SOSPETTA APPENDICITE E ASSUNZIONE SIMULTANEA DI IBUPROFENE

da 14 Set 2015Appendicite, Danni da cure mediche

LETTERA

IGIENISTA DA UN ANNO CON DIETA PREVALENTEMENTE CRUDISTA-FRUTTARIANA

Caro Valdo, è parecchio che ti seguo. Fortunamente è da un anno che mi sono avvicinato all’igienismo. La mia dieta è prevalentemente crudista-fruttariana. Mangio anche cotto, come pasta di riso e mais, verdure, quinoa, riso integrale, ma niente glutine in generale.

TIMORI DI APPENDICITE, DIGIUNO IN CORSO E PASTIGLIE DI IBUPROFENE!

Al momento sono a 96 ore di digiuno. Secondo te ho la possibilità di risolvere tutti i miei problemi e i miei disturbi con il digiuno? Per quanto dovrei farlo? I sintomi mi fanno pensare all’appendicite. Ho sopportato il dolore fino ad oggi, poi ho preso due mezze pastiglie di Ibuprofene la mattina e la sera. È davvero così grave?

RIMEDI CONTRO L’APPENDICITE

L’appendice svolge importante ruolo filtrante e lubrificante nei riguardi del cibo che va al colon.  Appendicite significa dolori acuti nel lato destro del basso ventre, febbre, vomito, stitichezza alternata a diarrea. Bere acqua spesso e a piccoli sorsi. Limonate senza zucchero, succo d’arancia, succo di uva, succo di mela o di carota ed ananas, alternati a frutto fresca e acquosa di stagione, sono le uniche sostanze consentite durante le crisi di appendicite. Zero carni, latticini e farmaci ovviamente. Sparita l’infiammazione e la febbre, procedere con frutta di mattina e volendo anche la sera, mentre a pranzo vanno bene zuppe di verdura e minestre d’avena condite con olio extravergine a crudo.

VIAGGIO DI LAVORO

Poi come consigliato in altri post continuerò con estratti di uva, mela e carota in quest’ordine durante la giornata. In quanto tempo potrei guarire secondo te? Mercoledì ho un viaggio di lavoro e non so se potrò affrontarlo. Grazie mille! Un caro saluto.
Matteo

*****

RISPOSTA

MAI AFFRONTARE UN DIGIUNO CON SCARSA PREPARAZIONE, E MAI ASSUMERE FARMACI O INTEGRATORI IN TALE AMBITO

Ciao Matteo. La questione dell’Ibuprofen non è grave ma ultra-grave. È sempre negativa l’azione dei farmaci. Particolarmente insidiosa poi se avviene in concomitanza di diete crudiste-fruttariane che fluidificano il sangue facendo scorre meglio pure i veleni dei farmaci e moltiplicandone gli effetti perversi. Durante il digiuno è vietatissimo assumere qualsiasi cosa all’infuori dell’acqua leggera o dell’acqua con succo di limone o di agrumi. In presenza di fastidi e di effetti eliminativi, che in queste circostanze sono sempre di carattere espulsivo e benefico, occorre resistere al dolore respirando profondo, camminando o anche rilassando il corpo e facendo dello stretching.

I FARMACI POI NON SONO CARAMELLE

La gente, quando ha problemi, tipo mal di testa, dolori mestruali, mal di denti e dolori in genere tende ad assumere dei farmaci, e uno dei maggiormente utilizzati è l’ibuprofene, principio attivo presente in Arfen, Brufen, Moment e Subitene. La tendenza è quella di assumere queste sostanze come si trattasse di caramelle. Alcune pubblicità inoltre trattano l’argomento con troppa leggerezza e istigano i consumatori a comprarne in quantità, a non rimanerne mai sprovvisti.

EFFETTI COLLATERALI DELL’IBUPROFENE

Pochi si informano o leggono il foglietto illustrativo chiamato bugiardino. Assumere ibuprofene provoca ritenzione idrica, acidifica il sangue, aumenta il rischio di emorragie gastrointestinali, di ulcerazioni e di perforazioni, di attacco cardiaco e di ictus, sopratutto se uno soffre di pressione alta, diabete, colesterolo elevato o se è fumatore. Preferire senz’altro una cura a base di cibo naturale, sobrio, semplice, digeribile, innocente, vitale e vibrante sulla scala Simoneton.

NELLA VIA DEL RECUPERO ESISTE UN PROTAGONISTA E CI SONO PURE PREZIOSE COMPARSE

Ovvio che puoi migliorare e risolvere tutti i citati problemi. Ricorda però che non è il digiuno in sé, e non é nemmeno il buon cibo in sé a fare miracoli. Il protagonista principe del riequilibrio e della guarigione rimane sempre e solo l’immunocompetenza interna. Cibi appropriati e pratiche depurative come il digiuno spianano la strada e rendono più spedito ed efficace il lavoro del sistema immune, e vanno pertanto considerati comparse preziose. Per uno che intende qualificarsi come igienista ci si attende più impegno, più preparazione, più coerenza.

VIVERE CON MAGGIORE CALMA E MENO FRENESIA

Sconsigliati i viaggi di lavoro quando si è vicini al digiuno. Il digiuno non va troncato brutalmente riprendendo a mangiare il giorno dopo lo stop. Servono un paio di giorni per una progressiva ripresa assumendo spremute e estratti, masticando bene della verdura cruda e scegliendo la politica della ripresa graduale. Non esistono tempi fissi di guarigione e occorre affrontare le cosiddette malattie con pazienza e senza fretta, visto che Madre Natura ha i suoi tempi. Come afferma Herbert Shelton “La malattia sorge solo quando serve e dura solo fin quando è necessario”.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

Se l’articolo ti è piaciuto e vuoi supportare la mia attività lo puoi fare con una donazione libera.

Scritto da Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro, classe 1943, è ricercatore indipendente, divulgatore e filosofo della salute. Da sempre ha fatto della dieta vegeto-crudista tendenziale, dell’amore per gli animali e la natura un modo di essere e uno stile di vita, in tutta autonomia e libertà. Valdo ha tenuto centinaia di conferenze in giro per l’Italia e nel mondo trattando vari temi tra cui salute, etica, attualità e altro ancora. Al momento, oltre all’attività sul blog, è direttore scientifico e docente della HSU – Health Science University, la prima scuola di Igienismo Naturale Italiana.

DISCLAIMER
Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita, non prescrive e non cura. Le informazioni presenti su questo sito hanno solo scopo informativo, non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Articoli Correlati

APPENDICITE SENZA SALA OPERATORIA

APPENDICITE SENZA SALA OPERATORIA

LETTERA Buonasera Valdo. Ti scrivo per mia figlia Francesca. Ricoverata venerdì sera con forti dolori addominali. Diagnosi: appendice. Dagli esami del sangue...

Commenti

2 Commenti

  1. Andrea

    Non prendere mai un antiinfiammatorio a digiuno a meno che non si voglia avere bruciore di stomaco!

    Rispondi
  2. arvo

    Della serie : i consigli della zia Pina.

    Rispondi

Lascia un commento

Scopri di più da VALDO VACCARO

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading