PAPILLONARI, SPIROCHETARI, BACCHETTONI E UNTORI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

A VOLTE LA PAURA DIVENTA FATTORE SALVANTE

Caro Valdo, scrivo per una domanda molto semplice e veloce. Nel 2009 ho fatto le visite ginecologiche di routine e dagli esami risulto positiva al papilloma virus, con diversi condilomi interni. Il medico parlò di bruciare questi condilomi con il laser, e da allora, forse presa dalla paura, non mi sono più presentata alle visite.

MI AIUTERÀ IL REGIME VEGANO A SCONFIGGERE I CONDILOMI?

Sono vegana da un anno, e seguo lo schema nutrizionale da te proposto quasi alla perfezione. La mia domanda a bruciapelo. Questi condilomi potrebbero sparire senza l’intervento chirurgico? Cosa mi consigli? Grazie mille.
Sabrina

*****

RISPOSTA

LA STUPIDITÀ UMANA È DAVVERO SENZA LIMITI

Ciao Sabrina, Argomentare sulla condilomatosi equivale ormai a parlare di sifilide, di Aids o di peste bubbonica. Ci vorrebbe la capacità descrittiva di Alessandro Manzoni, e allora forse renderemmo meglio l’idea. Per capire che la sifilide e la blenorragia non sono affatto contagiose sono serviti 500 anni. Altri cento ne serviranno per l’Aids, anche se è accertato scientificamente e storicamente che si tratta di una ignobile truffa costruita a tavolino. Stessa cosa per l’herpes genitalis. A conferma che la stupidità umana non ha limiti.

PERSO IL CANCRO, PERSO LO SCOLO E PERSA LA SIFILIDE, BISOGNA PUR TROVARE IL MODO DI RIFARSI

Per la sifilide non vengono più demonizzate le spirochete. Per il volgare scolo o gonorrea non vengono più demonizzati i gonococchi di Neisser. Ma c’è troppa gente al mondo che succhia da queste generose mammelle commerciali. Ad ogni go-go bar di Bangkok e dintorni, esiste immancabile a pochi metri di distanza un negozio con tanto di croce sanitaria, pronto a risolvere ogni malattia venerea, ogni inesistente contagio. Un business enorme. Tiri via l’Aids ci vogliono altre cose, altrimenti si creano milioni di medici ciarlatani disoccupati. Ci vogliono le uretriti non-gonococciche e ci vogliono le verruche contagiose. Nessuno parla del contagio più terribile, che è quello della furbizia e dell’ignoranza.

“NON SEGUITE BERLUSCONI! USATE IL PROFILATTICO SEMPRE E DOVUNQUE!”

Leggo su internet, alla voce “Condilomatosi e Berlusconi”, frasi di questo tipo: “PROFILATTICO SEMPRE!!! CONTROLLI PERIODICI SEMPRE!!! Non diamo retta a un vecchio pezzo di merda rincoglionito e in preda a mania di onnipotenza (che non usa il preservativo con le sue ragazze). Noi il preservativo lo usiamo sempre. NON DEVE PASSARE IL MESSAGGIO CHE LA PREVENZIONE NON SERVE!”. Siamo tornati al tempo delle streghe. Nemmeno la più bieca Inquisizione, quella che mandava disinvoltamente la gente sul rogo, si esprimeva in questi termini.

GENTUCOLA DA QUATTRO SOLDI, FALSAMENTE PULITA E FALSAMENTE EROTICA

“Si farà l’amore ognuno quanto gli pare, come gli pare, e con chi gli pare”, ha insegnato Lucio Dalla, e su questo non ci piove. Ma, Berlusconi a parte, mi chiedo se questo tipo di gentaglia o gentucola da quattro soldi, falsamente pulita, falsamente interessata all’erotismo, e falsamente sterilizzata, sa almeno cos’è un rapporto sessuale e sa cos’è un orgasmo condiviso, in termini non solo biochimici ma anche e soprattutto in termini psicologici.

I PROFILATTICI NON PROTEGGONO E NON SERVONO A NIENTE

E’ scomodo e rischioso parlare di queste cose. Corri il pericolo di essere aggredito da degli energumeni bisognosi di cure mentali, prima ancora che di cure sessuologiche. Non parlerò dunque diffusamente di protezioni e di plastiche. Dirò soltanto che i profilattici non garantiscono niente e non servono a niente, ne non a fare la fortuna della ex-vaticana Hatù e di altre fabbriche simili.

A MENO CHE NON USIAMO PURE LO SCAFANDRO

Se davvero uno impostasse le cose in quel senso, bisognerebbe indossare pure la tuta mimetica-impermeabile a completa protezione, ed anche lo scafandro. Senza contare poi che ci vorrebbero profilattici a forma di piatto e di posate per il ristorante, a forma di telefono per usare una cornetta pubblica, a forma di maniglia per aprire la porta di un treno. Sta gente si spari le seghe che fa meglio, dopo aver immerso la propria mano nell’alcol e indossato un guanto sterile. L’atto sessuale con partner, significa essere coinvolti passionalmente al 100%, sia che si tratti di attrazione eterna, decennale, o anche oraria soltanto.

ANDIAMO A SCUOLA DAGLI ANIMALI CHE È MEGLIO

Se c’è qualcuno da cui imparare, sono gli animali. “Aspetta cara la mia cavalla, che vado a mettermi un sano preservativo!”, diranno i puledri da monta, secondo questi abominevoli bacchettoni della supersterilità. Il sesso non è cosa per tutti. Se non piace e non interessa, non si fa e basta. Ci sono tanti bei monasteri, tanti club della Vela, tante grotte inesplorate. Ci si può dare allo sport, all’ippica, ai francobolli, alla preghiera, all’assistenza. Il sesso lasciamolo fare a chi ha genuino interesse a farlo e capacità penetrativa per farlo. L’unica cosa che dà fastidio è la violenza, figlia diretta della stupidità.

MAI UN’ASPIRINA, MAI UNA COCA-COLA E MAI UN PRESERVATIVO

Come non ho mai usato un’aspirina, così mai ho usato un preservativo in vita mia. Non sono illibato e non sono fedelissimo. Non sono nemmeno irresponsabile. Ci tengo eccome alla mia salute ed anche alla salute di chi mi sta vicino. Nessuna donna mi ha mai trasmesso problemi, e la cosa vale anche nel senso opposto. Non voglio dare buoni o cattivi esempi. Ognuno faccia quello che gli pare giusto, parlandone col partner e condividendone lo spirito, il piacere e, al limite, le paure e i rischi. Se uno ha davvero paura, non dovrebbe mai farlo, questa è la verità.

APRIAMOCI LA MENTE

Ho il massimo rispetto per la purezza, per la castità e per la pudicizia, ottime qualità se chi le possiede sa anche mantenersi dolce, sereno ed equilibrato. Ma non mi sento di criticare chi invece, uomo o donna ha la voglia matta di farlo. Che uno non lo faccia mai, o che lo faccia 10, 100 o 1000 volte l’anno, con una moglie soltanto o con 100 mogli e 10 mila concubine, non fa nessuna differenza, purché lo faccia bene per sé e per gli altri, o purché non lo faccia mai e con altrettanta bravura. C’è posto per l’ascetismo e c’è posto per la peccaminosità, purché condivisa e non imposta. Non ci dovrebbe essere posto per il possesso altrui, per la gelosia ossessiva, per la violenza, per il farlo malvolentieri e per il non-farlo malvolentieri.

PASSIAMO AGLI ASPETTI BIOCHIMICI

Una donna che si offrisse poi a condizione di impormi una protezione, mi offenderebbe e perderebbe all’istante di ogni interesse erotico. Se fossi donna la penserei allo stesso modo. E qui restiamo più sul lato mentale e psicologico. Andiamo dunque sul lato microbiologico.

METÀ STIPENDIO IN PROFILATTICI

Ho un amico che, pur non coltivando affatto idee bislacche quanto quelle dei monatti e degli spaventapasseri di cui sopra, li ha preceduti con grande anticipo. Era il più grosso acquirente di preservativi nelle farmacie della zona. E li usava tutti per masturbarsi, lavorando di immaginazione e di fantasia, ed evitando di imbrattare la cucina, il salotto e le camere, con le sue energiche spruzzate di sperma. Si mangiava metà stipendio in “goldòns”, come li chiamano qui in Friuli, al punto di lasciare di stucco i poveri farmacisti di turno, sbalorditi da tali presunte performance.
Cerchiamo di essere un po’ più seri. Prima di rispondere in modo specifico alla Sabrina, devo parlare di batteri e di virus, altrimenti non ne veniamo a capo.

UNA MORIA DI 300 MILIARDI DI CELLULE AL GIORNO DÀ LUOGO AI VIRUS

Ogni singola cellula umana è dotata di innumerevoli mitocondri (da diverse centinaia a diverse migliaia caduna), ovvero di organelle (o mini-stufe) incaricate di creare l’energia calorica che ci sorregge. Dentro i mitocondri ci stanno le molecole dei codici genetici, il Dna o acido deossiribonucleico e il Rna o acido ribonucleico). Ogni giorno nel corpo umano muoiono normalmente 300 miliardi di cellule (in tutto ne abbiamo 70 trilioni e vengono pure rimpiazzate). Cellule che muoiono davvero del tutto, distrutte dai relativi lisosomi (enzimi distruttivi in esse contenuti, a dimostrazione che la natura non sbaglia mai).

I LISOSOMI POLVERIZZANO E ANNIENTANO LE CELLULE MORTE

I lisosomi disintegrano i componenti cellulari, incluso i mitocondri, in infiniti frammenti pulviscolari chiamati detriti cellulari e definiti virus, o virus endogeni, che rappresentano poi il 98% dei nostri cosiddetti problemi virali, visto che i virus esterni o esogeni sono facile preda delle nostre milizie immunitarie (salvo che non si consumino cadaveri animali, carichi di vibrioni tipo mucca pazza). Questi detriti interni, se il corpo è in forma e funziona, vengono espulsi regolarmente tramite polmoni, reni, intestino e pelle.

MALATTIE METABOLICHE, INTOSSICAZIONI E PIGRIZIA LINFATICA RALLENTANO O IMPEDISCONO L’ESPULSIONE

Se viene a mancare il normale ritmo di eliminazione attraverso i citati canali emuntori, per pigrizia linfatica o per qualsiasi malattia, i rifiuti metabolici cellulari (morti e inoffensivi) si accumulano nell’organismo minacciandone la funzionalità, per cui il sistema immunitario interviene innestando una crisi purificatoria di emergenza, consistente in genere in un processo di irritazione soltanto, se il soggetto si rimette in forma, oppure di irritazione-infiammazione-ulcerazione-escrescenza, se si mantengono pervicacemente stili di vita offensivi ed intasanti.

GLI AMICI BATTERI, INDISPENSABILI PER LA PULIZIA INTERNA

I batteri sono assai diversi dai virus appena descritti. I batteri sono entità viventi, non animali e non piante. Hanno una funzione simbiotica nell’organismo umano. Senza di essi moriremmo all’istante. Ne abbiamo miliardi e fanno parte della flora intestinale. Non sono affatto causa di malattie ma, al contrario, ci aiutano a eliminare il materiale tossico, incluso il materiale virale di cui sopra, che potrebbe altrimenti soffocarci e distruggerci. I batteri non sono capaci di comunicare, di cospirare o di impostare azioni concertate.

IL VUDUISMO MONATTO NON È MAI STATO DI MODA QUANTO ADESSO

Proliferano o si auto-riducono in diretta relazione al cibo (al terreno, alle porcherie) che trovano nel corpo. Sono anche capaci di mutare aspetto e di trasformarsi, in base al terreno che trovano, trasformandosi da aerobi in anaerobi (ad esempio) quando il cibo è di carattere putrefattivo. I batteri sono nostri amici, nostri soci e nostri spazzini interni. Parlare di batteri come provocatori di malattie non è scienza ma puro vuduismo, più arretrato e ridicolo di quello dei sacerdoti medievali legati ai demoni e agli spiriti cattivi. I tanto demonizzati Escherichia Coli, pur colonizzando l’intestino, sono indispensabili per completare i processi digestivi, e questo è solo un esempio.

LA SUPERSTIZIONE DEL CONTAGIO VIRALE E DEI CEPPI STILE BIANCANEVE E I SETTE NANI

Invocare poi responsabilità virali, immaginando i virus come mostri viventi, significa andare ancora oltre nella sfera dell’ignoranza e dell’imbecillità umana. I virus non sono capaci di alcun pensiero e di alcuna azione, trattandosi di polvere morta, inerte, priva di vita in tutti i sensi. Nessuna malattia al mondo può mai essere causata dai virus. La presenza di polvere virale, che al microscopio elettronico rivela gancetti, uncini, palline, spirali, viti, di mille dimensioni e forme diverse, non significa nulla di particolare se non, al massimo, una presenza di materiale di rifiuto tossico ed non-eliminato, dove tossico non significa affatto contagioso!

ERRARE È UMANO MA PERSEVERARE È DIABOLICO, COME DIABOLICA È LA MEDICINA CONTEMPORANEA

L’invenzione del microscopio elettronico nel 1930, anziché illuminare i ricercatori, li ha abbagliati ripetendo lo scherzo subito da Louis Pasteur 50 anni prima. A conferma di come gli errori e le cantonate, insegnino assai poco ai mentalmente ciechi e ai mentalmente sordi. Quando poi ci sono i venali interessi di mezzo, l’avidità prende il sopravvento sulla trasparenza scientifica.

LE MALATTIE NULLA HANNO A CHE VEDERE CON BATTERI E VIRUS

Pertanto la presenza di batteri vivi, o di virus morti, nell’organismo umano affetto da qualche patologia, non significa affatto che la patologia stessa sia causata dai batteri e/o dai virus. La malattia in sé è sempre un processo di purificazione avviato ed intrapreso dal corpo al fine di espellere le tossine che lo stanno appesantendo. La necessità di ammalarsi scompare non appena viene a mancare la causa di malattia. Quale è la causa reale di patologia? Non il virus, non il batterio, ma le scorrette abitudini alimentari, la mancanza di esercizio fisico, la carenza di aria fresca, il sonno insufficiente, l’assenza di esposizione al sole, lo stress, le turbe e i traumi di carattere emotivo.

I BATTERI NON HANNO ACCESSO AL FLUIDO CELLULARE

La febbre e tutti gli altri sintomi infiammatori non sono causati da batteri e tanto meno da virus. I batteri poi non stanno nemmeno nel corpo vero, ma fuori di esso. Stanno cioè nella cavità alimentare, nel tratto alimentare. Sono rigidamente separati, tramite le mucose membrane, dalle cellule e dal fluido cellulare che è sede dell’infiammazione, del dolore e del rigonfiamento. E’ quello che sta sotto (all’interno) delle membrane a causare il malessere, e non quello che sta sopra ed esternamente. I batteri non penetrano all’interno delle membrane separatorie, e pertanto non causano la febbre e l’infiammazione. Sono capaci soltanto di un’azione ben precisa e cioè di consumare il loro cibo, il loro terreno di sviluppo, fin che ne trovano. I virus (detriti) possono solo uscire dal corpo e non rientrarci più, salvo che l’intasamento del sistema linfatico sia tale da bloccare tutto.

LE IMMONDIZIE NON SONO CAUSATE DALLE MOSCHE O DALLE FORMICHE

I batteri non sono causa del materiale tossico accumulato, come le mosche e le formiche non sono causa delle porcherie che si disgregano nei cassonetti delle immondizie. “La dottrina delle malattie specifiche, nemiche e contagiose, è il rifugio delle menti deboli e fragili della medicina”, scrisse la dottoressa Florence Nightingale (1823-1910)

PROVA DEL NOVE CHE VIRUS E BATTERI NON PROVOCANO ALCUNA MALATTIA

La prova del nove, irrefutabile ed incontestabile di tutto questo? Esiste. Prendi un malato carico di virus e batteri. Lo metti a riposo e a digiuno totale. Gli dai da bere acqua leggera a volontà. Non gli dai nessun cibo e nessuna pasticca antibatterica, antivirate, nessuna aspirina, nessuna tachipirina. Per il medico monatto-untore-infettologo, tale persona dovrebbe morire divorata dai batteri e dai mostri virali. O no? Fatto sta che in 3 o 4 giorni, o al massimo in una settimana, il soggetto guarisce e non ci sono più presenze abnormi di batteri o virus.

I MERCANTI, GLI AMBULANTI E I CIARLATANI DEL TEMPIO

Dov’è mai finita la pericolosità e l’aggressività di tali supposti mostri? In una bolla di sapone. I venditori di Aids, di Papilloma, di sifilide e di herpes vaginale, sono degli inqualificabili mercanti di bolle di sapone. Non però quelle belle, innocenti e multicolori dei bambini, ma bolle opache e scure, cariche di incompetenza, di falsità, di mediocrità e di voracità commerciale. Questo a conferma che il pianeta Terra è finito nelle grinfie e nelle fauci dei peggiori farabutti, titolati, difesi e protetti dalla politica e dalle leggi.

LA PROVA DEL NOVE DELLE DUE MELE

Vogliamo un’altra prova? Tutti la possiamo fare, senza bisogno di possedere un laboratorio chimico. Mettiamo in una stanza a temperatura ambiente una mela cruda e una mela cotta. In 24, massimo 48 ore, la mela cotta fermenterà, mentre quella cruda resisterà per settimane e mesi prima di deteriorarsi e di essere disgregata dai batteri. Come mai? Questo dimostra che virus e batteri nulla possono e nessun effetto possono avere sul materiale vivo. È sempre il vivo che controlla il morto, e non viceversa.

LA SFIDA È LANCIATA. RISPONDANO ALLE DUE PROVE DEL NOVE SOPRA CITATE. NON LO FARANNO.

Se Garattini, Aiuti, Robert Gallo e soci, incluso il loro mentore Rockefeller, avessero una risposta scientifica chiara ed accettabile, si facciano pure vivi. Luc Montagnier, pur nella sua francesistica furbizia, se l’è cavata tutto sommato bene. Guadagnati 300 mila € di Nobel per l’Aids, ha riconosciuto che è tutta una balla ed una montatura, e che si ci ammala solo per gli stili di vita. In pratica si è inserito di fatto in piena igiene naturale.

LE SCOPERTE DEL CELEBRE PROFESSOR NOGUCHI

Il dr Noguchi è stato uno dei più grandi ricercatori di tutti i tempi nel campo della microbiologia. Il più celebrato in America, oltre che in Giappone. Dirigeva a bacchetta il Rockefeller Institute 50 anni fa. Conosceva a memoria ogni dettaglio della sifilide e delle malattie veneree. E stava scoprendo ogni giorno cose nuove ed importanti. Peccato che quanto stava scoprendo non comodasse troppo al suo padrone, per cui gli veniva persino impedito di pubblicare o di comunicare le sue ricerche. Sul contagio da spirochete aveva verificato due cose basilari:

  • Che le spirochete sono presenti non sempre come dovrebbero, ma solo nel 75% dei casi di sifilide, dettaglio sufficiente a bocciare la loro responsabilità patologica (vedi leggi di Koch),
  • Che le spirochete non causano alcuna malattia nelle centinaia di soggetti messi a contatto con esse.

TUTTI A FARE SESSO, SENZA PROTEZIONE E SENZA BECCARSI NESSUNA MALATTIA

Noguchi passò dal laboratorio agli esperimenti concreti. Si presero migliaia di volontari pagati a fare sesso in laboratorio, senza alcun preservativo, e con soggetti di sesso opposto carichi di sifilide.
Nessun contagio. Un anticipo poi di cosa successe con l’Aids, dove la marina statunitense investì milioni di dollari per capire che l’Aids, inventato o non inventato, non risultava trasmesso ai suoi marinai tenuti in lungo, ripetuto e non-protetto contatto con prostitute cariche di immunodeficienza.
Un po’ come gli assistenti ai lebbrosi, che non prendono mai la lebbra. Colmo dei colmi, si registrarono nel contempo alti livelli di malattie veneree in monasteri e luoghi di culto, ovvero in persone eroticamente irreprensibili.

IL CONTAGIO, ASSIEME ALLE ALLERGIE, RIMANE IL BUSINESS NUMERO UNO

Cosa dire poi degli esperimenti ripetuti e pubblici condotti da Shelton, dove diversi casi di sifilide, di herpes vaginale, di gonorrea e di uretrite non-gonococcica, sono stati guariti in pochi giorni col semplice e banale sistema del digiuno? La realtà è che il contagio è uno dei più grossi business del pianeta. Il CDC (Central Disease Control) è da sempre arma terroristica dell’industria medica. Ci sono milioni di isterectomie, eseguite ogni anno sulle donne nel mondo, contrabbandando l’idea del cancro contagioso, mentre nulla di simile al mondo esiste.

NEMMENO IL MORBILLO È CONTAGIANTE

Il fatto incontrovertibile è che virus, batteri e allergie, non hanno nulla a che vedere con le cause di malattia, qualsiasi nome essa abbia. Il morbillo, spesso citato come malattia contagiosa per eccellenza, non è affatto contagioso. Metti un bimbo, figlio di igienisti, in mezzo a dieci bambini col morbillo e non si ammala. È stato provato centinaia di volte.

È IL SISTEMA IMMUNITARIO A CONDURRE LA DANZA

La verità è che i processi patologici sono condotti e diretti dal corpo, non certo dai batteri o dai virus. Al massimo può aver senso un discorso di suscettibilità a determinate malattie, ma mai di contagio. Quando un medico riconosce che è il sistema immunitario ad avviare e condurre la danza delle malattie in risposta a una condizione tossica del corpo, arrivata al punto massimo di intollerabilità, solo allora potrà definirsi fisiologo.

CONDILOMATOSI, OVVERO BANALE CRESCITA VEGETATIVA SULLA PELLE CALDO-UMIDA

Solo a questo punto posso, cara Sabrina, rispondere alla tua breve domanda sui condilomi. Che venga chiamata condilomatosi florida o piatta, minuta o macroscopica, si tratta sempre di crescita vegetativa sulla pelle. I condilomi sono dopotutto verruche che crescono in zone cutanee caldo-umide del corpo, come per l’appunto l’area genitale.

PAPILLOMA UGUALE AIDS FEMMINILE

L’introduzione in questo settore del concetto virale dello HPV (human papilloma virus) ha più o meno la stessa valenza demagogica e terroristica della più eclatante farsa chiamata AIDS. Al punto che si parla ormai del papilloma virus come dell’AIDS delle donne, anche se non mancano maschi verrucosi. Tra gli stessi medici non mancano le controversie e le tensioni.

GLI STESSI MEDICI CONVENGONO SU QUESTI PUNTI BASILARI

Si riconosce ad esempio che la maggior parte delle protuberanze in questione sono prive di qualsiasi significato patologico e sono pertanto da lasciare in pace. Si riconosce che il 20% dei condilomi sparisce da solo già nel tempo di attesa del trattamento. Si riconosce che il 50% dei condilomi vanno e vengono, e scompaiono nel giro di 2 anni, e anche molto prima nel caso dei bambini. Si riconosce che in troppi casi, dopo un intervento chirurgico, essi tendono a ripresentarsi. Si riconosce che non è il caso di spaventarsi per niente, e che le cure hanno carattere estetico più che salutistico.
Si riconosce infine che, anche nel peggiore dei casi, qualcuno di essi avrebbe sarebbe pericoloso solo se associati al vizio del fumo.

METODI ELIMINATIVI

I condilomi sono pertanto dei tumoretti escrescenziali, spesso peduncolati, arborescenti o a corno, di colore rosa o bruno, chiamati anche creste di gallo, che prediligono regioni delicate quali i genitali e la cute circostante. Si possono eliminare mediante diatermocoagulazione (bruciatura con calore), crioterapia (bruciatura con azoto liquido), congelare, causticare chimicamente), asportare col bisturi, laserizzare. Possono apparire dovunque, ma in particolare sulle grandi e le piccole labbra, sul clitoride e la pelle circostante, sull’ano e sul retto.

TENERE A BADA IL VIRUS

In ogni caso, il successo della terapia è legato sostanzialmente alla capacità dell’organismo di raggiungere un’efficace competenza immunitaria. In altri termini, è possibile che i condilomi tornino finché l’organismo non ha imparato a tenere a bada il virus, il detrito cellulare proveniente dal suo interno. Ho trovato queste espressioni tra i commenti medici su internet. Cosa significhi poi tenere a bada un virus, i medici non lo dicono e non lo fanno nemmeno intendere. Ci metto lo zampino igienistico e dico che tenere a bada il virus significa soltanto espellerlo prontamente, cosa realizzabile mantenendoci in accettabile forma.

UNA INDEGNA CAMPAGNA PAPILLOMICA IN FILIPPINE

Chi parla di virus insistentemente sono gli ambienti legati alle multinazionali. Gli interessi in gioco sono enormi e la GlaxoSmithKline è la regina incontrastata del Papilloma. Non una vaccinazione ma decine di vaccinazioni /anno, anche perché gli HPV conosciuti sono oltre un centinaio, tanti mostriciattoli vivi, affamati ed arrabbiati più che mai, secondo i piazzisti dei vaccini britannici di Sua Maestà. Ero tre anni fa in Filippine, quando era in atto una campagna stratosferica sul Papilloma, che portò tutte le ragazzine dai 10 anni in su di fronte ai siringatori, dipinti su ogni quotidiano e su ogni rivista come i salvatori della patria. Cose da far accapponare la pelle.

TESINE ALLEGATE

MA PERCHÈ ARRIVANO QUESTE VERRUCHE?

Abuso di creme spermicide o antibiotiche, e abuso di disinfettanti vaginali (dannosi almeno quanto i collutori per la bocca). Uso di cortisonici. Fatti irritativi locali. Deficit immunitario generale. Alimentazione sbagliata. Vita stressante. Eccesso di pulizia chimica e carenza di semplici e ripetuti bagni acquei. Uso di preservativi e scarsa lubrificazione naturale (cellophane, arsenico, asbesto, cromo, catrame e creosoto sono tutte sostanze irritanti per la delicata mucosa vaginale). Alimentazione impropria ed affrettata.

QUALI I RIMEDI NATURALI?

Si possono applicare pazientemente e ripetutamente sui condilomi diverse sostanze come: Cavolo (succo), Edera (foglie pestate), Acetosella (foglie pestate), Piantaggine (succo), Ranuncolo di palude, (foglie pestate), Rovo (foglie pestate), Celidonia succo (facendo attenzione che il succo giallo-arancio non si estenda alla pelle circostante), Patata, Banana (interno della buccia), Fichi crudi (e lattice di fico), Semi di colchico, Pepe (misto a varie erbe come il millefoglio e la piantaggine), Acido salicilico, vitamina-A e vitamina-C (sfregate singolarmente sul condiloma), Dermisil warts, un prodotto farmaceutico naturale e di provata efficacia, almeno così assicura la pubblicità.

IL RIMEDIO PIÙ EFFICACE E GARANTITO È LA DIETA VITALISTICA, OVVERO LA VEGANA TENDENZIALE CRUDISTA

Risultare positiva al papilloma, cara Sabrina, significa tutto sommato meno di nulla. Tutto dipende da quali test vengono fatti, da quali ideologie frullano in testa a chi li realizza e da quanti vantaggi pecuniari e professionali derivano a chi li conduce. Il rimedio più efficace di tutti rimane però una dieta vegana crudista disintossicante che, da sola, è in grado di minimizzare e sconfiggere l’intero problema, soprattutto se associata a stile di vita ottimale, con buon apporto di aria pura, con sole e traspirazione, con frequenti bagni rinfrescanti, con piedi asciutti e cambio frequente di calzini e scarpe, con adeguato riposo e relax.

Valdo Vaccaro

© Riproduzione riservata. Qui le linee guida per la ripubblicazione

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito hanno solo fine informativo e non possono sostituire il parere del medico curante. Leggi il Disclaimer.

Condividi con i tuoi amici.

7 commenti

  1. totuccio12 on

    Equindi possiamo fottere tutti senza profilattico, basta fare i crudisti? GRazie dottore!

    PS: come mai dici che la mela cruda non marcisce? non è vero, o trovato tante volte le mele marcite in dispensa perchè melero scordate!

    E poi, ho cercato questo dottore hideyo noguchi ma le cose che si sono scritte su wikipedia non sono le stesse? Ci sono tante pagine in inglese e io non lo capisco! Non c'è qualche pagina in italiano su quel dottore? Grazie!

  2. Matteo Arthemalle on

    ha detto…
    Con una sana alimentazione crudista e impacchi di aceto di mele 2-3 volte al giorno da 15 minuti l'uno va via tutto al volo!!! =) Sbiancano e poi sgonfiano! Testato da un mio convivente e da più persone sulla rete – provate a cercare…!=)

    Dalla pratica nasce la teoria (filosofia) e da essa il metodo scientifico e la scienza. Di modo che possiamo affermare che dall'esperienza nasce la scienza. Oggi giorno le istituzioni centrali ignorano l'importanza della rete come fulcro di condivisione delle esperienze dei popoli e delle singole persone, di modo che, se non ci fossero conflitti di interesse vari, molte di queste potrebbero essere analizzate, sfatate o comprovate dal metodo scientifico per divenire conseguentemente scienza. Dove non vi è tale rapporto di naturale simbiosi e co-partecipazione va constatato che c'è disadattamento delle espressioni e forme sociali.

    Grazie Valdo, è raro trovare persone oneste e professionali, dove con quest'ultimo termine si intende: comprendere essendo in intima connessione con l'universo, con madre natura e padre sole e al di fuori del quale stato l'interpretazione erronea del creato e del vissuto è un dato di fatto. L'uomo come la maggior parte delle scienze son disadattate rispetto a se stesse. Di modo che la comprensione diviene cieca e l'interpretazione pulsionale, esternalizzante (la causa è fuori, è sempre colpa dei virus, batteri, genetica, di madre natura, del femminile), diffidente, indifferente, disadattata, intimorita e quindi egoista, avida, sta sulla difensiva, sul proprio interesse, su ciò che rende sicurezza a me, che sia quella derivante dal potere o dallo stato economico…

    Valdo non mollare, gli uomini hanno isolato, deriso, bruciato, messo in croce molte persone oneste e fortunatamente portatrici di idee nuove, diverse, al di fuori del solito conformismo purtroppo da millenni altero-pulsionale. Rimane comunque il fatto che tali nuove idee son state sempre, dalla storia e dal progredire dell'uomo, accettate come vere. Magra consolazione per l'arco di vita in cui si combatte per essa ma pur sempre qualcosa, anche se poi ogni presente è unico in sua genesi, di fatto, è tutto da partecipare…=) Si vedrà, la gioia e nel qui e ora, alcuni dicono cosi …=)

    Ps: Capisco il tuo rammarico, lo condivido anche io, ma la rabbia ha un valore che non va sprecato, ti rendo ancora grazie, un grazie distaccato, un grazie solo per il fatto di renderci partecipi della tua meravigliosa e unica determinazione-espressiva…;) Buga tutto!=) penso "in gergo -sardo- nel mio paese" significa tirare fuori tutto, non saper tenere segreti involuti…=)

  3. Matteo Arthemalle on

    Non esistono guru, insegnanti, professori o maestri a senso unico. Tutto coopartecipa di dualità complementari.

    Solo colui che trova piena indipendenza e responsabilità verso se stesso si può dire maestro. Di modo che tutti possono essere maestri di se stessi e tutti possono condividere tale espressione in un rapporto in cui, in base alle specifiche e soggettive conoscenze, si è integramente e al contempo sia allievi che maestri.

