LA SOCIETÀ DELLE PASTICCHE E DEL CIBO DEVITALIZZATO

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Gentile Valdo Vaccaro, Sono vegana da 6 anni e non prendo la vitamina B12. Non faccio nemmeno esami per controllarla. Non so spiegarle il motivo per cui non voglio assumerla, seguo il mio istinto. Sento che prendere tutti i giorni una vitamina tramite integratore non sia corretto! Noi mangiamo solo frutta e verdura biologica, ma possibile che non trovi nessuno che la pensi come me?? Lei cosa mi dice in proposito? Grazie mille.
Silvia


RISPOSTA

NON SEI LA SOLA A PENSARLA NEL MODO GIUSTO

Non è esatto che tu sia la sola a pensarla così. Io sono con te e siamo già in 2, anzi siamo in 10 se metto dentro i miei famigliari. Se poi includo pure i tanti amici e sostenitori che mi scrivono o che mi leggono il numero si moltiplica a migliaia. Pertanto stai ragionando e sentendo nel modo giusto e non ti preoccupare.

Non c’è bisogno che tu cerchi conferme e condivisioni. Hai già scelto il meglio. Non si devono prendere integratori inorganici e vitamine sintetiche in nessun giorno della vita, quando si è può contare su una alimentazione sana, sobria, naturale, digeribile, vitale, innocente, quando si fa movimento, si respira e si traspira, quando ci si espone al sole e quando si è armati di preparazione scientifica e salutistica, oltre che di buonsenso.

IL RACKET DEGLI INTEGRATORI SINTETICI

Questo vale non solo per la B12, ma per la vitamina C, la B9, la vitamina D, il ferro, il calcio, il fosforo, e tutto il resto, per non dire poi della melatonina e di tantissime altre sostanze ormonali ed enzimatiche che molta gente sta prendendo con disinvoltura come si trattasse di sostanze magiche e prive di effetti collaterali.

La vitamina D sintetica è un ormone steroide e pertanto tossico. La vitamina C sintetica disturba il pH del sangue, irrita lo stomaco, fa aumentare la produzione di acido ossalico, fa aumentare l’acido urico, favorisce la formazione di calcoli renali, causa carenza di calcio.

Da rilevare poi che la B12 assume speciale rilevanza in quanto fa da simbolo, da portabandiera e da apripista per tutte le altre integrazioni. Le terapie mineral-vitaminiche sono una grossa torta da spartire. La loro vendita rappresenta il più grosso affare di tutti i tempi, ovvero “the biggest commercial health racket of all time” nelle parole esplicite di Ralph Cinque, numero uno dell’igienismo americano e mondiale.

L’INTEGRATORE È PROVA INEQUIVOCABILE CHE LA DIETA IN USO È DEFICITARIA

Gli animali insegnano. Ho delle caprette che dimostrano una vitalità pazzesca saltando giù dai muri e salendo sugli alberi. Per non dire gli scoiattoli che volano letteralmente da un ramo all’altro delle querce sottoscala. Hai mai visto una capra andare in farmacia? Il cibo per noi umani deve provenire il più possibile e il più direttamente dal mondo delle piante, dal terreno e dagli alberi, non dalle farmacie e non dai macelli.

Chi utilizza, propone e promulga diete che abbisognano di integratori mineral-vitaminici di sintesi attesta automaticamente la precarietà e la deficienza delle sue teorie alimentari. Le uniche eccezioni per assumere sostanze chimiche da farmaci e integratori sono le emergenze da pronto soccorso.

STIMOLARE NON SIGNIFICA NUTRIRE

Il problema è che oggi tutto è un’emergenza continua, tutto è una stimolazione continua. Ma stimolare non significa nutrire, significa eccitare, drogare e dopare, significa dare la sensazione illusoria e provvisoria di potenza, simile alla sferzata energetica prodotta dalla caffeina.

Ed è proprio questo il modo in cui lavorano gli integratori. Non nutrono ma scatenano il rifiuto dell’organismo che li riconosce come estranei e nemici e si sforza di espellerli generando tachicardia e calore a spese della vitalità e della longevità. Un po’ come la frusta sul cavallo da corsa, che all’inizio lo fa galoppare veloce, ma che via via diventa inutile sulla schiena di un animale stanco ed esausto.

DEPURARE, VITALIZZARE, ALCALINIZZARE ED OSSIGENARE, SOLO QUESTO È SALUTE

Le qualità fondamentali di un cibo si misurano sulla scala vibrazionale-radiante Simoneton in termini di unità Angstrom A°, o milionesimi di Volt, che sono un indice di vitalità elettromagnetica. Sorge da questo la necessità di stare su una dieta vitale, carica di acqua biologica zuccherina della frutta o carica di verde clorofilla oltre che di una gamma bilanciata di vitamine naturali e minerali organicati dalla fotosintesi clorofilliana.

