TRABALLANTE E FAZIOSA CULTURA MEDICA SU CARNE E LATTE

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

BOTTA E RISPOSTA COI MEDICI DELL’EUROSALUS

Buon giorno Dottore. A seguito della mia di ieri le trasmetto il botta e risposta con uno dei tanti medici che dilagano in rete. Pare che occorra essere provvisti di cospicue doti di ignoranza per poter far parte del sistema sanitario odierno. Se lei volesse commentare provvederei alla trasmissione del testo allo “scienziato”. Cordiali saluti.
Piero

*****

SCAMBIO POLEMICO TRA PIERSABATINO DEOLA (ISTITUTO TECNICO TESSILE) E L’EUROSALUS

PIERSABATINO DEOLA: PROMUOVETE LA SALUTE O PROMUOVETE IL LATTE?

E voi che dovreste promuovere la salute raccomandate il latte che è uno dei peggiori veleni per il corpo umano? Sono stupito Dottor Speciani !!!!!!!

MATTIA CAPPELLETTI DI EUROSALUS: NON ESISTONO DATI COMPROVATI

Gentile Piersabatino, noi di Eurosalus ci basiamo su dati scientifici sperimentali nelle nostre raccomandazioni. Ad oggi non esistono dati comprovati circa una eventuale pericolosità del latte o dei suoi derivati, chi dice il contrario esprime opinioni personali che non sono supportate da una evidenza sperimentale rigorosa. Qualora si dovesse dimostrare il contrario sarà nostra premura cambiare le raccomandazioni fornite.

PIERSABATINO DEOLA: POTREI INVIARLE DECINE DI STUDI AFFIDABILI, MA COSA SERVE SE POI DATE PERSINO LA CARNE AGLI AMMALATI DI CANCRO?

Buon giorno dottor Cappelletti. Sono deluso dalle sue affermazioni. Vogliamo mettere assieme al latte anche farina bianca e zucchero raffinato per completare il tris micidiale per la salute, oppure fare come negli ospedali che danno la carne agli ammalati di cancro? Non voglio dilungarmi ma potrei inviarle decine di studi sul latte che lei dovrebbe conoscere. Comunque grazie per la risposta e cordiali saluti.

MATTIA CAPPELLETTI: NON ESISTONO LAVORI SCIENTIFICI CHE CONFERMINO LA PERICOLOSITÀ DELLA CARNE

Gentile Piersabatino Deola, mi spiace di averla delusa ma sulla questione del latte non esistono lavori che lo indichino in maniera chiara e certa come pericoloso per l’uomo (in una review del 2014 pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition si evidenzierebbe anzi come il consumo di latte e derivati risulti essere debolmente protettivo sullo sviluppo di tumore del colon, ma anche qui, visto che mi occupo di scienza, l’associazione è troppo debole per trarne una raccomandazione). Sulla superiorità della farina integrale nessuno ha discusso, come anche sulla necessità di ridurre il consumo di zuccheri semplici. Sulla questione della carne ai malati di cancro anche qui, mi spiace ma penso di deluderla nuovamente, non esistono lavori che ne indichino la pericolosità. Volendo essere molto scrupolosi esistono lavori in cui si è associato l’elevato consumo di carne rossa processata con il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro (associazione valida solo in caso di diete poco variate, cosa che nessuno di noi su eurosalus ha mai raccomandato), ma anche qui si tratta di associazioni valide solo in specifici gruppi in cui si parla di abuso del suo consumo e quindi è difficile trarne una raccomandazione valida per tutti.

*****

RISPOSTA

MEDICINA E SCIENZA STANNO SU VERSANTI OPPOSTI

Ciao Piero. Già parlare di scienza in ambito medico è totalmente fuori luogo. Potremo parlare di pratica, di metodo, di tecnica operatoria, di interventismo sul sintomo e non sui fattori causanti, e di tante altre cose, ma la ricerca scientifica non è di casa da quelle parti. Un medico può essere sì un ottimo scienziato, ma allora deve per forza andare controcorrente e mettersi di traverso, visto che la sua confraternita ha la pessima abitudine storica di mettersi sistemicamente sui binari sbagliati e sulle strade senza uscita. Solo che non gli conviene fare questo, perché viene spaventato e minacciato, viene ammonito col cartellino giallo e poi espulso dal campo di gioco col cartellino rosso degli arbitri di calcio. In medicina si chiama radiazione e per un medico che vive nella società odierna significa la rovina professionale, sociale ed economica, la perdita di ogni vantaggio e di ogni privilegio. Ovvio che esiste una scienza medica di straordinario livello, quella che verte sulla ricerca pura ed oggettiva. La storia è costellata di grandi medici e di importanti scoperte. La scienza igienistica stessa si regge sui lavori di grandi ricercatori medici. Ricercatori che non manco di citare nei miei scritti. Cito tra tanti i nomi di Antoine Bèchamp e di Claude Bernard. Il fatto è che essi vengono paradossalmente ignorati dall’Ordine Medico in quanto troppo veritieri e troppo intelligenti, e dunque imbarazzanti e contraddittori per la Medicina Spuria al Potere. Ecco allora che le preferenze della Medicina vanno a chi gli fa più comodo, come ad esempio a chimici tipo Louis Pasteur.

