Seleziona una pagina

SUPER-CIBI, SUPER-PENSIERI, SUPER-CARBURANTI, SUPER-SALUTE

da 20 Giu 2022Igienismo, Salute

SIGNIFICATO DI VITTO VALDIANO E PENSIERO VALDIANO

Sono ormai in molti a chiedermi cosa significa Vitto Valdiano e Comportamento Valdiano, termini scherzosi coniati dagli amici ma poi diventati col tempo una cosa piuttosto seria, quasi una specie di marchio di fabbrica o di patente. Sono termini che esprimono una condizione reale di equilibrio, di armonia, di benessere fisico, mentale e spirituale ottenibile mediante una serie di scelte selettive di stili di vita applicati con coerenza e regolarità. Dopotutto siamo stati dotati di magnifiche risorse interne.

SISTEMA VEGAN-CRUDISTA TENDENZIALE-SOSTENIBILE-PERSONALIZZATO

Partiamo pure con la messa a punto di un linguaggio comune. Quando affermo che Vitto Valdiano è un sistema vegan-crudista, potrei spaventare e scoraggiare più di qualcuno e fargli dire “No, questo non fa per me!”. Ma se a tale espressione vi aggiungo tre aggettivi che sono TENDENZIALE (non dogmatico, non rigoroso ma flessibile), SOSTENIBILE (accettabile, gradito, adattabile ai propri gusti e alle proprie esigenze), e PERSONALIZZATO (adattato alle esigenze di ciascun soggetto, dal momento che ogni persona è diversa da tutte le altre ed è persino unica al mondo, per cui nessuna dieta e nessuna cura possono funzionare se concepite come schema fisso e standardizzato per tutti, secondo un protocollo fisso e inalterato), ecco allora che uno ci pensa sopra e si rende conto che il discorso ha una sua logica stringente ed è basato sul buon senso.

COME DEV’ESSERE IN CONCRETO IL CIBO CHE ASSUMIAMO

In una visuale ancora più chiara, più terra-terra, il cibo, il carburante umano di elezione, quello che il nostro organismo gradisce ha queste caratteristiche: semplice, sobrio, vitale, digeribile, innocente, col minor impatto ambientale verso la natura e verso le esigenze di rispetto per la vita delle altre creature viventi del pianeta che sono dotate di diritti pari a quelli nostri. E deve essere soprattutto concretamente funzionante come metodo e come filosofia esistenziale perché, se non mantiene le sue promesse, se non risulta efficace nella vita di ogni giorno, nessuno sarà disposto a seguirlo.

DIMMI CON CHI VAI E TI DIRÒ CHI SEI

Per valutare una persona bisogna conoscere quali sono le persone che essa frequenta. Ebbene, il Vitto Valdiano è qualcosa che sorge, si sviluppa e si evolve in linea con un formidabile gruppo di maestri che anche a distanza di millenni hanno in comune una incrollabile determinazione di insegnare all’uomo COME STARE AL MONDO onorando il proprio Creatore e Madre Natura, stimando e non violando le Leggi che le Divinità hanno stabilito perché egli rimanga Protagonista e Frammento Divino e non degeneri in un essere mediocre e di scarso valore.

INTORNO ALLA VITA SOBRIA

Il Vitto Valldiano si realizza intorno alla vita sobria. “Intorno alla Vita Sobria” che è anche il titolo del primo libro nella storia che tratta coerentemente di scienza igienistica applicata a vicende di vita vissuta e raccontata in prima persona da Luigi Alvise Cornaro, nobile veneto gaudente al quale i suoi medici avevano dato al massimo 3 mesi ancora da vivere. Cornaro amava troppo la vita per accettare passivamente quel sinistro verdetto. Pescando negli insegnamenti della Scuola Salernitana fece suoi i saggi principi di tale scuola e li applicò in modo stabile e concreto nella vita di ogni giorno. Alla fine non solo sopravvisse ai medici, ai loro figli, nipoti e pronipoti, ma arrivato alla soglia dei cento anni scrisse il citato testo “Intorno alla Vita Sobria”, facendone un vero e proprio regolamento comportamentale, un codice di vita semplice e soddisfacente, niente affatto rinunciatario o autopunitivo.

IN TOTALE COERENZA CON UN AUTENTICO FILONE D’ORO

Ma la base solida e vincente di questo sistema abbraccia un arco di conoscenze vastissimo che va dai primordi della civiltà umana, passando per l’età rinascimentale e includendo i maestri e i saggi dell’epoca contemporanea, e pertanto con i pionieri della American Natural Hygiene School e alcuni altri saggi appartenenti di diritto a questo filone d’oro che mette al primo posto della propria esistenza il Conoscere Te Stesso e la diffusione della Scienza del Vivere Sani, Liberi e Felici.

LA CURA DELLA NON CURA SUL SINTOMO

Vitto Valdiano significa “Cura della Non-Cura sul Sintomo”. Vitto Valdiano significa parlare molto di sistema emuntorio, di acqua biologica, di reni e di pelle, di esposizione solare, di movimento, di respirazione profonda e di traspirazione, per il fatto che siamo fatti di acqua non al 9 o al 19%, ma all’80%.

UNA FORMIDABILE SEQUENZA DI GRANDI MAESTRI

In stringata sintesi, i Maestri di qualità eccellente e superiore includono soggetti di ogni continente, partendo da Lao Tzu, autore del Tao Te Ching, libro più letto e popolare al mondo, dove il filosofo cinese invita l’umanità ad essere serena e rilassata, a non drammatizzare i problemi, ad adottare i principi del Wu Wei, ovvero nel dare assoluta priorità al sorriso, a quel tipico atteggiamento che viene definito comunemente come “Take it Easy”. Non lontano da tali posizioni troviamo la filosofia dei Veda o Vedanda, del Gauthama Buddha e della filosofia ampiamente praticata nel Tibet da millenni, oltre che quelle che stanno alla base della cultura Egizia, e di quella Assiro-Babilonese di Zarathustra, sostenitrice di una integrazione perfetta tra materiale e spirituale.

DALL’ANTICA GRECIA AL TIBET

Passando poi alla Antica Grecia troviamo spunti di straordinario valore con le divinità dell’Olimpo, con l’arte narrativa di Omero, con la grandezza dell’Imperatore Alessandro Magno davanti alla morte, con la stupefacente lezione morale di Diogene, sempre alla vana ricerca di uomo autentico con la sua celebre lampada accesa di giorno. In armonia con tutto questo, il Credo Tibetano delle Grotte e dei Monasteri Himalayani, tra i primi ad aver capito che il corpo, la mente e la meditazione spirituale sono le cose essenziali per mantenere il fisico e il morale in perfetta forma. E tutto questo abbinato ad una dieta naturale e semplice che permette di mantenere un benessere generale.

HEROFILO, SCUOLA DI ALESSANDRIA E UNA DONNA STRAORDINARIA DI NOME HYPATIA

Stesso discorso per Herofilo, fondatore della Scuola Medica di Alessandria, dove la salute viene posta al primo posto ben davanti a poteri temporali, a ricchezze e possessi materiali. Stesso discorso per Hypazia, grande matematica, igienista ed eroina che per i suoi alti livelli di civiltà e per il suo ruolo di emancipatrice nei riguardi di tutte le donne, venne fatta violentare e tagliare a pezzi dall’arcivescovo romano Cirillo. E tutto questo è abbinato ad una dieta naturale e semplice che permette un benessere generale. Non meno grande la Magna Grecia del Meridione d’Italia e l’antica Roma, estremamente diversa per valore, levatura e magnificenza a confronto di quella odierna. Nella Magna Grecia brillano le stelle di Pitagora, adoratore del sole e strenuo difensore degli animali, e di Parmenide, amico della febbre alta con la quale riuscirebbe a fare mirabilie.

NON A CASO ROMA ANTICA DIVENTA DOMINATRICE MONDIALE

Nella Roma Antica esiste addirittura un firmamento di maestri, di filosofi e di oratori che vanno da Marco Tullio Cicerone, al grande autore satirico Decimo Giunio Giovenale, agli stoici Seneca, Epitteto, Catone, Zenone e allo stesso Imperatore Marco Aurelio, il quale insegnava che ogni uomo di valore dovesse lasciare una impronta degna di sé alla fine di ogni sua giornata, in termini di pensieri, parole ed azioni concrete.

GIORDANO BRUNO E LEONARDO DA VINCI

Un piccolo salto nel Cinquecento, era di prestigiosi personaggi nelle arti e nel pensiero umano, a partire da Giordano Bruno che metteva in guardia l’uomo dal pensare che la vita sia basata sulle cose che vediamo con gli occhi e che tocchiamo con le dita, quando invece dovrebbe dominare e imperare su tutto l’aspetto spirituale. E fu per colpa di queste sue straordinarie percezioni che Clemente VIII lo fece ardere in pubblico a Campo de’ Fiori nel febbraio del 1601. Come non ricordare qui l’altra figura superba che risponde al nome di Leonardo da Vinci, inventore visionario, oltre che della Gioconda, nota anche come Monna Lisa. Si tratta indubbiamente del ritratto più celebre della storia, di una delle opere d’arte più note in assoluto. Eppure pochi al mondo sanno che l’opera più carica di valore di Leonardo rimane il suo detto profetico “Verrà il giorno in cui ogni uccisione di un animale indifeso verrà giudicata come orribile delitto”.

PARACELSO ANTI-MEDICO PER ECCELLENZA

Allo stesso periodo di Leonardo appartiene pure Paracelso, ironico e pungente contro la odiosa presunzione dei medici. “Ho imparato di più dai barbieri, dalle prostitute e dai mendicanti che nella aule magne della Medicina”, una delle sue battute più significative.

SENZA SCORDARE I GRANDI MAESTRI DELL’ERA CONTEMPORANEA

Ma provo un notevole attaccamento anche ai maestri del nostro tempo. Per non farla lunga mi limiterò a parlare di William Osler, considerato padre della Medicina Contemporanea, di Herbert Shelton, capofila della Scuola Igienista Americana, Padre Taddeo, geniale medico tedesco operante nel monastero di Wiesent in Baviera, e Alec Burton.

WILLIAM OSLER ED HERBERT SHELTON

Per Osler il medico più vero, più competente, più onesto e sincero non cura nessuno ma fa qualcosa di ben diverso. Egli educa sani e meno sani a stare lontani da operazioni chirurgiche invasive e inutili, da farmaci, da vaccini e da integratori sintetici. Per Shelton, basti dire che entrò e uscì per una trentina di volte dalle carceri americane, colpevole di aver parlato chiaro contro la medicina corrotta, inetta e presuntuosa, collusa con le multinazionali farmaceutiche.

