UNA SCOSSA ALLA MIA VITA DEMOTIVATA E PRIVA DI EMOZIONI

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

NESSUNA LAMENTELA SUL PIANO FISIOLOGICO

Salve, la seguo ormai da molto tempo. Ho 22 anni e sono vegetariana crudista e biologica al 100% da 4 anni. Ogni tanto bevo anche il latte biologico di capra appena munto da mio cugino. Fisicamente sto benissimo, zero dolori, non ho preso influenza e febbre in questi anni, ma ho ciononostante qualche problema serio.

DEPRESSIONE, PIGRIZIA ED INSICUREZZA

È da un bel po’ che sono depressa, pigra, insicura. Non ho voglia di fare sport, dormo molto, soffro di insonnia, esco poco, non sento il desiderio di uscire con i miei amici, sto sempre davanti al pc per leggere, e a volte mi capita di avere una grande voglia di fare ciò che desidero di fare, ma poi mi blocco e cado di nuovo in depressione. Ho sbagliato qualcosa?

VORREI DARE UNA SCOSSA ALLA MIA VITA

Non la considero un medico e nemmeno un mago, bensì un uomo normale ma esperto di medicina naturale. La prego pertanto di consigliarmi qualcosa perché sono stanca di vivere in questo modo e vorrei tanto cambiare la mia vita ma non ci riesco. Sarà perché ho bisogno di cibi cotti per avere un giusto equilibrio tra cibo crudo e cibo cotto? Sono confusa. Attendo una sua risposta con ansia. Grazie mille.
S.B.

*****

RISPOSTA

VEGAN-CRUDISMO AL CENTO PER CENTO NON È NECESSARIAMENTE IL MASSIMO

Ciao S.B. Per quanto importante sia l’alimentazione, il cibo non è tutto. Pensare di poter risolvere il tuo particolare momento di depressione con una semplice modifica del menu mi pare cosa troppo semplicistica. Tuttavia non è da escludere che, nel tuo caso specifico, una adesione troppo intensa e senza compromessi a una dieta vegana e crudista al 100%, abbia qualche ruolo e qualche responsabilità.

LA VALIDITÀ DI UN METODO VA MISURATA SUL CAMPO

La mia opinione sul vegan-crudismo spinto ai massimi livelli è che si può anche fare nella misura in cui esso comporta e produce alla resa dei conti dei risultati positivi, soddisfacenti, privi di effetti collaterali sul piano fisico, psicologico e spirituale. Un vegan-crudismo stretto e rigoroso lo trovo valido:

  • Per un breve periodo di tempo
  • Per motivazioni terapeutiche particolari
  • Attuabile preferibilmente in clima tropicale con a disposizione una ampia gamma di frutta, verdura, radici, legumi e cereali freschi e carichi di energia solare.

UNA DIETA DEVE RISPONDERE A CRITERI DI DIVERTIMENTO E DI SOSTENIBILITÀ

Come mai la mia scelta per una alimentazione tendenzialmente vegetariana-crudista, con percentuali variabili a seconda delle possibilità, delle esigenze e dei gusti di ognuno? Proprio per evitare che uno vada prima o poi in tilt. Le insidie esistono anche nella purezza eccessiva delle diete. Un eccesso di alimenti naturali, leggeri e ripulenti può portare per apparente paradosso a conseguenze aberranti ed impreviste. La dieta deve essere piacevole, sostenibile e personalizzabile. Stare inchiodati su criteri di eccessiva rigidità non è a mio avviso una scelta oculata e praticabile nel lungo periodo.

SE CI SONO RIPERCUSSIONI NEGATIVE OCCORRE APPORTARE PRONTAMENTE DELLE MODIFICHE

Uno può finire in condizioni di fame eccessiva e di carenze energetiche, visto che il cibo naturale e crudo non la concentrazione necessaria a garantire l’apporto minimo di calorie in concomitanza col clima invernale. Una sottoalimentazione sul piano calorico comporta ripercussioni negative sul piano psicologico e comportamentale.

TROVARE MOTIVAZIONI E OBIETTIVI CAPACI DI DARE LE GIUSTE EMOZIONI

Ovvio che esistono di sicuro altri fattori di tipo caratteriale, famigliare e sociale da prendere in considerazione. La mancanza di motivazioni va dunque curata intervenendo sul piano culturale e su quello etico. Dedicarsi a degli hobby divertenti, a un lavoro motivante, a delle cause che appassionano ed appagano, rende la vita accettabile e degna di essere vissuta. Sprecare tempo prezioso nella noia e nella assenza di obiettivi è disdicevole ad ogni età, ma in particolare quando si sta intorno ai vent’anni, carichi di prospettive e di porte aperte per chi se le sa cercare.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
25 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
25
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x