DIFFERENZA TRA FERMENTAZIONE E PUTREFAZIONE

Pinterest LinkedIn Tumblr +

DIFFERENZA TRA FERMENTAZIONE E PUTREFAZIONE

La fermentazione riguarda soprattutto i carboidrati (zuccheri e amidi), sia naturali tipo frutta e verdura, che cotti (tipo dolci, pasta, pane, pizza). La fermentazione non è altro che la trasformazione degli zuccheri in alcol, come succede al succo d’uva che diventa vino. In pratica chi vive con la fermentazione costante nel proprio intestino, finisce per alcolizzarsi ed ubriacare il sistema senza nemmeno bere.Per evitare la fermentazione, occorre che gli zuccheri non trovino sulla loro strada dei residui proteici che ne rallentino il percorso e ne modifichino la formula chimica.

Soprattutto la frutta, che viene assimilata e passa nel sangue in mezz’ora, pretende un tubo gastrointestinale libero e pulito. Questo riguarda tutta la frutta, ed in partIcolare quella più facile alla marcescenza, come le angurie e i meloni, mentre mele, ananas e papaia sono più resistenti alla fermentazione, grazie ai loro enzimi antifermentanti. Anche la verdura cruda tende a fermentare.

Frutta e verdure cotte non fermentano facilmente, visto che la cottura le ha private dei loro preziosi catalizzatori, devitalizzandole, rendendole dunque cibo pressocchè morto e non reattivo. La differenza tra la degenerazione carbonica (fermentazione) e quella proteica (putrefazione) è enorme.

La fermentazione è soprattutto perdita di nutrimento. La putrefazione è avvelenamento vero e proprio. È la putrefazione che appesantisce e viscosizza il sangue in modo micidiale. È la putrefazione che produce l’acido urico. È la putrefazione l’origine di tutte le malattie dell’uomo. È la putrefazione che intasa, costipa ed avvelena, non certo le cosiddette infezioni batterico-virali.

Valdo Vaccaro – Direzione Tecnica AVA-Roma e ABIN-Bergamo

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui per passare alla navigazione premium.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
3 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x