa valanga di fakes e di accuse ci vogliono le prove, le chiacchiere non bastano.
        Quindi smettiamola di chiacchierare inutilmente e attendiamo le prove. Chi vivrà, vedrà .

        Rispondi
        • Sergio Cipollaro

          Per quel che ho potuto seguire sembra che serva un supercomputer per trasferire i voti da un candidato all’atro in frazioni di secondo. Alcuni commentatori riferivano che sono strumenti nelle mani dei militari, usati anche in altri stati e nelle cosiddette rivoluzioni arancioni. Io però non mi intendo di software e in mancanza di ulteriori informazioni non sono in grado di stabilire se ciò che si dice circa il loro ruolo sulla frode elettorale sia vero o meno.

          Ora però con l’intervista a Rudolf Giuliani di cui allego il video, sappiamo con chiarezza le prove di cui dispongono e il percorso giudiziario che si delinea. Effettivamente Giuliani non fa menzione dei due software – o perché ritengono che non siano intervenuti nella denunciata frode o perché è troppo difficile dimostrarne il ruolo. Il problema è che i magistrati degli stati democratici saranno stati eletti col sostegno dei democratici o nominati direttamente da quei governatori. Se rigetteranno le prove di frode elettorale, come ultimo passo rimane solo la Corte Suprema.

          Riguardo Trump: non siamo certi suoi ammiratori! Io non ho niente a che vedere col suprematismo bianco, e penso a come Trump sarà simpatico ai palestinesi che si sono visti relegare, non solo de facto ma anche de iure, al ruolo di territorio occupato. E i cubani? Sono stati dichiarati minaccia per la sicurezza nazionale USA (???), e in quanto tali sottoposti anche all’embargo per il loro turismo. Dunque Trump avrebbe avuto tutte le caratteristiche per essere considerato da me un nemico del progresso umano. Trump però ha fatto qualcosa di UNICO che nessuno si aspettava ed è riuscito a fare finora : si è opposto con forza e tenacia al deep state. Prima di lui aveva tentato J.F. Kennedy. Quando vide che la CIA aveva tentato di coinvolgerlo nell’invasione di Cuba – che sarebbe stato un genocidio perché quelli si difendevano fino all’ultimo –, aveva detto: “Dividerò la CIA in molti pezzi e le getterò nel cestino”. Poco dopo fu ucciso a Dallas. Questo deep state non può essere considerato solo il deep state americano, ma dell’intero occidente, perché la ristrettissima oligarchia di grandi corporation, finanzieri, Silicon Valley, Big Pharma è la medesima che controlla tutti i deep state e i mass-media occidentali, Italia compresa. Questo è il motivo per cui io, Valdo e altri come noi auspichiamo la vittoria di Trump. Io comprendo la vostra repulsione verso di lui. Il fatto è che peggio di Trump c’è Biden, i Clinton, Obama e tutti i democratici che contano (escludendo Sanders e altri come lui). Se non si comprende la questione del deep state e dell’oligarchia che vuole controllarci e medicalizzarci tutti, impostando per noi uno stile di vita in armonia con la quarta rivoluzione industriale, non si può comprendere il nostro favore per Trump. Ad ogni modo rispetto la vostra opinione e la ringrazio per le notazioni sui due software.

          Un caro saluto.

          Sergio Cipollaro

          INTERVISTA A GIULIANI
          https://www.valdovaccaro.com/imbarazzo-gastrico-democratico-e-mal-di-stomaco-pandemista/

          Rispondi
          • Rossella

            Gentile Signor Cipollari,
            volentieri le rispondo perché lei è certamente una persona educata e perbene.
            Anche se su questo blog, dove sono capitata per caso, mi sento un’ospite indesiderata. 😀
            Rudy Giuliani come lei sa è il coordinatore della task force di avvocati assunti da Trump.
            Mentre Trump sa perfettamente di aver perso e sta fomentando questo scandalo per aizzare le folle e garantirsi un seguito per una nuova sua candidatura nel 2024, per Giuliani sarà la fine, dovrà ritirarsi a vita privata, per cui, cosa dovrebbe dire?
            Certo, anche Trump ha qualcosa da perdere a parte la sala ovale, una volta ridotto allo stato laicale dovrà rispondere di evasione fiscale per miliardi di dollari.
            Immaginare che un signore che è stato eletto promettendo la costruzione del muro, e poi mettendo in gabbia i bambinied altre amenità si sarebbe trasformato nel difensore del popolo contro i poteri forti, è pura fantasia. In realtà siamo di fronte ad un oligarca in fieri dalla personalità border line gravemente disturbata. Questo mi sento di affermarlo in quanto sono una psichiatra.
            Sono convinta che Biden, anche se gli manca un po’ di “colore”, sia una persona onesta e farà bene.
            In quanto al resto io francamente non ne posso più di negazionismo e complottismo, del “mondo sottosopra”, dei guru e dei loro acritici seguaci, ecc. ecc.
            Sono loro a fare molto male al mondo. Che è quello che è, anche se spesso qualcosa non ci piace. L’importante è riesumare un po’ del nostro spirito critico, ma certamente non per urlare al complotto.
            Certo, sarei troppo ottimista a sperare che, una volta che i demagoghi, i razzisti, i fondamentalisti, gli integralisti, i misogini o gli sciovinisti non saranno più al potere tutto tornerà come prima. Ci sarà sempre chi tenterà di sfruttare questa diffidenza “di base” insita nell’uomo, amplificandola ed edasperandola grazie a propaganda e teorie del complotto per il proprio tornaconto.
            Ci vorrebbe un vaccino contro quella che, in ultima istanza, è “la paura dell’ignoto”. Purtroppo questo vaccino non esiste e non esisterà mai, servirà invece avere una mente lucida, nervi saldi e molto coraggio. Soprattutto, servirà un’autentica visione globale e tanta pazienza. Nel frattempo, nel nostro piccolo, servirà che chi fa comunicazione in qualunque ambito, non solo i media tradizionali ma anche
            chi diffonde notizie sul web, dai siti di news, dai blogs agli youtuber si impegnia rispettare la verità e a basare la propria azione e informazione sui fatti. Utopia?
            La saluto caramente,
            Rossella ☺️

          • Sergio Cipollaro

            Grazie per la risposta. Abbiamo visioni inconciliabili, ma è una cosa che capita. Come lei ha concluso un suo messaggio: chi vivrò vedrà.

          • Rossella

            Gentile Signor Cipollaro, siamo vissuti e abbiamo visto.
            Un saluto cordiale

  6. Francesco

    Trump è stato visto con i capelli bianchi. Si è rassegnato all’evidenza!!

    Rispondi
  7. Massimiliano Brandi

    valdo, ti credevo intelligenteb e onesto, invece appoggiare trump deludi profondamente. e questo è tutto. Solo una cosa ho imparato da questa storia: non è vero che un vegano , un crudista ha sempre ragione. ciao.

    Rispondi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: