MERCURIO, IL MINERALE PIÙ TOSSICO DOPO IL PLUTONIO

Pinterest LinkedIn Tumblr +

LETTERA

DUE TATUAGGI E UNA LUNGA SERIE DI SINTOMI

Salve dottore, ho bisogno di qualche informazione. Più o meno 3 mesi fa ho fatto due tatuaggi non in negozio ma sulla strada. Da lì ho iniziato a star male ed è comparsa una serie di sintomi strani:

– Mal di gola (ancora presente)
– Mal di testa (va e viene)
– Sensazione di febbre (ma assenza di segnali sul termometro)
– Crosticine strane nel naso (adesso assenti)
– Gusto strano in bocca (ancora presente)
– Salivazione aumentata soprattutto di notte (ancora presente)
– Candida ai lati della bocca (mi è comparsa due volte, mai avuta prima)
– Sbalzi di temperatura corporea caldo-freddo (adesso assenti)
– Mani e piedi freddi
– Diarrea (va e viene)
– Nausea
– Senso di sazietà senza aver mangiato
– Gonfiore addome dopo i pasti (ancora presente)
– Brufoli strani e pelle secca sul naso, ma unta sulla fronte
– Forte ansia (ancora presente)
– Confusione, giramenti di testa
– Stanchezza
– Ogni tanto vista sfuocata
– Da sdraiato piccoli movimenti involontari dei muscoli, e sensazione di essere toccati da un dito

LA SOLA CARENZA DI MAGNESIO NON MI HA CONVINTO

Questo assieme di sensazioni mi ha dato da pensare che ci fosse qualcosa di davvero storto. Ho fatto gli esami del sangue e il mio medico ha detto tutto OK, tranne una carenza di magnesio.

Però stavo ancora male, e penso che la causa siano i tatuaggi, e che gli inchiostri usati non fossero idonei o che addirittura ci avessero messo dentro qualcosa.

MINERALOGRAMMA E CHIARA INTOSSICAZIONE DA MERCURIO

A quel punto ho fatto un mineralogramma che ha rivelato carenza di selenio, eccesso di oro, fosforo, alluminio e mercurio. Lo specialista ha parlato di chiara intossicazione da mercurio, e mi ha consigliato di prendere un integratore per smaltire i metalli e stabilizzare le carenze.

DUBBI SULLA SEQUENZA TRA CHELAZIONE E ALTRI ESAMI

Ho chiamato la clinica antiveleni di Pavia, chiedendo informazioni, e mi è stato detto che il mineralogramma è inaffidabile, se non si sono fatti prima gli esami del sangue e delle urine (ci vado questa settimana).

Ho letto però che le prove del sangue e delle urine sono utili a individuare qualcosa solo nelle ore vicine all’intossicazione, quindi nel mio caso non troverebbero niente, vero?

Quando ho chiesto se potevo fare la prova sangue-urine prima e dopo l’EDTA (acido etilendiamminotetracetico, usato come comune chelante in medicina), mi è stato risposto che fanno questo solo se trovano qualcosa nei primi due esami.

La mia paura è che nei primi due esami non trovino niente e che io me ne torni a casa intossicato. Lei concorda?

QUALCHE CONSIGLIO SUL COME ELIMINARE QUESTO AVVELENAMENTO

Prendendo poi gli integratori del mineraltest, sono essi sufficienti a far trovare qualcosa nelle urine? Che esami devo fare per confermare l’intossicazione? Che fare poi per procedere con l’eliminazione? Spero che mi dia qualche consiglio. Distinti saluti.
Andrea


RISPOSTA

MAGGIORE RISPETTO PER UN ORGANO PREZIOSO CHIAMATO EPIDERMIDE

Ciao Andrea, se la gente si rendesse conto una buona volta che la pelle umana non è uno spazio pubblicitario per affiggervi sopra dei manifesti, ma è invece un importante organo di assorbimento aria e di detossificazione, in aiuto ai reni e all’apparato polmonare, ci sarebbero più spiagge nudiste, più solarium, più campi sportivi e meno gente che si fa orribili ed antiestetici tatuaggi sul corpo.