LA PROVA SCIENTIFICA DIVENTA UN MIRAGGIO GRAZIE AI MESTATORI E AI MANIPOLATORI

Tirare in ballo la prova scientifica per provare in dettaglio che una cosa fa bene o fa male è una furbizia logora ed abusata per negare le cose evidenti. Non è la verità che conta, ma piuttosto l’abilità dialettica di dimostrare che la controparte ha torto. In ultima analisi occorre sempre chiedersi chi è la persona che abbiamo di fronte, da chi è sponsorizzata e condizionata, a quali interessi sociali e politici è legata, quale il suo livello di affidabilità, di autonomia e di trasparenza.

BOLLICINE, CAFFEINA, ACIDO FOSFORICO E ASPARTAME FANNO BENISSIMO! ALTRO CHE L’ARANCIA, LA PESCA E IL COCOMERO.

Provare che la Coca-Cola fa male perché contiene caffeina, bollicine, acido fosforico, acqua di scarsa qualità, zucchero o peggio aspartame, sembrerebbe facile e scontato, ma non è affatto così. Gli imbottigliatori di Atlanta fanno parte integrante del potere. Hanno i loro protettori nella sala dei comandi, hanno le mani sulle leve del potere, stanno alle riunioni del Bilderberg, possono contare sui migliori avvocati difensori, possono contare su sindacati, ministeri, università, premier, media che loro foraggiano pesantemente. Figurarsi poi se uno deve fornire la prova scientifica che un vaccino, un farmaco o un integratore fanno male!

DI QUALE LATTE STIAMO PARLANDO?

Il latte poi, per restare nello specifico, equivale a un fantasma. Il latte non esiste. Esiste il latte di donna ed è prezioso per il suo piccolo. Esiste il latte di mucca ottimo per il suo vitellino e solo per quello, quello della cavalla e dell’elefante, quello del topo. Per non dire del cosiddetto latte di soia o di cereali, che è latte solo in apparenza. Ovvio che quando si parla di latte si intende il più delle volte latte di mucca. Ma anche qui le differenze sono enormi. Non solo sulle varie formule, tipo latte intero, latte scremato, latte UHT a lunga conservazione e quindi altamente devitalizzato, ma anche nei diversi livelli qualitativi difficilmente valutabili, tipo il cibo e il trattamento riservato alle mucche, eccetera eccetera.

LATTE ALLA MELAMMINA E LATTE SUPERLATIVO A PREZZI QUINTUPLICATI

Stesso discorso poi per tutte le carni. Invito a leggere la mia tesina “Le confessioni intime degli allevatori” del 14/4/09, perché fa capire meglio l’intera problematica. Lo spunto mi venne quando stavo a Singapore e sul The Straits Times, maggiore quotidiano di quel paese, una intera pagina era dedicata alla promozione di un latte costosissimo proveniente dall’Australia. Erano i tempi del latte alla melammina, uno scandalo epocale che mise sottosopra la Cina, l’Asia e l’intero pianeta in tema di alimentazione e di prodotti contaminati dal latte alla melammina, ovvero latte allungato con acqua e ricostituito proteicamente dalla pipì dei soli bovini (si pensa e si spera) per superare i controlli di qualità.

