RESA SPORTIVA SUPER E FEGATO-CISTIFELLEA AL TOP

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

TI SEGUO DA DUE ANNI

Caro Valdo, sono Marco Pietrella e ti ho gia scritto un paio di volte (vedi tesine “Cistifellea Calcoli e Pugilato” e “La frutta acida, il latte e la diseducazione alimentare“). Forse non ricorderai, ma ti ho ringraziato personalmente alla conferenza che hai tenuto all’AVA a Roma il 2 febbraio scorso. Sono ormai 2 anni che seguo un alimentazione essenzialmente fruttariana-vegana-tendenzialmente crudista, facendo molta attenzione nel rispettare il più possibile i cicli metabolici.

I RISULTATI SONO A DIR POCO STRAORDINARI

I problemi al fegato e alla cistifellea sono scomparsi. In particolare la cistifellea, che secondo il medico di famiglia avrei dovuto asportare urgentemente 4 anni fa, è ancora al suo posto e non ho più avuto coliche biliari, anche se dall’ultima ecografia il calcolo risulta ancora presente. Inoltre, adottando questa dieta, ho anche risolto altri DUE problemi: 1) La sinusite che ogni anno puntualmente mi portava febbre a 39 gradi è scomparsa, 2) Sembrano essere magicamente scomparsi gli attacchi allergici con tanto di pizzicore agli occhi, lacrimazione, muco e tosse che regolarmente arrivavano nei mesi primaverili (credo che ciò sia anche dovuto al fatto che sono quasi 4 anni che non bevo latte né mangio i suoi derivati).

I RISULTATI SPORTIVI SONO GRANDIOSI

Tanto per darti un idea del mio stato di forma, ad aprile nell’ambito di una corsa podistica sui 10 km, mi sono sottoposto ad un test di valutazione corporea dove è emerso che ho un buon rapporto tra massa grassa e massa magra, un ottimo metabolismo basale e soprattutto un grado di idratazione eccellente avendo una percentuale di acqua pari al 59.9% (60% è il top, quello dei maratoneti keniani), ricevendo anche i complimenti della dottoressa che mi ha fatto il check up. E questo bevendo il giorno prima non più di 2 bicchieri di acqua (altro che i famosi 2-3 litri di acqua al giorno). A fine luglio ho nuotato per 2 ore e mezza di seguito. Nel mese di agosto durante le ferie ho inanellato una serie di uscite podistiche di 15, 18, 21, 24 e 30 km, quest’ultima distanza mai raggiunta in precedenza.