PADRE TADDEO DA WIESENT-BAVIERA

Il più ignorato e il più immenso medico di tutti rimane Padre Taddeo da Wiesent, rifugiatosi a vita in un monastero della Baviera per sfuggire alla ignoranza, alla gelosia e alla imbecillità dei suoi colleghi medici. Celebre il suo mantra per cui “Nessuno al mondo muore di cardiopatie, di cancro, di diabete o di altre patologie, ma tutti muoiono di una cosa soltanto che è il sangue guasto che circola con difficoltà”. Niente cure assurde pertanto, ma sempre e solo attenzioni speciali al sangue, alla linfa, a tutti i liquidi contenuti nel mesenchima.

ALEC BURTON, UNA AUTENTICA PERLA DELLA RICERCA MEDICA

Ill più emozionante omaggio che la Provvidenza Divina mi ha generosamente riservato è quello di avermi concesso il privilegio di conoscere di persona diventandone amico, di Alec Burton, per oltre 10 anni presidente della Associazione Internazionale dei Medici Igienisti. È da lui che ho appreso alcuni concetti essenziali sulla salute e sulla malattia. Le cosiddette malattie sono per lui una invenzione della medicina convenzionale, qualcosa che nella realtà non esiste. Quelle che vengono definite malattie sono in realtà campanelli d’allarme che insorgono e si fanno sentire ogni qualvolta la nostra tossiemia interna supera il livello di guardia, il livello di tolleranza ai veleni. Le malattie sono una scorciatoia, un rimedio formidabile per arrivare al riequilibrio nei tempi più brevi. Non malattia ma processo protettivo, depurativo e adattivo alle condizioni uniche e variabili di ciascuno. Pertanto ogni tentativo di curare e di soffocare un sintomo è per Burton non solo il massimo della assurdità, ma anche un atto di perniciosa superstizione, qualcosa che rende la medicina convenzionale obsoleta e fallimentare.

RALPH CINQUE

Infine devo citare tra i grandi maestri odierni il prof Ralph Cinque, vivente, titolare dell’Health Retreat di Buda in Texas, allievo di Shelton e fine conoscitore della materia igienistica. L’ho conosciuto di persona sempre nel campus della Baltimora University, mentre si mangiava tranquillamente un piatto di polenta di mais. Ci ha lasciato un libro a dir poco formidabile come “Quit for good”, dove mette in chiaro la necessità di mettere assolutamente da parte medici ospedalieri e relativi medicinali se intendiamo davvero risolvere le malattie in modo serio e stabile.

È LA FORZA VITALE PRESENTE NEL CORPO L’UNICA DEPUTATA A RIMETTERCI IN CARREGGIATA

Il corpo cresce e matura per suo conto autonomamente. I processi di riparazione, di rimodernamento, di rimpiazzamento, di sostituzione dei tessuti logori, avvengono senza la nostra direzione cosciente. I processi di guarigione non vengono realizzati dal di fuori dell’individuo. Cosa fa allora l’Igienista? Assiste e incoraggia il paziente a trovare la causa della malattia e a rimuoverla, cioè a provvedere ai requisiti per la salute. In ogni caso è il corpo che effettua la guarigione, non la cura e la terapia applicata. Restoring health is the natural tendency of the body, ovvero il ripristino della salute è naturale tendenza del corpo. La risoluzione della malattia non è affare di nessun sistema medico. La natura svolge il suo ruolo. In qualsiasi alterazione chiamata impropriamente malattia, quando la forza vitale è sufficiente, la natura effettua una auto-cura. Il medico, molto ignorante e impreparato, commette il grave errore di confondere il suo obiettivo. Attacca con violenza il sintomo e va a soffocare la forza vitale, l’energia vitale, anziché concentrare le sue attenzioni sulle reali cause di malattia. Quando la Natura (Sovrana Medicatrice presente al nostro interno) viene lasciata fare, la lotta è breve in proporzione, per cui segue una pronta guarigione.

NON ESISTE NULLA MIGLIORE DEL FARE NIENTE

È sempre meglio ed è sempre più sicuro fare niente, diceva il grande Thomas Low Nichols (1815-1901). Come si può prevenire una malattia? Semplicemente in 2 modi: 1) Vivere salubre secondo natura, in pieno accordo e armonia con le regole della non interferenza, 2) Evitando di causare ogni pratica intossicante, e pertanto mantenendo la forza e la purezza del sistema ai massimi livelli, per cui niente eccessi e mai mettere a rischio le proprie forze vitali. Non ci sono scuse. Il solo modo per prevenire le malattie è studiare-studiare-studiare, obbedendo alle LEGGI DELLA VITA. Quando poi si guarisce, lo si fa perché il corpo stesso ha svolto il suo lavoro, perché l’organismo vivente ha completato il suo compito, e non il trattamento esterno.

CORPO PROTAGONISTA UNICO DELL’AUTO-GUARIGIONE

Facciamo alcuni esempi. L’insulina non cura e non inverte il diabete. Essa controlla il livello di zuccheri nel sangue ma non ha alcun effetto sul perché la persona è diabetica. Il cancro al seno non è assolutamente curato e risolto dalla mastectomia, come l’emicrania non viene di certo bloccata dalla decapitazione del paziente. Si può rimuovere la parte critica ma questo non fa nulla per interrompere e bloccare il processo patologico sottostante, quello che ha causato la lesione cancerosa. I veri fattori di cancro al seno (dieta alto-grassa e alto-proteica, dieta a basso contenuto di acqua biologica e di fibre, aumento del livello di estrogeni) continuano a creare problemi gravi in altre parti sensibili del corpo anche dopo che il seno è stato rimosso, producendo sofferenza cardiaca, cancro intestinale, cancro uterino.

LE INTERFERENZE NON PRODUCONO GLI EFFETTI DESIDERATI

Si può interferire col processo di guarigione, ma non si può curare. Se un paziente è costipato e andiamo a stimolarlo con un lassativo, smuoviamo il suo blocco intestinale, ma la causa del problema reale rimane al suo posto, per cui i sintomi riappaiono non appena interrompiamo il trattamento curativo. La stessa cosa accade quando cerchiamo di sopprimere la diarrea mediante un agente anti-diarroico sintetico, o anche mediante un’erba naturale con effetti astringenti.

LA LEGGE DELLA NON CURA PREVALE SU TUTTO IL RESTO

Succede piuttosto che una cura inopportuna sia causa di squilibrio verso il processo auto-guaritivivo. In ogni caso la salute è lo stato naturale dell’organismo e avviene spontaneamente allorquando rispettiamo le sue esigenze e le sue regole. Persino le cure fito-terapiche, o i rimedi naturali e innocenti che segnalerò per ciascun vegetale elencato qui di seguito, vanno prese con le pinzette e con cautela, vanno considerate come una blanda interferenza. Interferenza che ha il vantaggio di non creare i pesanti effetti collaterali e dopanti tipici di tutte le sostanze chimiche di sintesi. Le varie proprietà dei vegetali esistono ed è giusto evidenziarle, ma la Legge della Non Cura sul Sintomo è di grado superiore e prevale sia tutto il resto. Anche perché tale Legge include il Principio irrinunciabile del MINIMO IMPATTO sulla Natura e sulle creature magnifiche che ci attorniano.

ALLOPATIA E OMEOPATIA FINISCONO PER ESSERE SISTEMI DI CURA SUL SINTOMO

In ogni caso se la guarigione avviene è opera del corpo. Ogni altro tipo di cura finisce per essere un trattamento sintomatico facente parte della allopatia. La medicina ortodossa e convenzionale è di fatto un sistema allopatico. Chiunque si focalizzi primariamente sui trattamenti del paziente piuttosto che sul rimuovere i fattori causanti di malattia è un allopata, cioè un terapeuta allopatico. Omeopati e naturopati offrono pure rimedi che vanno fuori del seminato.

ALLA LARGA DALLA CHIMICA, SALVO NEI CASI DI REALE EMERGENZA

Se la gente comprendesse davvero come funzionano i farmaci, li assumerebbe con diversa attenzione e facilità, essendo essi estremamente dannosi e deleteri nel lungo periodo. I medicinali non fanno altro che sballare gli equilibri di base. Ovvio che a volte, nei casi di reale emergenza, l’approccio di breve periodo potrebbe essere inevitabile mancando il tempo materiale per portare l’organismo alla risoluzione della crisi. Nella meningite batterica può succedere ad esempio che un danno cerebrale permanente possa avvenire in poche ore a meno che non si adotti una cura antibiotica di emergenza. In casi di asma grave, una persona può soffocare e morire per mancanza di adeguato trattamento medico. Tuttavia è raro che queste emergenze giustifichino e legittimino la cura.

VEDI GLI EFFETTI PERVERSI DEI BETA-BLOCCANTI

I beta-bloccanti per esempio, farmaci diffusissimi e redditizi per le aziende farmaceutiche, sono utilizzati per ridurre la funzionalità del cuore e pertanto abbassare i dolori del bacino, abbassare la pressione e gli altri sintomi fastidiosi. Ma il risultato finale è un chiaro feeling di debolezza cardiaca, specie se uno tenta di fare esercizio fisico. A volte l’effetto indebolente sul cuore è tale da portare a infarto.

GLI USATISSIMI DIURETICI PORTANO AL FALLIMENTO RENALE E ALLA DIALISI

I due reni rivestono una importanza stratosferica nel corpo, mentre la maggioranza della gente non si rende nemmeno conto di vivere in stato di insufficienza renale. La funzione dei reni non è solo quella di rimuovere le acque di scarto, ma anche nel contempo quella di conservare i nutrienti utili. Ebbene, i diuretici impediscono al sistema renale di realizzare questo secondo processo fondamentale. Quali le conseguenze logiche di lungo termine causate dai farmaci drenanti? Si causa un rallentato metabolismo renale, un impigrimento della funzionalità renale. Assumere diuretici innaturali porta alla lunga al fallimento renale e alla dialisi. Alimentarsi di cibo stracotto è altrettanto deleterio.

ASPIRINA, FANS E CORTISONICI

L’aspirina, i FANS e i cortisonici vengono raccomandati e prescritti per prevenire grumi di sangue causatori di infarto e ictus. Ma pochi sanno che tali sostanze chimiche interferiscono e devastano la funzione delle piastrine. Esiste un equilibrio nell’organismo e va rispettato. Il sangue deve avere la possibilità di rimarginare e di cicatrizzare, altrimenti anche una banale ferita corre il rischio di diventare letale. Ora sapete perché chi assume i citati medicinali è soggetto a epistassi, a sangue dal naso e a improvvise emorragie, oltre che a sbalzi e irregolarità mestruali in campo femminile.

MAI IMBOTTIRSI DI FARMACI IN CASO DI IPERTENSIONE

Esiste una rilevante differenza tra assumere giustamente un farmaco per risolvere un episodio di glaucoma acuto (reale emergenza) e l’imbottirsi di farmaci per i soliti casi di ipertensione, il più delle volte banali e risolvibili con semplice cambio di stile di vita. Se non si fa niente di logico e di rimediale, se si continua a trasgredire, il colesterolo LDL non cala, l’omocisteina non cala, l’emicrania non cala, l’artrite si fa sentire, indigestione e costipazione la fanno da padrone. Stop dunque alla assunzione di farmaci, sempre sgraditi all’organismo. Prendere farmaci significa sempre accettare rischi e pericoli imprevedibili. I farmaci sono autentici antagonisti per l’organismo umano. È sempre il grado di resistenza alle offese mentali e chimiche a determinare e discriminare tra chi si ammala e chi no.

L’EQUILIBRIO INTERNO VA SEMPRE RISPETTATO

Più di qualsiasi altra cosa o sostanza, più di qualsiasi tecnica guaritiva, la salute dipende dal bilanciamento esistente dentro di noi. Il corpo non è inerte ma è un organismo vivo e sensibile, è health oriented per cui cerca sempre di mantenersi in equilibrio funzionale. Il corpo è impegnato costantemente a mobilizzare e trasformagli gli amminoacidi al fine di preservare il bilancio nutrizionale, mantenendo armonia e rispettando le esigenze delle secrezioni ormonali. Il corpo reagisce in ogni momento alle condizioni climatiche e sociali, a quello che gli succede intorno.

NIENTE SCORCIATOIE E NIENTE SOVRACCARICHI

L’attività del cuore è costantemente monitorata e sintonizzata dal Sistema Nervoso Centrale che provvede ad auto-modularsi con le fluttuanti necessità circolatorie del corpo, determinate sia dall’attività fisica che dall’attività mentale ed emozionale. La maggior parte della gente è in costante ricerca di facili scorciatoie, e vuole intervenire nel proprio bilanciamento sanguigno, vuole forzare le condizioni del corpo mediante sovraccarichi e saturazioni mineral-vitaminiche-ormonali. Si illude di saperla più lunga dei propri formidabili strumenti auto-riparativi. Non capisce che ogniqualvolta fa tutto questo va a disturbare un delicato e cruciale equilibrio interno. Ad esempio, una persona intossicata da alcol può tentare il recupero bevendo del caffè. Il che sembra risolvere, mentre in realtà il caffè non è per niente un antidoto all’alcol. Esso non fa che aggiungere un nuovo veleno a quello precedente. Ora non c’è più una sola reazione, ma ce ne sono 2, per cui al miglioramento iniziale segue una grossa delusione finale.

IPERTENSIONE GUARIBILE IN POCHI GIORNI SENZA ALCUN FARMACO

L’uso di farmaci prescritti al fine di ottenere vantaggi immediati senza considerare le inevitabili conseguenze è ormai un male endemico nella comunità umana. Classico l’esempio dei farmaci prescritti per l’ipertensione. L’alta pressione non è di sicuro causata da assenza di quei farmaci. L’assunzione di beta-bloccanti o di anti-ipertensivi non corregge per niente i problemi sottostanti. La medicazione serve semplicemente a creare uno stato che mima o imita uno stato salutistico, senza mai raggiungerlo. Nausea, vomito, danni al fegato e ai reni, aritmie cardiache, depressione e impotenza sono tipici effetti collaterali delle medicine anti-ipertensive, quando invece pochi, semplici e mirati cambiamenti negli stili di vita basterebbero in pochi giorni o massimo tre settimane a risolvere il problema. Eliminate le diete sballate, il sovrappeso, il caffè e le sigarette e vedrete la pressione normalizzarsi in modo rapido e spontaneo.

VITAMINE SINTETICHE E MINERALI INORGANICI SONO VERI FARMACI, UN AFFARE ASSAI REMUNERATIVO PER BIG-PHARMA E PER LE RETI TELEVISIVE

Possiamo prendere alti dosi di integratori, di vitamina C sintetica, per incrementare la nostra resistenza, o per innalzare la nostra forza immunitaria? In via temporanea forse sì. Ma per il corpo ogni cosa che assumiamo viene catalogata come alimento o come veleno, per cui non ci sono vie di mezzo. Gli integratori diventano tutti delle sostanze stimolanti al pari di caffè-tè-cole-zuccheri lavorati. In questo modo commettiamo le nefandezze di Linus Pauling: andiamo a compromettere il pH del sangue, irritiamo lo stomaco, incrementiamo la produzione di acido ossalico, incrementiamo la presenza di acido urico, incoraggiamo i calcoli epatici e renali, sovraccarichiamo il sistema di ferro, depauperiamo le nostre riserve di calcio organico, ispessiamo le nostre arterie del 250%.

SPECIALE IMPORTANZA DEGLI ORMONI

La serotonina regola motilità e secrezioni intestinali. Essa regola i cicli circadiani sincronizzando il ciclo sonno-veglia con le fluttuazioni endocrine quotidiane. Nel sistema cardiovascolare la serotonina agisce sulle contrazioni arteriose contribuendo al controllo della pressione, stimola la contrazione delle muscolatura liscia di bronchi, vescica, modula e limita la eccessiva contrazione e l’eccessiva dilatazione delle arterie cerebrali. Dove c’è continua presenza di cellule entero-cromaffini si determinano pure delle crisi diarroiche. Se in eccesso, la serotonina ha effetti inibitori sulla sensibilità al dolore, sull’appetito e sulla temperatura corporea. Se in difetto, la serotonina produce effetti costipativi ed emorroidali. È così che si spiega l’interrelazione tra Sistema Nervoso Enterico e Sistema Nervoso Centrale-Cerebrale. È così che si spiega il perché gli stress psico-fisici hanno importanti ripercussioni sulla motilità intestinale.

SEROTONINA E TRIPTOFANO

La serotonina è un ormone molto importante che regola umore, sonno, appetito, apprendimento, memoria, lavorando in coppia con la melatonina. Un buon livello di serotonina nel sangue? Dai 101 ai 283 ng/ml di sangue. I sintomi di carenza sono: depressione, ansia, panico, emicrania, ipertensione, insonnia. Il TPR o triptofano è un ormone-chiave nella sintesi proteica, essendo punto di partenza per la sintesi di alcune sostanze biologiche basilari come la serotonina e la niacina B3. Il triptofano non può essere sintetizzato dal corpo dei bambini. Occorre respirare bene e mantenere alti i livelli di azoto nell’ipofisi degli adulti, tutte cose che avvengono durante il ciclo circadiano assimilativo notturno che va dalle 20 alle 4 del mattino, coinvolgendo la retina (cattura energia solare) e la pineale. Occorre sviluppare al massimo l’ormone della felicità, la melatonina. Chi soffre di depressione è in forte carenza di melatonina.

DOVE TROVARE IL TRIPTOFANO

Una carenza di triptofano determina perdita ponderale in bambini e neonati, porta a carenza di B3 e a pellagra, ma anche a sbalzi opposti, a obesità e a bulimia. Quali i cibi ricchi di triptofano? Uova, spirulina, tofu, legumi, fagiolini, fagioli, lenticchie, ceci, lupini, piselli, avena, riso integrale, miglio, saraceno, germogli, noci, nocciole, mandorle, pinoli, datteri, mango, papaya, banane, patate, bietole, asparagi, funghi, avocado. Per i cibi ricchi di serotonina si ripete grossomodo lo stesso elenco. Quali invece le sostanze proibite che sopprimono i livelli di serotonina, di melatonina e di triptofano? Caffè, tè, cole, fumo, alcol, zuccheri lavorati, grassi idrogenati, proteine animali adottate nella dieta, ignorando che già con oltre 24 grammi di proteine al giorno il corpo va in acidificazione.

LA DISGRAZIA DELL’ECCESSO PROTEICO

Non basta che Pitagora si scagliò contro le diete alto-grasse ed alto-proteiche. Non basta che Nathan Pritikin e il Longevity Center di Miami-Florida dimostrino tutti i giorni che le diete vegetariane danno risultati imbattibili, risultati che nessuna altra dieta è in grado di raggiungere. Troppo massiccia l’azione martellante della medicina convenzionale, delle aziende farmaceutiche stracariche di danaro, degli spot televisivi e della stupidità generalizzata perché la gente impari ad usare cuore e cervello.

BUONA DIGESTIONE ED EQUILIBRIO DEL MICROBIOTA INTESTINALE

Quella che veniva chiamata un tempo flora intestinale oggi si definisce microbiota intestinale. Microbiota significa ecosistema dei batteri protettivi che colonizza l’intestino. È fondamentale per mantenersi in salute. Si possiede un efficiente microbiota solo se si digerisce bene. Il 40% degli Italiani soffre di disturbi intestinali. Questo esercito è responsabile del buonumore in quanto produce il 90% della serotonina, l’ormone della serenità e stimola il sistema immunitario al top, difendendo da infezioni e infiammazioni. Stress, zuccheri sbagliati, cibi grassi alterano l’assetto del microbiota.

PREVENZIONE D RISTAGNI E DI RIGONFIAMENTI ALLE GAMBE

Il miglior modo per prevenire ristagni, pesantezza e gonfiori è quello di fare regolare movimento camminando almeno un’ora al giorno, preferibilmente con supporto di racchette da trekking. In alternativa o a completamento di bicicletta, nuoto, stretching, saltelli e scatti. Pure l’esposizione solare equivale a fare movimento. L’assunzione sistematica di sostanze naturali come flavonoidi, antocianine, antiossidanti e grassi buoni migliora la tenuta e l’elasticità dei piccoli vasi sanguigni delle gambe, contrastando edemi, accumulo di liquidi, mani e piedi freddi.

L’OBIETTIVO PRINCIPALE PER TUTTI È DI ARRIVARE AL SUPER-PENSIERO

Quanto detto finora non è un discorso teorico e campato in aria, ma è estremamente concreto e, come si usa dire, terra-terra, fondamentale per la comprensione di noi medesimi, delle nostre necessità e dei meccanismi di cui disponiamo per condurre una esistenza serena, significativa e priva di angosce. Quello che chiamerei il Super-Pensiero.

UN ELENCO LUNGO MA TUTTAVIA INCOMPLETO DEI NOSTRI CARBURANTI

A questo punto possiamo pure passare ai carburanti speciali e a tutte le fonti energetiche che dobbiamo catturare, incamerare e risparmiare, facendone uso con grande discernimento. Essenzialmente si tratterrà di alimenti del Regno Vegetale, carichi di linfa vitale, carichi di acqua biologica, ovvero di quel succo zuccherino che rappresenta l’alimento di elezione del corpo umano, abbinato alla verde clorofilla e alle fibre. Chi ci ha messi al mondo non lo ha fatto scaraventandoci su un pianeta privo di risorse. Tutto quanto ci circonda è fatto appositamente per darci energia e vitalità, a partire dall’aria stessa, dal sole che tutti i giorni incessantemente ci riscalda e ci illumina, dai frutti, dai semi e dai germogli che sono vera e propri energia solare incapsulata. Parlerò dunque di un centinaio circa di super-alimenti che non dovrebbero mancare nella nostra dieta.

