STOP A GASTRITE E CISTITE, CON EUTIROX NEL MIRINO

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

LE SUE CONFERENZE MI LASCIANO A BOCCA APERTA

Buona sera Valdo Vaccaro, la contatto perchè avrei bisogno di un consiglio. Qualche mese fa ho visto una sua intervista su youtube che mi ha lasciata a bocca aperta e, da allora, ho cominciato a guardare alcune conferenze e a seguire il suo blog.

IPERTIROIDISMO, NODULO E OPERAZIONE

Io non ho più la tiroide perché soffrivo di ipertiroidismo. Avendo dalla nascita un prolasso della mitrale e una via anomala elettrica, e non potendo prendere dei beta bloccanti, i dottori decisero che era meglio eliminarla, avendo anche un nodulo di 4 cm. Allora dovetti ricorrere alla iodio-radio-terapia.

L’ETERNA QUESTIONE DELL’EUTIROX

Avendo così eliminato la tiroide, sto prendendo l’Eutirox 125. Ho letto diverse tesine e risposte che ha dato ad altre persone, ma non ho capito come una persona priva di tiroide possa evitare l’assunzione del farmaco.

IN POCHI MESI DI VEGAN-CRUDISMO SPARITA GASTRITE E SPARITE LE INFEZIONI URINARIE!

Io sono vegana da pochi mesi ma ho già visto che la gastrite non mi dà più problemi. In più, le infezioni urinarie e la cistite che facevo quasi tutti i mesi sono sparite, nonostante un prolasso vescicale di secondo grado. Spero che riuscirà a rispondermi visto le sue innumerevoli mail che riceve. La ringrazio.
Letizia

*****

RISPOSTA

SPARIZIONE GASTRITE E CISTITE SENZA TRUCCHI E SENZA FARMACI

Ciao Letizia. Piacere di sorprenderti e di sbalordirti, e soprattutto piacere di apprendere che in pochi mesi di vegan-crudismo hai sconfitto patologie antipatiche e fastidiose come la gastrite, le infezioni urinarie e la cistite.

UN EPISODIO MERITEVOLE DI MENZIONE

Prima di risponderti alla domanda sull’Eutirox, vorrei spiegarti il motivo per cui la medicina non ne imbrocca una con le sue terapie endocrino-ghiandolari. Nel 2008, quando rispondevo alle prime corrispondenze, un’amica di mia moglie venne da me e mi portò un plico con diagnosi e lettere di accompagnamento ospedaliere, e un perentorio invito a sottoporsi ad asportazione tiroide, causa noduli alla stessa ghiandola.

ELIMINARE LATTICINI E INTENSO RICORSO A CAVOLI, FRUTTA E VERDURE CRUDE

Mi colpirono in particolare i toni della lettera. Toni decisi che non lasciavano scampo. Operare subito e con urgenza, altrimenti si va in zona cancro e si lasciano le penne! La povera donna, madre di due bimbe, era paralizzata dall’inquietudine e dalla paura. Un conto è dire suggeriamo di fare questo per evitare il rischio di una degenerazione in quest’altro, un altro conto è usare linguaggio letteralmente terroristico. Le dissi semplicemente, a titolo gratuito ed amichevole, di eliminare ogni latticino, visto l’alto consumo di formaggi, burro, latte e yogurt da parte dell’intera famiglia, e le consigliai intenso ricorso a frutta e verdura cruda, specialmente cavolo crudo, crescione, cavolfiore e cavolini di Bruxelles cotti al vapore.

LA MAMMA IN QUESTIONE È VIVA E VEGETA, SENZA CURE E SENZA OPERAZIONI

La persona in questione non ha fatto quell’operazione ed è tuttora viva e vegeta, ovviamente. Ma una riflessione a questo punto si impone. Come mai i medici causano problemi e complicazioni, producono malattie iatrogene in continuazione e non danno alcuna forma di aiuto reale ai loro pazienti?

INTRECCIO DI RIMEDI SBAGLIATI CON DIETA SBAGLIATA E RISULTATI ABERRANTI

La risposta è chiara e lampante. Il repertorio della medicina convenzionale è carico di strafalcioni e di false sicurezze. Gravi errori sul piano terapeutico, dove l’intervento  è sempre mirato al sintomo e mai al vero fattore causante. Gravi errori sul piano alimentare, dove impera sovrana ed incontestata la regola del prosciutto e del grana, della bistecca e dei 3 litri d’acqua quotidiani. Frutta e verdura cruda citate sempre a margine e malvolentieri. Vengono evidentemente fuori da una scuola sbagliata. Serviranno 50 o 100 anni per cambiare registro nelle università mediche e nel mondo sanitario. Chiaro che l’accoppiata rimedio sbagliato e dieta sbagliata garantisce risultati aberranti e impedisce loro di conseguire dei risultati convincenti.

RIATTIVAZIONE PARZIALE DI FUNZIONI E TESSUTI

Quanto alla tiroide asportata o devitalizzata, sappiamo benissimo che il corpo tende sempre a porre qualche rimedio agli interventi invasivi compiuti su di esso. Il corpo non sono non va mai contro se stesso, ma tende ad auto-guarire, tende persino a ripristinare nella misura del possibile parte delle funzioni e degli organi bersagliati. La remissione spontanea è spesso un fatto normale ed accertato, al solo patto di concedere dei momenti di tregua al proprio organismo.

MIRACOLO SPIEGATO

Ecco allora spiegato il miracolo di una tiroide che, col supporto di adeguati stili di vita e di nuove scelte alimentari, si rimette in carreggiata. Ecco allora spiegati i risultati che sbalordiscono i medici, dove si estromette con successo l’Eutirox che per loro andrebbe invece preso a vita.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.