TESTIMONIANZE DI GUARIGIONE DA COLITE ULCEROSA

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

COLITE ULCEROSA E CURE IMPROPRIE CON MESALAZINA E CORTISONE

29/05/2015

LETTERA

FORMA FISICA E SPORT CARATTERIZZAVANO LA MIA VITA

Buongiorno Dottor Vaccaro, le scrivo solo ora, in primis per ringraziarla e poi per esporle il mio problema. Spero che tra le tante lettere la mia avrà una risposta anche perché credo sia interessante per lei e per il blog. In breve le racconto la mia storia. Ho 35 anni, sempre stato sportivo e salutista, prima di contrarre la mia attuale malattia circa tre anni fa ho passato un periodo stupendo dal punto di vista della forma fisica.

UN KG DI CARNE AL GIORNO MI HA PORTATO ALL’AUTODISTRUZIONE E ALLA COLITE ULCEROSA

Praticavo bodybuilding per mia passione e sono riuscito ad avere risultati straordinari dal punto di vista fisico. In modo naturale sono arrivato ai 90 kg, con 1.83h e 6% di grasso, solo che mangiando 1 kg carne al giorno mi sono autodistrutto. Sono stato sempre un amante della carne ma questo mi ha portato alla rovina. Tre anni fa ho cominciato ad avere scariche incessanti di diarrea e a calare di peso gradualmente fino a 73 kg. Dopo una visita dal gastroenterologo con successiva endoscopia mi hanno diagnosticato una colite ulcerosa pesante. Da lì in poi la mia vita è stata un travaglio continuo.

TONNELLATE DI CORTISONE, DI MESALAZINA E DI AZATIOPRINA

La colite ulcerosa non mi ha dato tregua un attimo. Poco dopo mi è arrivata una pesante artrite reumatoide. Cosa mi hanno fatto i grandi medici? Tonnellate di cortisone, mesalazina a go-go, farmaco biologico remicade per iniezione, una bomba atomica con diversi effetti collaterali e senza alcun risultato utile, azatioprina, altra bomba micidiale e vari altri farmaci rettali. Mi hanno somministrato l’impossibile peggiorando la mia situazione, questi medici killer.

UN SUO VIDEO MI HA SPINTO A DECISIVI CAMBIAMENTI

Disperato, in cerca di altre soluzioni fuori dalla odiosa medicina convenzionale, ho notato il suo blog su internet e ne sono rimasto affascinato. Ho letto varie tesine riguardo al mio caso ma non sono mai riuscito a cambiare la mia alimentazione. Dopo 34 anni non ce la facevo. Piano piano, mentre continuavo ad assumere i miei vari medicinali, mi sono convinto a cambiare qualcosa, dopo aver visto un suo video sul perché noi siamo fisiologicamente vegani.

PER TRE MESI, GRAZIE AL VEGAN-CRUDISMO TENDENZIALE, HO RISOLTO COLITE, ARTRITE REUMATOIDE E REFLUSSO

Ho cominciato ad eliminare definitivamente i latticini e lì ho visto i primi miglioramenti. Mi è sparito completamente il reflusso gastro-esofageo dopo inutili tentativi con gli antiacidi. Poi pian piano anche la carne è stata presa di mira. Ho avviato una cura con carote, sedano e zenzero crudi ogni giorno per un mesetto, poi ho deciso per l’ennesima volta di scalare ed eliminare il cortisone per vedere come andava. Ho notato che dopo una settimana stavo bene. La settimane poi sono diventate 2 e 3 ed ho tolto tutte le medicine. Incredibile per me, dopo tre anni di inferno. In pratica sono diventato vegano non so come, e contemporaneamente sono risorto. Per tre mesi ho risolto nel contempo la colite ulcerosa, l’artrite reumatoide e il reflusso gastro-esofageo.

SCIVOLAMENTO IN NUOVO PERIODO CRITICO

Adesso però ho cominciato di nuovo ad avere scariche di diarrea. Credo sia per lo stress. Infatti è un periodo che mi sto stancando molto sul piano fisico. Vorrei aver qualche consiglio da lei su come agire anche perché alla medicina convenzionale non ci credo per niente minimamente. Ora sono un vegano convinto dopo 34 anni di carne, grazie a lei, e vorrei continuare per sempre. Per finire due domande. È vero che la mesalazina non dovrei mai smetterla di prendere? La colite ulcerosa ha solo periodi di remissione, per cui è attualmente inguaribile come dicono i medici? Grazie.
Beppe

*****

RISPOSTA

PER RISTABILIRSI IN MODO DEFINITIVO OCCORRE PAZIENZA

Ciao Beppe. La ricaduta di cui parli può derivare sì da eccesso di dispersione calorica e da stress, ma anche da altri fattori come le variazioni climatiche di questi giorni, con continue perturbazioni non prive di effetti sballanti sul tuo ancora delicato apparato intestinale. Metti pure in conto la possibilità di crisi eliminative da scrostamenti e scioglimenti di vecchi residui fecali nelle tasche intestinali e nei diverticoli.

LE VECCHIE TOSSINE VENGONO SMALTITE GRAZIE AGLI ORGANI EMUNTORI E ALLE CRISI ELIMINATIVE

Le scorie in uscita provocano sempre questo tipo di fenomeni, soprattutto quando si è passati da un lungo periodo di alimentazione carnivora a una rapida e intensa variazione virtuosa della dieta, come nel tuo caso. Non dimenticarti poi delle tonnellate di farmaci che hai dovuto subire nel corso degli anni. La loro espulsione avviene sia nella parte finale del ciclo assimilativo notturno, grazie al digiuno obbligatorio imposto dall’ipotalamo, sia mediante la dieta a prevalenza fruttariana e crudista che hai intelligentemente adottato.

ALLA LARGA DA OGNI FARMACO ED ANCHE DALLA MESALAZINA

La mesalazina è catalogata tra i FANS, ossia tra gli antinfiammatori non steroidei della classe dei salicicati, con azione specifica sul tratto intestinale. Può dare luogo a disturbi gastrointestinali tipo diarrea, nausea, vomito, crampi addominali e, talvolta, a peggioramenti della colite. Altri effetti indesiderati comprendono mal d testa e reazioni da ipersensibilità quali prurito, eruzioni cutanee, orticaria. Il farmaco ha effetti neurotossici che portano all’insufficienza renale, e già questo da solo sconsiglia fortemente l’uso di questa sostanza. Senza contare poi la mesalazina è controindicata in soggetti ipersensibili e in presenza di gravi alterazioni della funzionalità del fegato.

SI GUARISCE DA TUTTO A CONDIZIONE DI RISPETTARE CON RIGORE LE LEGGI DELLA NATURA

Non è assolutamente vero che la rettocolite ulcerosa sia inguaribile e che si possa solo attenuare per determinati periodi di remissione temporanea. Se digiti sul blog come motore di ricerca termini tipo colite, colite ulcerosa, rettocolite, guarigioni, colon e simili, troverai diversi casi di guarigioni totali.
Ovvio che coi farmaci e con la curomania medica anche le malattie più semplici si trasformano in croniche e inguaribili, per cui i medici si rendono conto della loro refrattarietà a risolvere del tutto e in modo definitivo questo tipo di patologie. Per la Health Science non esistono malattie inguaribili se soltanto abbiamo la forza, la fiducia e la convinzione di dare al corpo la possibilità di impiegare al meglio le sue risorse. Se il sofferente la smette di abusare del suo stomaco guarirà presto senza alcun tipo di trattamento.

Valdo Vaccaro

*****

RETTOCOLITE, SPIRITUALITÀ E PALESTRA

21/01/2013

LETTERA

INTESTINO IN DISORDINE DA OLTRE DIECI ANNI

Buon giorno Valdo. Mi chiamo Cristiana ho 38 anni, sono sarda e sono affetta da RCU da quando avevo 18 anni, ma in realtà si è scoperta con certezza solo nell’ottobre del 2011. La mia storia ha davvero dell’incredibile. Il mio corpo mi ha sempre parlato, fatto comprendere, ma i condizionamenti e le interferenze di società, famiglia e medici (io poi ho una sorella oncologa), finiscono per farti sviare dalla giusta rotta.

UN MESSAGGIO CHE ASPETTAVO DA MESI

Grazie alla parte spirituale che c’è in me, posso dire di essermi ammalata ma di essere anche già quasi guarita. Ai primi di gennaio attraverso le mie guide extra-corporee mi è arrivato casualmente, sulla bacheca di facebook, un post dove si parlava di Lei e di rettocolite. Davide Giannotti da Lucca, raccontava di sua moglie Michela beneficiata dai suoi metodi, e l’ho contattato subito, avendo intuito che quello era il messaggio che aspettavo da mesi.

DIGIUNO DI TRE GIORNI A SAN MICHELE DI FOGGIA

Premetto che ho fatto diversi percorsi di spiritualità, cercando di ritrovare il mio sé interiore, attraverso meditazione, psicoterapia, metakarma, pranoterapia. Avendo scoperto, sanato e rimosso la ferita dell’anima, mancava solo un neo, il corpo. Ed ecco il contatto con Davide ed anche il sito di Valdo. Il 21/12 avevo iniziato un ulteriore percorso spirituale presso la grotta di San Michele Arcangelo vicino a Foggia, dove per 3 giorni, ho praticato il digiuno (senza manco aver visto nulla del suo blog).

IMPREPARAZIONE SUGLI EFFETTI ELIMINATIVI DEL DIGIUNO

Al mio rientro non sono stata affatto bene, ma non sapevo che era l’effetto della detox e quindi, spaventata da morire, ho ripreso il clipper (cortisone 5 /10 mg per circa 5/8 giorni). Poi ho ripreso il mio nuovo percorso basato sull’esperienza della moglie di Davide e su quella delle altre testimonianze guaritive del suo blog.

HO FINALMENTE PRESO COSCIENZA DI ME STESSA

Ed è a quel punto che ho capito il perché ero risultata intollerante alla mesalazina (mai presa, se non per due o tre giorni). E ho avuto pure conferma di aver fatto bene a rifiutare categoricamente contro tutto e tutti l’uso degli immunosopressori, e della cura biologica. Il corpo era il mio e solo io potevo decidere come era meglio curarlo. Usavo un minimo di cortisone al bisogno, più cure omeopatiche e ayurveda, anche sbagliando. Eppure i miei esami restavano sempre ottimali, nonostante la mia malattia fosse ancora attiva.

MI HANNO COSTRETTA AGLI ANTIBIOTICI SIN DA BAMBINA

Per raccontare tutto ci vorrà del tempo, ma lo farò perché mi sono sempre battuta contro la medicina tradizionale già da bambina, dove non facevano altro che darmi antibiotici ad ogni primo segno di febbre.

STO ADDIRITTURA ASSIMILANDO, COSA CHE NON SUCCEDEVA

Ora mi preme chiederle un consiglio. Sono molto magra (alt 150 per circa 37 kg) e, stando in fase della disintossicativa, credo continuerò a perder del peso, ma non è detto. Vado in palestra circa due-tre volte a settimana per fare pesi. Tutti mi dicono che col nuovo tipo di alimentazione basso-proteica avrò dei seri problemi, e che dimagrirò ulteriormente anzichè metter su muscolo. Secondo lei questo sarà possibile? Io mi sento davvero bene rispetto a come mi alimentavo prima, sento sempre la fame e mi sembra addirittura di assimilare cio che mangio, cosa che prima sicuramente non accadeva.

MIGLIORAMENTI IN SERIE E CONSIGLI PER MUSCOLI E PALESTRA

Sono più energica, la pelle e l’idratazione sono decisamente migliorate grazie al sangue fluido. Il muco e le coliche sono praticamente quasi scomparse dopo solo 12/15 giorni dal cambio e senza prendere nessun farmaco, e nemmeno integratori naturali, avendo interrotto anche il ribes nigrum. Lei cosa mi consiglia riguardo al discorso peso e palestra?

SIAMO APPENA ENTRATI NELLA NUOVA ERA

La ringrazio infinitamente per i suoi preziosi consigli e per cercare ogni giorno di portare avanti questa battaglia, perchè solo in questo modo le cose possono cambiare. La verità deve venir fuori. Siamo nella nuova Era. Il vecchio mondo va lasciato andare. Non ci sarà più spazio per pensieri incompatibili e per azioni in offensivo contrasto col disegno divino. Un abbraccio immenso e grazie ancora.
Cristiana

*****

RISPOSTA

CI VUOLE ANCHE DEL CARATTERE

Ciao Cristiana. Intanto complimenti per la tua chiarezza mentale e per la determinazione con cui ti muovi verso l’obiettivo. Andare contro tutto e contro tutti non è cosa facile e richiede forti dosi di carattere. Non ti riusciva da bambina, quando subivi gli ignobili diktat orditi paradossalmente dalla famiglia e dai medici. Oggi sei una libera cittadina del mondo e nessuno ti può più costringere a vivere intrisa di pasticche, di iniezioni e di sostanze chimiche.

INSEGNANTI ILLUMINATI E MUSCOLISTI-DOC

Esistono ottimi insegnanti anche nelle palestre e negli ambienti sportivi a rischio. Tanto di cappello per loro, in quanto assolvono con chiarezza e senso di responsabilità un importante compito. Meno tenero sono nei riguardi dei muscolisti di maniera, che purtroppo non mancano. Non ti farai certamente condizionare dai palestrati-doc, ossia da quella categoria di trainer mediocri e di pseudo-atleti costruiti artificialmente ad aria viziata, a proteine sintetiche, a miscele stimolanti e a integratori-spazzatura? Continua per la tua strada a combattere la tua lotta emancipativa, e i muscoli non tarderanno a darti ragione. Chi pensa di sviluppare muscoli potenti e duraturi a dispetto dalla salute generale del corpo, commette un errore marchiano.

PALESTRE E STADI DEVONO PRODURRE EDUCAZIONE E NON DISEDUCAZIONE

C’è davvero bisogno di una rivoluzione culturale e mentale, prima ancora che ginnica, negli stadi e nelle palestre. Il termine giusto è “rieducazione”, e purtroppo si tratta di un doppio lavoro. Prima occorre demolire i falsi dogmi sulle proteine e sui muscoli, e solo allora si potrà riprendere con gli esercizi respiratori, col corpo libero e con i vari attrezzi di supporto. Chissà che una atleta leggera e di taglia compatta come sei non riesca a dare un ottimo esempio intorno a sé? Sono certo che sarà così. Procedi per gradi, riprendi il peso che ti manca e non esagerare con gli sforzi fisici nella parte iniziale. Intendo dire non strafare e non andare oltre i tuoi limiti.

TESINE DA LEGGERE

Valdo Vaccaro

*****

MEMORABILE GUARIGIONE DA COLITE

09/01/2013

LETTERA  (inviata a Carmelo Scaffidi, ABIN-Bergamo)

UN ANNO FA ERO MALMESSA, CON STIPSI, REFLUSSO E DEPRESSIONE

Buongiorno Carmelo, a distanza di un anno il mio GRAZIE! Quando intrapresi questo percorso ero davvero messa male, con problemi digestivi, intestinali di stipsi e malassorbimento, reflusso, un pessimo rapporto col cibo, oltre a una depressione che sembrava, a 50 anni ormai cronica.

C’ERA IN BALLO LA MIA VITA

Io però, non sono un militare come te, ma sono comunque una donna di razza combattiva. C’era in ballo la mia salute e la mia vita! Cominciai a leggere i blog di Valdo Vaccaro, preziosissimi, insieme ai suoi libri e ad altri di autori Igienisti. Cambiai radicalmente le mie abitudini alimentari, privilegiando frutta e verdura che da anni i medici mi limitavano a causa, secondo loro, del mio colon irritabile.

LA TUA GUIDA E’ STATA PREZIOSA

Ma facevo ancora molti sbagli, esageravo nelle quantità, avevo crisi eliminative pazzesche. Insomma, sentivo di aver bisogno di una guida. Ti incontrai a Bergamo in una fredda mattina d’inverno. Fu talmente accogliente il tuo benvenuto che capii subito un fatto. Compresi che un altro tassello della mia guarigione si stava realizzando.

IL MIO RAPPORTO COL CIBO E’ CAMBIATO

Mi parlasti di cibo, ma anche della necessità di aria aperta, di contatto con la natura. Mi parlasti anche di spiritualità e questo mi piacque tantissimo. Oggi la mia digestione è migliorata, insieme al mio intestino. Il mio rapporto col cibo sta perdendo il carattere di battaglia dura e stressante, e sta assumendo sempre di più quello di una gioiosa riscoperta.

PIU’ SORRISI E PIU’ APERTURA VERSO IL PROSSIMO

Ma soprattutto mi è tornato il sorriso. Il mio spirito è leggero, amo di più, ascolto di più il prossimo! Sto usando poco l’auto perché hai ragione quando dici che ho bisogno di aria. Per ora vivo in una grande città, ma sono aperta a tutti i cambiamenti che la Vita vorrà portarmi!

SONO RICONOSCENTE A VOI E ALLA SCIENZA IGIENISTICA

Concludo questo mio grazie con il cuore pieno di riconoscenza e con il desiderio di “passare il
messaggio”. Mi piacerebbe tanto poter vivere l’Igienismo anche a un livello meno personale. Vorrei insomma poter offrire la mia incredibile esperienza al prossimo.

IL KNOW-HOW GUARITIVO NON DEVE ANDARE SPRECATO

Se ci saranno le condizioni, sarebbe bello riparlarne insieme, in modo che tanto dolore risolto non diventi esperienza sprecata, ma acquisti un senso ed un’utilità sociale. Ogni bene a voi in questo nuovo anno!
A. M.

*****

RISPOSTA  (di VV)

DIAMO AL MAESTRO SCAFFIDI CIO’ CHE GLI APPARTIENE DI DIRITTO

Ciao A.M. Mi fa molto piacere dei tuoi apprezzamenti nei riguardi non solo miei, ma di Scaffidi e dell’ABIN. Parliamo di un Maestro Terapeuta che ha dedicato 35 anni della sua vita all’ideale di una vita sana per sé e per la comunità. Un pozzo di esperienza, avendo lavorato a fianco di igienisti del calibro di Luigi Costacurta, di Michele Manca e del dottor Magnano.

UNA PERSONA UNICA E STRAORDINARIA

La cosa più bella di Scaffidi è la sua semplicità e la sua umiltà, il suo entusiasmo nel portare avanti e promuovere i suoi ideali. Chi lo conosce da vicino sa cosa intendo. Una persona generosa e speciale, oltre che fuori dall’ordinario. Non gli sono state risparmiate delle critiche. Troppo accentratore secondo alcuni, troppo legato ad alcuni prodotti naturopatici per essere igienista secondo altri. Io stesso, a volte, ho dovuto convogliare qualche critica arrivatami fra le righe.

L’UMILTA’ E LA DISPONIBILITA’ A MIGLIORARSI SONO SEGNO DI NOBILTA’

Mai si è offeso e mai se l’è presa. Ha saputo selezionare un segretario formidabile come Alex, delegando e decentrando finalmente. Sta riducendo al minimo indispensabile le sue curette e i suoi sali di contorno, in ottemperanza ai principi della non-cura igienistica. Insomma sta diventando bravo anche nei punti critici, dimostrando grande carattere.

PROGETTIAMO UNA RETE DI HEALTH-FOOD CENTRES

Per quanto concerne la tua voglia di dedicarti alla causa igienista, posso anticipare a te e ai tanti che vorrebbero entrare con maggiore enfasi nel movimento, che stiamo attivamente lavorando ad un importante progetto. Vorremmo lanciare una rete di cellule economiche-aziendali standardizzate in 2 formati A (soluzione minimale gestibile da 5 persone) e B (soluzione per 10 dipendenti), con dimensioni-design-equipaggiamento-menu standard, includente ristorantino vegancrudista, spaccio prodotti e spaccio libri.

ATTREZZATURE E MENU

Dovrà esserci un efficace reparto per la verdura cruda, un estrattore di succo per verdure, tuberi e per le spremute d’arancia, una gelatiera per il gelato alla banana-avocado-datteri, un forno a legna per le pizze vegane e per il pizzatato (patate grosse scavate un po’ al centro con aggiunta di ottimi stuzzichini), macchina per il pop-corn, friggitrice per patate-cipolla-peperoni-melanzane, peperonata, sfarinata di ceci, panini vegani standard con verdure-carciofino-pomodoro secco-crema di olive-pinoli. Inclusione di frico di patate e di polenta arrostita e formaggio per chi non ce la fa col veganismo integrale. Strudel di mele-pinoli-uvetta-datteri (senza zucchero) e castagnaccio come dessert. Più o meno questo.

TUTTO COME MCDONALDS MA CIBI FRESCHI E INNOCENTI, NIENTE SALME E NIENTE CADAVERINI

Vorremmo fare un paio di cellule pilota, capaci di fungere da scuola preparatoria e formativa per gli altri centri. I centri dovranno saper operare in piena autonomia reperendo i prodotti sul posto secondo criteri precisi che stabiliremo (non potremmo certo mobilitare mezzi di trasporto e depositi sullo stile della McDonalds).

L’IDEA E’ LANCIATA

Questo tipo di centri potrà essere inserito in pre-esistenti agriturismo, spesso in crisi di idee e risultati, oppure creati all’interno di abitazioni ristrutturate. L’importante sarà di poter disporre delle cose essenziali in modo standardizzato (con aggiunta di una manciata di variazioni di tipo stagionale e regionale) e di rispettare i nostri principi. Daremmo anche modo a molti giovani di darsi una autonomia economica e di crearsi un proprio posto di lavoro. L’idea è lanciata. Vediamo se siamo bravi a passare dal dire al fare. Chi ha delle idee migliorative si faccia pure avanti.

Valdo Vaccaro

*****

RETTOCOLITE E ANEMIA ADDIO

03/10/2010

LETTERA

Notizie eccezionali e da prima pagina

Ciao Valdo, ribadendo quanto detto alla riunione igienistica di Gandino, ti invio altri dettagli riguardo la patologia di mia moglie.
Posso dirti, facendo i dovuti scongiuri, che la rettocolite ulcerosa e la conseguente anemia, di cui era afflitta da ben 12 anni, sono ormai un ricordo del passato, ovvero di 4 mesi fa esattamente.
Cosa è successo di così importante e decisivo 4 mesi fa?
Abbiamo cominciato entrambi ad alimentarci in stile igienista e crudista.

Una guarigione rapida, totale e progressiva in soli 4 mesi

In questi 4 mesi sono successe tante cose in progressione, che voglio qui citare in dettaglio.
Dopo 20 giorni dall’inizio nuova dieta c’è stato lo stop ai sanguinamenti dovuti alle ulcere interne.
Dopo circa un mese e mezzo ha fatto l’esame della PCR (polymerase chain reaction, o reazione polimerasica a catena), che prima evidenziava sempre uno stato infiammatorio attivo (nonostante i farmaci che stava prendendo), e il risultato è stato che la PCR era sfiammata del tutto.
Dopo circa 3 mesi, ha fatto anche l’esame-anemia, col sangue tornato sorprendentemente ai livelli sani e normali.

Scomparsa radicale dell’infiammazione e stop a ogni tipo di farmaco

Praticamente, seguendo i consigli e i principi dell’igienismo, siamo passati da uno stato di costante infiammazione, con annesso anemia e malessere, debolezza e pallore, ad uno stato di perfetta normalità.
Siamo riusciti anche a passare da 4 pastiglie di Asalex al giorno a una sola (mantenuta sia ben chiaro per evitare prudentemente eventuali effetti perversi da astinenza, e anche questa pastiglia verrà tolta in questi giorni, prima del semidigiuno di ottobre in programma a Clusone.

Abolizione radicale del cortisone

Altro dato importante è che prima (cioè fino a 4 mesi fa) l’utilizzo del cortisone, una o due volte al mese, era di routine, mentre adesso lo abbiamo abolito del tutto rigorosamente.
Devo anche aggiungere che mia moglie, di tanto in tanto, si permette pure dei peccatucci di gola.

Siamo a disposizione del pubblico toscano ed italiano, per eventuali chiarimenti

Se c’è della gente in zona Lucca, o da altre parti d’Italia, interessata ad avere qualche informazione in più sull’igienismo, o eventualmente desiderosa di sapere direttamente come abbiamo fatto a ottenere questi sorprendenti ed eccezionali risultati, puoi dare il nostro indirizzo e-mail e il nostro numero di telefono: davidegiannotti@yahoo.it tel 327-3243104. Noi abitiamo a Barga, in provincia di Lucca.
Per quel che possiamo, siamo disposti a dare una mano e a fare del bene a chi sta soffrendo, senza altri secondi scopi. Un abbraccio. Michela e Davide

*****

RISPOSTA

Un doppio grazie a una giovane coppia di italiani dotati di alto senso civico

Vi ringrazio, cari Michela e Davide, per aver riportato con precisione le fasi di questa guarigione, ed anche per la vostra apertura mentale e il vostro alto senso civico e divulgativo.
Per l’igienismo, la vostra esperienza guaritiva è un fatto normale e di routine, anche se pochissima è la gente che ha il coraggio, la preparazione e la grinta di andare controcorrente, per cui mancano i grandi numeri e le statistiche.
Per la medicina il fatto è sicuramente sbalorditivo e inspiegabile. Tireranno fuori mille scuse per sminuire il caso. Lo classificheranno magari come effetto placebo, come guarigione psicologica e addirittura di tipo religioso, oppure ipotizzeranno accordi fraudolenti, mettendo in dubbio l’accaduto.

Se succedesse a un medico di guarire il diabete, la psoriasi, la rettocolite, l’emicrania, sarebbe già in lista per il premio Nobel

Se succedesse a un medico di guarire il diabete (vedi mia tesina dell’altro ieri dal titolo Movimento, crudismo e niente più insulina, e l’altra dal titolo La sconfitta del diabete, alla faccia dei medici, del 3/7/10). Se gli succedesse di guarire la psoriasi (vedi le testimonianze di guarigione da psoriasi), di guarire emicranie croniche (vedi Emicrania addio e bambini rinati, del 30/8/10), o di guarire crampi e dolori muscolari (vedi Fame placata, colon liberato e niente più dolori muscolari, del 28/7/10), o di guarire la rettocolite ulcerosa dopo 12 anni di sofferenze (come nel caso vostro), ci sarebbe di sicuro la notizia sulle prime pagine e un inserimento per il prossimo premio Nobel.

I veri cialtroni non mancano su internet

Ma se vai sulla melma ideologica che abbonda purtroppo in rete, è spuntato persino l’attributo di cialtrone. Almeno ci fossero delle spiegazioni. No, offendono punto e basta.
Non mi resta che ringraziare questi spara-cazzate a tradimento, rosi da accidiosa invidia o non so da quali altre patologie fisiche e spirituali. Comprendo che si tratta sempre di gente malata e bisognosa di cure, ma non ho alcun rimedio contro due malattie devastanti come la cattiveria e la maleducazione.

Un conto è la critica e un conto è il lerciume

Ho sempre accettato e commentato con pazienza le critiche.
Non chiedo santificazioni e iperboli a nessuno, ma un minimo di educazione e di rispetto, se non per me personalmente per gli ideali di salutismo che portiamo avanti, non guasterebbero.
Certa gente trova accesso a internet, mentre meriterebbe di appiccicare le proprie teorie e i propri commenti al massimo sulle pareti interne di qualche malandata toeletta pubblica.

Le guarigioni non sono opera nostra, ma per verificarsi necessitano di istruzioni genuine

Le guarigioni non sono certo merito mio, e questo lo ribadisco.
Nessuno guarisce in nessun campo.
Le guarigioni sono sempre e solo autoguarigioni, generate dal sistema immunitario.
Importante però istruire e indirizzare la gente nella giusta direzione.
Chiedo soltanto che si valutino le lezioni che sto dando, senza dare del santo o dell’eroe, e senza nemmeno dare gratuitamente dell’imbecille a me o a chicchessia. Anche perché la maleducazione e l’inciviltà si ripercuotono pesantemente sugli sgangherati coglionazzi autori di tali missive.

Il tentativo continuo di svalutare e ridicolizzare l’igienismo

Stanno cercando ogni mezzo per demolire la semplicità, la facilità e il successo garantito del sistema igienista, proprio perché esso rappresenta un punto di riferimento preciso per sani e malati, proprio per il suo non prestarsi agli istinti speculativi e ai voraci appetiti di certi gruppi industriali, alimentari, chimici e farmaceutici. Fanno di tutto per ignorare e ghettizzare l’igienismo, come fecero del resto i preti dell’Inquisizione con Pitagora e con le sue opere, perché esso è uno schiaffo continuo al cinismo, alle malattie, alla barbarie anti-animale, alle trasmissioni tele-diseducative tipo Gusto, o iper-macellatorie tipo Cotto e mangiato, alle pubblicità infami e deformanti che occupano in pianta stabile ogni canale televisivo.

Questa odierna guarigione vale per tutte le malattie infiammatorie del catalogo medico

Tengo a precisare un fatto importantissimo. Tengo a sottolineare che questa incontestabile testimonianza odierna di guarigione dalla rettocolite ulcerosa, non vale solo per la rettocolite, ma per tutte le infiammazioni e le ulcerazioni del corpo umano, poco importa il loro nome.
Vasculiti, artriti, spondiliti, otiti, cistiti, vaginiti, lipomi, tumori, sclerosi multiple, Alzheimer, Parkinson, lupus, e chi più ne ha più ne metta, sono tutte patologie in grado di risolversi positivamente puntando alla disinfiammazione sistematica dell’intestino e alla fluidificazione del sangue, tramite stop assoluto ai farmaci e ai vaccini e breve digiuno ripulitivo seguito da semidigiuno e da opportuna dieta vegana tendenzialmente crudista, tramite cioè paziente ricostruzione dell’equilibrio batterico gastrointestinale.

Le fortune immeritate degli allergologhi e degli immunologhi

Come rileva giustamente il valoroso medico italiano Giuseppe Nacci (vedi suo testo Diventa medico di te stesso), la specialità sanitaria più alla moda nei nostri tempi malandati è quella della cura delle allergie.
Allergologhi e immunologhi stanno facendo fortuna in ogni angolo del pianeta, sulle spalle della gente sempre più malata, sempre più disperata e sempre più disorientata, sempre più succube di cure strambe, di insegnamenti balordi e di divieti allucinanti.

Allergie e intolleranze non esistono, sono tutte invenzioni mediche, al pari dell’Aids

Tutto ciò quando allergie e intolleranze sono tutte riconducibili ad un unico quadro ezio-patogenetico che si chiama squilibrio-immunitario-da-disbiosi-intestinale.
Mangiare proteine animali significa condannare il colon umano alle diverticoliti, ai miasmi da topo morto, ai riflussi gastrici, alle incrostazioni fecali decennali, alla disbiosi intestinale che consiste nella modifica del quadro batterico normale ed equilibrato, e nella moltiplicazione patologica di germi anaerobi e putrefattivi, tipo i bacteroides, i pepto-streptococchi, i vibrio-colerae, la shigella dissenteriae, la pseudomonas aeruginosa, la klebsiella, l’escherichia coli, l’helicobacter pilori (quest’ultimo sconfina nello stomaco coi riflussi ed è causa di gastrite e di ulcera gastrica).

Equilibrio batterico uguale salute garantita

Il magico equilibrio tra batteri simbiotici-saprofiti e batteri disbiotici-anaerobi è fondamentale, per l’accettabilità dei cibi corretti, compatibili col nostro corpo smaccatamente fruttariano.
Abbiamo nell’intestino 500 specie di batteri diversi, e guai se non ci fossero.
Il problema è che serve una suddivisione bilanciata tra batteri simbiotici-saprofiti, e batteri disbiotici-anaerobi, i quali, in presenza di sangue denso, di digestioni lunghe e difficili, di stitichezza, di cronico surriscaldamento intestinale con febbre interna che anemizza e raffredda per reazione la pelle esterna e le estremità, rubano spazio ai batteri buoni, ai batteri saprofiti, causando terribili guasti e infiammazioni.
Ed è tutto qui il gioco della salute e della malattia.

Le intolleranze ai veleni veri è logico e giusto che esistano

Quando il colon è sano non esistono patologiche intolleranze al glutine chiamate celiachie, né tantomeno allergie ai vari frutti, ipocritamente misurate con tanto di scale reattive dagli azzeccagarbugli in camice.
Esistono invece soltanto le ovvie intolleranze al latte, al latticino, al fumo e all’alcol, che non sono affatto patologiche, in quanto testimoniano semmai una sana, forte ed auspicabile reattività immunitaria.

Da un milione a 100 miliardi di batteri per un grammo di materia fecale

Tanto per farci un’idea, la presenza di batteri passa da 1 milione per un grammo di massa fecale, tipica del piccolo intestino, alla iperbolica ed incredibile quantità di 100 miliardi per 1 solo grammo via-via che si scende verso la parte terminale del colon. E gli sviluppi batterici più intensi sono proprio dovuti alle colonie batteriche dei germi cattivi, dei germi anaerobi, essendo essi capaci di svilupparsi anche in piena putrefazione proteica tra cadaverine, ptomaine e ammoniache, cioè in assenza di ossigeno, a differenza dei batteri saprofiti, che pretendono più fibre vegetali imbevute di acqua e più ossigeno.
In realtà, non esistono germi buoni e germi cattivi, ma soltanto colonie di batteri che si sviluppano in senso salubre o patologico a seconda di come ci alimentiamo.

La sostanziale innocenza del’Helicobacter pilori

La furibonda lotta all’helicobacter pilori nelle cure della gastrite, tanto per fare un esempio, è ridicola, e serve solo a rovinare ulteriormente la salute della gente. Non si deve combattere il batterio, ma le scelte che portano all’appestamento proteico e alla moltiplicazione esagerata dell’helicobacter.
La frutta, la verdura, ed anche le spezie naturali, forniscono preziose fibre e ottima cellulosa, che favoriscono l’ossigenazione e il controllo batterico lungo il tratto intestinale, e contengono inoltre sostanze germicide, fungicide e parassicide (vedi cipolle, crescione, rucola, peperoni, ravanelli).

La salute umana si gioca tutta in un campo da tennis

La partita decisiva si gioca interamente nei 400-500 metri quadri di superficie utile gastrointestinale, sul campo da tennis del nostro apparato enterico, dove stanno pure le placche di Peyer, ovvero le centraline linfoidi del sistema immunitario.
Non servono a niente 300 lauree specialistiche in medicina, non servono a niente fior di docenti in gastroenterologia, quando manca la voglia genuina di guarire la gente, o quando la ricerca usa il paraocchi del guadagno, e quando opera in totale dipendenza e schiavitù delle multinazionali del farmaco.

Il ricercatore igienista è una vera spina nel fianco per i grossi interessi consolidati

Ecco perché il ricercatore igienista, medico o non-medico poco importa, viene deriso, dileggiato e chiamato cialtrone. Cialtrone perché rompe tremendamente i marroni alle case farmaceutiche, alle multinazionali della carne, dell’eparina, del farmaco, del vaccino.
Ed anche alle multinazionali del cibo ammalante e devitalizzato, delle bevande e della ristorazione, tipo Unilever, Philip Morris, Danone, Nestlè, Kraft, Cocacola, McDonald’s, Eridania, eccetera.

Rompe i marroni alla Casa Bianca, ma anche all’Agroalimentare italiano

Rompe i marroni ai ministri e ai presidenti americani, da sempre collusi con Big Pharma, da sempre culo e camicia con la Pfizer e la Glaxo, con i Rockefeller e la Monsanto, coi servizi segreti americani e di Sua Maestà la Regina d’Inghilterra.
Rompe pure i marroni ai ministri di casa nostra, al settore sanitario e all’Agroalimentare, al comparto salumi, vini, formaggi, prosciutti, dolciumi, delicato e strategico assai più dei dipinti di Giotto e Raffaello, più delle quartine di Dante, più dei Fioretti di San Francesco e delle opere di Leonardo.

Un delizioso succo d’arancia e un saporito panino vegano racchiudono l’essenza dell’igienismo

La semplicità e la facilità dell’igienismo naturale, a livello alimentare, stanno racchiuse in un delizioso bicchiere tutta-salute di succo d’arancia o di succo di carota (ottenibili in qualsiasi bar moderno), e in un panino vegano a base di pane integrale, spalmato di crema di olive o di carciofi, con 5 foglie di lattuga o radicchio, una fetta di melanzana e zucchina, due pomodori secchi, due carciofini e due noci o pinoli (che gli stessi bar potrebbero proporre anche a prezzo congruo, anziché impestare e contaminare i propri banconi-frigo con le carogne affettate e cimiteriali di poveri maiali che nulla hanno fatto di male per finire ingloriosamente nello stomaco infiammato e malaticcio della gente).