SERVE UN ALTO CONTENUTO DI ACQUA BIOLOGICA

Qualcuno si aspetta magari chissà quali vegetali e chissà quali frutti, quando invece si tratterà -il più delle volte- delle solite specie di consumo comune, più alcune varietà che non conosciamo perché si trovano solo in zone climatiche diverse. Come mai definiamo questi alimenti come super-cibi? Perché sono semplici, sobri, digeribili e innocenti, e poiché sono in perfetta linea con le esigenze del corpo umano. Soprattutto perché offrono un alto contenuto di acqua biologica (succo zuccherino) e di clorofilla verde, di fibre e di enzimi, tutte sostanze di straordinaria rilevanza per un corpo umano costituito all’80% di materiale acquoso. Materiale che necessita di essere rinnovato e ripulito in continuazione dalla presenza ingombrante ed ostruente delle cellule morte auto-prodotte in modo massiccio al ritmo di circa mezzo miliardo di cellule al giorno (su un capitale cellulare di 100 trilioni di cellule vive).

ACETOSA

Verdura selvatica ricca di clorofilla, di vitamina C, di ossalati, fosfati e ferro. Proprietà: rinfrescante, dissetante, rivitalizzante, digestiva, diuretica, anti-scorbutica, lassativa da consumarsi con moderazione per ia sua ricchezza eccessiva in ossalati. In Friuli viene chiamata Pan e Vin. Cresce abbondante nei terreni incolti.

AGLIO

Vegetale a forte azione antisettica, depuratore del sangue. Nella versione selvatica chiamata aglio ursino (diffuso ai margini dei torrenti), è molto digeribile e non causa alito pesante.

ALOE

Vegetale ricco di aminoacidi, sali e vitamine. Rende i capelli più forti e splendenti. Il succo possiede azione gastro-protettiva. Il gel di aloe aiuta a lenire le infiammazioni. Utile nei risciacqui contro le gengiviti e le afte. L’aloe è un’alleata del sistema digestivo: stimola la flora batterica e l’eliminazione dei rifiuti, migliorando al contempo l’assorbimento delle sostanze nutritive (ma non degli elementi dannosi). Per questo motivo riduce gli effetti collaterali dei farmaci sull’apparato digerente come acidità di stomaco, crampi e stitichezza.

ALFA-ALFA GERMOGLI (OVVERO ERBA MEDICA)

Proprietà: rigenera il sistema immunitario, riduce il rischio di malattie cardiache, previene l’osteoporosi e le carie dentarie, incrementa la presenza di colesterolo benefico HDL. L’alfa-alfa si caratterizza per la sua straordinaria ricchezza di principi nutritivi indispensabili, soprattutto vitamine, composti proteici, minerali e pigmenti antiossidanti come il betacarotene e la clorofilla. Proteine 20%. Vitamine: provitamina A, vitamine A, B, B1, B2, B6, C, D, E, K, acido folico B9.

ALGA MARINA

Le alghe contengono alti quantitativi di iodio, magnesio, potassio, calcio, ferro. Notevoli pure in contenuto vitaminico A, gruppo B, C, D, K. Tonificano le ghiandole endocrine e le difese naturali. Sono dei veri concentrati di acqua di mare.

ANANAS

Ananas. Frutto ad alta concentrazione di iodio, magnesio, manganese, potassio, sodio, calcio, fosforo, ferro, zolfo. Molto digeribile, disintossicante, anti-anemico, anti-gottoso, anti-obesità, diuretico e decongestionante. Oltre alle sue notevoli proprietà curative, l’ananas è noto per il suo alto contenuto di vitamine C, B1, B6, acido folico. L’ananas è costituito in gran parte da acqua e fibre; per questo motivo è povero di calorie e pertanto un alimento ideale per chi segue una dieta alimentare.

ALBICOCCA

Frutto ricchissimo di vitamina A, oltre che di B1 (anti beriberi) e B2, di vitamine C e PP o B3 (anti-pellagra). Proprietà: energetica, digeribile, rigenerante tessutale e nervina, astringente, anti-anemica, anti-diarroica.

ANGURIA

Grande dispensatore di acqua biologica, vale a dire di succo zuccherino misto a vitamine e minerali, oltre che associato alla citrullina, ormone che nel corpo si trasforma in ossido nitrico organico e in arginina. L’ossido nitrico è importantissimo per l’organismo e per il sangue in quanto ne regola la qualità e il flusso. L’ossido nitrico favorisce inoltre la distribuzione di Ossigeno (O2) al cuore, e pertanto alle cellule e alla vasta rete di capillari che ci caratterizza. Ricordarsi infine della assoluta necessità di assumere l’anguria a stomaco vuoto, ovvero lontano dai pasti, specie se si tratta di pasti inclusivi di proteine animali.

ARACHIDE

Molto nutritiva ed energetica. Appartiene alla vasta categoria dei legumi. Pesante e saziante nella forma secca, assai più digeribile se cotta al vapore.

ARANCIA

Gli agrumi sono i classici frutti associati alla vitamina C, ma contengono anche B1, B2 e vitamina P o bioflavonoidi (protettori dei capillari). Sono pure rimineralizzanti dato l’alto contenuto di calcio, potassio, magnesio, fosforo, sodio, ferro, rame, zinco, manganese, bromo. È uno dei migliori frutti invernali, tonico del sistema muscolare e nervino, anti-infettivo, rinforza le difese naturali, fluidificante del sangue. Le arance tarocco tipiche della zona catanese della Sicilia sono particolarmente ricche di qualità super-nutritive.

ASPARAGO

Contiene quercina, attivatrice dei geni della longevità. Contiene moltissimo glutathione, sostanza epato-protettrice per eccellenza. Ricco in vitamina A e gruppo B, in manganese, ferro e fosforo. Proprietà: depurativo, diuretico, agisce sul sistema emuntorio, sul drenaggio epatico-renale-intestinale-polmonare-cutaneo, rimineralizzante, lassativo, rende fluido il sangue, contrasta l’insufficienza epatica-renale, prezioso nella litiasi o calcolosi urinaria, anti-gottoso e anti-reumatico, anti-diabetico e regolatore dei battiti cardiaci.

AVENA

Cereale ricco di potassio, calcio, magnesio, fosforo, sodio, ferro, carotene, vitamine B1 e B2. Raccomandato nelle astenie fisiche e intellettuali, giova in particolare ai bambini. Utile ai diabetici per le sue qualità ipoglicemie. Stimolante della tiroide. Viene dato ai cavalli per vincere le gare ippiche.

AVOCADO

Concentrato di glutathione, il più potente anti-radicale libero presente in natura. Alleato della retina e della micro-circolazione oculare. Ricco di cisteina, vitamine A e gruppo B, nonché di acidi grassi Omega3. Ricco di triptofano, aminoacido precursore di serotonina e melatonina. Un frutto davvero eccezionale da consumare ben maturo e soffice alla pressione delle dita.

BANANA

Frutto molto nutritivo utile all’equilibrio nervoso, consigliabile ai diabetici. La banana è una buona fonte di vitamine, minerali (in particolare potassio), fibre e fitosteroli ed è caratterizzata da un basso indice glicemico. Da queste sue proprietà derivano vantaggi per il sistema cardiovascolare, per la digestione e per l’alimentazione di chi pratica sport di resistenza.

BIETOLA DOLCE (O BETA VULGARIS)

Radice e foglie ricche di vitamine A, B, C, di magnesio, fosforo, rubidio (uno degli minerali più elettropositivi ed alcalini). Proprietà: eupeptica, digeribile, raccomandata agli anemici, ai nervosi e ai demineralizzati. Utile anche contro i tumori. Formidabile nella desulfurizzazione dell’omocisteina.

BARBA DI BECCO

Vegetale selvatico dalle molteplici proprietà, usata fin dall’antichità per favorire la diuresi, per depurare e per provocare la sudorazione. In Friuli i ragazzini la definivano Pan e Cuc, e la raccoglievano abbinata al citato pan e vin (acetosa), dove il pan e vin serviva per dissetarsi e il pan e cuc per saziarsi. A quei tempi non esistevano bibite, né tantomeno dolciumi o cracker.

BARDANA

LA bardana è una pianta selvatica edule. Proprietà depurative ed epatoprotettive, ipoglicemizzante, ricco di insulina. Utilizzabili radici e foglie.

BERGAMOTTO

Agrume speciale. Proprietà: azione ipoglicemizzante, stimola l’appetito, migliora l’azione della colecisti, ottimo anti-parassitario, alta concentrazione di noringenina ed esperetina, flavonoidi preziosi per la salute del cuore e di tutto l’organismo, riduce la formazione di lipoproteine LDL (colesterolo a bassa densità), migliora l’ingresso del glucosio nelle cellule epatiche e nei muscoli.

BIANCOSPINO

Bacca, foglie e fiori sono utili come regolatori della pressione, nei casi di ipertensione in particolare.

BROCCOLO

Considerato vegetale anti-aging che favorisce la longevità. Ricco dai vitamine C, K , B9 (folati) oltre che di fibre. Proprietà: anti-scorbutico.

CACAO

Drupa di straordinario sapore e rilevanza nutritiva. Di grande importanza commerciale in quanto serve a fabbricare cioccolato in tavolette e cioccolata calda come bevanda gradevolissima.

CANAPA

Semino prezioso per l’alto contenuto di Omega3 e di zinco.

CARCIOFO

Ricco di vitamine A e B, di manganese, fosforo, ferro, inulina, cinarina (eccezionale depurativo del fegato), digeribile soprattutto se assunto crudo, stimolante, depurativo del sangue, diuretico (favorisce l’eliminazione dell’urea, dell’acido urico e del colesterolo LDL). I carciofi teneri, consumati crudi, sono indicati nelle diarree croniche. Straordinari e sfiziosi i carciofini sott’olio. Simile al carciofo, il cardo ha le sue medesime qualità ma va consumato cotto.

CAROTA

Abbondante in vitamina A, B, C, provitamina A (carotene), ferro, fosforo, calcio, sodio, potassio, magnesio, manganese, zolfo, rame, bromo. Proprietà: tonica, rimineralizzante, anti-anemica (incrementa il numero dei globuli rossi e l’emoglobina), anti-putrida e cicatrizzante gastrica, depurativa, fluidificante biliare, diuretica, rinfrescante, ringiovanente tessutale e cutaneo, rinforza le immunità naturali, carminativa, vermifuga, anti-gottosa, anti-parassitaria, anti-diarroica. Ottimo il succo di carota, o anche il succo di 4 carote più costa di sedano e fetta di ananas (o una mela).