L’organicità dei minerali si perde con tutte le lavorazioni, le cotture, le trasformazioni, le devitalizzazioni, le irradiazioni, i confezionamenti in lattine, in bottiglie, flaconi e pastiglie. Le qualità del cibo si misurano pure sul contenuto in fibre, necessarie per creare volume intestinale, per assicurarsi una riserva d’acqua, per facilitare la peristalsi e per soddisfare i batteri simbiotici, aerobi e saprofiti del nostro microbiota. Le qualità di un cibo si misurano con la sua forza alcalinizzante e con la sua capacità di portare ossigeno alle cellule che sono poi le due facce della stessa medaglia.

ESISTE UNA CONGIURA MONDIALE PER FAR STAR MALE LA GENTE

C’è una specie di congiura mondiale tesa a spostare l’umanità dai campi, dai boschi, dagli orti e a farli finire tra le scansie dei supermercati e delle farmacie. Una spinta verso il sintetico e contro il naturale. Si cerca di far passare come dogma una pietosa e miserabile menzogna, e cioè che ci sia una equivalenza tra vitamine naturali e sintetiche, tra minerali organici e inorganici, tra zuccheri naturali della frutta e zuccheri sintetici.

Le differenze non solo esistono ma sono enormi. Armeggiare con la biochimica corporale prendendo megavitamine sintetiche e integratori non è buonsenso ma schizofrenia. Non c’è nulla da guadagnare a prendere dosi più alte di quelle che il corpo può assorbire in base alla legge del minimo di Liebig, e c’è tanto da perdere nella spesa energetica necessaria a smaltirle. L’effetto delle megavitamine è infatti quello di produrre urine esotiche e costose, e di sottoporre fegato e reni a superlavoro.

IL SINTETICO E IL DEVITALIZZATO SONO CIBI FALLIMENTARI

Esistono prove eclatanti che il sintetico e il devitalizzato non hanno nulla a che vedere col naturale. Lo scorbuto (carenza di vitamina C), la pellagra (carenza di vitamina B3 o niacina e il beri-beri (carenza di vitamina B1 o thiamina), i falsi Aids contagiosi del passato che falcidiavano equipaggi marini e comunità umane nel recente passato, vengono contrastati e vinti con arance, limoni, cavoli crudi, avocado, patate, castagne e cereali integrali al vapore, oltre che germogli crudi e germe di grano, ma non certo con materiale sintetico, pillole devitalizzate, cereali raffinati e stracotti e con patate-carote-castagne e cipolle sottoposte ad irradiazione.

TUTTO È IN MANO AI MANIPOLATORI DI MASSA E AGLI STERMINATORI DI CREATURE INNOCENTI

Come mai la gente continua a farsi bidonare in modo indecente mettendo a rischio la sua salute? I buoni maestri e le scuole genuine vengono boicottati, svalutati e perseguitati in continuazione. Questo succede ormai da decenni.

Le istituzioni scolastiche ufficiali insegnano materie ammuffite e sono bloccate dalla burocrazia al punto di non insegnare nemmeno l’Educazione Civica. Le università mediche e i centri di ricerca sono sovvenzionati e controllati da Big Pharma e dall’Agroalimentare Carne-Pesce-Salumi-Formaggi-Caffè-Cole-Tè-Alcol-Saccarosio-Aspartame. I ministeri della sanità sono colonizzati dal regime medico-farmaceutico mondiale.

Tutti pronti a piagnucolare e a manifestare per i roghi brasiliani e la deforestazione della Foresta Amazzonica, ma nessuno disposto a denunciare l’industria delle carni che fa bruciare la giungla per metterci mais e soia Ogm da usarsi nell’allevamento forzato che precede lo sterminio legalizzato dei macelli.

RUOLO BEFFARDO E DISEDUCANTE DELLE ANTENNE TELEVISIVE

La Maestra più influente è quella che entra giornalmente nelle case senza nemmeno bussare alla porta, ed è la televisione. Ma si tratta del marchingegno più colonizzato e sponsorizzato di tutti. Su 10 spot, almeno 5 esaltano integratori e farmaci, 3 esaltano hamburger e carne in scatola, 1 esalta creme solari che impediscono l’assorbimento della vitamina D e 1 esalta divani e sofà, necessari a digerire le porcherie assunte e a sprofondare nella sedentarietà.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.