In nove righe sta l’intero schema virtuoso di una giornata alimentare igienistica

La semplicità e la schiettezza dell’igienismo naturale, a livello dietologico, si esplicano con una mangiata mattiniera di impeccabili agrumi e di altri frutti di tipo acquoso, con una crema di fiocchi di avena e semini pestellati alle 11, con un pranzo delle 13 basato su un’insalatona verde inclusiva di germogli e avocado, seguita da un primo piatto leggero a proprio gradimento (ideale patate-zucche-legumi, oppure cereali integrali e verdure, oppure pasta integrale al dente con verdure, oppure pizzetta vegana alla rucola e alle verdure non di scatola) e da una manciata di mandorle e noci.
Per la merenda, due altri pasti fruttariani alle 16 e alle 18. Per la cena delle 19 si ripete esattamente lo schema del pranzo, variando però i componenti (con esordio a base di cavoli e carote, anziché il radicchio e la lattuga, e con piatto di cereali e legumi, anziché le patate e le zucche di mezzogiorno).

D’accordo, ho lasciato fuori le delizie insanguinate del mattatoio

D’accordo, ho lasciato fuori le carni bianche, rosse e verdi, le frattaglie, le cervella, il delizioso sangue di maialino rappreso e dolcificato, i fegati, gli intestini, le eparine, la trippa, gli spiedini di pancreas, gli occhi di pecora arrostiti, le palle di toro in salmì, il prepuzio di asino alla romana, le emorroidi di struzzo alla bolognese, la fica di balena alla genovese, apportatrice di magici Omega3 come non esistessero le mandorle e i pinoli, e persino il frullato di scorpioni, formiche rosse, gamberi e granchi, indicato come massimo sostituto del Viagra.
Non solo per ovvi motivi etici, spirituali ed estetici, ma anche per le pesanti acidificazioni che causano, per le putrefazioni, le disbiosi e i radicali liberi che producono, per i sostanziali accorciamenti di salute e di vita che comportano.

E ho messo pure in disparte le sostanze ammalanti, dopanti, incretinenti e devitalizzanti

D’accordo, ho lasciato fuori il latte, i formaggi, il caffè, il the e il fumo.
D’accordo, ho lasciato fuori il vino e la birra.
D’accordo, ho lasciato fuori la coca-cola e le bevande gassate.
D’accordo, ho bacchettato le acque minerali cariche di inutili e dannosi minerali inorganici.
D’accordo, ho lasciato fuori i digestivi, i cardiotonici, i febbrifughi e tutti i medicinali droganti.
D’accordo, ho messo sul banco degli imputati le vitamine sintetiche, gli integratori, i farmaci e i vaccini.

Si può sapere cosa mai volete dalla vita?

Vi faccio una domanda soltanto.
Cosa cercate nella vita? La salute e il divertimento, oppure la malattia cronica e il drogamento?
Vi rendete fose conto che, ripulito il mondo da quanto sopra, con tutto quello che ne consegue in termini di macelli, di sangue, di sofferenza, di inquinamento, di desertificazione del suolo, di cinismo e vigliaccheria anti-animale universalizzata, rimangono 600 mila specie vegetali eduli, create per noi da un Dio fin troppo generoso, profumate, colorite, gradevoli e innocenti, da degustare con gioia, serenità, profitto e salute?
Tutte sostanze che sprizzano energia e salute, vibrazioni da 10 mila Angstrom e radiazioni non grigie e disperanti ai raggi X, come nel caso della carne, ma solari e rivitalizzanti all’infrarosso, come quelle della frutta.

Valdo Vaccaro

*****

RETTOCOLITE GUARITA, PAPILLOMI, NEI E CDC

15/07/2010

LETTERA

Dammi una informazione approndita su nei e verruche

Ciao Valdo, grazie di tutto.
Se hai tempo di rispondere vorrei sapere cosa sono i nei, perché marroni, neri, o rossi, grandi o piccini.
Sono pericolosi e possono scomparire?
Sono stato sintetico, come pretendi giustamente.

Rettocolite ulcerosa superata cambiando semplicemente la dieta e mollando i farmaci

A proposito della rettocolite ulcerosa di mia moglie, dopo anni di fastidi irrisolti, ha cominciato finalmente a stare bene.
Non ci credeva del tutto, e ha voluto così sottoporsi a nuovi controlli.
Gli esami, e mi pare si tratti di notizia importante per il tuo lavoro, hanno dato esito ottimo.
La colite è finalmente sfiammata, e la PCR (polymerase chain reaction, reazione polimerasica a catena) era a 0,37. Come dire a buon punto. Grazie e saluti
Davide

*****

RISPOSTA

Una notizia tecnicamente normale ma socialmente straordinaria

Parto dalla rettocolite ulcerosa e chiaramente sono felice per la notizia per certi versi normale, ma per altri straordinaria.
La cosa più bella è che tua moglie potrà vivere meglio, e che tutta la famiglia ne beneficierà.
La seconda cosa, non meno rilevante, è che la marea di persone affette da questa patologia, potrà fare le sue appropriate riflessioni su un fatto preciso, e cioè sulla realtà provata e dimostrata che col farmaco non guarisci mai e con l’intelligenza e la cultura guarisci sempre, se ci credi e se ti applichi con criterio.

Per tutti gli amici che mi scrivono e mi telefonano, il mio messaggio è che non curo

Molta gente mi chiede per email e telefono da Napoli, da Milano, da Torino e da altre località minori, di essere ricevuta a casa mia. Non sono attrezzato. Non sono medico. Non ho un ambulatorio. Non mi metto un camice per darmi delle arie o per giustificare una parcella. Non pongo le mie mani sulla parte dolorante. Non ho intrugli omeopatici od erboristici, e nemmeno braccialetti magnetici. Non infilo aghi né prescrivo pillole speciali distribuite da un amico farmacista. Non faccio inchini né segni di croce. Insomma non curo.
Sarei anche un pazzo a farlo, avendo in testa la cura della non-cura.

Ho un gruppo di fidati amici naturopati operanti in diverse località italiane

Nutro soltanto un religioso rispetto per la magnificenza e la generosità della Natura, per la sacralità di tutti gli animali, per la bellezza del corpo e dell’anima umana funzionanti.
Ho però una rete di amici naturopati che mi segue in Italia, e che sono in grado di intervenire e di assistere (sempre senza curare) sul loro rispettivo territorio. La credibilità che può derivare da casi come questo, può essere un capitale psicologico e morale che metto ben volentieri a loro disposizione, e a disposizione ovviamente dei loro clienti e del pubblico in generale.

Un semplice caso di autoguarigione, niente altro che questo

Non ci sono state visite. Non ci siamo incontrati. Ci conosciamo via internet.
Non mi sogno di attribuire a me stesso alcun merito particolare, all’infuori di aver dato una corretta informazione igienistica generale e particolareggiata.
Non faccio il guaritore e non mi gongolerò di alcun merito. Non si tratta di un miracolo, e nemmeno di un caso placebo.
Si tratta di un semplice e normalissimo caso di auto-guarigione, prodotta non dal succo d’arancia o dall’avocado o dall’anguria o dal radicchio in sé, ma dal sistema immunitario della moglie di Davide, che è stato messo in grado per la prima volta, dopo tanti anni di diete sbagliate e di aggressioni farmacologiche sbagliate, di funzionare come si deve. Questo è il modo corretto di leggere le cose.