APPROFITTO PER FARE QUALCHE DOMANDA

1) Ho fatto un digiuno di 3 giorni a sola acqua leggera. Dopo 60 ore di digiuno, sebbene la lingua fosse tutto sommato pulita il mio alito era però diventato cosi pesante che tutti mi stavano alla larga! C’era quindi in atto nel mio organismo un evidente detossificazione. Questo significa che nonostante abbia seguito un alimentazione virtuosa da moltissimo tempo, nel mio organismo si sono comunque accumulate tossine che col digiuno stavo mandando via. Sono così giunto alla conclusione che, per quanto uno sia fruttariano-vegano-crudista, e quindi adotta ogni giorno una dieta costantemente ripulente e depurativa dell’organismo, alla lunga nel corpo si accumula comunque una certa tossiemia. Giusto? Se così è, non sarebbe comunque il caso anche per un fruttariano-vegano intraprendere di tanto in tanto qualche giorno di digiuno?
2) Cosa ne pensi dei cibi contenenti glutine? Sarebbe meglio evitare tali cibi o comunque ridurne il consumo e se si, perché?
3) Le arachidi possono essere mangiate con la “pellicina” rossa o è meglio toglierla?
4) Se ho capito bene tu asserisci che una donna priva di intossicazioni non avrebbe o quasi mestruazioni. Da quando ho potuto capire nei tuoi scritti la comparsa delle mestruazioni indica la presenza di un certo grado di tossiemia. Vero? Devo allora dedurre che più le mestruazioni sono abbondanti e più il soggetto è tossiemico? Vero? Ma allora, nel caso ideale di una donna con tossiemia = 0, ella non dovrebbe mai avere nel corso della sua vita mestruazioni. La cosa mi lascia un po’ perplesso. Le mestruazioni non sono un processo naturale indicante l’inizio (con la comparsa) e la fine (con la menopausa) della sua fertilità? Io credo che tutti i medici non sarebbero d’accordo su questo. Potresti ribadire in modo più dettagliato questo concetto?
5) Mi capita spesso in mensa di parlare di alimentazione con i colleghi. La maggior parte delle persone è profondamente convinta che l’uomo sia onnivoro e che mangiare carne faccia bene. La società in cui viviamo ha talmente condizionato le persone che esse si sono ammalate nell’anima senza nemmeno rendersene conto. Dico questo perché, dopo una lunga discussione, dove cercavo di far capire come il consumo di carne sia una cosa folle sotto tutti i punti di vista (salutistico, etico, fame nel mondo, ambiente), uno degli interlocutori ha avuto un improvviso moto d’ira e, sbattendo i pugni sul tavolo, ha esclamato : “ io non mi posso sentire in colpa se magno carne, a me la carne me piace e me la magno!” Con queste persone ogni discorso su quanto sia eticamente sbagliato massacrare animali, solo per soddisfare il palato, è miseramente destinato a fallire. Conosco persone laureate in fisica, brillanti ed intelligenti, che però non mangiano quasi mai frutta, ma adottano diete iper-proteiche per dimagrire, andando in giro con pasticche di vitamina-C in tasca! Qualcuno, per difendersi, arriva a dirmi che sono diventato ortoressico! Un caro saluto.
Marco Pietrella

*****

RISPOSTA

ENNESIMA CONFERMA DI QUANTO VALE UN’ALIMENTAZIONE CORRETTA

Ciao Marco. I fatti parlano chiaro. Ed è coi fatti, più che con le parole, che si riesce a dimostrare qualcosa ai duri di comprendonio. La tua testimonianza non mi sorprende affatto, e va a sommarsi a quelle di tanti altri che mi scrivono. Passiamo dunque alle tue domande.

RISPOSTA SINTETICA ALLE DOMANDE

1) Sono d’accordo con te su questo.
2) Il glutine dei cereali ha un po’ le caratteristiche appiccicose e collose della caseina, per cui può causare rallentamenti e impedimenti alla fase assimilativa in zona villi intestinali, problema serio per i celiaci. Meglio pertanto concentrarsi sui cereali privi di glutine, come il saraceno, il miglio, il quinoa, il riso integrale, o scarsi di glutine come il pop-
corn e la crema di avena.
3) Non fa grossa differenza. Trovo ottime e digeribili le arachidi fresche e cotte al vapore (le vendono lungo la strada in ogni città asiatica), più che quelle secche in commercio da noi e dovunque.
4) Confermo quanto scritto a più riprese sull’argomento, supportato dalle esperienze di Shelton e di diverse ricercatrici americane. Chiaro che donne e uomini privi di intossicazione sono come le mosche bianche. In effetti più una donna è intossicata e più abbondanti sono le sue mestruazioni, oltre che i dolori connessi. La regola in questione non
mette certamente a repentaglio la fertilità, la comparsa e la menopausa. Occorre anche dire che l’assenza di mestruazioni può in alcuni casi essere segno di patologia.
5) Non farti troppo condizionare dai colleghi che ti circondano. Invitali a guardarsi il video Food Inc. Parliamoci chiaro. La brutalità brutalizza. Togliere la vita al prossimo è una cosa rivoltante per qualsiasi uomo. Uno che pretende di non sentire tutto questo, fa un pesante lavoro di insabbiamento della propria coscienza. Il cacciatore, il macellaio, e soprattutto i mangiatori di carne, che commissionano il crimine al garzone- boia dei macelli, potranno essere brillanti, superscienziati e tutto quello che vogliamo, ma non saranno mai simbolo di vera intelligenza e di vera spiritualità.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
3 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x