AEROFAGIA E DOLORI ALLA FLESSURA SPLENICA

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

Salve Valdo, sono 4 mesi che sto seguendo la via dell’igenismo e sono molto fiera di questo. Vorrei anche migliorare sul piano del gonfiore addominale.

Come posso fare per l’aria alla pancia, per l’aerofagia e i dolore alla flessura splenica? Ho letto le tesine ma non basta. Sono sempre gonfia, anche se al bagno vado regolarmente. Ogni tanto mi capita di avere delle coliche gassose fortissime. Dove sbaglio? Aiutami. Grazie!
Valentina

*****

RISPOSTA

Ciao Valentina. I disturbi addominali più frequentemente lamentati sono il meteorismo, i dolori addominali e le situazioni di stipsi o stitichezza. Che piaccia o no, ogni corpo produce fisiologicamente, ovvero come norma, da 0,5 a 2 litri di gas, che devono essere ovviamente espulsi. Chi ha poi l’intestino irritato, e chi fa errori alimentari, ne produce anche il doppio. Parte del gas vene ingerito mentre deglutiamo cibi solidi o liquidi. Chi è ansioso, chi mangia velocemente, chi tiene in bocca mentine o cose del genere, finisce per ingerirne di più.

Questo tipo di aria viene in genere eruttata. Solo parte di essa può oltrepassare il piccolo intestino. Assai più seria invece la formazione di gas in zona colon, per i residui proteici che si formano emanando miasmi intestinali, ossia gas leggeri che risalgono verso la testa, causando problemi alle funzioni respiratorie, alla vista, all’udito, al sistema endocrino e all’area cerebrale.

IPOCONDRIO E FLESSURA SPLENICA

La flessura splenica, chiamata anche flessura lienale o flessura colica di sinistra, indica il tratto di colon posto tra colon trasverso e colon discendente, dove compie una curvatura vicino alla milza (in inglese spleen, da qui il nome flessura splenica).

L’ipocondrio è la regione superiore dell’addome, posta subito sotto le costole. È suddiviso in ipocondrio destro, dove troviamo il fegato, le vie biliari, il piloro, il bulbo duodenale e la flessura destra del colon. Nell’ipocondrio sinistro, situato lateralmente alla regione epigastrica, abbiamo la milza, la flessura splenica, il pancreas e il fondo dello stomaco. Nella sindrome della flessura splenica (denominata pure flessura sinistra) il gas resta intrappolato, causando una distensione addominale che dà senso di pesantezza e dolori ventrali.

La flessura splenica si trova quindi nell’ipocondrio di sinistra, ad un livello più rostrale e più dorsale rispetto la flessura epatica (flessura colica di destra). È intraperitoneale ed è spesso connessa al diaframma (all’altezza della X e XI costa) tramite il legamento frenocolico, che giace inferiormente al polo inferiore della milza.

ALCUNI CONSIGLI

I consigli che si possono dare sono diversi:

  • Preferire pasti piccoli e frequenti alle grosse abbuffate.
  • Alimentarsi lentamente e masticare al meglio.
  • Parlare il meno possibile durante i pasti.
  • Evitare bevande gassate.
  • Niente latticini e niente cereali con glutine.
  • Niente fumo.
  • Niente gomma da masticare.
  • Passeggiata digestiva e movimento post-prandiale.
  • Regolare pratica di aerobica e ginnastica.
  • Esercitare i muscoli ventrali.
  • Non esagerare coi cibi.
  • Fare attenzione alle combinazioni alimentari. Sempre prima il crudo e poi il cotto. Sempre prima i cibi a rapida digestione su quelli lenti. Niente bevande a tavola se non mezzo bicchiere di acqua, o anche di vino o di birra per chi non ne può fare a meno. Meglio bere prima del pasto che dopo. La mela, l’ananas e la papaia sono abbinabili ad altri cibi. Tutta la frutta restante da prendersi da sola e lontana dai pasti. Meloni e angurie rigorosamente da soli. Spremute di agrumi preferibilmente al risveglio.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

1 commento

  1. Ciao Aldo, è la prima volta che ti scrivo; grazie intanto per la tua disponibilità! Soffro da quattro anni di intestino irritabile e, come stamattina, dopo aver evacuato sento dolore sotto il costato sinistro e lungo il colon discendente; feci caprine da un po’ di tempo e al risveglio dolore orizzontale a metà basso ventre…sono davvero in difficoltà e spesso, dopo evacuazione, indolenzimento al sigma o sotto tutto il costato…quale consiglio mi daresti? Grazie ancora
    Ciao