Andiamo all’importantissima questione dei nei, che va ben oltre la dermatologia

Veniamo dunque ai puntini neri o multicolori chiamati nei.
Trattasi basilarmente di innocui difetti della pelle di cui non occorre assolutamente allarmarsi.
Soli in casi rarissimi possono diventare sedi di consistente tumore.
Ma anche in quei casi, il male, ovvero la neoformazione in crescita, non partirebbe da loro ma dall’accentuato grado di intossicazione interna dell’organismo.
È sempre l’uomo che, con le sue scelte nutrizionali e i suoi comportamenti o stili di vita, rappresenta la sorgente o il rubinetto dei veleni interni.

Nessun retaggio e nessuna malattia nascosta, nessun virus all’infuori delle nostre normalissime morie cellulari

I nei non sono un retaggio di mali infettivi, né tantomeno indice di tare fisiche o mentali, o doni della madre che ha toccato qualcosa di sbagliato o mangiato qualcosa di strambo.
Tutti i nei, siano singoli o in gruppo, siano macchioline piane e brune, o incolori verruche, o bitorzoletti pelosi e scuri, sono tutti, sempre e solo, innocenti doni dovuti ai capricci della Natura, nel suo normale lavoro di sviluppo dell’epidermide.

Granuli di pigmento o innocentissimi tumorini del sangue in superficie

Così, ogni macchia bruna è data dall’accumulo, in quel punto, di innumerevoli e minutissimi granuli di pigmento, ovvero strati sovrapposti sviluppatisi in quel punto.
Una larga chiazza vinosa, o una piccola macchia rossa e bernoccoluta non sono altro che abnormi sviluppi ed accumuli dei vasi sanguigni della pelle, o piccoli ed estesi tumori di sangue che in dermatologia vengono chiamati angiomi.
In linea generale, qualora dessero fastidio a livello estetico, sono sicuramente asportabili o bruciabili senza conseguenze da un buon dermatologo, trattandosi di operazioni facili e in superficie.

Le crescite che vanno e vengono in continuazione

Nel lavoro incessante di sviluppo e di moria cellulare, di anabolismo e catabolismo, siamo tutti produttori a tempo pieno di cistine e tumorini e calcolini che vanno e vengono, che arrivano e scompaiono. È anche per questo che fare degli esami in continuazione è sciocco, stupido, inutile e dannoso. Fai l’esame o la mammografia negativa oggi e lo stress diagnostico ti fa magari crescere una cistina o un fibromino 2 giorni dopo. Che senso ha?

L’autolisi da digiuno procede sempre per gradi

Le crescite più recenti, e comunque le imperfezioni epidermiche, sono sicuramente disgregabili attraverso digiuno. Ogni cannibalizzazione corporale, in fase di affamazione cellulare digiunistica, comporta però una scala di obiettivi prioritari.
Le prime cose a fuoriuscire sono le acqua stanche e il muco, poi i depositi di grasso associati al sangue e ai cuscinetti e agli organi ingrossati, poi le calcificazioni più recenti accumulate nei calcoli, poi i depositi minerali associati al colesterolo, poi gli urati e le stalattiti minerali dei giunti, poi le crescite tumorali partendo dalle più recenti, poi i tessuti irregolarmente cresciuti e sviluppatisi diventando stabili.

Nessuna preoccupazione significa nessun business

Nessuna preoccupazione dunque.
Ma, e qui c’è un forte ma, nessuna preoccupazione significa nessun business.
Sia mai detto che la medicina non sfrutti il lato terroristico della questione.
Già la parola angioma finisce per oma.

Attenzione ai suffissi in oma

In greco, òma e òmatos significano ingrossamento, ipertrofia, processo infiammatorio circoscritto.
Le parole con suffisso, o parte terminale in oma, hanno acquisito un particolare significato.
In termini medici correnti, ogni parola che termina in oma, ha un suono sinistro, e vuol dire tumefazione o anche tumore.
Ma in ambiente medico il termine oma è musica suadente e confortevole, è denaro contante assicurato.
Per la gente invece, fibroma, linfoma, adenoma, mioma, melanoma, neuroma, sono cose che mai nessuno vorrebbe sentire, ed il neo è un angioma.

Le aziende leader del gruppo Big Pharma e la dea bendata CDC

In più, ci sono al mondo ditte specializzate a sfruttare al meglio il lato terroristico della questione.
La loro dea bendata non è la fortuna, ma la CDC (Central Disease Control) americana, quella che pianifica e inventa con anni di anticipo tutte le pesti vere, false e presunte del pianeta.
Siccome le pesti bubboniche vere non sono mai esistite, mentre l’ignoranza, la superstizione, la credulità e il vuduismo esistono eccome, la CDC è specialista mondiale in ignoranza e in colonizzazione dei popoli mediante le sue leggi. Il suo fatturato netto è tra i più redditizi dell’universo.
I suoi sponsor sono l’OMS, la Casa Bianca e i Servizi Segreti.

Un lavoro di progettazione e di pestilenza

Come in Italia abbiamo Bertone e Giugiaro che disegnano lo stile delle auto di ogni paese, così la CDC fa lavori di progettazione e di pestilenza, a favore esclusivo della Casa Bianca, della Chiesa medica di Atlanta (FDA, NIC, OMS, WHO), della chiesa farmaceutica di Atlanta (Pfizer), e dei giganti della carne (Robbins, Smithfield) e del latte (NDC, National Dairy Council), localizzati in zona Chicago.

La CDC dell’AIDS e della pandemia messicana

Quella CDC che aveva nei suoi cassetti per anni il progetto GRID (gay related immunodeficiency disease), e che poi dopo averlo lanciato nei primi anni ‘80, lo ha ritoccato in corso d’opera, trasformandolo in AIDS (acquired immunodeficiency disease syndrome), causato da un immaginario, mai esistito e mai isolato HIV.
Quella CDC che ha manovrato tutte le orribili stronzate relative alla pandemia messicana.
Quella CDC che soffia in continuazione sul fuoco delle cosiddette pesti, demonizzando virus ignari e defunti, tranquilli e innocenti, che muoiono a frotte in continuazione, come assegnato e disegnato dal buon Dio creatore.

La CDC dell’Epstein Barr, dei falsi herpes contagianti e delle false epatiti virali alfabetizzate

Quella vile e ripugnante CDC che demonizza ogni sana eruzione cutanea, ogni indispensabile scarico veleni, barattandoli per herpes contagiosissimi, per Epstein Barr e per patologie oscure e demoniache, e trasforma ogni avvelenamento epatico con ovvia, pacifica e innocente moria cellulare in zona fegato, in spaventose epatiti virali a copertura di ogni lettera dell’alfabeto.
Quella cinica e criminalissima CDC, che le camere a gas hitleriane non basterebbero in termini di punizione e di commisurata cancellazione reati contro l’intera comunità mondiale.

