DIMINUZIONE GLOBULI BIANCHI IN STATO DI BENESSERE

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

FRUTTARIANO CON IL PALLINO DELLA FRUTTA SECCA

Caro Valdo, sono fruttariano da tempo ma ancora ahimè non riesco a dire di no a frutta secca a guscio tipo mandorle, noci e pinoli. Premetto che, in questo mondo di opinioni contrastanti, medici e persone ignoranti nessuno ha la verità in mano, nemmeno io. La mia scelta alimentare è veramente quella giusta? Bah chissà. Per ora, seguendo la logica dell’uomo visto come animale mangiante, e seguendo le evidenze riscontrate su me stesso, posso dire certamente di sì.

HO RAGGIUNTO UN INVIDIABILE STATO DI BENESSERE

Poi pazienza! Se non morirò mangiando in questo modo, finirei comunque per morire di diabete, di infarto o di cancro causato dalla carne e dai cibi cotti e raffinati, per cui provo ben volentieri questa strada! Ho peraltro le analisi di un bambino appena nato, e questo è assai rassicurante. Nessun segnale di allarme, nessuna spia rossa accesa a dirti di qualcosa che non va. Allergie scomparse, problemi digestivi scomparsi, sfoghi cutanei scomparsi.

CIBO ELETTIVO E DIMINUZIONE DEI GLOBULI BIANCHI

Non ci vuole molto a capire che, ingerendo il veleno chiamato oggi cibo, il corpo si intossica. Sarebbe strano il contrario! Ma ora veniamo alla questione per cui ti ho scritto. Noto da quando ho iniziato a mangiare il cibo elettivo una continua e costante diminuzione di globuli bianchi.

MENO NEMICI DA COMBATTERE E MENO TRUPPA SCHIERATA SUL CAMPO

Sono parecchio sereno a riguardo in quanto dovrebbe significare, e correggimi e sbaglio, che non avendo nessun intruso in giro, il sistema immunitario non necessita di soldati e di eroi per sconfiggere alcun nemico, giusto? Il mio amico Ehret mi darebbe ragione. Tu cosa ne pensi? Grazie.
Alberto

*****

RISPOSTA

MANDORLE, NOCI E PINOLI SONO OTTIMO CIBO SE NON SI ESAGERA NEI QUANTITATIVI

Ciao Alberto. Onestamente non ho capito il tuo rammarico per il mangiar mandorle, noci e pinoli, quasi si trattasse di una infrazione mentre non lo è affatto. Si tratta sempre di frutta e anzi di frutta ottima, ben protetta, oltre che carica di energia solare incapsulata all’interno. Per il resto, ce ne fosse al mondo gente carica dei tuoi problemi e dei tuoi globuli bianchi in calo intelligente e temporaneo. Non perdere nemmeno tempo a contarli. Il tuo stato di radiosa salute mi pare assai superiore a queste banalità.

RUOLO DEI GLOBULI BIANCHI

Non penso di insegnarti nulla di nuovo se ti rammento che i globuli bianchi sono le cellule del sangue deputate alla difesa dell’organismo contro:

  • Corpi estranei che possono penetrare al suo interno a causa di traumi o di incidenti.
  • Endotossine prodotte dal corpo e non prontamente smaltite a causa di debolezza metabolica, sangue addensato e pigrizia linfatica.
  • Micro-organismi ritenuti ostili e patologici anziché innocenti, fisiologici e consequenziali da un certo tipo di medicina, e mi riferisco a virus, batteri, funghi e parassiti.

A QUOTA 4000 SI ENTRA IN ZONA LEUCOPENIA

La quantità normale di globuli bianchi nel sangue dovrebbe essere attorno alle 6000-7000 unità per millilitro di sangue, ma se questo valore dovesse essere di molto inferiore, tipo 4000 unità soltanto, ecco che ci troveremmo in presenza della cosiddetta leucopenia, termine medico indicante sindrome da immunodeficienza.

FATTORI CAUSANTI NELLA VISUALE MEDICA

Alla base di questa disfunzione nel principale meccanismo di difesa del nostro corpo possono esserci diverse cause. Nella visuale medica si parte in quarta citando:

  • Malattie del midollo osseo come forme tumorali, leucemie, anemie.
  • Infiammazioni acute o croniche, come l’artrite reumatoide o il lupus.
  • Infiammazioni batteriche o fungine chiamate dai medici infezioni e, per intenderci, contagianti.
  • Infiammazioni virali chiamate dai medici infezioni e di nuovo, per intenderci ancora, contagianti e capaci di compromettere temporaneamente le funzioni del midollo osseo, come nei casi di meningite, quando per l’igienismo invece i virus endogeni, ossia i detriti cellulari che originiamo per normale e fisiologico rinnovo cellulare causano semplicemente ostruzioni interne quando c’è di mezzo debolezza organica e pigrizia metabolica, vere e non apparenti cause di ogni patologia.
  • Malattie del midollo osseo come la sclerosi, definite assurdamente dalla medicina autoimmuni.
  • Sindromi di deficienza del sistema immunitario, come l’Hiv, altro virus fuorviante ed inventato al pari della blasfema etichettatura Aids.

IL FATTORE REUMATOIDE E LE SOLITE FUMOSE IPOTESI VIRALI

A proposito del punto B, ossia dell’artrite reumatoide, è importante rilevare la positività per circa l’80% dei pazienti al fattore reumatoide FR. Forse nella malattia è implicato un coinvolgimento del virus di Epstein-Barr o il micobatterio della TBC, anche se da vari studi non è mai stato possibile isolare dalla membrana o dal liquido sinoviale alcun microrganismo, né si è mai riusciti a trasmettere sperimentalmente la malattia da un animale ad un altro. Si ipotizza che pure i superantigeni possano essere coinvolti, mentre gli autoantigeni (collagene, proteoglicani, fattore reumatoide e proteine citrullinate) probabilmente svolgono un ruolo nella cronicizzazione del processo.

VIVIDA IMMAGINAZIONE E SALTI PINDARICI DELLA MEDICINA MONATTA

Meno male verrebbe da dire. Ma la medicina, o chi per lei, non demorde mai quando ci sono ipotesi monatte e fantasiose da fare. “Ciò non toglie che ci possa essere un enigmatico microrganismo che fa scaturire la reazione infiammatoria-immunitaria e sia presente solamente per un periodo limitato di tempo”, si legge su Wikipedia, cogliendo una volta ancora la inguaribile tendenza alla vivida immaginazione e ai voli pindarici, quando invece in natura le cose sono assai semplici, intuitive e comprensibili.

UN ALLUCINANTE E MILITARESCO INQUADRAMENTO SANITARIO

Ed è proprio per questo motivo che non mi interessa di essere medico e che non soffro di alcun complesso di inferiorità nel parlare di salute senza essere medico. Vale più un grammo di sana istruzione che un quintale di ipotesi fantasiose e di controverse terapie è il mio motto di sempre. Il martellamento che subiscono i medici nelle loro scuole interventistiche è una cosa che ha dell’inconcepibile. Ne vengono fuori a volte distrutti e allucinati, inquadrati e burocratizzati all’inverosimile, del tutto incapaci di allinearsi con la natura o di accostarsi umilmente alle direttive basilari del loro stesso simbolico Maestro.

SINTOMI DI LEUCOPENIA DA ARTRITE REUMATOIDE

Si parla ovviamente dei noti dolori, delle tumefazioni calde non arrossate e della impotenza funzionale delle articolazioni. Sintomi correlati al ritmo biologico circadiano. Infatti, nei soggetti sani, il livello pro-infiammatorio di citochine, come ad esempio il TNF-Alfa e l’interleuchina IL-6, aumenta durante la notte per raggiungere il picco al mattino presto. Inoltre, le citochine attivano l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, inducendo cambiamenti metabolici tipici delle condizioni infiammatorie croniche dell’artrite reumatoide. Pertanto, fenomeni come la rigidità, il dolore e la tumefazione calda variano durante il giorno, manifestandosi maggiormente durante le prime ore del mattino.

INFIAMMAZIONE MULTIDIREZIONALEE E MANIFESTAZIONI CLINICHE DIVERSE

L’infiammazione può colpire anche i tendini e allora si avranno manifestazioni cliniche diverse, tipo il “dito a collo di cigno”, oppure “dito a martello”. Essendo la malattia sistemica può coinvolgere anche altri organi e apparati. Tipici sono i noduli reumatoidi, superficiali o profondi, che possono formarsi anche a livello polmonare. Ci può essere fibrosi polmonare, pleurite e pleuropericardite. A livello cardiaco inoltre ci può essere un’accelerazione dell’ateriosclerosi delle coronarie. A livello oculare si può avere xeroftalmia, uveiti e scleriti. Diverse sono le patologie iatrogene mentre le complicanze dell’AR sono l’amiloidosi e l’osteoporosi. Inoltre si ha un aumento della VES e della PCR, con febbre e malessere generale.