CARRUBA

Frutto dalla polpa ricca di zuccheri. Cresce spontaneo in tutta l’area Mediterranea.
Nutriente e regolatore delle funzioni intestinali.

CASTAGNA

La sua composizione è vicina a quella del frumento. Frutto autunnale-invernale per eccellenza. Raccomandata nelle astenie fisiche ed intellettuali, agli anemici, a bambini e anziani, a coloro che sono soggetti a varici ed emorroidi. Alimento economico e consigliabile a chi svolge lavori pesanti e a chi pratica sport. Ottima la farina di castagne. Il castagnaccio non zuccherato, con pinoli e uvetta, è uno dei migliori dolci a nostra disposizione. La castagna è grande amica del sistema renale.

CASTAGNA D’ACQUA

Molto comune nei paesi del Sud-Est Asiatico, anche se coltivabile pure nei climi temperati-freddi. Qualità nutritive simili a quelle della castagna. Utile per preparare eccellenti dolci, sempre a patto di evitare dolcificazioni improprie.

CAVOLO

Ricco in vitamina A, B2 e B1 (importante per l’equilibrio nervoso), abbonda in magnesio, potassio, calcio e iodio. L’applicazione topica di foglie di cavolo pestellate rappresenta un rimedio formidabile contro i tessuti rovinati, sofferenti o necrotizzati. Il segno della efficacia formidabile del cavolo sta nella sierosità che impregna ogni medicazione, per cui le tossine e i veleni interni vengono attratti e portati in superficie dalle sostanze contenute nelle foglie. Il cavolo ha anche dei poteri cicatrizzanti. È strano che questo eccezionale mezzo terapeutico, conosciuto fin dall’antichità, venga scioccamente ignorato dal grande pubblico. Come scrive Catone il Censore, è merito del cavolo se i romani fecero a meno dei medici per oltre 6 secoli, tanto che il cavolo divenne il simbolo della salute nella Roma Imperiale. Catone stesso lo usava per trattare indifferentemente tutte le malattie, sia per uso orale che per applicazioni esterne. I soldati ne facevano largo uso per curare le loro ferite. Il cavolo è anche diuretico e anti-gottoso. Ci sono tanti rimedi semplici e alla portata di tutti, ma pochi efficaci come il cavolo, usatissimo del resto in tutti i monasteri. Proprietà: screpolature e geloni, contusioni, ulcere alle gambe varicose, scottature, emorroidi, lombaggini e sciatiche, morsi di animali. Fu un salvavita per i marinai che affrontavano le traversate oceaniche, grazie alle sue doti anti-scorbuto e anti beri-beri.

CECI

Legume ricco di vitamine C e B, ricco di fosforo, potassio, magnesio, calcio, sodio, silice, ossido di ferro, arsenico. Proprietà: energetico, diuretico (elimina l’acido urico e diversi cloruri), vermifugo.

CERFOGLIO

Alto contenuto di varie vitamine e di ferro. Proprietà: stimolante, depurativo, diuretico, lassativo, utile al fegato e ai reni, prezioso nelle affezioni oculari. Succo di cerfoglio fresco: 2 gocce in ogni occhio 3 volte al giorno contro le oftalmie ostinate.

CETRIOLO

Il cetriolo abbonda in vitamine A, B, C, in zolfo, manganese, calcio. Proprietà: rinfrescante, depurativo, dissolvente dell’acido urico e degli urati, diuretico. Ottimo per le cure esterne sulla pelle. Contiene come l’anguria la citrullina che nel corpo si trasforma in acido nitrico. La citrullina si trasforma anche in Arginina, amminoacido essenziale per la crescita e il recupero muscolare, con effetti positivi anche sulla fertilità. Aiuta pure a migliorare la salute cardiovascolare e la funzione renale, a combattere le infiammazioni e l’emicrania, a ridurre il rischio di infarto. Tra gli alimenti più ricchi di arginina ci sono mandorle, noci, nocciole, arachidi e legumi ma anche riso e tuorlo d’uovo. L’arginina è detossificante in quanto aiuta a smaltire l’ammoniaca che si forma in seguito ad un forte sforzo muscolare con conseguente senso di stanchezza.

CHERIMOYA

Frutto nutriente e dissetante, molto digeribile, diffuso lungo la Cordigliera delle Ande e anche in Sud-Est Asiatico.

SEMI DI CHIA

Semini straordinari. Contengono selenio, minerale raro e prezioso per la salute di capelli-unghie nonché per la disintossicazione di fegato e tiroide. Ricchi di zinco e di vitamina E.

CILIEGIE

Frutto ricco di vitamine A, B, C, nonché di ferro, calcio, fosforo, cloro, zolfo, magnesio, sodio, potassio, zinco, rame, manganese, cobalto, oltre che di antocianine e di composti fenolici che rallentano ed inibiscono la insorgenza tumorale. Proprietà: potente depurativo, disintossicante, energetico muscolare e nervino, anti-infettivo, regolatore epatico e gastrico, diuretico, antireumatico ed anti-artritico, lassativo, anti-calcolosi urinaria e biliare.

CIPOLLA

Ricca di silice e di essenze sulfuree. Proprietà: diuretica, depurativa del sangue, ottima contro la depressione fisica e la stanchezza. Per i malati di cuore e per gli asmatici, ottima come cataplasma notturno da applicare sotto la pianta dei piedi, mezza cipolla al giorno contro la prostatite.

CORNIOLO

Frutto selvatico e coltivato dal fantastico e vivace sapore. La corteccia contiene tannini e acido malico. Proprietà: dissetante, astringente, febbrifugo, anti/diarroico.

MELA COTOGNA

Ricca in vitamine A e B. Proprietà: astringente, depurativo epatico, anti-diarroico, contrasta l’inappetenza.

CRESCIONE D’ACQUA O NASTURZIO

Ricco di ferro, fosforo, manganese, arsenico, rame, zinco, iodio, calcio, olio zolfo-azotato, vitamina C, A, B, carotene. Proprietà: eupeptico, tonico, rimineralizzante, idratante, anti-anemico, anti-scorbutico, stomatico, depurativo, diuretico, ipoglicemia, espettorante, sudorifero, vermifugo, anti-cancerogeno, stimolante bulbo pilifero (alopecie, affezioni cuoio capelluto, fortifica i capelli e ne arresta la caduta), anti-tubercolosi, utile nelle affezioni respiratorie e nelle bronco-polmoniti, anti-dermatite, utile nelle ritenzioni urinarie, utile nello scioglimento dei calcolo o litiasi biliari e renali, anti-diabetico, anti-lentiggini. Prezioso per la ricrescita dei capelli, usato facendo regolari frizioni sul cuoio capelluto (stessa cosa con la cipolla e con lo zenzero).

DATTERO

Contiene calcio, potassio, manganese, ferro, fosforo. È considerato da molti come il frutto più salubre al mondo, purché non si ecceda con le quantità. Basta una manciata al giorno e non di più.

DOLCETTA O VALERIANELLA O SONCINO

Straordinaria verdura di campo che cresce libera o anche coltivata e acquistabile al mercato. Tenera e digeribile, ricca di clorofilla, mucillagine, sali minerali bilanciati, vitamine A, B, C. Proprietà: rivitalizzante, emolliente, lassativa, diuretica, depurativa, anti-anemica, utile nelle affezioni respiratorie, nelle affezioni intestinali, articolari e renali.

DURIAN

Definirlo frutto magico è dire poco. Frutto incredibile e ricco di nutrienti. In Asia viene giustamente definito “the King of the Fruits”, particolarmente gradito ai cinesi che ne vanno letteralmente matti. Potente energizzante sessuale ma senza effetti dopanti. Viene dato anche ai lattanti per favorirne la crescita. Il durian (a cui ho dedicato un articolo) è ricco di vitamina E, e vitamine del gruppo B. Ricco pure di triptofano. Straordinario nei gelati. Ottimo frutto per vegani e vegetariani, pessimo invece per i mangiatori di carne. È tra i frutti più odorosi al mondo, con odore impregnante e permanente che all’aperto si percepisce anche a lunga distanza. Vietatissimo negli alberghi, negli ambienti chiusi e nei mezzi di trasporto. Va consumato da solo e non a fine pasto come molto consumatori sprovveduti fanno. Guai bere bevande alcoliche o gasate dopo il durian. Si può eventualmente accompagnare con latte fresco di cocco, o con il frutto mangosteen.

FAGIOLINO O TEGOLINA

Legume tenero, digeribile e delizioso. Ricco di fibre, di vitamine A, B, C, fosforo, silicio, calcio, nichel, rame, cobalto. Speciale in insalata con la cipolla e l’aglio.

FAGIOLO

Ricco di vitamina C e del gruppo B, di proteine vegetali, fosforo, potassio, ferro, calcio. Proprietà: nutritivo, energetico, ricostituente, riequilibratore del sistema nervoso, anti-diabetico, ottimo contro l’insufficienza epatica. Preferibile usarlo fresco.

FICO

È uno dei frutti più antichi ed apprezzati. Contiene vitamine A, B1, B2, B3, C, ferro, manganese, calcio, bromo. Proprietà: Nutritivo e digeribile, tonificante (raccomandato agli sportivi), lassativo, diuretico, raccomandato a bambini, adolescenti, convalescenti, anziani, nervosi, donne incinte. Utile in gastriti, coliti, stipsi, stati febbrili acuti, infiammazioni polmonari e urinarie, stomatiti e gengiviti.

FICO D’INDIA

Frutto nutritivo e astringente (fare attenzione alle spine sottilissime), utile contro diarrea e dissenteria. Le foglie del cactus triturate e liberate dalle spine sono utili come cataplasma esterno contro fratture, dolori reumatici e ascessi.

FINOCCHIO

Contiene vitamine A, B, C, calcio, fosforo, essenze aromatiche. Proprietà: tonico, diuretico, digestivo, vermifugo, antiastenico, contro l’emicrania, le vertigini, contro dolori gastrici, controllo flatulenze, regolatore mestruazioni.

FRAGOLA

Contiene vitamine B, C, E, K, ferro, sodio, fosforo, magnesio, potassio, zolfo, calcio, silice, iodio, bromo. Lo zucchero delle fragole è il levulosio ed è permesso ai diabetici. Le fragole contengono fisetina, sostanza che incrementa il Sirt 1, gene della longevità. Proprietà: nutritiva, tonica, rimineralizzante, rinfrescante, diuretica, anti-gottosa e anti-urica, depurativa, lassativa, regolatrice epatica, regolatrice del sistema nervoso e delle ghiandole endocrine. Utile contro i calcoli biliari. In Francia diversi centenari attribuiscono alle fragole la loro veneranda età. Le fragoline selvatiche di bosco sono particolarmente ricche di vitamine e minerali, oltre che essere molto saporite.

