TESTIMONIANZA GUARITIVA SU SINDROME DI RAYNAUD E SU LUPUS ERITEMATOSO

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

NESSUNA TRACCIA DI RAYNAUD

Pubblicità

Stamattina, 6 gradi, volante dell’auto gelido, senza guanti e nessuna traccia di Raynaud! In passato ho avuto attacchi anche a più di 20 gradi.

ENTUSIASTICA LOTTA CONTRO IL LUPUS

Ben tornato Valdo! Un abbraccio da una fan che ti segue essendo sempre entusiasticamente al lavoro contro il Lupus e sempre grata alla tua instancabile opera di divulgazione.
Enrica

*****

Pubblicità

RISPOSTA

RISULTIAMO VINCENTI GRAZIE AL RISPETTO DELLE LEGGI NATURALI

Ciao Enrica. Complimenti e ringraziamenti. Questa è autentica e preziosa collaborazione, utilissima non per rigirarsi tra gli allori della vanità, o per cullarsi nell’immodestia e nella superbia di chi riesce a districarsi meglio di altri risultando vincente di fronte a una o più patologie tipo il fenomeno di Raynaud ed il Lupus, ma unicamente per una divulgazione oggettiva di autoguarigione che diventi prezioso punto di riferimento per i lettori del blog e per chiunque voglia cercare vie alternative alla cromatina medica. Noi non guariamo nessuno. Ci limitiamo a mettere le persone nelle migliori condizioni per autoguarire. Questo è il solo nostro merito e il nostro solo miracolo.

ARGOMENTI GIÀ TRATTATI IN PRECEDENZA

Qualcosa che dovrebbe far riflettere chi legge, spingendolo con maggiore convinzione verso il porto sicuro, verso il faro della Medicina Naturale e della Remissione Spontanea chiamato Health Science.
Ho parlato di questo problema nella tesina “Enormi benefici e sindrome di Raynaud“.

DEFINIZIONE DELLA SINDROME DI RAYNAUD

Ricordo che la sindrome di Raynaud è un quadro morboso che prende il nome dal medico francese Maurice Raynaud (1834-1881), caratterizzato da crisi di cianosi delle dita la cui ripetizione nel tempo conduce a fatti distrofici ed eventualmente a fenomeni gangrenosi alle estremità. Durante l’attacco, le dita sono fredde e si fanno dapprima pallide e poi violacee per il ristagno della corrente sanguigna. Se la crisi si prolunga possono intervenire dolori violenti.

SPASMO TRANSITORIO DEI PICCOLI VASI

Pubblicità

La malattia colpisce il 5% della popolazione con netta prevalenza femminile per 4:1. Compare a volte senza cause apparenti, mentre in altri casi può insorgere per lesioni del sistema nervoso regionale o può far parte di malattie generali. Trattasi di uno spasmo transitorio dei piccoli vasi sanguigni che si scatena in seguito a stimoli quali 1) Sbalzi di temperatura, 2) Forti emozioni stressanti, 3) Uso di alcuni farmaci, 4) Utilizzo continuato di strumenti o utensili vibranti.

RIDOTTO AFFLUSSO DI SANGUE ALLA CUTE

Lo spasmo consiste in una fase di ridotto afflusso di sangue alla cute, con forte pallore accompagnato da un senso di fastidio doloroso seguito da una fase blu-violacea, espressione della mancata ossigenazione del sangue, ed infine da una fase di arrossamento locale, spesso accompagnata da formicolii e riduzione della sensibilità, espressione dell’avvenuta riossigenazione. Solitamente esso coinvolge le estremità delle dita delle mani ma può interessare anche le dita dei piedi, le orecchie, la punta del naso, la lingua e le labbra. Il fenomeno di Raynaud è in genere benigno, cioè non costituisce una malattia e non richiede alcuna terapia, ma talvolta può essere la spia di qualche patologia sottostante.

Per quanto concerne il LES o lupus eritematoso sistemico, si possono consultare le mie tesine “Lichen, balanite, lupus e dermatiti varie” e “Carica energetica superiore ad ogni pericolo di lupus“.

IL LUPUS NELLA DEFINIZIONE MEDICA

Secondo definizione medica, il lupus è una malattia cronica autoimmune in grado di danneggiare qualsiasi parte del corpo, dalla pelle, alle articolazioni e agli organi interni. Il termine malattia cronica significa che i segni e i sintomi tendono a durare oltre 6 settimane e talvolta diversi anni.

Pubblicità

PARADOSSALE SCARICABARILE SUL SISTEMA IMMUNITARIO

Nel lupus qualcosa andrebbe storto con il sistema immunitario, sistema strumentale del corpo atto a combattere virus, batteri, germi ed invasori esterni tipo gli agenti influenzali. Di norma, il sistema immunitario produce proteine chiamate anticorpi che proteggono l’organismo da questi invasori. Nelle patologie autoimmuni gli strumenti immunitari non sarebbero in grado di stabilire la differenza tra gli invasori esterni non-self e i tessuti sani interni self, per cui l’immunitario finirebbe paradossalmente per creare auto-anticorpi che attaccano e distruggono il tessuto sano, producendo nel contempo infiammazioni, dolori e danni in diverse aree dell’organismo.