ALTRE SINDROMI ED ALTRE ANOMALIE

In tale quadro, si inseriscono anche anomalie come:

  • Sindrome di Felty, che aggiunge alle manifestazioni tipiche dell’artrite reumatoide la presenza di splenomegalia e leucopenia (neutropenia).
  • Morbo di Still dell’adulto, con presenza di rash cutaneo maculare e febbre elevata.
  • Sindrome del Tunnel Carpale, neuropatia dovuta all’irritazione o alla compressione del nervo mediano nel suo passaggio attraverso il canale carpale del polso, con infiammazione della borsa tendina dei flessori (tenosinovite) e parestesie a scossa.
  • Sindrome di Sjogren, con disattivazione delle ghiandole esocrine ed eccessiva attivazione dei linfociti-B, secchezza orale-salivare o xerostomia, secchezza oculare o xenoftalmia, secchezza vaginale.
  • Fenomeno di Raynaud, con problemi circolatori, ischemia e scarso flusso sanguigno alle mani.

LA COMPLESSITÀ, LE SINERGIE E L’ESTREMA INTELLIGENZA FUNZIONALE DEL CORPO UMANO,  MERITA MOLTO PIÙ RISPETTO

I valori considerati nella diagnosi di artrite reumatoide sono:

  • Anticorpi anti-citrullina (CCP)
  • Fattore Reumatoide FR
  • Velocità di Eritrosedimentazione VES
  • Proteina C-Reattiva PCR

Tutta questa massa di informazione medica, tutto questo carosello pizzicato sui vari siti medici internet, può apparire ridondante e fine a se stesso. Credo invece sia molto utile a darci un’idea di quanto complesso e interrelato sia il corpo umano, e quanto maggior rispetto esso meriti da parte di chi pretende di sottoporlo sistematicamente a cure e terapie innaturali, inconcludenti ed improduttive.

UN BANCOMAT SOTTOPOSTO AD ECCESSIVI PRELEVAMENTI

In realtà la leucopenia, per chi non è in forma stupenda come nel tuo caso, è un segnale di Bancomat in esaurimento, di potenza enzimatica in calo, di metilazione indebolita (gruppi metilici CH3 in calo, dove una caduta del 40% significa crollo degenerativo dell’organismo) e di elevazione dell’omocisteina, tutti segnali che portano alla senilità.

ALLA MEDICINA INTERESSA MANTENERE LA GALLINA DALLE UOVA D’ORO

Come si esaurisce il nostro capitale enzimatico di partenza? Come si esautora il nostro Bancomat energetico? Coi prelievi abusivi sistematici, quali le leucocitosi digestive (il mangiare cotto), i vari attentati giornalieri che portiamo al corpo, con caffè, the, fumo, dolci, sale, integratori, farmaci e vaccini. Ecco dove servirebbe usare davvero il bisturi e l’asportazione mentre nulla si fa in quella direzione, per non distruggere la gallina dalle uova d’oro che è la malattia da curare, il sintomo intoccabile che viene invece bersagliato in tutti i modi possibili.

VERI FATTORI CAUSATIVI DI ABBASSAMENTO DIFESE

I veri fattori causativi dell’abbassamento difese sono ben altri, ma alla medicina convenzionale, vorace quanto mai lo era stata nei secoli dei secoli, non conviene ricordarli e citarli e sono:

  • Uso di aspirina e di farmaci antinfiammatori, nonché di cortisonici soprattutto se in mescola con altri farmaci.
  • Cure farmacologiche di ogni tipo.
  • Vaccinazioni.
  • Operazioni chirurgiche.
  • Radioterapie e chemioterapie.
  • Integrazioni mineral-vitaminiche sintetiche.
  • Alimentazione carnea e cotta.
  • Eccessiva presenza di antinutrienti nella dieta (fitati, acido ossalico, legumi inibitori della proteasi, ovvero della tripsina, fondamentale enzima digestivo per le proteine).
  • Antivitamine nella dieta, come l’avidina delle uova soprattutto se crude, come antivitamine-C o acidi gluco-ascorbici (zuccheri indutriali, aspartame, B12 in eccesso), come antivitamine-B1 (zuccheri industriali, caffeina, alcol), come antivitamine-B6 o anti-biotine (desossipiridossina), come antivitamine-K (farmaci anticoagulanti), come allicini (aglio, colchico).
  • Presenza eccessiva, oltre i limiti di tolleranza, di ingredienti tossici (amigdalina dei semi amari al cianuro, aflatossine o muffe, nitrati da verdure idroponiche e di serra senza acqua e sole, glutine dei cereali per i celiaci).

QUALI IN SINTESI I SEGNALI DI IMMUNODEFICIENZA?

  • Fegato ingrossato, milza infiammata ed ingrossata, rigonfiamento nodi linfatici, infiammazione tonsille e appendice.
  • Linfatismo, diminuzione delle resistenze immunitarie, stato costituzionale di debolezza e torpore accompagnato da pallore e da flaccidità.
  • Setticemia ed avvelenamento del sangue, con tumefazioni, suppurazioni e grande debolezza.