La pelle è un organo che traspira e respira, non qualcosa da lordare con creme, cianfrusaglie metalliche varie, scritte e disegni. Detto questo andiamo al mercurio e alla chelazione.

PRIMA COSA EVITARE LO STRESS

Tutte le domande che mi hai fatto, sono quesiti destinati a un tecnico laboratorista, oppure a un medico addetto al laboratorio di analisi, e quindi non penso di poterti essere di grande aiuto.

Preferisco portare la tua attenzione sui miei pareri di tipo igienistico.
Il consiglio che ti posso dare è quello di prendere il tutto in modo meno ansiogeno, più sereno e più rilassato. Lo stress è fattore impedente nel delicato lavoro di chelazione, che richiede massima efficienza immunitaria.

ESTREMA PERICOLOSITÀ DEL MERCURIO

Il mercurio viene ritenuto il minerale più tossico del pianeta, subito dopo il plutonio. Basta la minuscola quantità contenuta in un comune termometro casalingo per contaminare un medio laghetto di montagna. 

Il mercurio si trova nei pesci, nei crostacei, nelle paste dentali, nel talco, nei cosmetici, nei coloranti, nei diuretici, nei lassativi, nelle supposte antiemorroidali, nei filtri dei condizionatori d’aria, nei detergenti per pavimenti, degli adesivi, nei conservanti del legno, nelle creme anti-psoriasi, nelle vernici, nei tubi fluorescenti, nei termometri, nel materiale per tatuaggi e, soprattutto, nei vaccini (vedi famoso scandalo Thimesoral, legato allo SMON o AIDS giapponese degli anni ’60).

L’UOMO DI OGGI HA IN SÈ 5 VOLTE PIÙ VELENI RISPETTO A 100 ANNI FA

Se è vero che l’uomo di oggi ha 500% più piombo di 100 anni fa, è pensabile che per il mercurio valga più o meno la stessa percentuale media. La tolleranza al mercurio varia da soggetto a soggetto.

Alcuni hanno capacità naturale a liberarsi del mercurio e degli altri inquinanti facilmente, grazie a un sistema immunitario reattivo che provvede a un continuo ripescaggio o chelazione dei veleni assunti.

Altri invece no, per cui esso va a depositarsi nel cervello e in altri organi. L’avvelenamento da mercurio non viene rivelato dalle analisi del sangue, una volta che il minerale stesso si è depositato.

GROSSE RESPONSABILITÀ DEI VACCINI AL MERCURIO

Ho avuto la ventura di parlare col padre disperato e depresso di un bambino autistico. Aveva un bambino sano, giocoso, comunicativo e, dall’oggi al domani, per una maledetta vaccinazione, si è ritrovato con un essere totalmente diverso, irriconoscibile, problematico, nevrotico, sofferente.

L’autismo è una cosa terribile. Trasforma le case da angoli sereni e ritempranti in luoghi di disperazione e di rabbia. Lo specialista americano dr Boyd Haley, ha messo in evidenza il fatto che l’assunzione orale di veleni e di mercurio, sia assai meno grave di quella effettuata mediante iniezioni diretta nel sangue, essendo quest’ultima priva del filtraggio immunitario-intestinale. Da qui la gravità particolare delle vaccinazioni.

LA CHELAZIONE È ANCHE UN ABBATTIMENTO DEI RADICALI LIBERI

La chelazione dei metalli è una reazione chimica in cui un atomo metallico, comportandosi da acido di Lewis, viene legato da un reagente detto chelante. In ambito biologico, l’emoglobina lega il ferro, allo stesso modo in cui la clorofilla lega il magnesio. 

La chelazione dei metalli è anche un abbattimento dei radicali liberi. I chelanti più usati in medicina sono l’EDTA (acido etilendiamminotetracetico), il dimercaptopropanolo, la penicillamina, la deferoxamina, Il DMSA (acido dimercaptosuccinico), la trientina, la clorella vulgaris, l’ALA (acido delta aminolevulemico).

