L’INDECENTE TEATRO DELLA BIDODICI E DEL PILLOLISMO

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

PERSINO CAMPBELL AMMETTE GLI INTEGRATORI

Buongiorno, Lei che “loda” T. Campbell, le faccio presente che nel libro “The China Study” a pagina 228 – 12.1 Integratori, c’è scritto: “Si incoraggia l’assunzione quotidiana di integratori di vitamina B12, e magari di vitamina D” per chi passa la maggior parte del tempo al chiuso e/o vive nei climi nordici.

PERCHÉ SI OSTINA AD ESALTARE LA B12 BASSA?

Perché lei si ostina a dire invece che è meglio averli bassi i livelli di B12 e di non prendere integratori? Lo so che è impegnatissimo, peró spesso ci sono dei commenti o ulteriori domande alle sue tesine.

PERCHÈ LASCIA INEVASI I COMMENTI DEI LETTORI?

Perchè lascia inevase queste domande? Come il signore che dopo aver letto il suo articolo sulla B12 metteva in guardia i lettori. Grazie e Cordiali Saluti.
Silvio Blaso

*****

RISPOSTA

NESSUNO È COSTRETTO A PENSARLA COME ME

Ciao Silvio. Se mi permetti mi chiamo Valdo Vaccaro e ho la mia testa, con un determinato modo di concepire le cose e, se permetti, con qualche decina di anni di esperienza vegetariana-vegana in più rispetto all’amico Campbell. Non ho peraltro alcuna intenzione di mettermi in concorrenza con una persona che stimo.

IN QUESTO CASO SONO IN PARTE D’ACCORDO CON CAMPBELL

La frase che hai citato a pagina 228 è in ogni caso accettabile e non fa una grinza. Se uno va per 3 mesi a vivere su un modulo spaziale, o se sta al polo Sud sommerso dai ghiacci, dovrà sicuramente ricorrere alle stampellle chimiche e a cibi in scatola, oltre che a pellicce di qualche animale ucciso. Una questione di vera emergenza. L’ho scritto con chiarezza più volte. Va ad esempio sulla tesina “Uso appropriato e spropositato delle vitamine“, dove ammetto che nell’emergenza e nel pronto soccorso non si va per il sottile e si punta a tenere in stimolazione assistita il soggetto.

NON DORMITE PER L’INQUIETUDINE DA CARENZA B12? MA PRENDETEVI PURE LE PILLOLE MAGICHE E SMETTIAMOLA CON QUESTO INDECENTE TEATRO!

Ho anche detto di più. Se uno non dorme per questo dilemma, per questo falso-problema prefabbricato e manipolato della B12, è meglio che si prenda le sue belle pasticche e le sue iniezioni. I danni della B12 sintetica potrebbero al limite essere minori dei danni da ansia e da paure di carenza. Personalmente non soffro di queste fobie e mi trovo benissimo senza supplementi di alcun genere.

L’OSTINAZIONE NON MI RIGUARDA

Perché mi ostino? Non c’è ostinazione in me, ma solo coerenza. Gli ostinati e i fuori rotta stanno sull’altra sponda. Le mie ragioni stanno tutte nero su bianco. Non mi limito a enumerare dati o a citare concetti. Porto ragionamenti e porto prove. Siccome credo fermamente nel sangue fluido e scorrevole, credo altrettanto in una B12 su livelli minimi naturali a quasi scomparsa, come del resto essa si presenta in natura, vale a dire onnipresente nel gruppo-B ma costantemente imponderabile. La B12 alta è per definizione una condizione patologica, visto che esiste la legge del minimo e che in natura essa è regolarmente imponderabile.

PORTO INFORMAZIONE TRASPARENTE E GENUINA

Chi crede al contrario nella B12 alta è qualcuno che non si è mai nemmeno sognato di mettere in discussione un Ente corrotto e farabutto come la FDA, che ha mandato anzitempo in cimitero milioni di persone con tabelle falsate e manipolate. Io non devo dare risposte a nessuno. Le ho già date chiare e nette. Sono gli altri, i corrotti, i collusi e gli ignoranti (nel senso che ignorano i fatti) che devono darle a me o comunque a chi legge. Se non hanno argomenti adatti e risposte convincenti se ne stiano zitti e chiusa la questione.

CON 4000 TESINE NON HO MODO DI LEGGERE I COMMENTI

Quanto ai commenti sulle mie tesine, fino a metà del 2012 riuscivo ancora a sbirciarli. Ora sistematicamente non li leggo per mancanza di tempo. Come non rispondo a Linkedin, a Facebook e ad altri social. Sono semplicemente sommerso al punto che le mail sono lievitate fuori misura e da novembre 2012 non guardo nemmeno i titoli e non rispondo a nessuno su libero. Sto al momento cercando di salvare il salvabile rispondendo a chi mi scrive su valdo@valdovaccaro.com, dove ho un debito di 500 mail circa che tende a sormontare nonostante il mio disperato lavoro giornaliero.

NON MI CHIAMO NEMBO KID E NEMMENO ZORRO

In realtà non ho mai svolto un lavoro di risposta ai commenti. Troppe le tesine e quindi troppi i commenti. Non sono Nembo Kid e non godo di mezzi straordinari o strabilianti. Non si tratta quindi di imbarazzanti silenzi o di laconicità. Faccio quel che posso.

LA FALSITÀ E L’IPOCRISIA NON STANNO CERTAMENTE DALLA MIA PARTE

Se quel tizio che si permette di mettere in guardia i lettori mi scrive direttamente una lettera gli rispondo per le rime. I miei lettori non hanno comunque bisogno di essere messi in guardia. Se c’è una cosa che non manca nel blog è la chiarezza e la coerenza. Chi fa certe insinuazioni dimostra di non conoscere abbastanza il blog e di fare solo opera disgregativa.