QUALI I RIMEDI ALLA LEUCOPENIA?

Quali i rimedi? Sole, mare, respirazione, cibi vivi e vitali, stop a vaccini, farmaci e integratori, stop a bevande alcoliche e nervine, stop ad alimenti devitalizzati, e quindi dieta vegana tendenziale crudista.
Tutte cose poi che tu continui a fare sistematicamente da tempo, raccogliendo dati importanti ed unici, e mettendo la tua preziosa e personale esperienza a disposizione di tutti, sotto gli occhi di chi vuole curiosare e capire.

LA CONSEQUENZIALITÀ LOGICA DEI SINTOMI

Basilarmente, quanto il corpo esprime ha sempre valore di sacralità. Sintomi, dolori, perdite, gonfiori, tumori, perdite di equilibrio, recuperi di equilibrio, autoguarigioni, remissioni spontanee, valori entro il range e fuori range, sbalzi, sforamenti, esiti tabellari. Tutti questi fenomeni rappresentano situazioni logiche e fisiologiche di un determinato momento. Rappresentano in altre parole sintomi veri e propri di una situazione corporale ottimale o anche alterata ma sempre logica e consequenziale, e quindi non suscettibili di contrasto e di rimedio frontale, ma soltanto di conoscenza e rispetto, visto che ogni accelerazione guaritiva dovrà essere diretta essenzialmente verso il fattore causante. Sintomi iniziali, intermedi o finali, ma sempre sintomi e mai cause.

L’ATTO RIMEDIALE VA ESEGUITO SUL FATTORE CAUSANTE

Inutile piangere sullo sbalzo, sull’ostruzione, sullo sbrocco dermatologico, sul fenomeno visivo, toccabile, tangibile e temporaneamente fastidioso. Inutile qualificarlo malattia batterico-virale o fungina, autoimmune o idiopatica, criptogenetica o lantanica da napalmizzare e sradicare. Se il fatto tossico e causante sta altrove occorre intervenire altrove, in zona critica comportamentale. Intervenire sui pensieri, sulle scelte, sulle abitudini, sulla respirazione, sul movimento, sull’alimentazione e sulle eventuali vie di recupero terapeutico del soggetto.

MALATTIA OMOGENA, IATROGENA ED AMBIENTALE

In sintesi, lo sbalzo e lo scivolamento temporaneo chiamato malattia, è sempre uomo-causata (errori comportamentali), ambiente-causata (inquinamento) e soprattutto medico-causata (malattie iatrogene derivanti da interventi invasivi, che contano non per il 5 o il 10% ma bensì per il 95%, ricordando che gli attacchi subiti dalla sempre più brutale medicalizzazione partono dalla nascita grazie alle vaccinazioni infantili e agli omogeneizzati e terminano con la tarda età, grazie agli accanimenti terapeutici).

FABBISOGNO IMMUNITARIO RIDOTTO IN PROPORZIONE ALLO STOCK TOSSICO

Meno ci roviniamo all’interno, meno depositi compromettenti accumuliamo, meno ostruzioni da cellule morte inespulse chiamate virus sopportiamo, meno digestioni difficili subiamo con relativi addensamenti del sangue, meno cadute di pH provochiamo alla nostra matrice cellulare, e minor bisogno di globuli bianchi e di piastrine avremo. Questa non è solo una brillante e originale interpretazione, ma è anche la concezione, convincente e condivisibile, che si evince dal tuo messaggio.

SIMILITUDINE CON LA DISMENORREA VIRTUOSA E CON LE DIGESTIONI VIRTUOSE

È un po’ lo stesso concetto della sparizione del mestruo nelle donne che adottano in concreto uno stile di vita super-virtuoso. Ed è anche la stessa idea-chiave, anche se all’incontrario, dell’esperimento di Kouchakoff, dove la leucocitosi digestiva moltiplica i globuli bianchi patologicamente per 2 e per 3 in fase postprandiale, in caso di cibi devitalizzati, stracotti ed iperproteici.

IDIOSINCRASIA MEDICA A INTERPRETARE  CORRETTAMENTE I MECCANISMI DI AUTO-GUARIGIONE

Ma se vai presso un centro diagnostico medico, corri magari il rischio di essere classificato come leucopenico ed immunodepresso, data la fobia e l’incapacità, l’avversione e l’idiosincrasia medica a interpretare in modo corretto i fenomeni di remissione spontanea e non-curativa, accelerata e guidata, legati alle pratiche igieniste.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
2 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
2
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x