TESTIMONIANZA IMPORTANTE SU TIROIDITE SUB-CLINICA, SU EUTIROX EVITATO E SULLA B12

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

LO SCORSO ANNO, UN MESE DOPO AVERTI SCRITTO, I MIEI VALORI ERANO PEGGIORATI CAUSANDOMI GRANDE AGITAZIONE

Buongiorno Valdo, faccio riferimento alla tua tesina “Tiroidite sub-clinica e giardiasi” del 12/7/2016. La tua risposta era stata precisa e puntuale. Ora ti scrivo per aggiornarti. So che l’igienismo esclude l’ansia e la ricerca dei dati. Probabilmente non sono arrivata alla sufficiente fiducia necessaria nel mio corpo, ma ci sto lavorando. Un mese dopo averti scritto, il mio TSH era salito a 37, T3 e T4 cominciavano ad essere al limite, quindi ero grandemente agitata.

HO COMUNQUE SCELTO DI EVITARE L’EUTIROX ED OGGI GLI ESAMI DIMOSTRANO VALORI PERFETTI

Non sono mai andata da un endocrinologo. Ho una dottoressa della mutua piuttosto sensata e non troppo interventista, che mi ha accompagnato in questa mia scelta di non cedere all’eutirox (seppure con qualche preoccupazione e perplessità), anche se le analisi avevano evidenziato un Hashimoto. Fatto sta che non so cosa sia successo, ma dopo un altro mese ho rifatto le analisi (ottobre 2016) e il TSH era tornato a 5. Adesso, all’inizio di Giugno, ho rifatto gli esami e il TSH è a 4,5 con T3 e T4 perfetti.

HO IL TSH A 37 SENZA ASSUMERE NESSUN FARMACO

Vorrei solo testimoniare che spesso il corpo agisce in modo a noi assolutamente sconosciuto, ma sicuramente autoregolante e autoguarente. Ho letto che non si guarisce dalle malattie autoimmuni, ma comunque posso dire che nel mio caso la medicina allopatica mi avrebbe resa schiava dell’eutirox. Non ti dico la faccia dell’ecografista quando gli ho detto che avevo il TSH a 37 e che non assumevo nessun farmaco!!!

ANCHE LA B12 STA A LIVELLI NOTEVOLI PUR NON ASSUMENDO ALCUN INTEGRATORE

Volevo anche condividere la mia esperienza a proposito della B12, tanto dibattuta. Sono vegetariana da 24 anni, vegana da 3 (ad eccezione di qualche ovetto del contadino) e la mia B12 (che ho misurato questa settimana per la prima volta) è a 227 senza aver mai preso un integratore. Aggiungo anche che la candidosi non si ripresenta da quasi un anno (ne soffrivo 3/4 volte all’anno). Non so se perchè ho eliminato gli zuccheri e la pasta ormai completamente (anche se davvero non ne ho mai fatto un gran consumo). Grazie per la tua preziosa opera di divulgazione scientifica. Con stima.
Diana

*****

RISPOSTA

L’IMPORTANZA DI INTERPRETARE CORRETTAMENTE LE FUNZIONI DEPURATIVE DEL CORPO

Ciao Diana. Grazie per questa significativa testimonianza. Del resto i conti tornano alla perfezione. Nella fase immediata dei tuoi post-miglioramenti dietetici e comportamentali dello scorso anno hai subìto i noti effetti eliminativi, tipici di un corpo che si sta depurando grazie a una intensificazione funzionale dei suoi organi emuntori-escretori. Nonostante la tua agitazione momentanea, hai saputo però usare coerenza e buonsenso, hai saputo resistere alla pressione e ai pregiudizi dei medici, e in particolare alla tentazione di assumere l’Eutirox.

PREMIATA CON ECCELLENTE STATO DI SALUTE E CONFERMA NEI DATI TABELLARI

Oggi i fatti ti stanno dando ragione e le tue scelte giuste e determinate vengono premiate con uno stato di salute eccellente ed anche con una conferma tabellare dei valori. Questo può e deve servire da prezioso insegnamento a chiunque intraprende una via migliorativa, dove non si devono mai interpretare con timore e sfiducia i segnali intelligenti del corpo, che sono sempre di duplice utilità nel senso che avvertono ed ammoniscono, e nel senso che operano concretamente uno scarico dei veleni in via di disincrostazione.

B12 ARGOMENTO CRITICO PER GLI ONNIVORI E NON PER I VEGANI-IGIENISTI

Quanto alla tua B12, essa può andare bene anche se la ritengo piuttosto altina. Vale comunque il principio che ognuno è diverso ed ogni corpo tende ad esprimere i suoi particolari valori. C’è da aggiungere che, dal punto di vista statistico, esiste una realtà paradossale che non viene mai messa in evidenza dai media, ed è che la categoria più sofferente di carenza di B12 non sono affatto i vegani e i vegetariani (i quali ce l’hanno di norma e di regola fisiologica intorno ai minimi classici dei 100 pg/mL grazie alle consistenti dosi di vitamina C naturale di cui godono grazie a frutta e verdure crude, vitamina C che contrasta e respinge la B12, e grazie all’abbondanza simultanea di folati B9 tipici delle foglie verdi, B9 che in genere sta nei vegani su livelli alti e fuori-range, e che si comporta da vicariante della B12).

SONO LE DIGESTIONI DIFFICILI A COMPROMETTERE LA PRODUZIONE INTERNA DI B12

Chi soffre di carenza di B12 sono invece i mangiatori di carne, che si ritrovano a dover gestire digestioni lunghe e difficili, compromettendo la regolare produzione intestinale di tale vitamina, mentre vegani e vegetariani attenti nella applicazione delle regole di base, usufruiscono di digestioni sobrie, rapide, semplici e leggere, per cui la B12 viene prodotta regolarmente ai giusti livelli minimali, e viene pure assimilata dai tanti alimenti naturali che la contengono in dosi sempre impercettibili agli strumenti di misura.

Valdo Vaccaro

Condividi con i tuoi amici.

1 commento

  1. Stiefanienko Pedross on

    bravo VALDO come al solito impeccabile discorso sulla b12 condivido tutto.