    Il rapporto tra coloro che accettano d'essere maestri-allievi è il più proficuo a cui l'uomo possa giungere.

    Il rapporto classico di colui che è solo allievo e colui che è solo maestro non è altro che un'adorazione, a volte utile, dell'allievo verso il maestro, ossia verso la figura rappresentante la piena indipendenza, l'amore incondizionato.

    Questa è una condizione di transizione evolutiva verso uno stato di piena presa di coscienza e consapevolezza che coinvolge me e l'intera umanità, sempre se ci possa essere una differenza.

    I primi maestri attrarranno i primi allievi a divenire maestri di se stessi. Dove poi in futuro esisteranno solo condivisori di gioie, scoperte, conoscenza e quindi crescita, prosperità e abbondanza comune.

    Questo è ciò che io voglio partecipare:

    La biodiversità delle idee, dell'assunzione dei diversi colori dei frutti della terra nell'alimentazione, delle emozioni, della flora nell'ingegneria agricola (permacultura), della fauna, come anche quella culturale, son la chiave, la scintilla sinergica della prosperità che sto andando riscoprendo.

    Un abbraccio.

  4. Salve dottore. Vivo a Londra sono vengano, fino a poco tempo fa prevalentemente crudista, ora mangio frutta e verdura cruda durante il giorno e cotta alla sera.
    Ho notato verruche formarsi sul ano e sul pene, ancora poche e di piccole dimensioni ma che si multiplicano velocemente in stile infezione da hpv.

    Suggerisce un digiuno terapeutico di qualche giorno? Suggerisce di tornare a una alimentazione crudista 100%?

    Grazie!

  5. Giorgio Iachella on

    Voglio dare un contribuito a sostegno di quanto scritto da Valdo Vaccaro con questo: A proposito di preservativi ma come è che le ricerche scientifiche dicono che non solo non sono sicuri ma che sono anche cancerogeni domanda? Ma questo non stona con quanto ci hanno fatto credere fino a oggi? ai posteri l'ardua sentenza. L’European Study Group ha pubblicato uno studio ancora nel 1989 sull’autorevole British Medical Journal da cui risulta in definitiva, una “protezione” intorno al 69% (quindi il 31 % di insicurezza nei confronti di un ipotetico virus di 0,1 micron di diametro). http://digilander.libero.it/controinfoaids/doc/preservativo.htm
    Vi siete domandati perchè insistono sull'obbligatorietà dei preservativi? pensate davvero che lo fanno per il vostro bene allora leggete questo: http://www.mednat.org/aids/preservativi.htm
    Come mai all'interno dei preservativi in commercio è stata trovata una sostanza cancerogena domanda? http://www.italiasalute.it/11225/Una-sostanza-cancerogena-nei-preservativi-.html
    Perchè da sempre ci fanno una testa così per convincerci che il preservativo è utile per la prevenzione delle malattie ve lo siete mai domandati cosa c'è dietro questo? http://www.mednat.org/sesso/preservativo.htm
    Lo studio, pubblicato dalla rivista Archives of Sexual Behaviour e riportato con grande risalto dal quotidiano britannico The Independent, "smonta" in sostanza il mito del preservativo. il professor Stuart Brody ha pubblicato uno studio secondo il quale il sesso senza preservativo fa bene alla salute mentale e fisica, mentre l'uso dello stesso potrebbe causare delle problematiche ormonali.Si è constatato che gli intervistati che hanno rapporti sessuali senza preservativo, godono di una migliore salute mentale. http://www.ultimenotizie.we-news.com/cronaca/estera/1646-non-usare-i-profilattici A questo punto dopo aver letto queste ricerche ci verrebbe da dire che tutto quello che ci hanno fatto credere fin'ora si basa su un errore. I preservativi non solo sono inutili ma sono anche pericolosi. La storia della contagiosità delle malattie legata all'infettività delle stesse è ciò che guida il pensiero della maggior parte degli scienziati che si basa su un errore commesso da Pasteur che sul letto di morte ha ammesso che il terreno è tutto il germe è nulla. Alla luce di questo tutto ciò che sappiamo sui batteri,microbi e virus andrebbe rivisto sulla base di ciò che dice l'igienismo naturale. Un corpo sano e forte si sbarazzerà delle malattie naturalmente. E se proprio dobbiamo usare qualcosa è preferibile evitare la chimica e curarsi con le erbe, ritornare alla natura perchè è nella natura che troviamo la risposta a tutte le nostre domande,grazie. http://www.mednat.org/cure_natur/pasteur.htm