CRITICA IGIENISTICA ALLE CHELAZIONI CHIMICO-INORGANICHE

Tutte le chelazioni chimico-inorganiche sono viste con occhio molto critico dall’igienismo.
Sia perché si lavora in regime di chimica inorganica, sia per il fatto che le chelazioni sono diventate una moda assai redditizia per chi la pratica, e sia perché la chelazione intensa e rapida è da considerarsi intervento innaturale ed invasivo, non privo di rischi, di pericoli e di effetti collaterali.

Le chelazioni EDTA comportano comunque dei fastidi e delle controindicazioni, mentre ad esempio, una chelazione a base di DMSA e di ALA, sembrerebbe meglio tollerata. Ancora meglio se si ricorre alla semplice clorella.

LA CHELAZIONE NATURALE IGIENISTICA, LENTA MA EFFICACE E SENZA CONTROINDICAZIONI

Il miglior modo di chelare i minerali interni rimane quello di ricorrere a una dieta vitale, naturale e crudista, ricca di acqua biologica e di micronutrienti, con vitamina C ed E, con vitamine del gruppo B, con tutto il mix di ormoni, vitamine, enzimi e minerali organicati. Gli acidi degli agrumi sono formidabili in tal senso.

Ogni prodotto naturale ricco di zolfo è ugualmente importante (vedi crescione, rucola, ravanelli, cavolini Bruxelles, cavoli, cavolfiori, bietole, cetrioli, sedano, avocado, cipolle, carote, melanzane). Zinco e il selenio, ottimi chelanti, si trovano nel germe di grano e nei vari cereali integrali.

RITENZIONE IDRICA E RITENZIONE MINERALE

Una delle piante più straordinarie per la chelazione minerale si è rivelato l’umile coriandolo (o prezzemolo thailandese), sia nelle foglie che nei semi. Pure l’aglio, l’alga spirulina, la clorella, il rosmarino, la salvia, la menta e il timo rappresentano ottime risorse per ripristinare l’equilibrio minerale.
Gli avvelenamenti da minerali, incluse calcolosi e calcificazioni improprie, ricordano da vicino la ritenzione idrica.

Chi mantiene i suoi 30-40 litri di acque interne in condizioni relativamente pure, riesce a smaltire le acque stanche e stantie, rinnovando il suo capitale idrico. Chi invece è sovraccarico di sali minerali inorganici, di acidi urici e di prodotti corrosivi, ha difficoltà a ricambiare e smaltire persino un bicchiere d’acqua.

RAZIONALITÀ DEL CRUDISMO, DELLA RESPIRAZIONE E DELLA TRASPIRAZIONE

Il modo più razionale rimane dunque la dieta crudista. L’avvelenamento minerale, al pari di quello lipidico, richiede rigorosità, coerenza e tempi lunghi. Non ci vuole fretta. La dieta crudista-vegana disgrega, scioglie ed espelle i minerali velenosi, e trova nella respirazione ritmata e profonda un ottimo alleato.

Pure la traspirazione risulta importante, per cui la vita sportiva e la ginnastica aerobica sono basilari. La chelazione naturale ha il vantaggio di rimetterti in salute senza rischi e senza ricadute.

LA MALEDIZIONE ANTICHELANTE DELLA STITICHEZZA

Fondamentale importanza assume la regolarità intestinale, con digestioni leggere, assimilazioni complete ed evacuazioni regolari. Evitare come la peste i cibi cotti, salati, zuccherati e integrati.

Detto in parole povere, chelazione è, più spesso di quanto si possa credere, sinonimo di buone evacuazioni, nonché di regolari e frequenti minzioni. Al contrario, la ritenzione minerale, al pari della ritenzione idrica, è legata strettamente alla stitichezza, alla costipazione, al sangue denso e all’insufficienza renale.

Valdo Vaccaro

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

 

Troppa pubblicità? Clicca qui.

Inserisci la tua email per non perderti i nuovi articoli!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere gratuitamente via e-mail le notifiche di nuovi post.

Share.
Iscriviti
Notificami
1 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
1
0
Cosa ne pensi? Lascia un commentox
()
x