FRUMENTO

Cereale contenente vitamine B1, B2, B3, B12, E (germe di grano), K e D, calcio, magnesio, rame, iodio, grasso fosforato. Il chicco del grano contiene tutti gli elementi necessari al buon funzionamento del nostro organismo.

FUNGHI

Ricchi di vitamina D, soprattutto nei funghi secchi, nonché calcio, magnesio, sodio, silice, cobalto, manganese. Proprietà: stimolanti organici e cerebrali, rimineralizzanti, anti-anemici e contro la stanchezza.

GANODERMA LUCIDUM O FUNGO DELLA IMMORTALITÀ

Fungo speciale, ricco di vitamina C, B e D. Proprietà: analgesico e anti-infiammatorio, tonico cardiaco, fluidificatore del sangue. Migliora la funzione cardiaca, regola la pressione, contiene sostanze anti-tumorali come il germanio organico. Cresce sui ceppi in ogni parte del mondo. In Cina viene chiamato Ling Zhi, che significa potenza spirituale.

GERME DI GRANO

Le caratteristiche nutrizionali del germe di grano lo rendono un vero e proprio alleato della salute. Ha proprietà antiossidanti, grazie alla presenza di omega-3 e omega-6 che proteggono dai radicali liberi. Ciò permette quindi di rafforzare anche il sistema immunitario. Possiede proprietà energizzanti, migliora le prestazioni fisiche e la resa sportiva, rafforza l’efficienza mentale e la fertilità.

GIRASOLE

Pianta sacra per gli Indiani d’America. I semi contengono acidi grassi insaturi, Omega3 e Omega6, vitamine e fosfatidi.

GRANO SARACENO

Ricco di amminoacidi preziosi, arginina, triptofano, lisina, istidina, cistina, bioflavonoidi (vitamina P), sali minerali come calcio, fosforo e magnesio. Proprietà: energetico, nutritivo, protettore vascolare.

KIWI

Fantastico frutto autunnale. Energizzante e nutriente. Ricco di vitamina C, di calcio, ferro e fosforo. Utile a contrastare l’ipertensione.

KUMQUAT

Agrume coltivabile anche nei nostri climi proteggendolo adeguatamente dal gelo invernale. Dal momento che si può consumare interamente, inclusa la buccia che è ricca di vitamine, è un frutto di particolare interesse.

JACKFRUIT

Ricco di vitamine A, B1 e B3, C ed E, ferro, potassio e magnesio e fibre. Ricco di aminoacidi e antiossidanti. Contiene triptofano. È il più grande frutto esistente in natura.

LAMPONE

Frutto ottimo per i diabetici essendo ricco di levulosio. Proprietà: tonico, digestivo, depurativo, diuretico, lassativo, sudorifero (aiuta la traspirazione), rinfrescante, anti-scorbutico, anti-anemico, anti-reumatico ed anti-gottoso. Lo sciroppo di lampone, allungato con acqua è prezioso nelle affezioni della pelle tipo morbillo, scarlattina e nelle infiammazioni urinarie.

LATTUGA

Contiene vitamine A, B, C, D, E, ferro, calcio, fosforo, iodio, manganese, zinco, rame, sodio, cloro, potassio, cobalto, arsenico, fosfati, solfati, steroli, carotene. Proprietà: depurativa, rimineralizzante, sedativa, ipnotica. Meglio non esagerare con le quantità.

LITCHI

Frutto tipico del Sud-Est Asiatico, specie in Cina Meridionale. Attualmente viene coltivato persino in Sicilia. Ottimo supporto al sistema renale. Le principali proprietà terapeutiche del litchi si devono soprattutto alla vitamina B3. Questa vitamina infatti è in grado di dilatare i vasi sanguigni. Facilita la purificazione del sangue e allo stesso tempo è in grado di regolare numerose reazioni ossidative nelle cellule.

LENTICCHIA

Legume ricco di vitamine B e C, di manganese, ferro, calcio, sodio e potassio. Proprietà: nutritivo, digeribile, galattogeno (fa produrre più latte), utile a intellettuali e dispeptici, piatto forte per chi esegue lavori pesanti.

LIGHTYAM

Tubero della famiglia delle Dioscardacee. Chiamato LightYam, che significa radice di Luce. Viene utilizzato da millenni nella medicina tradizionale cinese e orientale in genere. Consumata regolarmente regola la funzione digestiva, agisce su due organi fondamentali come reni e milza. Ha effetti tonificanti sui polmoni e il sistema respiratorio. È inoltre un potente anti-infiammatorio, cicatrizzante ed anti-depressivo. Dettaglio di non poco conto, si può aggiungere a cibi e bevande come semplice e comune polvere senza modificarne il gusto e la composizione biochimica. È pertanto a buona ragione considerato pianta Sacra per le sue eccezionali qualità terapeutiche. Conserva infatti la luce esteriore nelle proprie radici. Già Rudolph Steiner l’aveva segnalata con le seguenti parole: “Questa luce sarà indispensabile per la gente in futuro”. Per diversi decenni poi nessuno ne ha più parlato. Ma oggi, soprattutto in Germania, è stata riscoperta e viene coltivata e lavorata da una decina di anni.

LINO

Semino prezioso, a torto trascurato dal grande pubblico. Ha tutti i vantaggi del cibo completo e nessuno svantaggio. Vanta il più alto contenuto di vitamina E e di fibre. Assai ricco di minerali e di olio. Ciononostante è assai digeribile.

LONGAN

Frutto tipico del Sud-Est Asiatico. Deliziosa, dissetante, nutriente ed estremamente salubre. Ottima anche come frutta secca.

LUPINO

Legume straordinario, nutriente e anti-diabetico.

MAIS

Cereale ricco di vitamina B ed E, oltre che di minerali. Proprietà: combatte l’eccesso di colesterolo. Straordinaria la polenta di mais, soprattutto arrostita. Ottimo anche il pane fatto con farina di mais, e le gallette di mais. Per non dire del pop-corn. Il mais tenero e cotto alla griglia è semplicemente una delizia.

MALVA

Pianta tutta edule, emolliente, favorisce l’evacuazione.

MANDARINO

Agrume ricco di sali minerali. Per molti aspetti simile all’arancia. Proprietà: sedativo del sistema nervoso grazie al suo contenuto di bromo, utile contro l’ipertensione.

MANDORLA

Contiene vitamine A e B, calcio, fosforo, potassa, zolfo, magnesio. Ricchissima di amminoacido triptofano, precursore della serotonina, ormone della felicità e della calma, prezioso per la ghiandola pineale e per il riposo notturno. Proprietà: equilibrativa e nutritiva, energetica, rimineralizzante, neutralizza l’acidità del sangue, antisettico intestinale, più digeribile se tostata, adatta a donne in gravidanza e allattamento, speciale per gli sportivi, ottima per i diabetici. Il latte di mandorle può sostituire quello materno. Ottimi i dolci con farina di mandorle e senza zucchero.

MANGO

Frutto tropicale energizzante, contro la ritenzione idrica, contro stipsi e stress. Ricco di fibre e di acqua biologica, di minerali come potassio, calcio, fosforo, di betacarotene, ricco di vitamine A, C, E, K, J (colina, protezione cervello e midollo spinale), Lupeol (anti-ossidante). Ricco di polifenoli, zeaxantina, quercetina, catechine, tannini, xantoni (potenti anti-ossidanti e anti-infiammatori).

MANGOSTEEN

Frutto delizioso e digeribilissimo che viene assunto in abbinamento col durian, ovvero al termine di una bella mangiata di durian.

MELANZANA

Proprietà: anti-anemica, lassativa, diuretica, stimolante epatico e pancreatico, calmante, anti-stipsi, anti-tumorale, apportatrice di potassio e fibre (coppia vincente per il sistema cardiovascolare), stimola la produzione biliare e il reflusso della bile, velocizza il lavoro del fegato. Foglie utilizzabili come cataplasma emolliente contro scottature, ascessi, dermatosi, emorroidi.

MELA

Ricca in potassio, sodio, silice, calcio, cloro, acido fosforico, ferro, magnesio, bromo, allumina, arsenico, zolfo, manganese, cobalto, tannino, vitamina B 1 o diammina contro il beri-beri, vitamina B2 o riboflavina o vitamina G, vitamina B3 o PP, anti-pellagra. Proprietà: tonica (uno dei migliori frutti), diuretica, anti-reumatica, anti-colesterolo, anti-diarroica, rinfrescante, digestiva, lassativa, protettrice gastrica, anti-settica intestinale, stimolante e decongestionante epatico, depurativo sanguigno, ringiovanente tissutale, contro l’astenia fisica e intellettuale (indicata per gli sportivi), anti-anemica, rimineralizzante, anti-reumatica, anti-gottosa, anti-artritica, contro i calcoli renali, anti-oliguria (contro una bassa escrezione urinaria dovuta a insufficienza renale), utile per chi fa vita sedentaria, preziosa nell’obesità, sbiancante e ripulente per i denti grazie al suo acido ossalico, anti-arteriosclerosi, preventiva contro l’infarto, contro l’insonnia e il nervosismo.

MELAGRANA

Proprietà: tonico cardiaco, tenifugo contro vermi e parassiti intestinali, astringente, anti-diarroico, (contro la dissenteria). Ricca di minerali e di vitamina C. Blocca la crescita tumorale alla prostata.

MELONE

Proprietà: rinfrescante, lassativo, diuretico, ringiovanente cellulare, anti-anemico, anti-stipsi, anti-emorroidale, anti-oliguria e quindi drenante, cioè stimolante della escrezione urinaria, anti-gotta, contro i calcoli urinari, anti-reumatico.

MENTA PIPERITA

Proprietà: carminativa, antisettica, analgesica, anti-emicrania, depurativa, curativa contro raffreddore, febbre e tosse, decongestionante e fluidificante. Tutto questo vale per le diverse specie di menta che cresce libera preferibilmente ai margini dei corsi d’acqua ben soleggiati.

MIGLIO

Cereale ricco di vitamina A, di materie grasse e azotate, di amido (paragonabile al mais), di minerali come fosforo, magnesio e ferro. Proprietà: nutritive, vivacizzanti, contro l’astenia fisica e intellettuale, utile agli atleti e alle donne in gravidanza.

MIRTILLO

Ricco di vitamina C ed A e P, di potenti anti-ossidanti. La vitamina P è la sostanza più importante (insieme alla vitamina C) per proteggere e rafforzare la parete dei capillari. La vitamina P è il nome alternativo per i flavonoidi. I flavonoidi sono dei pigmenti vegetali che conferiscono il colore a molti fiori e frutti. Si suddividono in: Antocianidine e Pro-antocianidine. Utile per la produzione di collagene. Astringente, antisettico, anti-putrido, anti-diarroico, battericida, migliora la sensibilità visiva al buio, utile nelle retinopatie, nei disturbi circolatori, nella flebite, nell’epatismo, nella insufficienza biliare. Le foglie hanno proprietà ipoglicemiche.

