35 CHILI IN MENO, FORMA PERFETTA E POLIPI PATERNI

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA 1   (del 10/3/13)

ABBATTIMENTO OBESITÀ SENZA SACRIFICIO E SENZA SMAGLIATURE SULLA PELLE

Buon pomeriggio Valdo. Cambiando modo di mangiare e seguendo i tuoi consigli, da circa 18 mesi ho notato e verificato sul mio corpo solo grandiosi miglioramenti. In particolare ho perso 28 kg senza alcun sacrificio e, la cosa più sbalorditiva, è che la pelle non ha subito alcuna smagliatura (come immaginavo che succedesse).

TENTATIVO DI CONVINCERE I GENITORI

Tant’è vero che vorrei convincere anche i miei genitori che continuano a vivere secondo i criteri tradizionali. Mio padre è uno di questi. Lo ha dimostrato 4 anni fa, quando si è tolto i polipi intestinali con le nuove tecniche in “day hospital”.

DIVIETO SIGARETTE E APPROVAZIONE DEL BICCHIERE DI VINO A PRANZO E CENA

I medici gli hanno vietato inizialmente il vino e le sigarette, che per fortuna non tocca ormai da 15 anni. La cosa sbalorditiva è che di recente gli hanno detto che, se consuma mezzo bicchiere di vino a pasto, non c’è nessun problema, approvando cioè il suo vezzo e invitandolo a continuare come ha fatto finora.

IL MIO ESEMPIO STA SOTTO I LORO OCCHI, MA NON NE VOGLIONO SAPERE

Tant’è vero che, nonostante mangiamo fianco a fianco alla stessa tavola, e nonostante i miei miglioramenti li abbia visti e monitorati pure lui, non vuole darmi credito e non vuole sentire ragioni. “Un po’ di ciccia al corpo fa bene!”, è il suo mantra giornaliero.

DIFENDONO A SPADA TRATTA LE LORO NEGLIGENTI SCELTE

Ovviamente mia madre la pensa uguale a lui, per cui ho deciso di rinunciare a dare consigli in famiglia, mentre al mio testardo genitore stanno pure ritornando i vecchi sintomi (quelli precedenti all’operazione). Posso fare qualcosa?
Michele

*****

LETTERA 2    (del 15/3/13)

35 CHILI PERSI IN 2 ANNI E FORMA FISICA PERFETTA

Ciao Valdo, sono quello dei 28 kili in meno persi in circa 18 mesi. Ora, continuando sempre con il nostro tema del mangiare sano, ti scrivo di nuovo per dirti che ne ho persi altri 7 andando verso una forma fisica perfetta.

NEL 2011 STAVO TRA I 95 E I 98, ED ORA STO ALL’INVIDIABILE LIVELLO DI 65 KG

Tanto è vero, che la mia altezza è 1.65 e adesso peso 65kg, mentre prima, nei primi mesi del 2011 pesavo dai 95kg ai 98kg. La cosa che mi ha fatto rimanere più soddisfatto è che ho ripreso la bici (mountain bike) dopo 18 anni circa.

MOUNTAIN BIKE E USCITE DA 20-30 KM DOPO 18 ANNI DI SEDENTARIETÀ

Nonostante non sia allenato, faccio uscite dai 20 ai 30 km con tempi quasi nella media. La cosa sbalorditiva è che non provo alcun dolore ai muscoli, come se avessi tempi di recupero più rapidi rispetto ai miei amici che seguono un’alimentazione tradizionale.

COME SI FA A CONVINCERE I TESTARDI, GLI INCREDULI E GLI INSISTENTI?

Quindi direi, il merito è di una sana alimentazione, o sbaglio? Un’ulteriore domanda. C’è chi mi chiede come ho fatto ad ottenere la forma fisica e, rispondo con frutta e verdura. Come faccio invece con i testardi e gli insistenti che non credono a ciò che vedono e per di più mi insultano anche? Tra questi anche i miei genitori, convinti che mi sto suicidando.
Michele Meschini ([email protected])

*****

RISPOSTA

CIECHI CHE NON VOGLIONO VEDERE E FAMILIARI CHE NON RISPETTANO I FIGLI VIRTUOSI E SANI

Ciao Michele. La tua mail è straordinariamente educativa. Dimostra ancora una volta come esistano i ciechi che non vogliono vedere e i sordi che non vogliono sentire. Dimostra ancora una volta che i romani avevano tutte le buone ragioni per dire che “Nema propheta in patria”. Faccio due semplici domande a bruciapelo sia a tuo padre che a tua madre. Vorreste forse dire che Michele stava bene a 95 kg di peso per una altezza di 1.65? Siete sicuri di rispettare vostro figlio e di avere nei suoi riguardi un minimo di affetto paterno e materno? E qui non aggiungo altro.