La CDC circondata da vassalli e leccaculi

Quella falsa CDC che estrae dal cassetto in continuazione lo spettro della influenza spagnola e dei 100 milioni di morti, causati dalle cure mediche e non certo da nessun agente batterico-virale.
Quella sorniona, demoniaca e corrotta CDC, che manda i suoi demenziali bollettini di guerra ad ogni cambio di stagione inventando provenienze virali di ceppi fantasiosi, burleschi e inesistenti, indirizzandoli ai suoi servi e ai suoi coloni, ai suoi vassalli e ai suoi leccaculi, ai suoi ministri e ai suoi sottosegretari, ai suoi docenti di virologia ed immunologia, tuitti ben piazzati ed incollati a cadreghe e cattedre, a pensioni milionarie, a treni gratuiti e auto blu, e regolarmente finanziati dalle loro vittime chiamate popoli.

La CDC del nuovo AIDS femminile chiamato Papilloma Virus

Quella CDC che incarna il peggior monattismo e il più becero untorismo mondiale, e che è circondata da un esercito di gente debosciata ed immorale, priva di scienza e di conoscenza, ma colma di arroganza e di inesistenti certezze.
Quella ipocrita CDC che, essendosi via-via esaurito il filone d’oro dell’AIDS, essendo andato in calo il business rivoltante, meschino e cimiteriale dell’AIDS (salvo il tardivo risveglio di mercati importanti come Vietnam, India e Cina, curati dall’ineffabile cassiere dell’AIDS Bill Clinton), sta puntando tutto sul nuovo AIDS femminile, ovvero del terribile morbo del Terzo Millennio, chiamato PV, che non significa la targa della bella città di Pavia, ma semplicemente Papilloma Virus.

I salvatori della patria al soldo della GlaxoSmithKline

In Filippine la caccia furibonda alle donne con una piccola verruchetta sulle gambe o sul braccio, è partita da diverso tempo.
Anzi, non alle donne, ma alle bambine di 5-6 anni, perché è da lì che bisogna cominciare.
I servi filippini dei monatti appaiono su giornali e riviste con tanto di foto, e di sorriso a 500 candele, con la nomea di salvatori della patria.
Lavorano per la benefattrice numero uno dell’umanità, la mitica GlaxoSmithKline, capace ormai di insidiare la prima posizione alla stessa Pfizer, se non fosse per l’esclusiva che quest’ultima ha sulle budella di maiale, ovvero sull’eparina mondiale.

Tripli turni di lavoro alla GlaxoSmithKline

Alla ditta inglese non si fermano mai.
Tre turni al giorno, e una serie di vaccinazioni per 30 tipi di verruche, a cui le bambine, le giovani, le adulte, dovranno sottostare più volte l’anno, se non vorranno infettare i loro mariti, e finire malissimo tra le atroci sofferenze dei cancri papillo-virali che assediano la popolazione femminile mondiale.
Una ennesima martellata all’attrazione fisica ed erotica tra i sessi.
Un ennesimo invito papale a coniugare la frase Chi usa Hatù non cambia più, con grande soddisfazione del mondo del petrolio e della plastica.

Innocenti verruche, che le ragazze di un tempo contrastavano efficacemente con la celidonia

Ecco allora, e concludo, caro Davide, come si fa a trasformare una cosa da niente in una cosa da tutto, una innocentissima verruca, che la fai sparire per sempre con poche gocce gialle ripetute per giorni, di una pianticella selvatica chiamata celidonia, l’erba preferita da Maurice Mességué (erba delle rondini, erba dei caproni, erba delle verruche).
Ecco come, col terrore in una mano e la carota corruttrice nell’altra, questa gente si muove, traffica, ordisce e congiura contro l’umanità, contro le donne di tutto il mondo che, ignare, continuano a parlare di creme e di belletti, di ciprie e di rassodanti, di George Clooney e di Grande Fratello, mentre infami macchinazioni si stanno compiendo ai loro danni.

Valdo Vaccaro

*****

LA TESTIMONIANZA DI PAOLA ZECCA

Anche a me é stata diagnosticata la RCU nel 2006, ho passato 10 anni di inferno per colpa dei medici e ora sto risolvendo la situazione, piano piano, grazie al vegan-crudismo e alla naturopatia. In quest’ultimo caso ho potuto godede dei consulti di Carmelo Scaffidi.

Non abbiate paura di eliminare immediatamente l’assunzione dei farmaci! Io prendevo ogni giorno 1cpr di gastroprotettore, 3cpr di Asalex 800, 1cpr Purinethol (immunosopprsssore)50 mg e sospensione rettale la sera. Anche a me hanno fatto fare due cicli di cortisone, ma ho avuto delle crisi di astinenza che mi hanno fatto finire in ospedale perché mi si erano immobilizzate tutte le articolazioni e mi hanno sottoposto a trasfusioni di sangue.

Mi hanno trattato come una vera e propria cavia da laboratorio: infusioni con Remicade che hanno provocato solo una gigantesca reazione allergica con eczema microbico estesa in tutto il corpo (al policlinico di Milano mi hanno perfino fotografato perché non avevano mai visto una cosa del genere!); cortisone come se piovesse perché così dovevo fare, senza tante spiegazioni, anche quando ero in remissione.

Per non parlare della dieta che mi avevano suggerito di seguire: carne rossa a più non posso per l’anemia, integratori di ferro sempre x l’anemia e generici integratori vitaminici per tirarmi un po’ su. Con tutti quegli integratori sarei dovuta diventare Hulk, invece non riuscivo nemmeno ad abbronzarmi sotto il sole.

Un giorno ho detto BASTA! e ho iniziato ad informarmi da sola, leggevo libri sulla naturopatia e per fortuna ho scoperto il blog di Valdo. Ho iniziato inserendo nella mia dieta le cetrifughe di frutta e di verdura (se non potevo mangiarle volevo capire se fosse auccesso qualcosa bevendole), ho eliminato la carne dalla dieta e ho notato immediatamente dei cambiamenti, primo fra tutti la scomparsa delle emorroidi che tanto mi facevano penare e che mi hanno costretto a lasciare il lavoro più di una volta.

Poi ho deciso: basta medicine, via tutto, e 5 gg di digiuno bevendo solo acqua con spremuta di arancia e limone. Ovviamente é arrivata la crisi eliminativa che nel mio caso si é presentata con scariche diarrotiche e forte debilitazione. Ero proprio uno straccio, ma capivo che il mio corpo doveva attraversare quella fase per rimettersi in piedi.

Ho interrotto il digiuno con la frutta, le centrifughe, le zuppe di patata e ortaggi, minestrine e pian piano seguendo le indicazioni di Valdo. Poi ho deciso di contattare Carmelo Scaffidi, grande naturopata e grande uomo che mi ha dato delle indicazioni specifiche sulla dieta e sulle tecniche della naturopatia per eliminare “la febbre interna” che scatena la malattia.

Ora sto molto meglio, non tocco medicine o integratori da quasi 2 anni e come per magia la mia pelle é tornata ad abbronzarsi sotto il sole! In questo momento sto attraversando un periodo di down, la mattina, al momento dellevacuazione, le feci sono sempre molli ma per fortuna nn c’è mai sangue. Sicuramente dovuto al fatto che ho sgarrato dalle indicazioni della naturopatia o sto facendo qualcosa di sbagliato nella dieta, sará l’occasione per tornare a far visita a Carmelo!

Tutto questo per dire che se quel giorno non avessi dato ascolto al mio istinto nel diffidare da quello che mi dicevano i medici e prendere tutto quello che usciva dalle loro bocche per oro colato, chissá quanti problemi avrei ancora e in quale reparto ospedaliero sarei ricoverata.

Paola Zecca

 

DISCLAIMER: Valdo Vaccaro non è medico, ma libero ricercatore e filosofo della salute. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Condividi con i tuoi amici.

Comments are closed.