TRA GLI ANIMALI NON ESISTONO LE CATEGORIE DEGLI OPPORTUNISTI E DEI FILIBUSTIERI

A tuo uso e consumo ribadisco che all’uomo basta un milionesimo di grammo al giorno di B12 e che il corpo di ognuno immagazzina normalmente una riserva capace di durare per 5 anni, senza dover prendere nessuna integrazione. Chiaro? La B12 viene in ogni caso sintetizzata nel tratto intestinale degli umani al pari che negli altri animali. Mai si è vista una pecora o un babbuino o un elefante andare in farmacia in cerca di pillole B12. Come mai? Perché in quelle categorie non esistono filibustieri.

LE SCOPERTE DEL DR BARGEN

Il dr Richard Bargen, nel suo testo “The Vegetarian Self-Defense Manual” del 1979, dice cose assai interessanti. “Dopo aver analizzato tutta l’ampia letteratura relativa alla carenza di B12 nei vegetariani puri, ossia nei vegani, non sono riuscito a trovare un singolo caso di vegano debilitato o sofferente per carenza di B12 o di altre vitamine. I risultati della mia ricerca contraddicono tutti i testi di medicina e di nutrizione esistenti sul mercato”. Dopo Bargen ci sono state centinaia di test a conferma.

L’ANEMIA PERNICIOSA DERIVA DA INCAPACITÀ ASSIMILATIVA E NON DA CARENZA

La realtà è che l’anemia perniciosa può colpire sia i mangiatori di carne che i vegetariani, e può sicuramente essere corretta temporaneamente da iniezioni di B12. Ma questo fatto dimostra paradossalmente che l’anemia stessa non è affatto causata da carenza di B12 nella dieta (visto che i mangiatori di carne ne mangiano a valanga) ma piuttosto dalla incapacità del corpo umano di utilizzare la B12, per colpa di altre carenze associate come la mancanza di nutrienti tipo i folati B9, il ferro organico e la vitamina B6, tutti precursori indispensabili della B12.

LE VITAMINE SECONDO CASIMIR FUNK

Lo stesso Casimir Funk (1884-1967), inventore della parola vitamina (ammine della vita), e autore di “Vitamine, il loro significato per la fisiologia e la patologia”, del 1922, disse profeticamente che siamo danneggiati da una conoscenza imperfetta, e che le opinioni sono falsare dall’esagerata importanza assegnata alle vitamine”.

IL CHIMICO NON SA FARE LA COSA PIÙ IMPORTANTE

La natura presenta le sue vitamine in combinazioni ideali con elementi essenziali quali gli enzimi, i minerali organicati, l’acqua biologica, i bioflavonoidi, la vitalità vibrazionale. Il chimico non è soltanto un egocentrico, ma è anche fedele servitore della ditta che lo impiega. Egli è specializzato nel produrre sostituti altrettanto buoni di quelli regalatici dalla natura. Il chimico può giocare con gli elementi, analizzarli, sinterizzarli, combinarli, scombinarli e separarli di nuovo, ma non può fare la cosa più importante, ossia produrre sostanza vivente!

LA VITAMINA-C SINTETICA NON GUARISCE NEMMENO LO SCORBUTO E QUESTO DOVREBBE FAR RIFLETTERE

Le vitamine sintetiche non possono cancellare gli effetti del caffè, dell’alcol, delle preoccupazioni, delle paure, dell’ansietà, delle irritazioni domestiche, del superlavoro, della sedentarietà, della sovralimentazione, dell’aria viziata, della carenza di sole. La vitamina C sintetica non risolve lo scorbuto, i limoni e le arance sì. È solo uno dei tanti esempi. Le vitamine prese in natura non causano problemi collaterali al pari dei farmaci.

VITAMINIZZATI, OSSIA DROGATI A VITA CON TANTO DI EFFETTI COLLATERALI

Possiamo  anche prendere delle enormi dosi di vitamina-C nel tentativo di incrementare la nostra resistenza o di sostenere il nostro sistema immunitario. Ma se guardiamo solo a quei due obiettivi, potremmo anche prendere un grosso granchio. Ignorare il fatto che A) la vitamina-C sintetica disturba il pH del sangue e della matrice extracellulare, B) Irrita lo stomaco, C) Aumenta la produzione di acido ossalico, D) Aumenta la produzione di acido urico, E) Incoraggia la formazione di calcoli renali, F) Sovraccarica il corpo di ferro inorganico, G) Deruba il corpo del calcio organico e quindi dell’osseina causando osteoporosi, H) Diventa droga dopante a vita, non è affatto cosa da niente, per cui sarà meglio rifare i nostri calcoli, prima di metterci su quei binari.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

3 commenti

  1. WINTER GAME on

    Valdo va ringraziato sempre,qualsiasi cosa scriva.
    Rendetevi conto che senza compensi mette la sua faccia alla mercè del pubblico che non è composto solamente da brave persone.
    Un combattente di tal genere merita il massimo rispetto.

  2. Mi sarei aspettato almeno un grazie da parte di Silvio, oppure una sua controdeduzione … Invece nulla … ma', che mondo.

  3. Se proprio uno è così spaventato da una eventuale carenza di b12 e ha intenzione di ricorrere a integratori, esistono le compresse di lievito di birra reperibili ovunque e a basso costo. Penso che sia una scelta più naturale rispetto ad integratori chimici. Io comunque non ho questo terrore di carenza per cui non ne faccio uso