MORA DI GELSO

Ricca di vitamine A e C, tonica, rinfrescante, depurativa, lassativa, astringente se non matura, antiscorbutica. Le foglie di gelso hanno proprietà anti-diabetiche.

MORA DI ROVO

Ricca di vitamine A e C, astringente, lassativa, depurativa, anti-diarroica. Ottima per marmellate senza zucchero ma con succo d’uva, oltre che per bevande energizzanti.

NESPOLA GIAPPONESE

Tonica, astringente, regolatrice intestinale, contro dissenterie, enteriti e diarree, contro gotta, calcolosi e lombaggine.

NESPOLA GERMANICA

Ricca di sodio, ferro, calcio, fosforo, potassio e magnesio, per cui viene utilizzata come integratrice di sali minerali dagli sportivi. Il suo alto contenuto di fibre la rende ottima da consumare nelle diete dimagranti in quanto contribuisce ad aumentare il senso di sazietà. Tra le sue fibre più importanti ricordiamo la pectina che protegge la parete interna del colon e previene tumori in quel tratto delicato e vulnerabile. Riduce i livelli di colesterolo. Contiene un’elevata quantità di vitamine come la diammina (B1), la riboflavina (B2), la niacina (B3), le vitamine C e A.

NOCCIOLA

Contiene materie grasse e azotate, vitamine A e B, calcio, fosforo, magnesio, potassio, zolfo, cloro, sodio, ferro, rame. Proprietà: nutritiva ed energetica, digeribile (più di ogni altro frutto oleoso), vermifugo, contro la litiasi urinaria, e le coliche nefritiche, contro la tenia, consigliata ai vegetariani e ai diabetici, ottima nei gelati.

NOCE

La noce è ricca di rame e zinco, oltre che di vitamine A,B, C, P, potassio, magnesio, fosforo, zolfo, ferro, calcio. È anche un alimento ricco di calorie. Proprietà Lassativo, anti-diarroico, vermifugo, favorisce il drenaggio cutaneo e linfatico.

NOCE DI COCCO

L’acqua di cocco è ricca di acidi grassi saturi e insaturi. Proprietà: digeribile, dissetante, nutriente, anti-colesterolo.

OLIVA

Drupa ricca di sali minerali come fosforo, zolfo, potassio, magnesio, calcio, cloro, ferro, rame, manganese, carotene, vitamine A, C ed E. Proprietà: utile nell’insufficienza epatica e nella litiasi (favorisce lo scioglimento dei calcoli biliari), consigliata ai diabetici, anti-anemica, risolvente contro eczemi-screpolature-dermatosi, contro la caduta dei capelli (frizioni sul cuoio capelluto la sera per 10 giorni, avvolgendo la testa per la notte e lavandola la mattina dopo), anti-rachitismo, facilita il drenaggio epatico-biliare e contrasta i calcoli biliari. L’olio di oliva deve essere preferibilmente d’annata, va estratto a freddo con macine di pietra e senza procedimenti a caldo. Va conservato in bottiglie di vetro scuro.

ORZO

Cereale ricco di amido, fosforo, calcio, ferro, potassio e magnesio. Proprietà: emolliente, tonico generale e nervino, ricostituente, digestivo, favorisce il drenaggio epatico, anti-diarroico, utile contro cistiti e nefriti.

ORTICA

Uno dei migliori vegetali al mondo. Miniera di proprietà benefiche. Mezzo infallibile per decongestionare le vie respiratorie. Ottima cotta per dissolvere la mucosità di bronchi e polmoni. Salvavita in paralisi e meningite.

PATATA

Tubero veramente prezioso, ricco di minerali in rapporto alla qualità della patata stessa e della composizione del terreno. Proprietà: sana, nutriente, diuretica, molto digeribile (soprattutto al forno), energetica, permessa ai diabetici e a coloro che non desiderano ingrassare, alimento di zavorra che favorisce le funzioni intestinali, contrasta i vermi intestinali.

PATATA DOLCE

Contiene estrogeni e progesterone contro il troppo testosterone, che è il nemico numero uno dei capelli.

PAPAYA

Magnifico frutto tropicale ricco di acqua biologica, di minerali e di antiossidanti.

PASSIFLORA

Chiamato anche Passion Fruit (frutto della Passione). Frutto dolce e succoso, con dei semini gradevoli.

PERA

Diuretica, depurativa, lassativa, nutritiva, rimineralizzante, astringente, sedativa, anti-gottosa e anti-artritica, frutto permesso ai diabetici, ricca di acqua biologica, di vitamine e minerali.

PESCA

Profumata, diuretica, dissetante, energizzante, ottima contro le calcolosi urinarie-renali.

PEPERONE DOLCE

Rosso, giallo o verde, nella forma tozza o in quella allungata. Ricco in anti-ossidanti (carotenoidi), vitamina A e C. Ottimi quelli rossi, gialli e verdi in forma oblunga. Opportuno provare tutte le specie, tenendo presente che esistono in diverse versioni non solo per forma e colore ma soprattutto per il grado di piccantezza.

PISELLO

Legume digeribile che fa pure da scopa intestinale. Si può consumare saltato in padella, o anche assieme al riso, o anche nelle minestre.

PISTACCHIO

Fa parte della frutta secca. Delizioso nei gelati. In Sicilia si usa la polvere di pistacchio per insaporire ed arricchire pasta, minestre e verdure saltate.

POMODORO

Fantastico frutto da orto, ricco di licopene, efficacissimo contro l’invecchiamento precoce. Contiene vitamina A e acido folico (B9), vitamina B1, B2, B6, C e K, citrati, nitrati, bromo, ferro. Proprietà: contro astenia ed inappetenza, contro l’iperviscosità sanguigna, contro le affezioni vascolari, anti-artritico e anti-gottoso, contro la litiasi urinaria e biliare, utile contro l’acne e le punture di insetti.

POMPELMO

Agrume contenente acido citrico, pectina, vitamine C e P. Proprietà: protettore vascolare, digestivo, depurativo, favorisce il drenaggio epatico, anti-emorragico, dissetante, contrasta l’insufficienza biliare.

PORRO

Contiene vitamine B e C, ferro, calcio, fosforo, magnesio, potassio, manganese, zolfo, silice, lassativo e antisettico. Per uso esterno: contro calli e duroni, contro punture d’insetti, contro l’ingrossamento delle tonsille. Ottimo nelle minestre di verdure.

PORTULACA

È il vegetale terrestre più ricco di Omega3. Contiene vitamine B e C. Proprietà: emolliente, vermifugo, depurativo, diuretico, aumenta il potere di coagulazione del sangue, contrasta i parassiti intestinali, contrasta le emorragie.

PREZZEMOLO

Alimento-medicamento come l’aglio, la cipolla, il tarassaco, la carota, il porro. Il prezzemolo è considerato uno dei vegetali di prevenzione più preziosi messi a nostra disposizione dalla natura. Contiene vitamine A, B e C, ferro, calcio, fosforo, magnesio, sodio, potassio, iodio, rame, manganese, zolfo, clorofilla. Proprietà: stimolante generale e nervino, anti-anemico, anti-rachitico, anti-scorbutico.

PRIMULA

È tra i primi fiori a spuntare in primavera. Si consumano nelle insalate le foglie e i fiorellini gialli, non appena spuntano in primavera nelle insalate. Ottima verdura contro i calcoli.

PRUGNA

Contiene vitamine A, B, C, ferro, calcio, magnesio, potassio, sodio, manganese. Proprietà: energetica, stimolante e rigenerante dei nervi, diuretica, lassativa, disintossicante, decongestionante epatico, anti-anemica, anti-gottosa e anti-reumatica, anti-sclerotica, anti-stitica. La prugna secca è molto nutritiva e lassativa, anti-emorroidale.

PUNGITOPO O RUSCO

Si usano i germogli primaverili come fossero asparagi selvatici. Assai amari e depurativi.

RABARBARO

Contiene vitamine B e C, ma anche acido ossalico. Contiene tannini, amido, ferro, magnesio. Proprietà: astringente, purgativo, vermifugo, anti-anemico, favorisce l’appetito, amico del fegato, anti-dissenterie.

RADICCHIO

Tutti i tipi di radicchio come il rosso corto di Verona, rosso lungo di Treviso, rosa di Gorizia, variegato di Castelfranco, radicchietto dolce di Trieste, le varie indivie e scarole, sono alimenti pregiati sia crudi, in pinzimonio o anche nella forma cotta ai ferri o in padella come nel caso del rosso di Treviso. Proprietà: azione tonica, diuretica, epatoprotettiva, depurativa.

RAFANO O KREN

Stimolante, anti-scorbutico, diuretico, purgativo, anti-anemico, prezioso nelle bronchiti croniche.

RAPA

Vitamine A, B. C e minerali come calcio, fosforo, potassio, magnesio, zolfo, iodio, arsenico, ferro e rame. Proprietà: rivitalizzante, diuretico, dissolvente urico, anti-scorbutico, contro la litiasi renale, anti-gottoso, anti-obesità, contro eczema e acne.

RAVANELLO

Ravanello Rosso e Nero. Ottimo contenuto di vitamina E. Proprietà: azione aperitiva e stimolante.

RIBES

Bacche dissetanti rosse, gialle o nere. Prime bacche a maturare in primavera assieme alle fragole di bosco e alle more di gelso. Vitamine A, B, C, potassio, calcio, fosforo, ferro, bromo. Rimineralizzante, digestivo, lassativo, diuretico, depurativo, decongestionante epatico, anti-scorbutico, favorisce l’appetito, anti-artritico e anti-gottoso.

RISO

È il cereale più consumato al mondo, specie in Oriente. Vitamine A, B1, B2, B6, calcio, fosforo, ferro, potassio, sodio, zolfo, manganese, cloro, iodio, zinco, fluoro, arsenico. Proprietà: energetico, astringente, straordinario contro l’ipertensione.

ROSA CANINA

Straordinario frutto invernale, ricco di vitamina C. Le bacche di rosa canina sono stimolanti del sistema immunitario, depurative, diuretiche (senza affaticare i reni e favorendo l’eliminazione degli acidi urici), tonificanti dei vasi sanguigni e in particolare dei capillari, riducono il colesterolo LDL, antirughe.

SAMBUCO

Le bacche mature sono lassative. Serve a fare ottime bevande e ottime marmellate (dolcificate con succo d’uva).