COZZARE CONTRO LE LEGGI DELLA NATURA PORTA ALLO STATO CONFUSIONALE

Questa visuale dei fatti accontenta solo i medici e Big Pharma, ma non certo chi punta alla verità e alla trasparenza. Trattasi di un alibi giustificativo utile a procedere con le cure cortisoniche, ma non certo a spiegare la realtà. Oltretutto, la visuale medica si dimostra come suo solito refrattaria e inadatta ad allinearsi con le leggi naturali, ed in particolare col principio fisso ed inalterabile per cui il corpo non va mai contro se stesso. Cozzare contro le leggi naturali porta fuori percorso e induce la medicina a fare le ipotesi più strampalate e confusionarie, togliendole ogni possibilità di procedere lungo i sentieri della logica e del buon senso.

DATI STATISTICI SUL LUPUS

Il lupus non è contagioso nemmeno tramite contatti sessuali, per cui non si può prendere o trasmettere. Non è collegato ad alcuna forma tumorale o a sindromi immunitarie etichettate Aids. In USA le stime parlano di oltre 1.5 milioni di soggetti colpiti, anche se il numero vero può essere in realtà molto più consistente, non essendoci ancora stati studi approfonditi sulla malattia.
Ufficialmente si sa che 16000 nuovi casi vengono registrati annualmente nell’intera nazione, e che colpisce in netta prevalenza le donne tra i 15 e i 44 anni, specie quelle di colore. Si stima che nel mondo esistano 5 milioni almeno di persone con qualche forma di lupus. In Italia le stime parlano di 60 mila persone colpite.

SINTOMI

Pubblicità

I sintomi del lupus includono:

1) Eruzioni cutanee sul viso, simili alle cicatrici da morso di lupo, 2) Dolori articolari spesso associati a rigidità e gonfiori, 3) Debolezza e senso costante di spossatezza, 4) Febbre inspiegabile, 5) Aumento di peso e dimagrimento senza cause apparenti, 6) Mal di testa, 7) Fotosensibilità, 8) Disturbi renali e nefriti, 9) Umore irritabile, 10) Deficit mnemonici, 11) Anemia 12) Perdita capelli, 13) Aborto spontaneo , 14) Tendiniti, 15) Pleuriti.

MALATTIA ALTALENANTE CHE I FARMACI RENDONO PRIVA DI SBOCCHI

Il lupus coinvolge dunque diversi organi, in primis la pelle, ma anche le articolazioni o i reni, e può manifestarsi con sintomi lievi o più invalidanti. Si tratta di una malattia che varia molto da persona a persona, in molti casi, ad esempio, i sintomi morbosi regrediscono per lunghi periodi per poi ripresentarsi, un po’ come accade per altre malattie definite autoimmuni, tipo l’artrite reumatoide. Si hanno alti e bassi in continua alternanza. Il lupus è in altre parole una malattia altalenante che produce bagliori, fiammate e vampate peggiorative che fanno star male le vittime, e a volte con cenni di remissioni spontanee dove i sintomi migliorano e concedono loro dei brevi periodi di rilassamento, senza mai una uscita totale dal tunnel. Il che va attribuito alle cure improprie praticate contro i sintomi, anziché contro i veri motivi causanti che indubbiamente esistono e che vanno cercati tra le pieghe personali del soggetto, tra le sue abitudini alimentari e comportamentali.

RICORSO CONTINUO AL COMODO CONCETTO DI AUTO-IMMUNITÀ

Va detto ovviamente che quando la medicina si trova di fronte a malattie rare, misteriose ed inspiegabili secondo i suoi criteri, tende a classificarle come autoimmuni, proponendo cure a base di immunosoppressori e cortisonici, che causano debolezza organica e abbassamento reattività immunitaria, oltre che riduzione illusoria e temporanea dei sintomi, non risolvendo ovviamente il problema alla base e aggravando al contrario la patologia, rendendola insidiosa, cronica ed inguaribile, togliendole ogni possibilità di remissione spontanea.

DIGESTIONI RAPIDE PER PRODURRE SANGUE SANO

Rispetto alla descrizione medica, molto più chiare ed illuminanti le posizioni di Manuel Lezaeta, che mette nel medesimo calderone, acme, eczema, allergie, orticaria, antrace, psoriasi, erisipela, rosolia, roseola, herpes, dermatosi e lupus, classificandole come affezioni della pelle. La dieta vitale di frutta e di vegetali crudi favorisce digestioni ottimali, facili e rapide, con formazione di sangue puro ed eliminazione accurata delle impurità, e conseguente rigenerazione dell’organismo e della pelle.

Pubblicità

ALIMENTI VIVI ASSOCIATI A UN FORMIDABILE PACCHETTO-SALUTE

Altro che cortisone ed immuno-soppressori! Carote, cavoli, crescione, cetrioli, fagioli,  olive, arance, asparagi, barbabietole, ciliegie, ribes, datteri, fragole, mirtilli, mandorle, noci, tarassaco, uva. Queste le nostre armi naturali, associate a un formidabile pacchetto-salute, per ripristinare la normalità.

ANCHE IL LUPUS RIMANE UNA QUESTIONE DI SANGUE GUASTO

Nessuno muore di cardiopatie e nessuno si ammala di niente, e quindi nemmeno di lupus. Tutti invece si ammalano e spesso anche muoiono di sangue guasto, alterato, lipotossico, melmoso e non fluido. Questa è la filosofia irreprensibile di Padre Taddeo di Wiesent che smentisce e demolisce tutte le ipotesi mediche sul lupus e sulle varie malattie del repertorio sanitario.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Pubblicità
Condividi con i tuoi amici.