IL DECALOGO ANTI-LATTE DEL PROF RALPH CINQUE, MAGGIORE AUTORITÀ VIVENTE NEL CAMPO MEDICO-IGIENISTICO

1) Evito latte bovino e latticini perché il latte è carne liquida. Lo immagino come sangue della mucca pressato attraverso le sue povere mammelle infiammate. 2) Il latte è cibo riservato agli infanti della specie e a nessun altro. In questo caso è riservato al vitellino. 3) Il latte contiene eccesso di grassi e colesterolo. Il latte magro è troppo ricco in proteine. L’eccesso di grassi e di proteine sono grave danno per il corpo umano. 4) Il latte è una delle sostanze più allergeniche che si conoscano. Contiene 100 diverse componenti note per causare reazioni allergiche. La scrematura del latte non fa altro che incrementare gli allergeni. Queste reazioni vanno dal colon irritabile, all’asma e alla sinusite. 5) Il latte è difficile da digerire. Agli umani manca l’enzima lattasi per disintegrare lo zucchero del latte. Il latte è causa di gas, gonfiori, crampi e costipazioni. La maggiore proteina del latte, la caseina, è particolarmente pesante da digerire ed è pure aterogenica. La lattoglobulina, la più allergenica proteina del latte, non viene disintegrata né dal calore né dagli enzimi corporali. 6) Lo zucchero del latte o lattosio si trasforma in galattosio, noto responsabile di cataratta. 7) Il latte contiene l’ormone prolattina, che è riconosciuto universalmente come causatore di cancro al seno. 8) Il latte fa da trappola assorbente di materiale inquinante di ogni tipo, inclusi prodotti radioattivi tipo Stronzio 90 e Iodina 121. Il latte si carica di inquinanti ambientali più di qualsiasi altra sostanza. Dopo l’incidente di Chernobyl il latte è stata la prima cosa esaminata per il controllo della contaminazione atomica. 9)Le statistiche mondiali evidenziano che le nazioni a più alto consumo di latte e latticini vantano le incidenze più drammatiche di malattie degenerative, tipo sclerosi multipla, artrite, cardiopatia, cancro e diabete. 10) Il latte è il cibo dell’anemia, in quanto fortemente deficiente di ferro. 11) Il formaggio contiene 10 volte più grasso del latte intero, e si parla di grasso perossidato e carico di radicali liberi legati al processo di invecchiamento del formaggio stesso. Scarsità  di vitamina C e abbondanza di sale completano il quadro.

IL DECALOGO ANTICARNE DEL PROF RALPH CINQUE

1) Non mi serve la carne per nutrirmi al meglio. I vegetali sono il mio cibo naturale di elezione, e li trovo dovunque in grande abbondanza. 2) Dovrei ammazzare per mangiar carne. Dovrei uccidere innocenti e senzienti creature causando loro paura, sofferenza e morte. Il fatto di noleggiare dei grzoni di macelleria come sicari per svolgere tale orribile compito non abbassa le mie colpe e le mie responsabilità, ma le moltiplica. Mangiare carne è un crimine. 3) La carne contiene molti scarti della decomposizione batterica. In ogni porzione di carne c’è persino dell’urina. 4) La carne contiene contaminanti a raffica di tipo agricolo, medico e industriale, inclusi erbicidi, pesticidi, fungicidi, antibiotici, vermifughi, ormoni stimolanti della crescita e altre droghe. Non potrei lavare, pelare e ispezionare la carne per vedere cosa contiene. 5) La carne contiene ormoni femminili sufficienti a rendere impotenti i maschi e a compromettere la crescita equilibrata dei bambini. 6) La carne è piena di grassi saturi e di colesterolo che bloccano le arterie, appesantiscono il fegato, ostruiscono la cistifellea e il sistema biliare, irritano il colon ed incrementano fortemente il rischio di attacco cardiaco e ictus. Persino le cosiddette carni magre derivano il 59% delle loro calorie dal grasso. 7) L’eccesso proteico della carne danneggia i reni, demineralizza le ossa, acidifica il sangue, accelera l’orologio biologico e invecchia, e stimola la crescita di tumori nel corpo. 8) Mangiar carne significa avere un corpo che emana cattivo odore che nessuna colonia e nessun profumo è in grado di nascondere. 9) Allevare animali da carne richiede enormi sprechi di suolo coltivabile, enormi sprechi di acqua, elettricità, carburante, grani, legumi e danaro. Nulla causa tanti danni ambientali quanto la pessima e tragica produzione di carne. Non esiste uno spreco economico di risorse più alto. 10) Una bistecca al barbecue può contenere cancerogena benzo-pirene equivalente a 600 sigarette fumate. Il totale ammontare di materiale bruciato in una singola porzione di carne grigliata supera  di molto un’intera giornata trascorsa in mezzo all’aria più inquinata delle fabbriche o delle strade ad alta percorrenza.

L’NSEGNAMENTO PARADOSSALE DEL PROFESSOR CANNELLA

Spero con questo di aver dato un’idea scientifica e una consapevolezza di cosa significano la parola latte e carne, all’infuori delle penose spiegazioni che la cultura medica pretende di inculcarci. Il problema è quello solito. Non c’è più sordo al mondo di chi non vuole ascoltare. L’esempio eclatante rimane a mio avviso quello dell’autorevole e celebre prof Carlo Cannella, docente alla Sapienza ed entusiastico promotore di carne e latte fino a sfiorare il settarismo. Un vero paladino degli allevamenti intensivi. Il suo ultimo filmato sta tuttora in rete e lo conferma. Venne girato una settimana prima della sua scomparsa per cancro al colon. Pace all’anima sua. Tifavo perché continuasse a sventolare la sua bandiera e per darmi così modo di poterlo contestare duramente come già facevo, mentre invece la sua sorte era evidentemente segnata. Per paradosso del destino, proprio il suo pessimo insegnamento da vivo, si sta oggi trasformando in incredibile leva di riscossa per il movimento vegetariano e vegano.

Valdo Vaccaro

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.