SEDANO

Vitamine A, B, C, magnesio, manganese, ferro, iodio, rame, sodio, potassio, calcio, fosforo. Proprietà: tonico nervino e generale, stimolante surrenale, rimineralizzante, anti-scorbutico, depurativo, rigeneratore sanguigno, diuretico, antireumatico, favorisce il drenaggio polmonare ed epatico, antisettico, favorisce l’appetito, utile nelle digestioni lente, contro l’impotenza maschile, anti-gottoso, contro le litiasi urinarie e renali, amico del fegato, contro l’ipertensione (come uva passa, kaki, pomodoro, riso, aglio, cipolla).

SELENE

Ottima verdura selvatica primaverile, tenera e ricca di vitamine e minerali, specie di ferro. Cresce lungo il greto sassoso dei torrenti.

SILUELA

Frutto dolce, acquoso e dissetante. Molto popolare in America Latina.

SNAKE FRUIT

Frutto saporito e nutriente assai diffuso in Sud-Est Asiatico. Deve il suo nome alla buccia formata da piccole scaglie simili alla pelle dei serpenti.

SPINACIO

Vitamine gruppo B, specie B9 e B12, vitamina C e carotene (vitamina A), sodio, potassio, calcio, ferro, fosforo, magnesio, zolfo, manganese, zinco, rame, iodio, arsenico. Proprietà: rimineralizzante di grande valore, anti-anemico, anti-scorbutico, anti-anemico, anti-scorbutico, anti-senescenza.

TAMARINDO

Frutto a forma di fagiolo, dolcissimo e aromatico, diffuso nella fascia tropicale. Rinfrescante e nutriente.

TARASSACO

Il tarassaco, depurativo per eccellenza, favorisce la funzione urinaria, al punto di essere chiamato dai francesi col nome di Pisselit.

TOPINAMBUR

Radice ricca di carboidrati assimilabili dai diabetici per l’alto contenuto di insulina, al pari di carciofo, cicoria e scorzonera. Contiene vitamina A e C. Esiste sia nella varietà bianca e tozza da orto, che in quella selvatica (pianta alta a fiori gialli simili a delle grosse margherite, assai comuni nei luoghi incolti, con patatine rosse e oblunghe. Si consuma crudo e anche cotto.

UVA

Il succo d’uva è una specie di latte vegetale. Frutto ricco di vitamine A, B1 e C, potassio, manganese, calcio, magnesio, sodio, cloro, silice, fosforo, iodio, arsenico. Proprietà: molto digeribile, energetico muscolare e nervino, rimineralizzante, disintossicante, anti-emorroidale, colagogo (favorisce cioè il deflusso della bile), disintossicante (favorisce il drenaggio organico), stimolante e decongestionante epatico, diuretico, lassativo, decongestiona fegato e milza, contro l’ipertensione, anti-stitica, eliminatrice dell’acido urico. Indicata per dispeptici, stitici, litisiaci biliari e urinari. Per la cura depurativa dell’uva ci si alimenta solo di uva da 1 a 2 kg al giorno.

UVA SPINA

Ottima bacca, dalle qualità dissetanti e rimineralizzanti, ricca di vitamine. Crescerebbe in forma spontanea e selvatica. Coltivazioni abbondanti in Inghilterra.

UVA URSINA

Cresce nei boschi alpini e appenninici, come i mirtilli selvatici. Qualità simili a quelle del mirtillo rosso.

ZAFFERANO

Si utilizzano i fiori che sono amarognoli e hanno proprietà leggermente sedative. Tipico impiego nella preparazione del risotto alla milanese.

ZUCCA

Ricca di vitamina A. I semi di zucca contengono molto zinco. Proprietà: nutritiva, sedativa, emolliente, lassativa, diuretica, contro le infiammazioni urinarie, contro l’insufficienza renale, anti-emorroidale, arti-stitica, anti-insonnia, anti-diabetica. Ottima per gli gnocchi e anche per gli gnocchi dolci (con l’interno marmellata di susine senza zucchero).

ZUCCHINA

Il più delicato e digeribile tra gli ortaggi. Ottimi anche i suoi fiori.

ZENZERO

Radice piccantina. Sfregata regolarmente sul cuoio capelluto favorisce la ricrescita dei capelli, con effetti simili a quelli della cipolla.

TRIPTOFANO E GLUTATHIONE

Ricordo infine che il triptofano si trova nel cacao, frutta secca (mandorle-pinoli-noci, ecc.), cereali, legumi, latticini e uova, alghe, spirulina, semini zucca e semini vari, germogli, arachidi, castagne, uva sultanina, tapioca, datteri. Ricordo che il glutathione è sostanza epatoprotettiva per eccellenza, nonché il più potente anti-radicale presente in natura. Abbonda nell’avocado e negli asparagi.

FORMIDABILI QUALITÀ DEL SELENIO

Altra sostanza basilare è il selenio. È un elemento di fondamentale importanza per l’organismo, la cui presenza rafforza il sistema immunitario, svolge un’attività antiossidante di contrasto ai radicali liberi e le infiammazioni, giocando un ruolo essenziale nel mantenimento di un metabolismo sano. Il regolare consumo di selenio naturale ha effetti antivirali e risulta fondamentale nella fertilità e la riproduzione maschile e femminile. Il selenio, inoltre, riduce il rischio di cancro. Grazie alle sue proprietà antiossidanti, il selenio è in grado di svolgere un ruolo protettivo dell’organismo, migliorando la qualità del flusso sanguigno ed aumentando la resistenza alle malattie e allo stress. Il selenio svolge un ruolo critico nel metabolismo e nella funzione tiroidea e protegge dai radicali liberi. Interviene inoltre nella rigenerazione del glutathione. Il selenio si trova nella frutta secca, nei pinoli, noci brasiliane, anacardi, semi di chia, albicocche secche, asparagi, uova.

OGNI FONTE DI CARBURANTE CI ARRIVA DAL SOLE

Sicuramente l’elenco delle specie vegetali è molto più ampio di quanto ho appena segnalato. Vorrei anche richiamare l’importanza prioritaria e assoluta del sole. La sua luce e il suo calore alimentano tutti i vegetali e in particolare tutta la frutta. I tanti frutti carichi di umori, profumi e colori non sono altro che incapsulazioni di energia solare. Tutti i fiori eduli rappresentano pure delle incapsulazioni energetiche/solari, e questo vale ad esempio per i fiori delle zucche e delle zucchine, per le primule e i fiori del tarassaco, per i petali delle rose e per altri fiori eduli ancora.

La vita di ogni creatura vivente è fortemente influenzata dal calore e dalla luce solare. Più luce e calore riceve e più perfetta è. Lo spettro dei raggi ultravioletti, oltremodo benefico, migliora la circolazione, arricchisce l’ossigenazione del sangue e delle cellule sempre affamate di ossigeno, e rafforza l’emoglobina, e con essa la qualità del sangue, come raccomandato dal dr Padre Taddeo. La luce solare, giustamente adorata da Pitagora, favorisce il metabolismo, il battito cardiaco e il ritmo respiratorio, la tolleranza e la resistenza allo stress, la maggiore resistenza alle malattie. La luce solare influenza la pituitaria e la pineale, bilancia ormoni come la melatonina e la serotonina che inducono comfort e benessere, svolge preziosa azione sulla retina.

Siamo creature dotate di circa 5 milioni di pori. L’esposizione al sole è pertanto una manna dal cielo. Esporsi al sole equivale a camminare e fare esercizio fisico, permette di far respirare e traspirare il corpo. La luce artificiale invece fa molto male, essendo causa di malassorbimento mineral-vitaminico e di vulnerabilità alle neurosi, e persino ai tumori.

L’ARIA È UN PREZIOSO ALIMENTO A COSTO DIGESTIVO ZERO

Stesso discorso per la respirazione lunga e profonda, mentre il respiro corto è sinonimo di fatica cardiaca. L’ossigeno è in depuratore, un purificatore, un distruttore di scorie inutili e dannose, mentre l’azoto è un autentico nutrimento per i nostri tessuti. Respirare bene e profondo significa assicurarsi un sangue puro e abbondante, significa digerire meglio, significa avere sempre idee chiare sul da farsi, significa poter contare su uno spirito agile e leggero. Occorre pertanto richiamare ed attrarre a sé l’energia cosmica. L’insufficienza respiratoria favorisce anemia, auto-intossicazione e nervosismo.

CERCHIAMO DUNQUE DI CAPIRE CHI SIAMO E CHI È IL NOSTRO COSTRUTTORE

È giusto e logico attribuire al carburante che assumiamo il ruolo effettivo che esso svolge. Ma occorre sempre tener presente che viviamo in un mondo composto di etere, di energie note e nascoste, di elettricità e di magnetismo, di batteri vivi e di virus morti, di atomi, molecole e di enzimi. Noi siamo conseguenza di tutto questo. Siamo sì composti di acqua all’ 80%, di micronutrienti, di materiale organico, di gas, ma soprattutto di forza eterica e spirituale alimentata dal fuoco e dalla energia sprigionata in modo mirato e intelligente dal Creatore Universale. Fin quando l’umanità continua a ignorare questa realtà saremo sempre limitati e menomati, e pertanto incapaci di svolgere i progetti che ci ha assegnato la Divinità della quale facciamo parte. Impariamo pertanto a non sottovalutarci.

DALLA DOTTORESSA ULTRACENTENARIA DAVENPORT AL GIARDINIERE DI CORTE THOMAS PARR

Per la dottoressa Davenport, una ricercatrice francese che visse 111 anni, BUON UMORE, RESPIRAZIONE PROFONDA E SPINACI IN QUANTITÀ (verdura contro la senescenza e l’invecchiamento precoce), sono il segreto per durare a lungo. Come direbbe Il celebre giardiniere di Casa Reale Inglese Thomas Parr, in forma stupefacente a 152 anni, e fatto fuori da re Carlo I d’Inghilterra che lo costrinse alla dieta carnivora, “Nella vita occorre anche trasgredire e divertirsi, oltre che far divertire il prossimo con abbondanza di scherzi e di buonumore”.

Valdes Sepich Vaccaro

DISCLAIMER

Valdo Vaccaro è orgogliosamente NON-medico, ma igienista e libero ricercatore. Valdo Vaccaro non visita e non prescrive. Le informazioni presenti su questo sito hanno solo scopo informativo, non intendono e non devono sostituire il parere del medico curante.

Scritto da Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro, classe 1943, è ricercatore indipendente, divulgatore e filosofo della salute, orgogliosamente NON-medico. Da sempre ha fatto della dieta vegeto-crudista tendenziale, dell’amore per gli animali e la natura un modo di essere e uno stile di vita, in tutta autonomia e libertà. Valdo ha tenuto centinaia di conferenze in giro per l’Italia e nel mondo trattando vari temi tra cui salute, etica, attualità e altro ancora. Al momento, oltre all’attività sul blog, è direttore scientifico e docente della HSU – Health Science University, la prima scuola di Igienismo Naturale Italiana.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Articoli Correlati

Commenti

0 Commenti

0 commenti

Lascia un commento