SEI GRANDE PROTAGONISTA DI UN EVENTO SALUTISTICO STRAORDINARIO E SOTTOVALUTATO

Se poi ci sono pure dei medici, o degli amici che hanno la faccia tosta di non riconoscere le tue importanti conquiste salutistiche, prima ancora che ponderali, ti conviene lasciarli perdere e procedere per la tua strada. L’importante per te è non esagerare. Concediti pure qualche pausa, qualche riposo e qualche recupero energetico in più, sfruttando le fonti positive stagionali, l’acqua biologica vivificante, il sole e l’acqua marina in primis.

UNA LEZIONE MEMORABILE A CHI ACCUSA LA FRUTTA DI NON REGOLARE IL PESO, O ADDIRITTURA DI INGRASSARE, O DI INDEBOLIRE I MUSCOLI

La tua è una lezione memorabile e concreta. Non è un dimagrimento-farsa con spada di Damocle pendente sul cranio, con gravissimi effetti collaterali a scadenza. È un vero e proprio ripristino della salute che ha portato anche, come logica e razionale conseguenza, la normalizzazione del peso.
Questa tua testimonianza diventa un rospo duro da ingoiare per gli anti-fruttariani e per i medicastri da palestra.

POLIPI, OSSIA PROTUBERANZE INTESTINALI DA RIMUOVERE CON INTELLIGENZA

A buon uso di tuo padre, spiego, prima in termini medici, ma soprattutto in linguaggio igienistico, cosa sono i polipi intestinali e cosa è meglio fare per liberarsene in modo stabile e definititivo. Parliamo infatti di neo-formazioni tumorali, di escrescenze più o meno grandi che si formano sulla mucosa del colon e del retto. Protuberanze carnose non pericolose e pertanto benigne, ma comunque fattore di rischio per il cancro al colon, per cui una volta scoperte devono essere rimosse con terapia medica (asportazione pura e semplice) o con terapia igienistica della non-cura (rispetto totale del sintomo e inibizione totale dei fattori causanti).

TIPOLOGIE DIVERSE

Esistono diversi tipi di polipi intestinali, a seconda delle caratteristiche morfologiche, del numero in cui si presentano, piccoli e isolati, oppure raggruppati in vere e proprie colonie (polipi multipli), e a seconda delle loro dimensioni (polipi notevoli, fino a 4-5 cm, o polipi minuscoli sotto i 4 cm).

CAUSE SCONOSCIUTE, BENDA SUGLI OCCHI E BISTURI NELLA MANO DESTRA

Il problema dei polipi intestinali è piuttosto diffuso nella popolazione adulta over 55, sia uomini che donne, e le cause sono, in gran parte, sconosciute ai medici. Questa è una loro ammissione gravissima. Non si conoscono le cause eppure si pretende di intervenire sui sintomi. Medici dunque equiparabili a dei ciechi con la benda sugli occhi e il bisturi in mano. Robe da schizofrenia manifesta, direbbe Giordano Bruno.

INCOERENZA IDEOLOGICA SULL’IMPORTANZA DELLA DIETA

Sicuramente ad incidere ci sono il fattore ereditario e uno stile di vita non salutare, implicante il sovrappeso e la sedentarietà, correggono il tiro. In particolare la dieta sembra avere un ruolo cruciale nello sviluppo dei polipi. E anche qui si tratta di una ammissione paradossale, visto che la medicina sostiene da sempre che il cibo c’entra poco e niente nelle malattie!

RIMOZIONE CHIRURGICA D’OBBLIGO PER LA MEDICINA

Spesso e volentieri, però, i polipi sono del tutto asintomatici, e se ne individua la presenza solo in seguito ad altri accertamenti. Formazioni benigne ma anche formazioni precancerose, pertanto la rimozione chirurgica è d’obbligo.

DIETA SPECIALE CONTRO LE RECIDIVE

Chi soffre di polipi colon-rettali deve stare molto attento alle recidive anche dopo l’intervento. Per prevenirle è necessario seguire una dieta che aiuti l’intestino, e in particolare il colon, a mantenersi in salute. A tal proposito, è bene evitare il consumo di grassi saturi, di zuccheri raffinati e di alcol, privilegiando le fonti vegetali e la frutta, ossia i cibi ricchi di fibre naturali e di acqua biologica. Le fibre sono sostanze inerti, che il corpo al limite non digerisce, ma che mantengono le mucose pulite e riducono l’effetto infiammatorio dei cibi e l’assorbimento delle sostanze tossiche.

OMEGA-3 RIGOROSAMENTE VEGETALI

Nell’alimentazione di chi soffre di poliposi non possono mancare frutta, verdura, cereali integrali, yogurt alla soia, legumi e Omega-3 vegetali e non da pesce, come invocato dalla sanità internazionale, amica per la pelle delle baleniere giapponesi e delle tonnare mediterranee. Mandorle, noccioline, pinoli e girasole offrono il meglio del meglio, senza quegli effetti collaterali che sono stati fatali allo stesso dr David Servan Schreiber, maggior produttore mondiale di Omega-3 ittici, scomparso lo scorso anno a soli 49 anni.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
1 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
1
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x